Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 39421 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Refresh Type the characters you see in this picture. Type the characters you see in the picture; if you can't read them, submit the form and a new image will be generated. Not case sensitive.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori: ecstasy

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: Salve, volevo sapere se ci sono possibili interazioni dannose tra la malattia di raynaud e l'assunzione di md, grazie.

Risposta:

Il fenomeno di Raynaud ha delle cause scatenanti come il freddo, il fumo di sigarette, l'uso di strumenti come i martelli pneumatici. Non ho trovato notizie di interazioni specifiche con l'assunzione di metamfetamine. Tuttavia non mi sentirei di escluderle in considerazione del fatto che queste sostanze tendono a provocare vasocostrizione arteriosa.
Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: MDMA: allergia - shock anafilattico - altri problemi

Buongiorno. Vorrei avere delle informazioni attendibili su alcuni rischi dall'utilizzo di MDMA. Spero che il sito possa rispondere alla mia curiosità, poiché il rischio di rivolgersi a un medico significa portarsi a casa un discorso vago e moralistico. Un'ammonizione, più che un parare tecnico e distaccato. E' possibile essere allergici alla sostanza, come succede a volte per i farmaci, al di là della quantità assunta? Immagino di sì. Si conosce la percentuale delle morti o dei danni irreversibili dopo un solo utilizzo a quantità moderate? L'eventuale allergia potrebbe essere collegata ad altre caratteristiche dell'individuo, e quindi prevenuta? E' possibile che venga uno shock anafilattico, per esempio, alla terza assunzione (dose leggera a distanza di un anno senza assunzione contemporanea di altre sostanze)? Mi spiego meglio: è corretto supporre che la reazione allergica possa avvenire in modo imprevedibile all'ennesima assunzione, anche se la prima/prime volta/volte è andato tutto bene? Secondo caso: una dose moderata di MDMA assunta per la prima volta da una persona che ha avuto un ascesso epatico (cause sconosciute) più di dieci anni prima del momento dell'assunzione può essere letale o condurre a danni gravi o lievi ma irreversibili? Il fatto di avere avuto problemi epatici (infine risolti) è da tenere in considerazione? Grazie di tutto. Spero di essere stata sufficientemente chiara.

Risposta:

 Direi che ti sei spiegata bene. Quello che tu acquisti come MDMA non è detto che lo sia al 100%:  esiste sempre un quota parte di altre sostanze che non puoi sapere cosa sono: direi quindi che la possibiltà di un evento allergico è sempre presente. 

O diciamo che non si può escludere.  
Per quanto riguarda la seconda domanda è no. Quel problema epatico, a maggior ragione se risolto, non determina un fattore di rischio maggiore. 
Devi sapere però che esiste un rischio (remoto) di sviluppare una epatite tossica ma indipendentemente dall’avere avuto nel passato un ascesso epatico
Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: potreste dire nomi di farmaci gastroprotettori da prendere prima di ubriacarsi o di prendere MD? grazie

Risposta:

 il problema non è la protezione gastrica, ma gli effetti collaterali di ecstasy e alcol (da soli o anche mescolati)

Domanda: Quanto durano lsd mdma e thc nelle urine?a fine mese ho gli esami

Risposta:

almeno una settimana la prima, dai 10 ai 40 giorni la seconda

Domanda: Salve, due sere fa ho fatto uso di mdma dopo aver bevuto parecchio alcol, ero già in stato di ubriachezza diciamo. Il giorno seguente ho dormito tutto il giorno e oggi non ho fame e ho gli stessi sintomi di un attacco di panico. Non ho nessuna

Intenzione di rifare di nuovo un'esperienza del genere sebbene sul momento mi abbia fatto sentire molto bene. Sono molto in ansia per la mia salute, se provocherà danni permanenti e quanto ci metterà questa sensazione di affanno e debolezza a sparire del tutto. Grazie in anticipo per la risposta

Risposta:

poco probabile che una unica assunzione della sostanza sia in grado di provocare danni neurologici permanenti. Vedrai che con il passare dei giorni i sintomi che adesso provi inizieranno a diminuire fino a scomparire del tutto. Ovviamente a condizione che tu non riassuma la sostanza, la cui assunzione evidentemente non può che procurarti nuovi attacchi di panico o ansia.

Domanda: C'è qualche collegamento tra l'abuso di mdma/alcol e le paralisi del sonno (molto frequenti)?

Risposta:

 Le paralisi del sonno sono più frequenti in persone che soffrono di attacchi di panico, ansia e disturbi dell'umore. Questi disturbi sono spesso provocati dalle metamfetamine. Quindi un legame esiste.

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: effetti sgradevoli post rave party

Allora, innanzitutto grazie dell'attenzione. Sono una ragazza di 17 anni, sono andata ad un rave di 4 giorni, preparata per l'assunzione di extasy ma oltre alla poca, 1,2g che mi ero portata non ce n'era altra, solo speed. quindi volendo ballare tantissimo io e la mia amica che mi ha accompagnato ci siamo finite l'exstasy il primo giorno e gli altri 3 siamo andate di speed. Credo di aver assunto circa 6g circa di speed in 3 giorni. Mi sentivo (sentivamo...) molto bene, ballavo anche 6 ore di fila, insomma i soliti effetti. La parte noiosa è ovviamente che non ho chiuso occhio in 4 giorni. Ho bevuto un bel po' di alcolici ma pochissima acqua e x rilassarmi, senza successo, ho utilizzato la marijuana, circa una decina di canne in 4 giorni (come al solito dopo che assumo md). Per tutta la durata della festa sono stata bene fisicamente ma una volta terminata,dopo 8 ore senza assumere nulla mi sentivo morire. Da li x mesi ho avuto sudori freddi, tremori, svenimenti e incapacità di percepire le funzioni corporee (zero appetito, perdite di urina e altro anche sangue, x via delle mestruazioni che non mi accorgevo di avere)...adesso a distanza di 7 mesi ancora mi sveglio la notte bagnata di urina e tremante e mollissima. Ovviamente non prendo più quei dosaggi (prendo giusto uno 0.3 di MD una volta ogni 2 sett ma fumo regolarmente erba) ma i sintomi pur diminuendo di intensità e frequenza rimangono. Concludo dicendo che la mia amica non ha avuto gli stessi sintomi, abbiamo preso quasi le stesse dosi di speed (io di più) ma lei non ha fumato meno canne e non ha bevuto. Sono preoccupatissima proprio x questo, abbiamo fatto le stesse cose ma io sto malissimo e lei non ha niente anzi prende anche più roba di me adesso (non che sia un vanto..)Qualcuno riesce a spiegarmi cosa sta succedendomi? Potrei rimanere così a vita??scusate la lunghezza....

Risposta:

 Cara lettrice: per prima cosa il fatto che la tua amica non abbia gli stessi effetti è possibile dal momento che non siamo tutti uguali e ognuno di noi reagisce in maniera diversa. Altrimenti non si spiegherebbe perché qualcuno si ammala di cuore e altri all’intestino ecc o perché uno è allergico alle fragole e uno alle noci.  Venendo a te: alcuni sintomi sono plausibili anche a distanza di tempo. Altri un po’ meno tipo l’incontinenza urinaria notturna. Prova a parlarne con il tuo medico o comunque con un sanitario. Sicuramente il consiglio primario è di non utilizzare nessun tipo di sostanza e vedere cosa succede nel tempo

Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: e vero che con trattamento bicarbonato+topexan e decolorazione e tinta si passa l esame capello?

E vero che si può passare il test del capello facendo bicarbonato più topexan e candeggina e dopo decolorazione e tinta del colore?l esame lo ho il 10 ottobre...fatemi sapere se lo passo oppure no...ho fatto uso fino al 15 agosto saltuario...ecstasy ketA e coca da giugno 2015 con mesi senza fare nulla e ho tagliato i capelli tante volte...

Risposta:

 se ci metti anche un pò di lucido da scarpe forse ce la fai ^^___^^

il problema dei trattamenti è che qualsiasi laboratorio si accorge che il capello è stato alterato (colore, sfibramento ecc.) e quindi si rifiutano di effettuare l'esame

Domanda: Dopo quanto tempo dall ultima assunzione di ecstasy si ristabilizza la serotonina?

Tendo a specificare che per un mese ho fatto un uso abbastanza moderato di ecstasy, però sempre e solo in cristalli, variando dai 0.2 ai 0.5 grammi, almeno 3 volte a settimana, ed esclusivamente in strada, non ho partecipato a nessuna festa

Risposta:

 ci vuole qualche mese

Domanda: Come ripristinare la salute ?

Salve, consumo mdma in cristalli, non più di una volta al mese e non più di 0.2. Volevo chiedervi se ci fosse un modo o qualcosa da mangiare per ripristinare le vitamine o i sali persi. ho letto che consumando mdma, il corpo espelle il sodio e il potassio, e trattiene i liquidi, di conseguenza dovrei mangiare salato, per ricompensare ? dovrei mangiare frutta ? carboidrati ? bere cose dolci o meglio acqua ? insomma come posso ridare al mio corpo i valori ( sostanze, vitamine che ha perso ?

Risposta:

non facendo assolutamente niente, se non:

  1. interrompere l'uso della sostanza
  2. aspettare che - molto rapidamente - l'organismo ritrovi autonomamente l'equilibrio perduto
Condividi contenuti