Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 45065 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Refresh Type the characters you see in this picture. Type the characters you see in the picture; if you can't read them, submit the form and a new image will be generated. Not case sensitive.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori: alcol / consigli medici

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: salve a tutti premettendo che sono un bevitore non occasionale e non mi faccio quasi mai macare alcune birre la sera vorri sapere se sono sufficienti 2 mesi senza toccare nessun tipo di alcolico per risultare negativo al test del capello

(etilglucuronato) speero in una vostra risposta positiva anche perchè non avrei più di sessanta giorni a disposizione grazie

Risposta:

 2 mesi sarebbero un tempo un po' scarso, in quanto il capello in genere risale ad almeno 4-6 mesi prima

Domanda: ESAMI DOPO RITIRO PATENTE PER GUIDA IN STATO DI EBBREZZA.

BUONGIORNO, SONO UN RAGAZZO DI 21 ANNI CHE PER IL GIORNO DEL SUO COMPLEANNO E' STATO FERMATO DALLA POLIZIA STRADALE. PATENTE RITIRATA IN DATA 11/8. IN DATA 24/8 MI ARRIVA A CASA LA LETTERA DEL PREFETTO CHE DICE DI PRENOTARE APPUNTAMENTO ALLA COMMSSIONE MEDICA PROVINCIALE "IN QUANTO SUSSISTONO DUBBI SULLA PERSISTENZADEI REQUISITI PSICOFISICI NECESSARI PER IL MANTENIMENTO DELLA PATENTE DI GUIDA". DOMANDA: IO HO FATTO USO DI CANNABINOIDI QUALI HASCHISH E MARIJUANA FINO A IERI SERA, E HO ANCHE BEVUTO 2 SUPERALCOLICI IN DATA 22/8 SERA. PER QUANTO TEMPO RIMANGONO NELL'ORGANISMO QUESTE SOSTANZE, SE IO DA OGGI IN POI SMETTO SIA DI BERE CHE DI FUMARE?? VORREI UNA CHIARIFICAZIONE IN BASE ANCHE AL TIPO DI CONTROLLO CHE MI VERRA' FATTO (URINE CAPELLO O SANGUE). SE IO CHIAMO IN QUESTI GIORNI LA COMMISSIONE MEDICA QUANTO E IL TEMPO DI ATTESA PER PRESENTARSI? CI STA CHE MI DIANO L'APPUNTAMENTO ANCHE TRA 2 O 3 MESI? IN DEFINITIVA RIESCO AD ARRIVARE PULITO AL CONTROLLO O NO???? GRAZIE MILLE. SALUTI

Risposta:

Vediamo di rispondere ai tuoi quesiti

Permanenza nell'organismo di sostanze.

Come abbiamo già scritto molte volte il tempo di "smaltimento" del thc è molto lungo e quindi esso può essere rilevato in un campione urinario anche per un mese o più. Ovviamente esiste una relazione molto stretta fra quanto si è fumato, da quanto tempo si fuma e la capacità, sempre diversa, del proprio organismo di metabolizzare (smaltire) la sostanza.

Se ad esempio nel tuo caso hai fumato le 15 "canne" in un breve periodo di tempo è probabile che anche dopo 25 giorni qualche traccia sia presente nelle urine.

Per quanto riguarda il consumo di alcolici vengono ricercate eventuali aletrazioni del fegato e delle transaminasi tramite specifici test moirati quali il CDT.

Ovviamente più è lungo il periodo in cui la persona ha smesso di assumere alcolici e più facilmente l'organismo rientra nei valori normali.

I tempi di attesa variano enormemente da commissione a commissione e da regione a regione e da provincia a provincia in base alla quantità di lavoro che si trovano a dover affrontare le singole commissione.

 

 

 

Domanda: Quanto sono dipendente

Buongiorno. Ho 35 anni. per un motivo o per un altro è come se bevessi da sempre. Ho bisogno di un bicchiere davanti a me. Un bicchiere che si svuota sempre rapidamente e viene subito rabboccato. Bevo soprattutto cocktail ma anche vino. Bevo da sola o in compagnia. Solo molto raramente vomito o sto male in maniera vistosa. Di solito bevo 3/4 cocktail se sono fuori e se sono a casa quasi una bottiglia di vino. Ho un imperativo"non bevo mai prima delle 19". Perché se apro il canale poi fermarmi è difficile. Forse la mia non è nemmeno una domanda perché mentre scrivo mi sto rispondendo da sola. Che sono dipendente lo so. Lo so perché se qualcuno mi suggerisce di non bere mi irrito tantissimo. Se non ho da bere a casa mi preoccupo di comprare almeno una bottiglia di vino prima che il supermercato chiuda. Perché bevo non lo so. Non ho grandi problemi di socialità, non sono pienamente soddisfatta della mia vita ma non va malissimo. Forse solitudine o voglia di non pensare(sono una persona un po ansiosa). Forse paura di affrontarmi mentre non faccio nulla. Perché mentre lavoro non mi viene voglia di bere. Ma appena mi fermo inizio a sentire la necessità di non pensare, di non fare, di posarmi sulla sedia e bere la mia ambrosia. E quando esco vado in un locale e mi sento strana e forse anche un po a disagio senza il mio bicchiere stampella. Ma ora sono anni che non c'è una singola sera in cui non beva. Ed è sempre la stessa storia di mattina un senso di colpa, nei confronti di me stessa, del mio corpo che comprometto dopo ogni sorso e il mio cervello che si debilita perché non riesco più ad avere la stessa concentrazione di un tempo e non ho più interessi, l'apatia aumenta sempre di più. Faccio ciò che devo, lavoro, cerco di apparire equilibrata ma dentro mi sento devastata, una debole, una idiota che senza accorgersene volta le spalle a se stessa per amore del bicchiere. Mi ha fatto bene leggere le esperienze di altre persone, perché certi stati d'animo li capisce solo chi li ha provati. Ho provato a parlarne ma la gente pensa che io esageri e che basti semplicemente un periodo di disintossicazione. In realtà io non credo. Non è un periodo, perché dopo tutto ricomincerebbe come ora. Bere non mi da problemi nello svolgere le mie attività o i miei impegni. Ho il terrore di andare dal medico. Non sopporto l'idea che potrei aver causato danni irreversibili. Non lo voglio sapere. Voglio solo smettere di bere. Ma abbandonare l'alcol mi fa sentire come se abbandonassi un amico, una grande parte di me stessa. Non so immaginare la mia vita senza ( lo so suona come un cliché ma è proprio la verità). Vorrei non svegliarmi più stanca, con la testa che mi gira, senza forze. Vorrei essere di nuovo io ma quella energica, consapevole di se, intelligente. Ora sono solo l'ombra di me stessa.

Risposta:

 Cara lettrice come sei stata acuta e profonda nel descrivere la tua situazione: a dimostrazione che la parte consapevole e intelligente è tuttora presente. Hai proprio ragione: l’alcol ti serve a coprire un vuoto, a non sentire sensazioni sgradevoli, che fanno stare a disagio. Però l’alcol, pur facendoti compagnia sul momento, non riempie nessun vuoto, anzi…peggiora lo stato d’animo, l’umore e contribuisce a mantenere un circolo vizioso. Sappi che anche solo cessando per qualche giorno ritroveresti le vecchie energie che pensavi perdute.

Non ci saranno danni irreversibili stai tranquilla: questa paura è un trucco del tuo cervello per rimanere legato all’alcol. Quando è così difficile fare il primo passo, e dal momento che hai detto le esperienze lette ti sono state di aiuto, perché non provi a cercare un gruppo di auto aiuto tipo Alcolisti Anonimi? E non mi guardare strano come sicuramente starai facendo… chiama e magari frequenta un gruppo. Vacci così come sei, anche se hai bevuto. Proprio perché tutti loro ci sono passati sapranno accoglierti senza giudizio e darti qualche suggerimento con la delicatezza e il rispetto di chi sa cosa si prova.
Il primo passo è questo: smettere di bere. Successivamente vedrai che ti sembrerà più possibile affrontare tutto ciò che ci sta dietro. Fammi sapere
Laura Calviani medico sostanze.info
 

Domanda: voglio smettere di bere

da quelle poche domande e risposte che ho letto, mi ritengo un alcolizzato cronico, oggi e il quarto giorno che non assumo alcool e inizio a sentire diverse volte significative crisi di astinenza.. sono 8 anni che bevo, ma nell ultimo anno e mezzo sono arrivato a bere quotidianamente 2 litri a volte più di vino accompagnati da birra o altro, altri giorni mischio vari super alcolici con amari e birre.. Quanto tempo ci vorrà per riprendermi circa? E sopratutto, per quanto tempo persisteranno le crisi di astinenza? Ho letto che l astinenza può portare allucinazioni.. Posso riscontrarle? Grazie mille per l attenzione..

Risposta:

 Complimenti per il coraggio e la determinazione: non è semplice prendere una decisione del genere. Però non fare tutto da solo: l'astinenza da alcol può essere un pò pericolosa e sì, in alcuni casi (molto rari per fortuna) può dare anche allucinazioni. E' consigliabile che tu ti rivolga ad un medico, anche quello curante se non te la senti di andare in un servizio specialistico come i Sert o i Centri alcologici, che potrebbe monitorare la situazione ed eventualmente prescriverti una terapia che non ti faccia avvertire i sintomi fastidiosi dell'astinenza e che in tal caso quindi sarebbe risolta in tempi molto brevi.

Ti consigliamo anche di prendere in considerazione la possibilità di essere seguito successivamente da specialisti o di frequentare dei gruppi di auto aiuto che sono importanti per mantenere la determinazione a non bere, che nel lungo termine è una cosa non facile da fare. Chi ti risponde è Laura Calviani, medico e se lo ritieni utile puoi mantenerti in contatto con noi se, durante il tuo percorso, sentirai la necessità di confrontarti o di ricevere altre informazioni.

Domanda: sono uscito di strada da solo e' arrivata l'ambulanza con la polizia i quali mi hanno fatto soffiare una volta sola e poi mi hanno portato in pronto soccorso dove li mi hanno visitato e fatto l'analisi del sangue..loro sono andati via e mi hanno lasc

e nel frattempo mi hanno dato l'esito dell'analisi il quale era 2.09...cosa rischio??

Risposta:

 Ti verrà contestata la violazione dell'art.186 (Guida in stato di ebbrezza), terza fascia, che prevede.

Tasso Alcolemico + 1,50 g/l

Sospensione patente da 1 anno a 2 anni

Ammenda da 1500 a 6.000 euro

Punti 10 tolti dalla patente

Arresto da 6 mesi a 1 anno

Se il veicolo appartiene a persona estranea al reato, la durata della sospensione della patente di guida è raddoppiata.

Revoca della patente in caso di recidiva nel biennio.

Confisca del veicolo, salvo che appartenga a persona estranea al reato.

In caso di incidente provocato è prevista la revoca della patente.

Nel nuovo Codice della Strada è stata prevista inoltre la cosiddetta “aggravante notturna” che si sostanzia in un aumento dell'ammenda prevista, per la fattispecie contravvenzionale, nella misura da un terzo alla metà nel caso in cui il reato venga commesso tra le 22.00 e le 7.00.

Domanda: salve vorrei sapere se l'alcover da' dipendenza e quanto tempo e' tracciabile nelle urine e se e' una sostanza vietata per chi guida. grazie

Risposta:

Controversa la possibilità di una dipendenza da Alcover che comunque non è tanto fisica quanto psicologica. Non ci sono disposizioni in merito alla guida e quindi forse il giudizio è della singola CML anche se probabilmente essendo un farmaco psicotropo forse non è considerato idoneo. Non è tracciabile nelle urine. Laura Calviani, medico sostanze.info Se vuoi approfondire questa discussione puoi anche prenotare una chat (gratuita e totalmente anonima) con l'operatore che ti ha risposto andando in CHAT CON GLI OPERATORI.

Domanda: esame urine al sert per alcol.

buongiorno, questa mattina sono andato al sert per il prelievo delle urine e al primo esame 'a vista' fatto con l'apposito apparecchio che sembra una pistola è risultato il valore di 33.8. volevo sapere a cosa si riferisce questo valoree se è nella norma o no...grazie

Risposta:

La pistola è un termometro digitale che misura la temperatura delle urine. Se la temperatura rientra in un range di valori allora significa che il campione è affidabile (nel senso che verosimilmente non è mistificato. La temperatura di 33,8 è un po' bassa. Laura Calviani, medico sostanze.info

Domanda: BUONA SERA, MI HANNO RITIRATO LA PATENTE PER GUIDA IN STATO DI EBBREZZA ( CON LA SOSPENSIONE DI UN' ANNO )

BUONA SERA, MI HANNO RITIRATO LA PATENTE PER GUIDA IN STATO DI EBBREZZA ( CON LA SOSPENSIONE DI UN' ANNO )DEVO FARE GLI ESAMI TRA 2 MESI, SONO GIA TRE MESI CHE TOCCO POCHISSIMO ALCOOL, MI HANNO CONSIGLIATO DI BERE DEL '' MAGNESIO CLORURO ESAITRATO'' PER AIUTARE A PULIRE IL SANGUE, FUNZIONA ? DIVERSAMENTE COSA CI PUO' ESSERE. RINGRAZIANDO ANTICIPATAMENTE SALUTI.

Risposta:

BUONA SERA, MI HANNO RITIRATO LA PATENTE PER GUIDA IN STATO DI EBBREZZA ( CON LA SOSPENSIONE DI UN' ANNO )DEVO FARE GLI ESAMI TRA 2 MESI, SONO GIA TRE MESI CHE TOCCO POCHISSIMO ALCOOL, MI HANNO CONSIGLIATO DI BERE DEL '' MAGNESIO CLORURO ESAITRATO'' PER AIUTARE A PULIRE IL SANGUE, FUNZIONA ? DIVERSAMENTE COSA CI PUO' ESSERE. RINGRAZIANDO ANTICIPATAMENTE SALUTI.

RISPOSTA

“La reintegrazione di magnesio cloruro é indicata a persone soggette a stress prolungati o malattie croniche debilitanti, tipicamente con nervosismo e ansietà; lavoratori o atleti sottoposti a pesanti attività fisiche, soprattutto se prolungate, comportanti fra l’altro eccessiva sudorazione.” (dal sito http://www.rodiola.it/skart.php3?art_cod=MACLMS)

I rimedi farmacologici (quali i diuretici o il magnesio cloruro esaidrato) o empirici (acqua/latte/tisane) hanno scarsa efficacia nel far smaltire al nostro organismo sostanze stupefacenti o nel riequilibrare i valori alterati dal consumo di alcol.

 

 

 

 

Domanda: se si assume l'etiltox 3 volte la settimana si puo bere nei giorni in cui non è assunto

Risposta:

Si dice che il tempo di azione del disulfiram sia 24 ore ma quasi sempre è più lungo. Noi sconsigliamo decisamente di adottare strategie di questo tipo in quanto la presenza di etiltox seppur in piccola quantità nell’organismo associato all’alcol, anche se non comportasse la comparsa dei classici effetti avversivanti, determina la produzione di radicali liberi cioè sostanze molto tossiche ed estremamente dannose per l’organismo a lungo termine Il disulfiram viene assunto con uno scopo preciso: quello di non bere assolutamente niente. Se si sceglie di riprendere a bere decisamente meglio interrompere il farmaco

Domanda: ho fatto gli analisi per riprendere la patente e il cdt era 3.2 e mi anno fatto non idoneo ora tra 2 giorni devo rifare il prelievo e circa 40 giorni che non bevo nulla che sia alcolico il valore cdt sare tornato nella norma????

Risposta:

Il CDT è un tipo di analisi rivolta a determinare i valori di TRANSFERRINA DESIALATA o TRANSFERRINA CARENTE di CARBOIDRATI (Carbohydrate Deficient Transferrin: CDT).
Nel caso di una sospetta presenza di un assuntore cronico d' alcool dopo le verifiche del caso(etilometro) si deve procedere all'accertamento tramite CDT che non è altro che sottoporre il conducente sospetto ad un periodo di astinenza totale di alcool e solitamente ogni 15 gg sottoporlo ad analisi CDT per rilevare le sostanze che il fisico emette per riequilibrare lo scompenso forzato di alcool.
Tre settimane di abolizione totale delle bevande alcoliche spesso sono sufficienti a far tornare alla norma il test CDT.

Condividi contenuti