Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 40266 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Refresh Type the characters you see in this picture. Type the characters you see in the picture; if you can't read them, submit the form and a new image will be generated. Not case sensitive.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori: alcol / consigli medici

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: ESAMI DOPO RITIRO PATENTE PER GUIDA IN STATO DI EBBREZZA.

BUONGIORNO, SONO UN RAGAZZO DI 21 ANNI CHE PER IL GIORNO DEL SUO COMPLEANNO E' STATO FERMATO DALLA POLIZIA STRADALE. PATENTE RITIRATA IN DATA 11/8. IN DATA 24/8 MI ARRIVA A CASA LA LETTERA DEL PREFETTO CHE DICE DI PRENOTARE APPUNTAMENTO ALLA COMMSSIONE MEDICA PROVINCIALE "IN QUANTO SUSSISTONO DUBBI SULLA PERSISTENZADEI REQUISITI PSICOFISICI NECESSARI PER IL MANTENIMENTO DELLA PATENTE DI GUIDA". DOMANDA: IO HO FATTO USO DI CANNABINOIDI QUALI HASCHISH E MARIJUANA FINO A IERI SERA, E HO ANCHE BEVUTO 2 SUPERALCOLICI IN DATA 22/8 SERA. PER QUANTO TEMPO RIMANGONO NELL'ORGANISMO QUESTE SOSTANZE, SE IO DA OGGI IN POI SMETTO SIA DI BERE CHE DI FUMARE?? VORREI UNA CHIARIFICAZIONE IN BASE ANCHE AL TIPO DI CONTROLLO CHE MI VERRA' FATTO (URINE CAPELLO O SANGUE). SE IO CHIAMO IN QUESTI GIORNI LA COMMISSIONE MEDICA QUANTO E IL TEMPO DI ATTESA PER PRESENTARSI? CI STA CHE MI DIANO L'APPUNTAMENTO ANCHE TRA 2 O 3 MESI? IN DEFINITIVA RIESCO AD ARRIVARE PULITO AL CONTROLLO O NO???? GRAZIE MILLE. SALUTI

Risposta:

Vediamo di rispondere ai tuoi quesiti

Permanenza nell'organismo di sostanze.

Come abbiamo già scritto molte volte il tempo di "smaltimento" del thc è molto lungo e quindi esso può essere rilevato in un campione urinario anche per un mese o più. Ovviamente esiste una relazione molto stretta fra quanto si è fumato, da quanto tempo si fuma e la capacità, sempre diversa, del proprio organismo di metabolizzare (smaltire) la sostanza.

Se ad esempio nel tuo caso hai fumato le 15 "canne" in un breve periodo di tempo è probabile che anche dopo 25 giorni qualche traccia sia presente nelle urine.

Per quanto riguarda il consumo di alcolici vengono ricercate eventuali aletrazioni del fegato e delle transaminasi tramite specifici test moirati quali il CDT.

Ovviamente più è lungo il periodo in cui la persona ha smesso di assumere alcolici e più facilmente l'organismo rientra nei valori normali.

I tempi di attesa variano enormemente da commissione a commissione e da regione a regione e da provincia a provincia in base alla quantità di lavoro che si trovano a dover affrontare le singole commissione.

 

 

 

Domanda: BUONA SERA, MI HANNO RITIRATO LA PATENTE PER GUIDA IN STATO DI EBBREZZA ( CON LA SOSPENSIONE DI UN' ANNO )

BUONA SERA, MI HANNO RITIRATO LA PATENTE PER GUIDA IN STATO DI EBBREZZA ( CON LA SOSPENSIONE DI UN' ANNO )DEVO FARE GLI ESAMI TRA 2 MESI, SONO GIA TRE MESI CHE TOCCO POCHISSIMO ALCOOL, MI HANNO CONSIGLIATO DI BERE DEL '' MAGNESIO CLORURO ESAITRATO'' PER AIUTARE A PULIRE IL SANGUE, FUNZIONA ? DIVERSAMENTE COSA CI PUO' ESSERE. RINGRAZIANDO ANTICIPATAMENTE SALUTI.

Risposta:

BUONA SERA, MI HANNO RITIRATO LA PATENTE PER GUIDA IN STATO DI EBBREZZA ( CON LA SOSPENSIONE DI UN' ANNO )DEVO FARE GLI ESAMI TRA 2 MESI, SONO GIA TRE MESI CHE TOCCO POCHISSIMO ALCOOL, MI HANNO CONSIGLIATO DI BERE DEL '' MAGNESIO CLORURO ESAITRATO'' PER AIUTARE A PULIRE IL SANGUE, FUNZIONA ? DIVERSAMENTE COSA CI PUO' ESSERE. RINGRAZIANDO ANTICIPATAMENTE SALUTI.

RISPOSTA

“La reintegrazione di magnesio cloruro é indicata a persone soggette a stress prolungati o malattie croniche debilitanti, tipicamente con nervosismo e ansietà; lavoratori o atleti sottoposti a pesanti attività fisiche, soprattutto se prolungate, comportanti fra l’altro eccessiva sudorazione.” (dal sito http://www.rodiola.it/skart.php3?art_cod=MACLMS)

I rimedi farmacologici (quali i diuretici o il magnesio cloruro esaidrato) o empirici (acqua/latte/tisane) hanno scarsa efficacia nel far smaltire al nostro organismo sostanze stupefacenti o nel riequilibrare i valori alterati dal consumo di alcol.

 

 

 

 

Domanda: se si assume l'etiltox 3 volte la settimana si puo bere nei giorni in cui non è assunto

Risposta:

Si dice che il tempo di azione del disulfiram sia 24 ore ma quasi sempre è più lungo. Noi sconsigliamo decisamente di adottare strategie di questo tipo in quanto la presenza di etiltox seppur in piccola quantità nell’organismo associato all’alcol, anche se non comportasse la comparsa dei classici effetti avversivanti, determina la produzione di radicali liberi cioè sostanze molto tossiche ed estremamente dannose per l’organismo a lungo termine Il disulfiram viene assunto con uno scopo preciso: quello di non bere assolutamente niente. Se si sceglie di riprendere a bere decisamente meglio interrompere il farmaco

Domanda: ho fatto gli analisi per riprendere la patente e il cdt era 3.2 e mi anno fatto non idoneo ora tra 2 giorni devo rifare il prelievo e circa 40 giorni che non bevo nulla che sia alcolico il valore cdt sare tornato nella norma????

Risposta:

Il CDT è un tipo di analisi rivolta a determinare i valori di TRANSFERRINA DESIALATA o TRANSFERRINA CARENTE di CARBOIDRATI (Carbohydrate Deficient Transferrin: CDT).
Nel caso di una sospetta presenza di un assuntore cronico d' alcool dopo le verifiche del caso(etilometro) si deve procedere all'accertamento tramite CDT che non è altro che sottoporre il conducente sospetto ad un periodo di astinenza totale di alcool e solitamente ogni 15 gg sottoporlo ad analisi CDT per rilevare le sostanze che il fisico emette per riequilibrare lo scompenso forzato di alcool.
Tre settimane di abolizione totale delle bevande alcoliche spesso sono sufficienti a far tornare alla norma il test CDT.

Domanda: salve vorrei sapere se l'alcover da' dipendenza e quanto tempo e' tracciabile nelle urine e se e' una sostanza vietata per chi guida. grazie

Risposta:

Controversa la possibilità di una dipendenza da Alcover che comunque non è tanto fisica quanto psicologica. Non ci sono disposizioni in merito alla guida e quindi forse il giudizio è della singola CML anche se probabilmente essendo un farmaco psicotropo forse non è considerato idoneo. Non è tracciabile nelle urine. Laura Calviani, medico sostanze.info Se vuoi approfondire questa discussione puoi anche prenotare una chat (gratuita e totalmente anonima) con l'operatore che ti ha risposto andando in CHAT CON GLI OPERATORI.

Domanda: esame urine al sert per alcol.

buongiorno, questa mattina sono andato al sert per il prelievo delle urine e al primo esame 'a vista' fatto con l'apposito apparecchio che sembra una pistola è risultato il valore di 33.8. volevo sapere a cosa si riferisce questo valoree se è nella norma o no...grazie

Risposta:

La pistola è un termometro digitale che misura la temperatura delle urine. Se la temperatura rientra in un range di valori allora significa che il campione è affidabile (nel senso che verosimilmente non è mistificato. La temperatura di 33,8 è un po' bassa. Laura Calviani, medico sostanze.info

Domanda: Alcool e benzodiazepine, ricadute

Buongiorno, il mio problema sono l'alcool e le benzodiazepine, ma soprattutto il primo mescolato con il secondo mi crea grossi problemi. Ero riuscito a smettere con l'alcool per molti mesi ed ero riuscito a togliere anche molte benzodiazepine fino all'inizio di luglio di quest'anno. Premetto che faccio uso di benzodiazepine da quando avevo 13-14 anni e adesso ne ho 41. Non ho mai smesso di prenderle praticamente un solo giorno. Ma il problema si pone quando torno all'uso dell'alcool anche perché non vorrei che mi sospendessero di nuovo la patente cosa che già era accaduta e per riaverla ho dovuto "sudare" tre anni di commissioni e analisi varie. Stavo pensando di tornare al Sert. Voi cosa mi consigliate? Il mio uso dell'alcool è sempre dovuto ad una forte sensazione di solitudine che a periodi si impadronisce di me e questo spesso torna l'estate da circa due o tre anni a questa parte. Voglio tornare ad essere totalmente sobrio, smettere completamente di nuovo con l'alcool è una condizione per me essenziale. Grazie.

Risposta:

Caro lettore, condivido assolutamente il tuo proposito di avviare di nuovo un percorso di cura al Sert. E’ importante la tua consapevolezza sulle problematiche legate all’alcol e sicuramente hai necessità di un programma specifico su questo. Allo stesso tempo non sottovalutare l’uso delle BDZ che penso si sia nel tempo trasformato in una dipendenza, e attento, le 2 dipendenze sono spesso “ crociate”: nel senso che l’una si porta dietro l’altra e viceversa. Quindi, se vuoi fare un lavoro completo e forse definitivo devi affrontare ambedue le problematiche. Una per volta ma con questo obiettivo in testa.
Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: reazione agli alcolici

Buonasera, sono una ragazza di 22 anni e bevo da quando ne avevo 15 circa. Ma ora è un po' di tempo che ogni volta che bevo più di 2/3 alcolici sento dei forti bruciori allo stomaco e dolori tipo crampi sempre in quella zona. Cioè se mi limito ad una o due birre sto bene ma già 3 cocktail mi provocano questa cosa....può essere dovuto all'eccessivo uso di alcol negli anni?

Risposta:

si, i sintomi che avverti sono legati ai tuoi consumi di alcolici (attuali e precedenti) e probabilmente hanno anche un nome preciso: gastrite. Ovvero una infiammazione dell'area maggiormente interessata dal tuo bere che potrebbe anche estendersi ad altre parti (ad es. l' esofago). Prova ad interrompere l'uso di alcol e vedere se passa, altrimenti devi ricorrere ad accertamenti più approfonditi tramite il tuo medico curante.

Domanda: Il 9 giugno ho un prericovero per un intervento chirurgico, vorrei sapere se è possibile rilevare la presenza di thc o di alcool

Risposta:

 no, perchè non fanno questo tipo di ricerche. Ma come consigliamo a tutti, se non vuoi avere problemi durante o dopo l'intervento è molto meglio se lo riferisci all'anestesista

Domanda: A cosa si riferiscono i valori di cdt

Salve, ho letto tutta questa discussione, unitamente ad articoli specificatamente scientifici, ed analisi statistiche su campioni molto rilevanti di persone. Ci sono però delle cose che non vengono chiarite,e provo a esporvi i miei dubbi. Mi pare di aver capito che a secendo del tipo di analisi (Hplc o altro) il valore consentito di cdt sia di 1.3 o di 2. Ed ok. In testi scientifici viene riferito che la cdt ha una emivita di 12-14 giorni, quindi con andamento logaritmico non lineare. ne consegue che dopo 2 settimane di totale astinenza il valore della CDT sarà circa = CDTiniziale/2, viceversa dopo 3 settimane sarà circa = CDTiniziale*3/8, dopo 4 settimane sarà circa = CDTiniziale/4 Prendendo a caso l'astinenza di 2 settimane la CDTiniziale dovrà essere < 2.6 o 4 a seconda del metodo di analisi; dopo quattro < 5.2 o 8 e cosi via. Ciò applicando con buona approssimazione calcoli ricavabili facilmente dall'andamento della CDT Cio detto non viene mai specificato, in relazione all'uso alcolico, cosa significhi l'avere una CDT=1.3, CDT=2,6, CDT= 5.2 (usando HPLC) Avere CDT=2.6 vuol dire essere un bevitore normale, o vuol dire essere un alcolizzato? Averla 5.2 vuol dire avere danno epatico consistente? Questo non è chiaro. Condurre una vita normale, essere sani, e bere una birra o uno o due bicchieri di vino la sera sempre porta ad avere una cdt di quanto? (spannometricamente si intende). I 40 - 60 g di alcol giornalieri per una settimana a che valori porta di CDT? 2 oppure 4 oppure 6 oppure 8 Inoltre ammettiamo di essere un bevitore incallito con CDT alta, che decide di smettere e sostanzialmente di cambiare abitudini, dopo aver bevuto in tre settimane due bicchieri di vino e una birra, la CDT schizza di nuovo in alto? Leggo su altro sito chiamiamolo divulgativo e non scientifico, che la CDT è sensibile anche alle minime quantità di alcol. Cioè significa che due bicchieri di vino possono vanificare un'astinenza di una settimana ad esempio? No perchè da certe risposte, sembrerebbe che se fermassero fuori dai supermercati e facessero le analisi a tutti quelli che caricano in auto una bottiglia di vino insieme alla spesa, per dimezzare le patenti e l'uso della macchina in questo paese. Vi ringrazio per la risposta che mi darete, mi interessa soprattutto capire quali valori di cdt possa avere il famoso e famigerato individuo che assume 40-60 g di alcol per una settimana. o per un mese.

Risposta:

 Caro lettore,  la medicina, o meglio la clinica, ha poco a

che vedere con la matematica. Ci sono dei fenomeni che si
ripetono e pertanto si tenta di formulare delle regole che
però devono tener conto della variabile variabilissima
essere vivente. Giustamente però tu chiedi delle risposte
piuttosto precise e allora proverò a risponderti sulla
base delle conoscenze, dell'esperienza clinica e del buon
senso: un tripode che non deve mai mancare nel nostro
lavoro. Nessuno può sapere a priori quanto sarà la CDT
in base all'uso alcolico perchè non c'è una regola
precisa. Anche per la stessa persona a parità di introito
alcolico in un momento può essere un valore in altri può
essere un valore diverso. E' significativo il valore
superiore a quello indicato dal laboratorio come valore
soglia. Aldisotto il valore assoluto non ha significato
clinico.  Aldisopra  significa che la persona ha bevuto
nelle settimane precedenti, praticamente tutti i giorni un
quantitativo che superava quei 40 g che hai indicato anche
tu. Tieni conto , inoltre che la CDT è un esame molto
specifico (nel senso che indica con poco margine di dubbio
un abuso alcolico) ma non troppo sensibile (non è alterato
in tutti i casi di abuso alcolico). Per questo motivo in
genere si accompagna ad altri esami (transaminasi, Gamma GT,
emocromo) che sono meno specifici ma più sensibili e viene
fatta una valutazione complessiva. 
La CDT non è assolutamente correlabile con il danno
epatico né con un danno organico.
Non so dirti, quindi, a priori , il valore della CDT del
famigerato che abusa di alcol per 1 settimana o 1 mese. Dopo
1 mese le probabilità di avere una CDT superiore al
livello indicato come normale saranno sicuramente alte, dopo
1 settimana le probabilità saranno minori.
 La cosa sicura è che tiene molto poco alla propria
salute.
Laura Calviani, medico sostanze.info
Condividi contenuti