Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 26364 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Type the characters you see in this picture. (verifica con audio)
Inserisci il testo che vedi nell'immagine qui sopra. Se non riesci a leggerli, invia il modulo e una nuova immagine sarà generata. È indifferente a maiuscole e minuscole.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: le analisi sportive delle urine rilevano il thc?!

Risposta:

Ultimamente le varie federazioni sportive hanno intensificato i controlli e le verifiche sulle sostanze stupefacenti in generale e su quelle dopanti in particolare.
I regolamenti sportivi considerano doping anche le sostanze "stupefacenti" e quindi la ricerca di tali sostanze è possibile che venga fatta.

Domanda: Buongiorno, chiedevo cortesemente se risulterei positivo ad un controllo antidoping qualora avessi assunto mezza co-efferalgan per dolori ad una recente frattura del femore occasionali in presenza di maltempo. Grazie per la risposta.

Risposta:

Normal 0 14

Può risultare una positività agli oppiacei.

Il Coefferalgan è infatti un farmaco che, oltre al paracetamolo, contiene codeina, un oppiaceo che nell'organismo nel tempo si trasforma in morfina  e che come tale può dare dei risultati positivi per gli oppiacei sia nel capello che nelle urine.

Domanda: Dopo quanto tempo si prende l'assuefazione al Dividol?

Risposta:

Può variare molto a secondo di vari fattori (ripetizione dell’uso in vari periodi, frequenza delle assunzioni, dosi, fattori psicologici….). Possono bastare anche poche settimane.

Domanda: Marijuana e attacchi di panico

Ciao, Ho 16 anni e sabato ho fatto qualche tiro di canna. Poco dopo aver fumato ho iniziato ad avere degli attacchi di panico, sono tornata a casa, sono andata dormire e il giorno dopo mi sono svegliata e sono stata bene. Oggi sono andata a scuola e a stare ferma seduta al banco ho iniziato a soffrire di nuovo degli stessi attacchi che avevo subito sabato sera. So che ogni persona reagisce diversamente all'effetto della marijuana, ma non mi spiego gli attacchi di panico due giorni dopo; ho paura che sia cambiato qualcosa nel mio corpo. Potrebbe essere solo una conseguenza temporanea che passerà o continuerò a soffrire di questi attacchi? Anche ora non riesco più ad addormentarmi, perchè prima mi sono svegliata a causa di un altro attacco. Ci tengo a sottolineare inoltre che se non ci penso e mi distraggo sto bene. Ovviamente non fumerò mai più una canna per tutta la mia vita! Vorrei parlarne a mia mamma, ma per il momento mi limito a chiedere una risposta a voi, perché sono sicura che si arrabbierebbe moltissimo.

Risposta:

 Ciao! Puoi tranquillizzarti, si tratta solo di una conseguenza temporanea, che si può ripresentare anche a distanza di qualche giorno a causa dello scombussolamento che questa brutta esperienza ha rappresentato per te, non perché sia cambiato qualcosa nel tuo corpo. Come hai notato tu stessa, se ti distrai stai bene. Un grande spavento lascia una specie di eco, che si fa sentire per un po’, in modo sempre più lieve fino a scomparire.  E’ un’ottima idea quella di parlarne a tua mamma, perché vivere queste cose in segreto le rende ancora più angoscianti. Forse, hai ragione, si arrabbierà anche, ma sono sicura che ti apprezzerà per la tua sincerità e dopo averne parlato ti sentirai molto più leggera. 

Domanda: ciao sn giulis...ho smesso di fumare cannabis e hashis da quasi due mesi.. a causa di un attacco di panico...ho fumato x 5 anni tutti i giorni 4 canne al gg...ormai ero dipendente ma dopo quell attacco di panico a seguito di una canna bella potente.

Il cuore inizio a battermi no veloce super velocissimo!!!!! Pensavo ad un attacco cardiaco!!!!! E per fortuna ho smesso CN quella merda.... Vorrei chiedervi ora sono passati due mesi....sto meglio ma quando guidò...o quando guardo la TV faccio fatica a concentrarmi o e come se mi desse fastidio guardare... Voglio chiedervi io sono ancora nel periodo dell astinenza e quanto dura ?? Grazie mille in anticipo...

Risposta:

 ciao Giulia, 

Non c'e' una durata precisa del periodo di astinenza, è molto soggettivo. Diciamo che il tuo corpo con l'attacco di panico ti ha mandato un forte e chiaro messaggio che tu sei stata molto brava a cogliere.
Quando tornano gli attacchi di panico sei sola o in compagnia? Fumare può avere come effetto collaterale l'ansia, ed e' anche vero che queste sostanze tendono ad accentuare stati d'animo gia'esistenti, per cui sarebbe utile riflettere se oltre al fumo ci possono essere altre situazioni, nella tua fase di ciclo vitale, che ti danno una discreta preoccupazione o che ti rendono tesa. Tali riflessioni sarebbero importanti per capire da dove emerga tanta ansia e poterla poi controllare, perché la consapevolezza è il primo passo verso la guarigione.
Le risposte ai nostri problemi sono dentro di noi, spesso ben nascoste e difficili da trovare, ma mai impossibili. Tieni duro e vedrai che gradualmente, dando un senso alle tue esperienze presenti e passate, potrai iniziare a stare meglio da queste brutte sensazioni.Ti informo, qualora non lo sapessi che all'interno del sito è previsto un servizio di "chat con gli operatori", anonimo e gratuito.
Ti ringrazio per averci scritto.
Barbara Manzini psicologa sostanze.info

Domanda: salve , vorrei chiedere come faccio a far diventare il kobret iniettabile?

Risposta:

Pubblichiamo nuovamente la risposta alla domanda "Cos'è il Kobret?"
Si tratta di eroina, o, più precisamente, di un prodotto intermedio di lavorazione ottenibile saltando la fase di acetificazione che trasforma l'eroina base in eroina cloridrato (iniettabile), è tagliato con anfetamina o simili. Il Kobret (o Cobret) è assunto per inalazione.
Cogliamo l'occasione per ricordare che gli operatori che gestiscono la sezione delle domande si occupano sostanzialmente di informazione, prevenzione e riduzione dei rischi.
Il passaggio da una via di somministrazione come l'inalazione ad una via come quella endovenosa significa aumento e non riduzione dei rischi e non ci sembra deontologicamente corretto dare un'informazione come questa.

Domanda: come smettere con il metadone

Risposta:

Il metadone è un oppiaceo di sintesi (cioè fabbricato in laboratorio) utilizzato nella cura della tossicodipendenza da eroina ed in grado di combattere i sintomi della sindrome di astinenza da eroina.
Con la riduzione progressiva della dose fino a 0 si può curare la dipendenza fisica con poca sofferenza. In genere per un certo tempo (alcune settimane) dopo la fine della disintossicazione permane un certo malessere con insonnia, nervosismo, cattivo umore.
Poi questi disturbi dovrebbero scomparire e tutto dovrebbe tornare normale.
Tutto questo però in una buona parte dei casi è solo teorico, in quanto la dipendenza fisica è solo una parte della dipendenza.
Finita la dipendenza fisica resta comunque quella psichica: il vero problema.
Il trattamento con il metadone non serve solo a curare la dipendenza fisica, ma aiuta a tenere sotto controllo anche quella psichica. Per questo non è facile “staccarsi” dal metadone perché quando si riduce la dose quotidiana il desiderio dell’eroina aumenta e diventa sempre più difficile - per chi è dipendente - resistere alla tentazione di tornare ad usare eroina.
Immaginiamo che la tua domanda sia riferita in particolare a questa difficoltà.
Ci sono dei dipendenti da eroina che, a causa di quanto abbiamo detto sopra, per lungo tempo non riescono a smettere di prendere il metadone.
Si tratta in genere di persone che hanno usato eroina per lungo tempo.
Le persone invece che usano eroina da poco tempo incontrano, in genere, minori difficoltà.
E allora come smettere?
La risposta che possiamo darti è che le cose sono diverse da persona a persona.
Alcuni possono smettere semplicemente con la riduzione progressiva della dose (naturalmente sotto il controllo del medico).
Altri invece hanno bisogno di maggiori aiuti da parte di professionisti e da parte di persone che gli stanno vicino. Ad esempio è possibile essere ricoverati presso strutture di vario genere dove completare la disintossicazione in una situazione di “protezione”.
Come abbiamo detto altre volte in questo contesto, possiamo solo dare indicazioni generiche.
I Servizi per le Tossicodipendenze (Sert) sono le strutture (pubbliche) a cui si può chiedere l’aiuto specifico.

Domanda: nelle analisi del sangue si vede se fumo?

Risposta:

Se ti riferisci al fumo delle sigaretta la risposta è questa: in teoria si, la nicotina potrebbe essere ricercata nel sangue, ma di fatto non viene mai fatto. I motivi per cui non viene mai fatta questa ricerca sono legati al fatto che la nicotina è una sostanza legale che oltre tutto non viene considerata ostacolo ad alcuna attività lavorativa o di guida. Il fumo delle sigarette quindi è considerato (dal punto di vista legislativo) soltanto una questione di salute individuale. La questione della salute collettiva (legata al fumo passivo) è affrontata, come si sa, dal divieto di fumo nei luoghi aperti al pubblico. Esami ematici possono mettere in evidenza dei segni indiretti del fumo quando ci sono dei danni all’organismo. Non mettono in evidenza niente se non ci sono già dei danni. Quest’ultimo discorso vale anche per il fumo della cannabis: non ci sono particolari alterazioni degli esami ematici in seguito al fumo di cannabis, a meno che tale assunzione non abbia provocato dei danni gravi all’organismo (ad esempio ai polmoni) ed in questo caso potrebbero c9omparire delle alterazioni non specifiche. La ricerca del thc può essere fatta nel sangue, ma in genere viene fatta nelle urine e nei peli.
 

Domanda: per quanto tempo resta la cocaina nel sangue e nell'urina?

Risposta:

Nelle urine dai tre ai cinque giorni.
Analogamente nel sangue, con un leggero tempo inferiore a quello della permanenza nelle urine. Per ulteriori info puoi digitare "cocaina urine" nel box "cerca" e troverai diverse risposte a riguardo.
 

Domanda: Chiarimenti esami ritiro patente

Salve, Il giorno 25 giugno mi hanno ritirato la patente per guida in stato di ebrezza, ad oggi non mi è ancora arrivata nessuna lettera, mi avevano infatti avvisato che essendo estate gli uffici sono chiusi per ferie e quindi la cosa sarebbe andata a rilento è slittata a settembre. Non so quindi ancora con precisione cosa mi aspetta ma sicuramente dovrò sottopormi ai test. Dal giorno del ritiro ho diminuito fortemente l'uso di alcolici: non bevo più super alcolici ma bevo una birra al giorno e 2-3 nel weekend. So bene che per risultare pulita dovrò fare un me detto almeno senza toccare alcool e la cosa in realtà non mi crea problemi se non fosse che andrò in vacanza dal 15 al 23 con amici e mi spiacerebbe non poter bere in compagnia. Secondo voi, se durante la vacanza bevessi, e poi dal 23 in poi iniziassi il mio "periodo astemio" rischierei o no? Perché contando che la lettera arriverà a settembre e poi ho due mesi per fare gli esami io credo di no, però non si sa mai, preferisco chiedere visto che ho trovato che il sito sia gestito da persone molto competenti. Altro quesito: visto che c'è stato un incidente mi hanno portato in ambulanza dove oltre al test alcolemico mi hanno sottoposto a quello tossicologico (urine e sangue) alla quale sono risultata negativa nonostante io faccia tutti giorni 3-4 TIRI di canna. E possibile che mi chiedano ulteriori test? Nel caso me li facessero visto che ho letto che a volte richiedono il capello, questo quantitativo supererebbe il "limite"? grazie mille e davvero complimenti per questo sito

Risposta:

  •  ti confermiamo che la procedura prevede che dal ricevimento della comunicazione del reato commesso, hai sessanta giorni di tempo per prenotare visite ed accertamenti
  • non è il numero dei tiri a verificare una positività al test, ma la continuità nell'usp, quindi se li fai tutti i giorni un eventuale analisi del capello comporta un risultato positivo

 

Condividi contenuti