Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 42562 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Refresh Type the characters you see in this picture. Type the characters you see in the picture; if you can't read them, submit the form and a new image will be generated. Not case sensitive.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori: ecstasy

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: salve a 3 giorni dall'assunzione di 1/3 di una pasticca di ecstasy provo dei forti girameti di testa e spossatezza è normale e passerà, è la mia prima esperienza con questa sostanza

Risposta:

normale non è...ma comunque non dovrebbe essere niente di grave, dato che possibili effetti collaterali della sostanza si hanno quasi subito e non a tre giorni di distanza. Cerca di non affaticarti nè sottoporre il tuo fisico a spostamenti bruschi, dato che si tratta probabilmente di sbalzi di pressione.

Se dovessero continuare parlane con il tuo medico curante, e, ovviamente, interrompi - anche in futuro - l'utilizzo della sostanza, che come stai provando su di te, può provocare effetti indesiderati...

Domanda: Salve domenica 4 febbraio x sbaglio ho bevuto un mini sorso di mdma..il 17 maggio ho l'esame del capello..secondo.voi risulterò positivo??è dal 19 novembre scorso che non faccio più festa..aiutatemi vi prego grazie intanto

Risposta:

se è stata realmente quella unica assunzione, difficile che risulti nell'esame

Domanda: Ciao a tutti, ho 16 anni ho un po di febbre e sabato (tra 2 giorni) dovrei andare a ballare e prendere l MD, quali sono gli effetti che potrei avere? È piu pericoloso?

Risposta:

Si ė più pericoloso in quanto aumenta il pericolo di ipertermia maligna (una febbre incontrollabile) che può portare al decesso. In ogni caso le metamfetamine sono sostanze pericolose. In particolare per una persona molto giovane come te c'è il rischio di danni psichici anche gravi.

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: L altro ieri notte ho assunto un grammo di ecstasy in cristalli, l ho usato in casa mia, non sono andato a nessun festa, e l ho usato in diversi modi (sniffato, dissolto nell'acqua e pure bagnato nella sigaretta)

Ho passato 4/5 ore a ballare continuamente davanti allo specchio, in poche parole posso dire di essermi divertito. Quanto tempo ci vuole per far si che il mio corpo lo smaltisse del tutto? E come mai a distanza di giorni quando penso alla sostanza mi vengono dei brividi dietro al collo, e un onda di eccitazione molto simile all effetto?

Risposta:

 I meccanismi cerebrali non sono sempre del tutto spiegabili. 

Quello che succede a te, con tutta probabilità, è un fenomeno simile (forte liberazione di serotonina in certe zone del cervello) a quello che succede con l'assunzione della sostanza stessa. 
In pratica nel cervello resta un segno anche dopo la fine dell'effetto. 
Si tratta di un segnale di un danno iniziale. Continuando l'assunzione il danno si aggraverebbe.
Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: Effetti sul cervello

Buonasera, nello scorso weekend (venerdì e sabato) ho assunto pasticche di ecstasy. Nella giornata di lunedì ho avuto la febbre che è peggiorata (arrivando a 39) nella giornata di martedì. Oggi, mercoledì, non ho più febbre. La cosa che più mi spaventa è che, nonostante non abbia la febbre, sento la testa come in un pallone, vedo tutto rallentato, non riesco a concentrarmi, ho giramenti continui di testa, mi sento come in uno stato continuo di "fattanza". Sono spaventata! Ho assunto quelle droghe perché ero in vacanza, non ne faccio uso abituale, ed ho paura che possa aver in qualche modo degli effetti negativi sul cervello per sempre.

Risposta:

 Stai tranquilla anche se i sintomi che hai avvertito sono correlati con l’assunzione dell’ecstasy,  non sono danni irreversibili.

Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: effetti sgradevoli post rave party

Allora, innanzitutto grazie dell'attenzione. Sono una ragazza di 17 anni, sono andata ad un rave di 4 giorni, preparata per l'assunzione di extasy ma oltre alla poca, 1,2g che mi ero portata non ce n'era altra, solo speed. quindi volendo ballare tantissimo io e la mia amica che mi ha accompagnato ci siamo finite l'exstasy il primo giorno e gli altri 3 siamo andate di speed. Credo di aver assunto circa 6g circa di speed in 3 giorni. Mi sentivo (sentivamo...) molto bene, ballavo anche 6 ore di fila, insomma i soliti effetti. La parte noiosa è ovviamente che non ho chiuso occhio in 4 giorni. Ho bevuto un bel po' di alcolici ma pochissima acqua e x rilassarmi, senza successo, ho utilizzato la marijuana, circa una decina di canne in 4 giorni (come al solito dopo che assumo md). Per tutta la durata della festa sono stata bene fisicamente ma una volta terminata,dopo 8 ore senza assumere nulla mi sentivo morire. Da li x mesi ho avuto sudori freddi, tremori, svenimenti e incapacità di percepire le funzioni corporee (zero appetito, perdite di urina e altro anche sangue, x via delle mestruazioni che non mi accorgevo di avere)...adesso a distanza di 7 mesi ancora mi sveglio la notte bagnata di urina e tremante e mollissima. Ovviamente non prendo più quei dosaggi (prendo giusto uno 0.3 di MD una volta ogni 2 sett ma fumo regolarmente erba) ma i sintomi pur diminuendo di intensità e frequenza rimangono. Concludo dicendo che la mia amica non ha avuto gli stessi sintomi, abbiamo preso quasi le stesse dosi di speed (io di più) ma lei non ha fumato meno canne e non ha bevuto. Sono preoccupatissima proprio x questo, abbiamo fatto le stesse cose ma io sto malissimo e lei non ha niente anzi prende anche più roba di me adesso (non che sia un vanto..)Qualcuno riesce a spiegarmi cosa sta succedendomi? Potrei rimanere così a vita??scusate la lunghezza....

Risposta:

 Cara lettrice: per prima cosa il fatto che la tua amica non abbia gli stessi effetti è possibile dal momento che non siamo tutti uguali e ognuno di noi reagisce in maniera diversa. Altrimenti non si spiegherebbe perché qualcuno si ammala di cuore e altri all’intestino ecc o perché uno è allergico alle fragole e uno alle noci.  Venendo a te: alcuni sintomi sono plausibili anche a distanza di tempo. Altri un po’ meno tipo l’incontinenza urinaria notturna. Prova a parlarne con il tuo medico o comunque con un sanitario. Sicuramente il consiglio primario è di non utilizzare nessun tipo di sostanza e vedere cosa succede nel tempo

Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: Mdma quanto può essere irreversibile il danno che provoca?

So che le droghe sintetiche bruciano i neuroni e so che questi poi non si rigenerano ma non voglio pensare di essermi rovinata la vita per una serata sbagliata. Ho assunto più volte questa sostanza come anche altre ma mai più di mezzo pezzo. Mi sono ritrovata poi una sera a una festa dopo una cosa come 4 anni che non la prendevo (tra l altro con anche il ciclo che ho scoperto che fa ancora peggio per le ragazze ) e ne presi un pezzo intero perché non sapevo con chi s mezzarlo. Inutile dire che il mio cervello non so cos ha sopportato. È stato assurdo per la prima volta avevo perso il controllo di tutto, avevo perso il controllo di me stessa. Ora mi ritrovo ad avere una timidezza estrema, faccio fatica per cose banali o che prima facevo facilmente. Il mio sguardo è spento/perso. e ho paura di quello che mi può succedere perché non riesco ad accettare che non riuscirò più ad avere una vita come tutti gli altri o meglio io non riesco a stare più come ero una volta e mi sento male perché so che potevo essere meglio di questo.

Risposta:

 Ciao, allora partendo dal presupposto che le droghe possono causare danni irreversibili, non credo possa essere il tuo caso, anche perchè nel caso dell'MDMA il "danno" se avviene si manifesta qusi subito e difficilmente a distanza di tempo. E' possibile che la tua sensazione di timidezza e difficoltà nel fare certe cose dipenda dal fatto che dopo aver fumato abitualmente e usato diverse sostanze per un certo periodo tu abbia voglia di riacquisire la lucidità che non senti più, credo che il problema non sia di capacità mentali (che sicuramente hai conservato anche solo per la chiarezza con cui hai raccontato il tuo vissuto) ma di come ti senti rispetto all'essere "padrona" delle tue esperienze, alle scelte su ciò che fai e non vorresti o cosa vorresti fare e non fai. Questa è stata la mia impressione, correggimi se sbaglio! Una domanda nel caso avessi voglia di riscrivere: fumi ancora abitualmente? Spero che la risposta ti sia utile, non esitare a riscriverci!

Edoardo - sostanze.info

Domanda: MDMA NON MI FA PIU EFFETTO

ciao, ho 17 anni sono una ragazza e ho assunto per la prima volta l'md in cristalli a dicembre scorso insieme al mio ragazzo, ed era andata benissimo tutto bellissimo,dopo quella volta ci capitava di farlo circa ogni 3 settimane o una volta al mese, diciamo quando ne capitava l'occasione.. la prendevano solitamente a casa ,anche le volte sucessive è sempre stato bellissimo, poi una sera ci siamo presi una pastiglia per 2 giorni di fila, il primo giorno tutto ok , ma quello dopo a me mentre a lui gliera gia salita, non mi aveva fatto nulla, tanto che ne avevo mangiata un altra e cosi aveva fatto il suo effetto. Dopo quella volta prima di prendere di nuovo l'md erano passati circa 2 mesi solo che 1 mese prima avevo iniziato una cura con la sertralina per bulimia. Arrivato il giorno di prenderla non mi fece, non mi saliva e non capivo perche, sentivo pochissimo gli effetti e solo a livello fisico, cosi ci riprovai il giorno dopo ma uguale, ed era impossibile che fosse colpa della sostanza poco buona perche il mio ragazzo era fatto e anche gli altri miei amici, cosi decisi di interrompere col farmaco perche pensavo fosse quello che me la bloccava, ma anche le volte successive fu una vera delusione ed era passato pure un mese dall'interruzione con la sertralina, le ultime volte che l'ho presa è stata la settimana scorsa e un po mi ha fatta ma poco, non mi saliva e finiva subito, le pupille si dilatavano, sentivo uno strano calore, ma ero normale, non ero felice, non dava i suoi effetti bellissimi e non capisco perche, perche solo a me, allora mi sto una domanda può essere che non abbia piu serotonina e per questo motivo l'md non fa il suo effetto? in tutto dall'anno scorso avro preso l'md 16-17 volte è, può finire la serotonina? può essere che non ho dato il tempo necessario per farla repristinare? Aiutatemi che altro motivo può esserci?

Risposta:

Ciao da quello che dici si possono ipotizzare delle spiegazioni approssimate su quello che ti è successo rispetto all’effetto che non senti più dopo le assunzioni di md. Credo, non sono un medico e non so dirti niente sull’interazione con il farmaco che hai preso per un periodo, che sicuramente le frequenti assunzioni per un periodo abbiano messo in seria difficoltà il tuo equilibrio di serotonina e questo provoca problemi anche seri, sono spesso solo temporanei ma un livello scarso di serotonina, per semplificare, influisce sullo stato del tuo umore che poi a sua volta influisce anche sugli effetti che la sostanza ti da. Nel tuo caso tu senti gli effetti meno intensi, in altri casi si instaura uno stato depressivo o altro.il fatto però che tu senta meno gli effetti che conosci e che ricerchi è curioso e fa pensare che il tuo stato psicologico, le condizioni in cui ti trovi a prendere la sostanza influiscano nel ridurti la percezione dello stato di alterazione. Il “set” quindi le determinanti soggettive che spesso tendono ad essere sottovalutate commettendo un errore perchè invece possono fare la differenza reale. Normalmente si tende a sopravvalutare l’importanza del principio attivo assunto, della sua qualità e quantità, ma un ruolo altrettanto importante lo giocano le condizioni psicologiche del soggetto che assume ( il set)  e il contesto in cui lo fa  ( il setting) come ti fanno notare I post di chi ti ha risposto prima di me. Rispetto ai tempi di recupero della serotonina dopo un assunzione di una sostanza come l’MD variano dal mese e mezzo ai due mesi, per avere un idea di massima, può essere che nel tuo caso il periodo di assunzioni più frequenti abbiano causato uno squilibrio che il tuo corpo non ha recuperato, sicuramente ti farebbe bene seguire questo segnale per darti un tempo di pausa lunga funzionale a riequilibrare la situazione. Una banalità forse, considera anche che la modalità di assunzione può avere il suo peso, se la consumi in cristalli poi sciolti in bevande da dividere da una sola confezione, la densità del principio attivo che assumete insieme può essere molto diversa l’uno dall’altro, ( finisce che a qualcuno fa  e a qualcuno molto meno ). Infine I consigli sulla scelta del setting che ti suggeriscono I commenti al tuo racconto sono interessanti e probabilmente validi. Mi sembra che sia da sottolineare l’insistenza sulla disposizione all’esperienza e sulle cure da porre per renderla migliore , più rimani aperta e disponibile con le minori attese possibili più è facile che l’esperienza sia intensa , positiva e inedita.

Stefano Bertoletti sostanze.info

Domanda: I giorni dopo l'assunzione di MD

Ciao a tutti! Sono una ragazza di 22 anni. Sabato a una festa ho preso l'MD..non era la prima volta, ma questa volta ne ho presa più del solito..infatti dopo un po' mi sono sentita male:caldo, caldissimo!!! Sono andata via e una volta uscita ho iniziato a sentirmi meglio... il problema é sorto nei giorni dopo: ogni mattina mi sveglio con un buco allo stomaco, non riesco a mangiare, ansia, tachicardia, mi sembra di avere qualcosa che non va..non so se siano mie paranoie o se sto davvero male. Qualcuno mi sa dire qualcosa? Non vogluo prendere farmaci! Preferirei dei rimedi naturali..ho notato che con le tecniche di respirazione mi rilasso molto,ma bastano? Questi momenti di "panico/ansia" vanno e vengono durante la giornata ..ora sono già 4 giorni che va avanti così. ..vorrei tornare normale, non avrei più queste sensazioni .. P.s Non assumeró mai più MD!!!!!

Risposta:

partendo dalla tua ultima affermazione (che condividiamo in pieno), quello che stai passando a piuttosto comune come conseguenza nell'assunzione di questa sostanza. I sintomi che avverti tenderanno a scomparire nei prossimi giorni anche senza bisogno dell'assunzione di farmaci. Ti consigliamo di seguire quella che sembra già essere una tua inclinazione "naturale", ovvero continuare con gli esercizi di respirazione, perchè aiutano tantissimo a gestire stati d'animo quiali ansia e eventuali - leggeri - attacchi di panico.

Domanda: sorso di MDMA e febbre

Buongiorno, sabato sera ho bevuto un sorso, molto piccolo, di MDMA da una bottiglietta da mezzo litro d'acqua, purtroppo preceduto e seguito da una dose di alcol, anche se non eccessiva. Fino al giorno dopo ho avuto la sensazione che non mi fosse salito, infatti non ho provato nessuna sensazione di sete o disidratazione o, in realtà, euforia eccessiva. Tuttavia, nei due giorni successivi mi sentivo parecchio stanca, ma associavo la cosa al fatto di aver dormito poco per tutto il weekend. Martedì ho iniziato ad avere qualche dolore muscolare, successivamente seguito da febbre a temperature accettabili (37-38,5). Ieri invece la febbre ha raggiunto al mattino 39,2 e in serata 40,8. Adesso sono distrutta e a tratti ho dei giramenti di testa, ma potrebbe trattarsi di una conseguenza dell'evento febbrile di ieri. Mi chiedevo se fosse possibile a distanza di così tanti giorni che si tratti di un effetto del sorsetto di droga (è stato un errore e non si ripeterà mai) o se, come mi assicurano i medici, si tratti dell'influenza. Ciò che mi lascia perplessa è la temperatura che il mio corpo ha raggiunto, che non credo raggiungesse da eventi influenzali della prima infanzia. Aggiungo che in effetti già prima di sabato non mi sentivo benissimo, quindi può darsi che stessi già covando qualcosa. Se dovesse ripresentarsi un fenomeno febbrile così eccessivo nelle prossime ore è il caso di chiamare il pronto soccorso? Grazie

Risposta:

Dal tuo racconto mi sembra di capire che si sia trattato di una febbre da influenza. Questa febbre probabilmente è stata peggiorata dall'assunzione della metamfetamina e dalla serata in discoteca. Quello che devi fare ora è mantenerti ben idratata e stare a riposo. Se tornasse la febbre, dopo tutto il tempo trascorso dall'assunzione di metamfetamina, essa non potrebbe essere influenzata da questa. Se succedesse, più che al pronto soccorso, potresti rivolgerti al tuo medico o alla guardia medica.

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info 

Condividi contenuti