Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 33328 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Type the characters you see in this picture. (verifica con audio)
Inserisci il testo che vedi nell'immagine qui sopra. Se non riesci a leggerli, invia il modulo e una nuova immagine sarà generata. È indifferente a maiuscole e minuscole.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori: alcol / consigli medici

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: il test del capello lo possono fare solo x l'alcool?

Salve innanzi tutto grazie pe averci messo a disposizione questo utilissimo servizio. Ora vi espongo il mio quesito: il giorno 27/03/09 mi hanno tolto la patente di guida a seguito di un alcool test di 0.87..oggi dopo tutti gli esami e dopo il colloquio con il medico legale ho ricevuto il certificato medico di conformità alla guida e quindi potro' ritirare la mia patente. Ogni anno però dovrò ripresentarmi all'ufficio di competenza e sottopormi ai soliti controlli. Per evitare di fare tutto ciò per il resto della mia vita voglio provare a fare ricorso visto che non mi ritengo un alcolizzato cronico da dovermi ripresentare ogni anno per dei controlli. Tutto ciò però comporta degli ennesimi esami tra cui quelli del sangue ed anche del capello. Ancora non mi è stato comunicato quando verranno prefissati questi esami e da tutte le vostre risposte spero quindi tra + di 4 mesi visto che ogni tanto una birra tra amici è scappata..La mia domanda verte principalmente a sapere se quel test del capello che dovrò sostenere a parer vostro sarà soltanto per l'alcool o sarà anche sulle droghe? Premetto che saltuariamente ho fatto uso di cannabis, e quindi vorrei non risultare positivo in quel test. Vi ringrazio e spero vivamente in una vostra risposta.

Risposta:

Certamente nell’esame del capello verrà fatta la ricerca di sostanze stupefacenti. Per quanto riguarda l’alcool un uso modico non provoca alterazioni agli specifici esami ematici. Di conseguenza se tu non fai abuso cronico di alcool tutti i tuoi esami risulteranno stabilmente normali e quindi potrai dimostrare di non essere un alcolista. In conseguenza di questo il ricorso dovrebbe avere un esito per te favorevole.

Domanda: ESAMI DOPO RITIRO PATENTE PER GUIDA IN STATO DI EBBREZZA.

BUONGIORNO, SONO UN RAGAZZO DI 21 ANNI CHE PER IL GIORNO DEL SUO COMPLEANNO E' STATO FERMATO DALLA POLIZIA STRADALE. PATENTE RITIRATA IN DATA 11/8. IN DATA 24/8 MI ARRIVA A CASA LA LETTERA DEL PREFETTO CHE DICE DI PRENOTARE APPUNTAMENTO ALLA COMMSSIONE MEDICA PROVINCIALE "IN QUANTO SUSSISTONO DUBBI SULLA PERSISTENZADEI REQUISITI PSICOFISICI NECESSARI PER IL MANTENIMENTO DELLA PATENTE DI GUIDA". DOMANDA: IO HO FATTO USO DI CANNABINOIDI QUALI HASCHISH E MARIJUANA FINO A IERI SERA, E HO ANCHE BEVUTO 2 SUPERALCOLICI IN DATA 22/8 SERA. PER QUANTO TEMPO RIMANGONO NELL'ORGANISMO QUESTE SOSTANZE, SE IO DA OGGI IN POI SMETTO SIA DI BERE CHE DI FUMARE?? VORREI UNA CHIARIFICAZIONE IN BASE ANCHE AL TIPO DI CONTROLLO CHE MI VERRA' FATTO (URINE CAPELLO O SANGUE). SE IO CHIAMO IN QUESTI GIORNI LA COMMISSIONE MEDICA QUANTO E IL TEMPO DI ATTESA PER PRESENTARSI? CI STA CHE MI DIANO L'APPUNTAMENTO ANCHE TRA 2 O 3 MESI? IN DEFINITIVA RIESCO AD ARRIVARE PULITO AL CONTROLLO O NO???? GRAZIE MILLE. SALUTI

Risposta:

Vediamo di rispondere ai tuoi quesiti

Permanenza nell'organismo di sostanze.

Come abbiamo già scritto molte volte il tempo di "smaltimento" del thc è molto lungo e quindi esso può essere rilevato in un campione urinario anche per un mese o più. Ovviamente esiste una relazione molto stretta fra quanto si è fumato, da quanto tempo si fuma e la capacità, sempre diversa, del proprio organismo di metabolizzare (smaltire) la sostanza.

Se ad esempio nel tuo caso hai fumato le 15 "canne" in un breve periodo di tempo è probabile che anche dopo 25 giorni qualche traccia sia presente nelle urine.

Per quanto riguarda il consumo di alcolici vengono ricercate eventuali aletrazioni del fegato e delle transaminasi tramite specifici test moirati quali il CDT.

Ovviamente più è lungo il periodo in cui la persona ha smesso di assumere alcolici e più facilmente l'organismo rientra nei valori normali.

I tempi di attesa variano enormemente da commissione a commissione e da regione a regione e da provincia a provincia in base alla quantità di lavoro che si trovano a dover affrontare le singole commissione.

 

 

 

Domanda: Presenza alcol nella matrice pilifera‏

Ciao! A Febbraio avrò l'esame medico sulla matrice pilifera. Mi hanno infatti trovato sulla guida in stato d'ebrezza con 1.80. Volevo sapere se per passare l'esame non devo superare un certo livello di presenza di alcol oppure devo essere pulito al 100%. Cioè essendo di 5 cm non dovevo bere assolutamente nulla da Novembre oppure se bevo un bicchiere di vino al giorno durante queste feste e poi un po di spumante il 31 và comunque bene? Grazie!

Risposta:

 Il valore dell’ETG che ricercano sul capello deve essere sotto un certo valore soglia. Il valore che viene rilevato nel capello si innalza quando si abusa di alcol. Il consumo al quale fai riferimento non è abuso e quindi non altererà i valori nel capello

Domanda: voglio smettere di bere

da quelle poche domande e risposte che ho letto, mi ritengo un alcolizzato cronico, oggi e il quarto giorno che non assumo alcool e inizio a sentire diverse volte significative crisi di astinenza.. sono 8 anni che bevo, ma nell ultimo anno e mezzo sono arrivato a bere quotidianamente 2 litri a volte più di vino accompagnati da birra o altro, altri giorni mischio vari super alcolici con amari e birre.. Quanto tempo ci vorrà per riprendermi circa? E sopratutto, per quanto tempo persisteranno le crisi di astinenza? Ho letto che l astinenza può portare allucinazioni.. Posso riscontrarle? Grazie mille per l attenzione..

Risposta:

 Complimenti per il coraggio e la determinazione: non è semplice prendere una decisione del genere. Però non fare tutto da solo: l'astinenza da alcol può essere un pò pericolosa e sì, in alcuni casi (molto rari per fortuna) può dare anche allucinazioni. E' consigliabile che tu ti rivolga ad un medico, anche quello curante se non te la senti di andare in un servizio specialistico come i Sert o i Centri alcologici, che potrebbe monitorare la situazione ed eventualmente prescriverti una terapia che non ti faccia avvertire i sintomi fastidiosi dell'astinenza e che in tal caso quindi sarebbe risolta in tempi molto brevi.

Ti consigliamo anche di prendere in considerazione la possibilità di essere seguito successivamente da specialisti o di frequentare dei gruppi di auto aiuto che sono importanti per mantenere la determinazione a non bere, che nel lungo termine è una cosa non facile da fare. Chi ti risponde è Laura Calviani, medico e se lo ritieni utile puoi mantenerti in contatto con noi se, durante il tuo percorso, sentirai la necessità di confrontarti o di ricevere altre informazioni.

Domanda: ho fatto gli analisi per riprendere la patente e il cdt era 3.2 e mi anno fatto non idoneo ora tra 2 giorni devo rifare il prelievo e circa 40 giorni che non bevo nulla che sia alcolico il valore cdt sare tornato nella norma????

Risposta:

Il CDT è un tipo di analisi rivolta a determinare i valori di TRANSFERRINA DESIALATA o TRANSFERRINA CARENTE di CARBOIDRATI (Carbohydrate Deficient Transferrin: CDT).
Nel caso di una sospetta presenza di un assuntore cronico d' alcool dopo le verifiche del caso(etilometro) si deve procedere all'accertamento tramite CDT che non è altro che sottoporre il conducente sospetto ad un periodo di astinenza totale di alcool e solitamente ogni 15 gg sottoporlo ad analisi CDT per rilevare le sostanze che il fisico emette per riequilibrare lo scompenso forzato di alcool.
Tre settimane di abolizione totale delle bevande alcoliche spesso sono sufficienti a far tornare alla norma il test CDT.

Domanda: salve vorrei sapere se l'alcover da' dipendenza e quanto tempo e' tracciabile nelle urine e se e' una sostanza vietata per chi guida. grazie

Risposta:

Controversa la possibilità di una dipendenza da Alcover che comunque non è tanto fisica quanto psicologica. Non ci sono disposizioni in merito alla guida e quindi forse il giudizio è della singola CML anche se probabilmente essendo un farmaco psicotropo forse non è considerato idoneo. Non è tracciabile nelle urine. Laura Calviani, medico sostanze.info Se vuoi approfondire questa discussione puoi anche prenotare una chat (gratuita e totalmente anonima) con l'operatore che ti ha risposto andando in CHAT CON GLI OPERATORI.

Domanda: A cosa si riferiscono i valori di cdt

Salve, ho letto tutta questa discussione, unitamente ad articoli specificatamente scientifici, ed analisi statistiche su campioni molto rilevanti di persone. Ci sono però delle cose che non vengono chiarite,e provo a esporvi i miei dubbi. Mi pare di aver capito che a secendo del tipo di analisi (Hplc o altro) il valore consentito di cdt sia di 1.3 o di 2. Ed ok. In testi scientifici viene riferito che la cdt ha una emivita di 12-14 giorni, quindi con andamento logaritmico non lineare. ne consegue che dopo 2 settimane di totale astinenza il valore della CDT sarà circa = CDTiniziale/2, viceversa dopo 3 settimane sarà circa = CDTiniziale*3/8, dopo 4 settimane sarà circa = CDTiniziale/4 Prendendo a caso l'astinenza di 2 settimane la CDTiniziale dovrà essere < 2.6 o 4 a seconda del metodo di analisi; dopo quattro < 5.2 o 8 e cosi via. Ciò applicando con buona approssimazione calcoli ricavabili facilmente dall'andamento della CDT Cio detto non viene mai specificato, in relazione all'uso alcolico, cosa significhi l'avere una CDT=1.3, CDT=2,6, CDT= 5.2 (usando HPLC) Avere CDT=2.6 vuol dire essere un bevitore normale, o vuol dire essere un alcolizzato? Averla 5.2 vuol dire avere danno epatico consistente? Questo non è chiaro. Condurre una vita normale, essere sani, e bere una birra o uno o due bicchieri di vino la sera sempre porta ad avere una cdt di quanto? (spannometricamente si intende). I 40 - 60 g di alcol giornalieri per una settimana a che valori porta di CDT? 2 oppure 4 oppure 6 oppure 8 Inoltre ammettiamo di essere un bevitore incallito con CDT alta, che decide di smettere e sostanzialmente di cambiare abitudini, dopo aver bevuto in tre settimane due bicchieri di vino e una birra, la CDT schizza di nuovo in alto? Leggo su altro sito chiamiamolo divulgativo e non scientifico, che la CDT è sensibile anche alle minime quantità di alcol. Cioè significa che due bicchieri di vino possono vanificare un'astinenza di una settimana ad esempio? No perchè da certe risposte, sembrerebbe che se fermassero fuori dai supermercati e facessero le analisi a tutti quelli che caricano in auto una bottiglia di vino insieme alla spesa, per dimezzare le patenti e l'uso della macchina in questo paese. Vi ringrazio per la risposta che mi darete, mi interessa soprattutto capire quali valori di cdt possa avere il famoso e famigerato individuo che assume 40-60 g di alcol per una settimana. o per un mese.

Risposta:

 Caro lettore,  la medicina, o meglio la clinica, ha poco a

che vedere con la matematica. Ci sono dei fenomeni che si
ripetono e pertanto si tenta di formulare delle regole che
però devono tener conto della variabile variabilissima
essere vivente. Giustamente però tu chiedi delle risposte
piuttosto precise e allora proverò a risponderti sulla
base delle conoscenze, dell'esperienza clinica e del buon
senso: un tripode che non deve mai mancare nel nostro
lavoro. Nessuno può sapere a priori quanto sarà la CDT
in base all'uso alcolico perchè non c'è una regola
precisa. Anche per la stessa persona a parità di introito
alcolico in un momento può essere un valore in altri può
essere un valore diverso. E' significativo il valore
superiore a quello indicato dal laboratorio come valore
soglia. Aldisotto il valore assoluto non ha significato
clinico.  Aldisopra  significa che la persona ha bevuto
nelle settimane precedenti, praticamente tutti i giorni un
quantitativo che superava quei 40 g che hai indicato anche
tu. Tieni conto , inoltre che la CDT è un esame molto
specifico (nel senso che indica con poco margine di dubbio
un abuso alcolico) ma non troppo sensibile (non è alterato
in tutti i casi di abuso alcolico). Per questo motivo in
genere si accompagna ad altri esami (transaminasi, Gamma GT,
emocromo) che sono meno specifici ma più sensibili e viene
fatta una valutazione complessiva. 
La CDT non è assolutamente correlabile con il danno
epatico né con un danno organico.
Non so dirti, quindi, a priori , il valore della CDT del
famigerato che abusa di alcol per 1 settimana o 1 mese. Dopo
1 mese le probabilità di avere una CDT superiore al
livello indicato come normale saranno sicuramente alte, dopo
1 settimana le probabilità saranno minori.
 La cosa sicura è che tiene molto poco alla propria
salute.
Laura Calviani, medico sostanze.info

Domanda: In quanto tempo si smaltisce l'alcool nelle urine?

Risposta:

Dipende da cosa viene ricercato.
Se si tratta dell'alcoluria (cioè proprio alcol nelle urine) questa scompare in un periodo di tempo che va da qualche ora a una giornata (ma si tratta di un esame che non viene quasi mai fatto).
La ricerca dell'etilglucuronide (che è una sostanza che si forma in seguito all'assunzione di alcol e viene eliminata con le urine) è un esame più moderno che indica se una persona ha assunto alcol (indipendentemente dalla quantità) nei 3-4 gg precedenti.

Domanda: domande su art.186 cds + art 75 dpr 309

Salve, sono un ragazzo di milano ventisettenne, vi scrivo su segnalazione di un amico che mi ha riferito che nel suo caso gli siete stati d'aiuto (art 186, 187 cds).. quindi spero possiate aiutare anche me, vi illustro la questione: Mi è stat tolta la patente il 18 sett di questanno per 1 anno. tasso non rilevato perchè non ho soffiato(cosi hanno scritto, io avevo fatto errore soffiando troppo piano), in piu mi hanno trovato in macchina uno spinello e mi hanno fatto un verbale di sequestro art 75 dpr 309; nonche chiuso in cella in questura dalle 2 alle 14. per quanto riguarda lo spinello lavv mi ha detto di aspettare che sarebbe stata una sanzione amministrativa, e non ho ancora ricevuto nulla. la cosa strana pero' è che pochi giorni fa mi sono venuti a citofonare i carabinieri e mi hanno consegnato una notifica che diceva che il questore ha respinto la denuncia a mio carico sporta il 18 sett appunto, relativa all art 73 dpr 309 enon al 75 come hanno scritto sul verbale che avevo io. e quindi , sempre il questore diceva appunto che la denuncia per il 73 nn sussiteva e quindi la convertiva nel 75 sanzione amm. Ecco, io penso che lo abbiano fatto per giustificare il fermo di 12 ore in questura, comunque, secondo voi posso avvalermi di qualche legge per far cadere il tutto? insistendo sulla discrepanza tra denuncia e verbale. in ogni caso, se nn potessi fare nulla, a cosa vado in contro con il 75 dpr 309? quali test? colloqui o quantaltro? (premetto che è la 1 volta) per quanto riguarda l'alcol, ovvero il 186 cds, ho ricevuto il foglio dalla prefettura che conferma il ritiro e invita a prenotare le analisi. Allora ho mandato i doc necessari alla commissione medica, e loro mi hanno risposto inviandomi altri documenti,uno di invito a presentarsi davanti alla commissione e altri 2 con le specificate le analisi che mi faranno e la data. quindi: data presso commissione: 17-02-2011 analisi: sangue e capello ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ Sangue (max 15 giorni prima della data specificata) >>> 2 febbraio -emocromo -SGOT -SGPT -yGT -elettroforesi sieroproteica -transferrina decarboidrata (CDT) ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ Capello (entro 30 giorni dalla data indicata) >>> 15 marzo ricerca di ETILGLUCORONIDE nel capello. ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ prima di arrivare alle mie richieste in merito alla patente, premetto che non bevo quotidianamente, o meglio, in settimana solitamente non bevo mai nulla. mentre nei week end diciamo che bevo abbastanza, vino e superalcolici, a volte arrivando anche ad ubriacarmi. Adesso dovro fare queste analisi. tenendo conto che questo week end sono andato in spagna e mi sono ubriacato, tenendo conto che adesso ci sono le feste, natale e capodanno e quindi con molta probabilità potrei bere fino ad ubriacarmi, in che situazione mi trovo? da quanto ho capito per il sangue non dovrebbero esserci problemi, ma per quel benedetto ETG? sono analisi nuove, non ho letto di nessuno che le ha fatte! attendo aggiornamenti in merito... grazie mille anticipatamente

Risposta:

L’etilglucuronide è un metabolita dell’alcol che viene eliminato con le urine e si deposita nei tessuti e quindi anche nella cheratina del capello. Esiste un valore considerato livello soglia al di sopra del quale si suppone che la persona in questione abusi di alcol. Ma non si può valutare se l’abuso è quotidiano o occasionale. E’ ovvio che le probabilità di superare la soglia sono maggiori se l’abuso è quotidiano piuttosto che settimanale, ma ti consiglieremmo di evitare di bere eccessivamente in questo periodo non solo per l’esame in questione ma in generale come stile di vita.
Ubriacarsi sistematicamente il fine settimana non è propriamente quello che può definirsi uno stile di vita salutare.

Domanda: i farmaci somministrati agli alcolisti in disintossicazione (T.A.D., eparmefolin, metadoxil) sono utili per ridurre in tempo ragionevole i parametri indicativi per l'uso/abuso di alcool? grazie

i farmaci somministrati via intramuscolare agli alcolisti possono essere utili per ridurre il tempo fisiologico per la normalizzazione dei parametri indicativi di uso-abuso di alcol nel sangue? Grazie

Risposta:

Non esistono evidenze scientifiche a riprova del fatto che questi farmaci siano utili per quello che dici. Vengono usati talvolta come epatoprotettori e antiossidanti ma , appunto, non è dimostrato che facilitino la riduzione dei valori aumentati.

Condividi contenuti