Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 26786 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Type the characters you see in this picture. (verifica con audio)
Inserisci il testo che vedi nell'immagine qui sopra. Se non riesci a leggerli, invia il modulo e una nuova immagine sarà generata. È indifferente a maiuscole e minuscole.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: l esame del capello. si è positivi anche se in 6 mesi ho fumato una canna?

Risposta:

Le sostanze stupefacenti si depositano più stabilmente nei capelli.
Data la stabilità di questo deposito, una sostanza nel capello può essere rilevata molto tempo dopo il suo uso, proporzionalmente alla lunghezza del capello stesso.
La lunghezza del capello condiziona il tempo passato a cui si può risalire: circa un mese al centimetro.
Lo stesso discorso vale per i peli pubici. E per tutti gli altri.
Con il test del capello si possono evidenziare tracce delle seguenti sostanze illegali: marijuana, cocaina (incluso crack), oppiacei (inclusa eroina, morfina e codeina), anfetamine e MDMA.

Domanda: Capello pulito dal thc

Buongiorno, avrei una semplice domanda da fare; devo effettuare test del capello ed esame delle urine per art. 187, nel mio caso riferito al thc anche perchè utilizzo solo questo tipo di sostanza. Ho letto molti "topic" ma non ho trovato risposta alla mia domanda. Ipotizzando che, facendo un test casalingo sulle urine, risultassi negativo al thc...da quel momento in poi, il capello ricrescerebbe pulito? in poche parole la mia idea era quella di fare questo test, se risulta negativo, radermi i capelli con la lametta in modo tale che questi ricrescano puliti; è giusto??? Grazie

Risposta:

 si ma puoi anche aspettare trenta giorni dall'ultima assunzione, dopo nella maggior parte dei casi la sostanza è stata smaltita dall'organismo

Domanda: per smettere una cronica dipendenza da thc è possibile una cura con psicofarmaci almeno per il primo periodo di astinenza?

Risposta:

Chi è dipendente da thc può avere delle difficoltà ad uscire dall’uso e dalla dipendenza. Oltre al desiderio puro e semplice si possono presentare sintomi quali insonnia ed agitazione.
La risposta alla tua domanda è affermativa.
Non è detto che degli psicofarmaci siano sempre necessari, ma in certi casi lo possono essere.
La cosa può dipendere dalla durata dell’uso, della quantità di thc usate e dalla sensibilità personale.
Naturalmente il tipo di farmaco, la sua dose e la durata della terapia devono essere valutati dal medico.
Gli psicofarmaci, come del resto tutte la sostanze psicoattive sono farmaci molto delicati ed un uso improprio (piuttosto presente nella nostra società ed in fasce di popolazione molto diverse) può creare dei danni.

Domanda: si può smettere con il metadone senza grossi problemi dopo 2 anni di 8 ml tutti i giorni?

Risposta:

La disintossicazione da metadone si può fare senza gradi problemi a due condizioni: la prima è una riduzione progressiva della dose che preveda tempi lunghi e pause prolungate. La seconda condizione è che non ci sia nel frattempo alcuna assunzione di eroina o di altre sostanze oppiacee. Se vengono rispettate rigorosamente queste due condizioni i sintomi sono assenti o lievi.

Domanda: come posso fare per capire se mio figlio si fuma le canne

Risposta:

Salve, questo delle canne è un problema che più o meno tutti i genitori devono porsi, vista la grande diffusione che hanno tra i giovani. Se vuoi dirmi qualcosa di più su cosa ti preoccupa di tuo figlio possiamo fare ragionamenti più mirati. In generale si possono osservare dei cambiamenti nel comportamento, nell'umore, svogliatezza e disinteresse per cose che prima interessavano, l'essere sfuggente o poco presente nei rapporti familiari. Se l'uso è occasionale invece è difficile accorgersene e si può ricorrere agli esami tossicologici sulle urine, dai quali si può risalire anche ad un uso nei 10-15 giorni precedenti. Irene Puppo, psicologo sostanze.info Se vuoi approfondire questa discussione puoi anche prenotare una chat (gratuita e totalmente anonima) con l'operatore che ti ha risposto andando in CHAT CON GLI OPERATORI.

Domanda: Il test che si prende in farmacia è lo stesso che fanno quando fai le analisi specifiche in laboratorio?

Risposta:

 non è lo stesso, ma si basa sugli stessi principi

Domanda: Salve, volevo sapere in che cosa consistono gli esami ematochimici: emocromo, GOT, GPT, GGT. In parole povere cosa viene visto da questi esami? Grazie

Risposta:

GOT e GPT sono le transaminasi cioè valori che indicano la salute del fegato. 
Anche la GGT è un valore che riguarda il fegato , ma in particolare se quest'organo è sottoposto ad un superlavoro ( per es in seguito ad assunzione appunto di alcol o farmaci) 

Domanda: mi parlate dello stramonio per favore??

Risposta:

Le solanacee delirogene: Datura, Brugmansia, Mandragora, Belladonna, Giusquiamo.

La Datura stramonium L (stramonio comune) è diffusa in Europa, Asia e America, in Italia è presente in quasi tutte le regioni, cresce nei campi, sui ruderi, lungo le strade, sugli arenili marini fino alla zona submontana e fiorisce da Luglio a Ottobre. E’ una pianta altamente velenosa per il suo contenuto di alcaloidi tossici (iosciamina, atropina, scopolamina) che variano in concentrazione ed in tossicità nelle diverse parti della pianta (radice, fiori, fusti, foglie e semi) e nelle diverse stagioni nonché da esemplare a esemplare.

I nomi “erba del diavolo” ed “erba delle streghe” si riferiscono alle sue proprietà narcotiche, sedative ed allucinogene, utilizzate sia a scopo terapeutico che nei rituali magico-spirituali dagli sciamani di molte tribù indiane e, in passato, anche dai druidi e dalle streghe europee.

Possibili effetti tossici sul sistema nervoso centrale e periferico:

- disturbi delle funzioni degli organi di senso (particolarmente occhio ed orecchio);

- alterazioni neurologiche e psichiatrico/comportamentali (midriasi, tremori, ipertermia, eccitazione, ansia, allucinazioni, convulsioni);

- compromissione dello stato di coscienza fino al coma;

- effetti indiretti sul sistema muscolare, mediati dal sistemi simpatico e parasimpatico, che possono portare a blocchi parziali o totali dei muscoli legati alla meccanica respiratoria.

In considerazione della sua grande adattabilità la datura era conosciuta sia in Europa, che nelle Americhe dalle tribù indigene che fin dai tempi più remoti, la utilizzavano nei riti iniziatici e in altri tipi di cerimonie religiose per indurre stati di euforia ed esaltazione
Tra le più rinomate piante della stregoneria medioevale veniva chiamata "erba del diavolo", "erba dei demoniaci", "erba delle streghe". I suoi semi infatti, erano utilizzati dai maghi per le proprietà narcotiche, per le visioni fantastiche che provocavano e per il presunto potere afrodisiaco, maghe e profetesse usavano bruciare la pianta per poter inalare i vapori ottenendone un effetto narcotizzante.
Thomas Jefferson ( Presidente degli U.S.A.) fu testimone del fatto che all'epoca di Robespierre i francesi condannati alla ghigliottina, preparavano con lo stramonio un veleno che causava una morte rapida, evitando così di finire sul patibolo.

Una pianta si può definire "velenosa" se contiene, in una qualsiasi parte, "principi attivi" in grado di arrecare un danno alla salute di chi ne viene, in qualsiasi modo, a contatto.

Molto spesso sentiamo parlare di piante "medicinali" e piante "velenose", piante buone o cattive, secondo un vezzo, del tutto umano, di distinguere ciò che ci circonda in soggetti utili o meno a noi stessi. In realtà quando dividiamo le piante secondo queste categorie commettiamo un grosso errore di superficialità e di presunzione, fondati sull’assunzione di superiorità della nostra specie rispetto a tutto il resto dell’ambiente naturale che, al contrario, si è evoluto in genere molto prima di noi.

E’ del tutto evidente che non esistono in natura piante utili o piante dannose, ma è l’uso più o meno corretto che ne viene fatto da parte dell’uomo che determina il grado di pericolosità o di utilità di una pianta.

Domanda: Salve, volevo chiedervi se è possibile che dopo aver usato per 2 mesi cocaina ( sniffando ) possano scoprirmi ad un visita odontoiatrica .. io non ho notato nulla di inconsueto nella mia bocca

Risposta:

no, e comunque è assai difficile che eventuali alterazioni possano essere collegate alla sostanza.

E' invece molto più semplice (e probabile) che accada nel caso di una visita otorinolaringoiatrica.

Domanda: Sono astemia da 20 giorno prima bevevo qualche volta e settimana massimo un drink domani ho gli esami del sangue posso stare tranquilla ?

Risposta:

 non ci dovrebbero essere problemi

Condividi contenuti