Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 45140 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Refresh Type the characters you see in this picture. Type the characters you see in the picture; if you can't read them, submit the form and a new image will be generated. Not case sensitive.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori: ecstasy

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: Salve ormai da 4 giorni dopo aver assunto MDMA e aver avuto una vera e propria sbornia con distacco sensoriale mi senta ancora intontito è stanchissimo senza riuscir a fare il minimo sforzo?

Risposta:

 gli effetti, se non ci son stati altri danni di natura organica o neurologica, possono andare avanti ancora per diversi giorni per poi scomparire del tutto

Domanda: Due anni fa , ottobre 2015 , sono stato trovato con 0,2 g di mdma , di cui principio attivo 133mg , su un furgone noleggiato per una festa . Purtroppo era la mia prima volta che provavo questa sostanza , e caso vuole che son stato fermato ( ma chi ci

Risposta:

 ok, ma il resto della domanda?

Domanda: Buongiorno sto assumendo 40 mg di deltacortene (cortisone) da 3 settimane e dovrò scalarlo nel tempo. Se si fa uso di cocaina o MD per due sere ci possono essere problemi gravi? Non riesco a trovare informazioni tra cortisone e droghe. Grazie !

Risposta:

 Forse non ci sono interazioni dirette ma ti sconsiglierei di associare sostanze alla patologia di base per la quale assumi deltacortene che sicuramente non ne trarrebbe beneficio

Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: Buongiorno, ho assunto 0,2 di mdma dopo 12 giorni posso risultare positivo a alla visita medica a lavoro “ urine” non assumevo mdma da cura un anno. Grazie mille

Risposta:

 no

Domanda: Buonasera scusate mi potete dire se l md a cristalli 0.5 massimo provoca dipendenza

Risposta:

 la tua domanda è un pò troppo generica per ottenere una risposta esauriente. 

Con MD difficile avere problemi di dipendenza ma i problemi possono essere di altro genere o sul fronte psicologico o anche su quello fisico. 
L’attenzione va posta anche sui mix e ti sottolineiamo di porre molta attenzione all’alcool: l’associazione con MD o speed a volte è causa di “colpi di calore” che possono avere conseguenze molto gravi (anche mortali).

Domanda: Mdma

Salve sabato notte ho fatto uso di Mdma in discoteca oggi è martedì e ho fatto caso che non ci vedo più bene con l'occhio sinistro ho 21 anni non ho mai portato gli occhiali è l'md che mi ha abbassato la vista e se è stato l'md la cosa è permanente oppure fra qualche giorno potrei rivedere si nuovo bene con l'occhio sinistro?

Risposta:

 di solito i danni fisici arrecati dalla sostanza sono temporanei, ma trattandosi della tua vista e per scongiurare la possibilità di un danno neurologico, il consiglio è quello di recarti al Pronto Soccorso Oculistico della tua città (di solito sono all'interno dei policlinici) e farti fare una visita specifica.

Domanda: USO SPORADICO DI MDMA E COCAINA

Salve a tutti. Vorrei raccontare la mia esperienza con l'mdma e la cocaina al fine di risolvere qualche mio dubbio. E' da circa un anno che faccio uso sporadico di queste due sostanze (mediamente una volta ogni 2/3 mesi) e so quanto possano essere pericolose per la salute sia fisica che psichica, ma fino a che punto? Mi spiego meglio. La mia preoccupazione attuale nasce dal fatto che nel mese di agosto ho avuto due esperienze, una con solo mdma e l'altra con mdma e cocaina. Queste due esperienze sono avvenute a distanza di due settimane l'una dall'altra e in tutte e due i casi ho assunto le sostanze in questione per due sere consecutive, quindi volendo fare un totale mi sono "fatto" quattro giorni. Durante queste serate nulla è andato storto. Inoltre ho avuto una terza ed ultima esperienza molto spiacevole, a distanza di due settimane dalla penultima, con della cocaina, che tutto era tranne cocaina: ne ho assunta troppa pensando che gli effetti piacevoli sarebbero arrivati, invece ho solo aumentato quelli spiacevoli: tachicardia,iperventilazione, cefalea, brividi, leggera paranoia e accentuata apatia, formicolii lungo le braccia e sensazione di svenimento. Conoscendo gli effetti di vasocostrizione di queste droghe o peggio delle sostanze da taglio, arrivato a casa ho assunto 30 gocce di rivotril (principio attivo diazepam) per calmare i sintomi che avevo, spinto dalla paura di un possibile collasso, infarto, ictus (forse esagero nell'usare queste parole, ma stavo veramente male ed avevo paura). L'assunzione del rivotril ha funzionato e nel giro 30-45 minuti stavo meglio. Nei giorni a seguire notavo in me una strana iperattività e una ipereccitabilità anche dopo il prendere il caffè o fumare una sigaretta. Questi sintomi sono poi svaniti molto lentamente nel corso di due o tre giorni e all'iperattività e alla voglia di socializzazione si sono sostituiti i classici sentimenti da "down": tristezza, irritabilità, malessere. Essendo abituato sono comunque riuscito a superare il periodo, anche se ancora non ne sono completamente fuori (sono ancora un pò triste ecc..). Ora, avendo capito che assunzioni ripetute di queste sostanze non sono affatto consigliabili, continuare ad assumerle saltuariamente quanto può influire sul mio stato di salute psicofisica? Se io dò il tempo al mio fisico di riprendersi da un'assunzione per procedere poi con un'altra, questo, a lungo andare, può causare danni gravi (es.: a 50 anni avrò problemi cardiaci; tra 5 anni avrò disturbi dell'umore/dell'apprendimento)? Faccio questa domanda poichè ancora non mi sono completamente ripreso dalle varie esperienze ed inoltre sto avvertendo disturbi come: dolore alla schiena, piccoli spasmi muscolari, cali di energia e stanchezza. Inoltre volevo chiedere, poichè pratico regolarmente attività fisica: fare sport nei giorni/settimane successivi a queste assunzioni è consigliabile o sarebbe meglio stare a riposo poichè lo sport stressa ulteriormente il corpo, già provato dalle esperienze in questione? Infine una domanda sul grado di pericolosità di mdma e cocaina: so che la cocaina provoca spasmi coronarici, vasocostrizione e aumento dell'aggregazione piastrinica e so che questo può avere gravi conseguenze sulla salute del cuore anche con assunzioni saltuarie. Nel caso dell'mdma o, più in generale, delle amfetamine e metamfetamine, questi rischi si presentano? E se sì, in misura uguale o minore di quanto accade nel caso della cocaina? Cioè, l'mdma o lo speed provocano gli stessi identici effetti della cocaina sul sistema cardiocircolatorio o ci sono delle differenze? Ad esempio l'mdma provoca spasmi coronarici? Aumenta la probabilità di formazione di trombi o il verificarsi di ictus? Al pari della cocaina? Insisto molto su questo argomento poichè non ho trovato nessun articolo in merito. Mi scuso per la lunghezza del testo e per la troppa varietà di domande proposte, sperando comunque che riusciate a rispondere alla maggior parte. Vi ringrazio per il lavoro che fate: seguo questo forum da quando ho iniziato a fare uso di queste sostanze e devo dire che in alcuni momenti leggere le esperienze di altre persone e le risposte della redazione mi ha aiutato molto.

Risposta:

 Caro lettore, mi fa piacere leggere che il nostro sito può esserti utile. 

Il nostro obiettivo è proprio quello di aiutare chi ci legge a rendersi meglio conto dei
rischi che corre utilizzando sostanze, a curare la loro dipendenza, quando ce
l’hanno e a smettere di assumere. Cerchiamo di farlo nel modo più scientifico
possibile e senza giudicare nessuno. 
Ma vengo alle tue domande sperando di non dimenticarne nessuna. 
I temi da te trattati sono tantissimi e tutti molto importanti.
Prima precisazione: il principio attivo del rivotril non è il diazepam ma il clonazepam. Appartengono tutti e due alla famiglia delle benzodiazepine. 
In caso di intossicazione da cocaina possono essere utili, tuttavia in queste situazioni è opportuno chiedere aiuto al medico e non curarsi da soli. 
La pericolosità della cocaina in parte già la conosci. 
La ripetizione dell’uso (anche non di alta frequenza!), a poco a poco trasforma un danno reversibile in un danno irreversibile. Mi riferisco sia ai danni agli organi vitali (cervello,
cuore, fegato, reni) mediati dalla vasocostrizione arteriosa: danni acuti (infarti,
ischemie, emorragie ….. con possibile morte) e cronici, con sofferenza cellulare per le frequenti ipossie (mancanza di apporto di ossigeno). 
E mi riferisco anche ai danni diretti della cocaina sulle cellule cerebrali, sui suoi collegamenti cerebrali e sui suoi equilibri. 
Questi ultimi sono alla base di patologie, in parte da te già conosciute: disturbi della memoria e dell’apprendimento, disturbi del tono dell’umore, disturbi del controllo degli
impulsi, disturbi dell’ideazione fino alle psicosi con deliri e allucinazioni.
Episodi di violenza anche estrema possono avvenire sotto l’effetto della cocaina. Naturalmente questa è solo una sintesi estrema dei possibili danni.
Le metamfetamine e le amfetamine creano danni paragonabili. 
Una delle differenze principali sta nell’effetto di vasocostrizione che dovrebbe essere
più intenso per la cocaina. 
Tuttavia la questione “dosaggio” rende tutto molto variabile.
Naturalmente a rendere ancora più confuso il quadro è il mercato illegale e
quindi l’impossibilità di conoscere realmente la composizione della sostanza
assunta.
Il mio consiglio è ovviamente quello di evitare tutto ciò sospendendo definitivamente l’assunzione di queste sostanze
Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: salve buongiorno martedi ho assunto circa 200mg di mdma (pira al 90% sotto forma di cristalli) e a distanza di due giorni avverto un formicolio che parte dal gomito e arriva fino all'anulare (braccio sinistro) . Volevo capire cosa devo fare. Grazie

Risposta:

 per ora niente dato che gli effetti pericolosi avvengono subito a ridosso dell'assunzione. Dopo alcuni giorni tendono a scomparire, ovviamente se non si riassume niente. Se continuano, devi parlarne con il tuo medico curante, riferendo esattamente motivi e sintomi.

Domanda: Ciao, un unico abuso di MDMA (0.4-0.3 sciolti in acqua e bevuta in 2) vengono rilevati nell'esame del capello in 8 mesi di astinenza?

Risposta:

 poco probabile

Domanda: Ciao, se ho preso mdma disciolta in acqua martedi la domanica della settimana dopo (quindi 12 giorni dopo) il capello dobvrebbe crescere " pulito"?

Risposta:

 dipende. Non esiste nessuna formula o regola in grado di dimostrarlo. Può esserlo come può non esserlo.

Condividi contenuti