Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 29847 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Type the characters you see in this picture. (verifica con audio)
Inserisci il testo che vedi nell'immagine qui sopra. Se non riesci a leggerli, invia il modulo e una nuova immagine sarà generata. È indifferente a maiuscole e minuscole.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori: ecstasy

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: febbre dopo assunzione mdma

Buonasera, ho assunto mdma due giorni fa per la prima volta, ma a causa della perdita di memoria non riesco a ricordare quanta. La sensazione è stata positiva, non ho avuto malori, solo un po' di rallentamento delle azioni il giorno successivo. Oggi a distanza di due giorni ho la febbre molto alta e volevo capire se determinata dall'assunzione di Mdma o dal fatto che arrivi da un viaggio lungo, stancante, in cui ho dormito poco (o ancora una semplice influenza). Io mi sento molto bene, ho solo i classici sintomi dell'influenza. Vorrei capire se posso prendere tranquillamente della tachipirina per abbassare la febbre o se possa interferire con le sostanze che ho preso e che sono ancora nel mio corpo. grazie mille per l'aiuto! X

Risposta:

 Si certamente puoi prendere la tachipirina. La causa della febbre potrebbe essere semplicemente un influenza. Ma potrebbe anche trattarsi di una febbre provocata dall'insieme di cause da te stesso prese in considerazione. La tua analisi mi sembra molto corretta. In ogni caso: riposo, bere acqua in abbondanza, mangiare sostanze ricche di zucchero. E tutto va a posto.

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: salve, io avrò il test del capello, ma ancora non so quando, vorrei sapere, facendo uso di 0,5 grammi di md, per quanto risulterà nel capello? premetto che non sono uso che ne fa uso abituale, l' ultima volta é stata più di 1anno fa!

Risposta:

 dopo un anno non trovano niente

Domanda: MD o altre sostanze ?

Buonasera a tutti , sono un ragazzo di 17 anni e diciamo da circa un anno a oggi uso md moderatamente (mai piu di 0,5g) , ovviamente all'inizi era tutto fantastico e bellissimo visto anche la qualita dell'md che asumevo (era veramente come direbbero alcuni di voi "storica") , dopo la prima volta che l'ho assunta sno andato avanti per 5 settimane prendendola ogni sabato ( come ho detto prima mai piu di 0,5 ) , dopo 3-4 assunzioni aveva perso diciamo un po il suo fascino ,quindi decidetti di smettere e a distanza di 5 mesi mi son fatto due serate (a 3 giorni di distanza ) riassumendo la sostanza , sempre a distanza di 4 mesi a capodanno decidetti di riprenderla . Talvolta però l'md avevo un gusto abbastanza strano ( era amara ma poco poco ) , ovviamente non essendo un cazzone in queste cose (penso di averla presa max 8 volte di cui 5 era sempre la stessa ) mi son preoccupato un po visto che ingiro si leggono molte cose sui rc e popper che sembrano md e anche gli effetti sono simili . A me gli effetti son sembrati i soliti dell'md però vorrei sapere se ce qualcuno che saprebbe dirmi come riconoscerla al 100% visto che non vorrei che mi capiti per lo stomaco tipo il mefedrone o robbe simili . Sto anche pensando di aqcuistare un marquis kit per riconoscere le sostanze

Risposta:

 Nessuno può valutare "a occhio". Una risposta  certa può darla solo un esame chimico. Quando si acquista una sostanza al mercato illegale, non si può mai sapere cosa si sta acquistando.

Domanda: Assunzione mdma, attacchi di panico e ansia

Ciao a tutti mi chiamo Antonio, ho 18 anni da poco e volevo espormi il mio problema... 1 mese fa ho assunto MDMA per la prima volta (0,25 e con estrema paura) un po stimolato dalle circostanze un po dal mio gruppo. Investito da quello che sono i naturali effetti delle mdma, sono stato felicissimo e ho preso la decisione di riutilizzarne lo stesso quantitativo il sabato seguente. Seppur abbia vomitato, Ho passato una serata stupenda, e non ho subito down (Solo il freddo la mattina dopo, ma era giustificato dall'attesa del tram al gelo). poco dopo però, sono iniziate strane "percezioni": mi sento confuso, ma non credo. Mi sento "la parte sinistra del corpo strano", ma forse mi rendo conto che è "strana" solo quando ci penso. Spesso vado in iperventilazione in quanto, facendo respironi, ho paura di non avere fiato. Di conseguenza (credo) iniziano i dolori intercostali. "temo" di non sentirmi piu il braccio, quando mi rendo conto che me lo sento. "accuso" sintomi da infarto (forse molto suggestionato dal fatto che io li conosca), ma molto leggeri (dolore intercostale appena percettibile, che se razionalizzato addirittura smette di esistere), sento la parte sinistra del corpro "diversa". Mi rend conto che io utilizzo molto questa parte del corpo(porto la tracolla su quella spalla, mi poggio su quella gamba.. etc etc) e mi è balenata l'idea che potesse essere soltanto un aumento delle percezioni del mio organismo dovuto all'assunzione di questa determinata sostanza. Premettendo il fatto che gia di mio sono abbastanza paranoico, e che alcune volte "parto di testa"(mai alzando le mani, al massimo arrivo a urlare ma succede solo con i miei genitori e anche se capita che mio padre mi tiri una sberla ogni tanto ho la fermezza e la capacità di nn risponderli, magari lo insulto e sento una rabbia immensa ma rispetto la gerarchia familiare). Faccio abitulmente uso di cannabis da due anni (livelli esagerati, periodi in cui sono arrivato a fumare fino a 100 grammi a settimana...) e credo di esserne dipendendente psicologicamente. Almeno, ora non piu. iniziati questi leggeri sintomi (che cmq ho ignorato, xke al tempo non attribuivo e collegavo le due cose) ho deciso di riassumere la sostanza due sabati dopo. Inizialmente, mi stava salendo "male": ero solo, e il primo pensiero che ho avuto è stato "non assumerla mai piu": giramenti di testa, poca energia. Uscito dal locale, ho incontrato un mio amico e queste "sensazioni" (forse dovute alla solitudine in un locale pieno di gente, all'estremo caldo e all'imponente fila che ho dovuto fare) sono svanite. Stavo per rivomitare, ma un semplice suo "no" è bastato a farmi passare la nausea. La serata è corsa felice sotto gli effetti naturali della droga, se non fosse che, non avevo le energie necessarie per ballare. Sudavo, ero preso benissimo (anche se silenzioso verso la fine) ma tremendamente stanco. Ho fumato una canna di sputnik (anche se io credo piu possibili sia stato burbuka) nel mentre, ma non ne ho sortito effetti. La mattina dopo, apparte il freddO (giustificato credo, 5 del mattino del 20 ottobre sudato fradicio) non ho riscontrato down. NEanche psicologici. Fatto sta che dopo sono continuati i sintomi prima descritti: O meglio, non so. Non riesco a capire se questi "sintomi" siano effettivi, riesco a percepirli con chiarezza solo sotto effetto di cannabis (infatti ho preso la decisione di smettere dopo due anni di assidua assunzione). E anche sotto effetto di cannabis, no ncapisco se sono "cose che ci sono sempre state a cui ora do peso" o meno. Sono un tipo ESTREMAMENTE razionale, ciononostant eho deciso di fare una visita generale. Ho la pressione sui 110 - 50 (non ne sono sicuro ma credo che prima fosse piu alta), ma mi ès tato detto dalla dottoressa che non ho soffi al cuore, aritmie, problemi cardiachi di nessun genere. Mi è stato prescritto un "rimedio" blando, ovvero l'ansiotel, di cui manco sento la necessita. Sono stato dal neurologo (ho associato tutti questi fattori a possibili attacchi di panico post assunzione di mdma) ma non mi ha menzionato ne attacchi di panico, ne altro, anzi, gli sono sembrato un tipo calmo e normale (anche se alla fine tanto calmo non sono ahah) e mi ha detto di tornare. Ora "sento" i lbraccio sinistro diverso. Credo. è questo il punto, non riesco a capire se sono tutte fobie immotivate del cazzo o meno. Fatto sta che domani sera ho intenzioni di riassumere questa sostanza (seppur diversa: prima, probabilmente, si trattavano di pasticche tritate e pochissimi cristalli, ora di un cristallo sul marroncino chiaro) ma in dose minore, ovvero 0.2, con l'intenzione di prenderla l'ultima volta per farmi un halloween programmato da tantissimo tempo e smettere (in quanto, sinceramente, sono abbastanza spaventato). Sono assolutamente sicuro che dopo il 31 non assumerò piu sostanze del genere. Ora le domande: -la seconda e la terza volta che ho assunto la sostanza, seppur la stessa mi ha dato effetti diversi : La seconda, ero pieno di energie, preso bene e basta, ho ballato ore e ore seppur ricordandomi di prendere aria e bere tanta acqua fino a che ho sentito che non potevo andare avanti e ho smesso. La terza volta, ero a pezzi fisicamente, non volevo ballare ma ero "preso bene" e volevo stare con i miei amici, anche se gia dopo 2 ore dall'effettiva "salita" non parlavo molto (probabilmente xke mi era finito 'effeto.)Seppur tentato di riprenderla la stessa sera, e avendone l'occasione, ho avuto la fermezza di dire"no" e non l'ho presa. NOn ho avuto down, anzi, apparte il freddo ero tutto felice. Da li però sono iniziati a peggiorare le cose scritte sopra (credo, xke, ripeto, non so se è una fissazione che attribuisco io o esistono davvero). Una cosa strana è che in entrambe le volte mi tremava l'occhio sinistro, vedevo traballare: è normale? una volta mi è capitato (credo) sotto la sostanza, di aver percepito un luccichio all'occhio(al lato) dalla parte sinistra. è normale? ora ho dolori (diciamo) al petto, anche se minimi. è normale? -L'assunzione di mdma domani (diversa dalla precendente), 0.2 (peso sui 60 kili, massimo massimo 62) sera potrebbe causarmi una brutta esperienza? Anche se sono con tutti i miei amici e se riesco a pensare che "non può succedermi niente", a essere in compagnia in una discoteca con musica che mi piace e gente interessante intorno? Se mi ricordo di bere acqua uno due volte all'ora, di uscire a prendere aria spessissimo, di non ballare piu di mezzora di fila, rischio la morte? Ho preso la decisione (seppur spaventato) di fare questultima esperienza, quindi, per favore non cercate di dissuadermi, sarebbe inutile. Vorrei solo sapere risposte in campo medico. Potreebbe "prendermi male"? come fare per evitarlo? potrebbe peggiorare questi "stati d'ansia" che ho? -Ho cercato di darmi un autodiagnosi attribuendo ai miei sintomi il nome di "attacchi di panico". Sono effettivi attacchi di panico? Ne sento maggior frequenza con l'uso di stupefacenti da "rolling"£ (Erba, ashish), e anzi, dubito di accusarli se non ne faccio uso (ora come ora), se non il "formicolio immaginario al braccio sinistro". QUali sono i rischi che corro? Come posso capire se sono facilmente soggetto a queeste sostanze? COme posso avere la certezza che non mi prenderà male? è possibile avere attacchi di panico sotto mdma? la mia sensazione di formicolio potrebbe manifestarsi ingigantita e darmi sensazioni da infarto, portandomi a stare male? come capisco esattamente se sto per morire sotto mdma? spero che possiate essermi d'aiuto. Ripeto che assumo la sostanza per l'ultima volta domani, e non privo di preoccupazioni. VOglio solo cercare di godermi l'ultimo sballo, per chiudere questo capitolo della mia vita senza rimpianti con una serata in programma da tempo. VOrrei sapere se è possibile o se aprirà un nuovo capitolo triste e grigio della mia vita. Grazie mille per il tempo che mi dedicherete e per aver letto questo poema, ma è unac osa che negli ultimi giorni mi preoccupa tanto,. Grazie ancora e arrivederci

Risposta:

 Caro giovane lettore, ho letto la tua lettera con attenzione e ora cerco di risponderti. Non cercherò di convincerti a non assumere mdma per l'ultima volta, anche perchè non ho fatto in tempo. E poi sei proprio deciso e quindi, come dici tu, sarebbe inutile. Il tuo racconto è davvero molto particolareggiato ed articolato. 

Ma posso fare una sintesi: hai avuto un effetto indesiderato da sostanze. 
Ho scritto il plurale perchè, con tutta probabilità, quello che ti è successo è conseguenza sia dell'mdma che del thc. Si tratta di sensazioni certamente spiacevoli. Ma non solo. 
Si tratta anche di campanelli d'allarme a cui fai bene a dare importanza. Sono segnali del fatto che qualcosa comincia ad andare male tra il tuo cervello e le sostanze che assumi. O, se vuoi, un danno sta iniziando. Da quello che scrivi sembra che se sospendi da subito le assunzioni tutto dovrebbe tornare a posto e tutto ciò dovrebbe trasformarsi solo in un cattivo ricordo. Ma si può dedurre anche che se continui le cose, con tutta probabilità, peggioreranno, ed un danno che al momento è ancora reversibile possa diventare irreversibile. Se di tratta di attacchi di panico o meno, non è del tutto chiaro. Ma dare una definizione non è in fondo così importante, in una situazione come la tua. Quello che è importante è fare in modo che le cose non peggiorino. 
Non so se ho risposto a tutti i tuoi dubbi. Se hai altri dubbi resto a tua disposizione.
Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: che cosa sono l' "md" e "ma" ?? che effetti hanno ?

Risposta:

Non ci risultano sostanze che vengano chiamate "ma".
Alcuni chiamano confidenzialmente "md" l'ecstasy (MDMA).
MDMA è il nome abbreviato della molecola “metilendiossimetilamfetamina” detta comunemente ecstasy.
Notizie su questa sostanza le puoi trovare nella scheda relativa presente sul sito.
Se invece ti riferivi all’ MDA, si tratta di una sostanza strettamente imparentata con l'MDMA.
Si differenzia dall'MDMA soprattutto per il modo in cui influenza le percezioni sensoriali (effetto entactogeno), per l'intensificarsi della capacità di immedesimazione (effetto empatico) e per l'intensità degli effetti allucinogeni.
L'MDA (3,4-metilendiossiamfetamina o 1-[1-3-benzodiossolo-5-yl]-2-propanammina) è un derivato sintetico dell'amfetamina; a volte è contenuto, con l'MDMA, nelle pasticche di ecstasy; raramente è reperibile allo stato puro.
E' una droga più forte, ma meno "magica" dell'MDMA.
Provoca inoltre effetti leggermente allucinogeni.
RISCHI ED EFFETTI COLLATERALI
Nausea, conati di vomito, secchezza della bocca, contrazione dei muscoli mascellari, traspirazione, disturbi di coordinazione motoria, disturbi del sonno, tremore.

Domanda: per sapere se rischio morte, infarti, aritmie ecc ecc dovute all'assunzione di cocaina o MDMA che visita cardiologica è più indicata per valutare l'entità del rischio? es. ecocardiogramma, elettrocardiogramma sotto sforzo ecc (ho 18 anni)

Risposta:

 Il rischio di grave danno cardiaco conseguente all'assunzione di quelle sostanze esiste anche per apparati cardiovascolari del tutto sani. Quindi non esistono esami in grado di valutare il rischio ed il non-rischio. Va da sè che un apparato cardiovascolare malato rischia di più. Mi riferisco in particolare ad aritmie cardiache, ischemie cardiache, infarto in corso o pregresso, ipertensione arteriosa, malformazioni valvolari congenite e/o acquisite, malformazioni vascolari congenite e/o acquisite, aterosclerosi in presenza e anche in assenza di riduzione del flusso sanguigno. Insomma tutto

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: Salve a tutti! Ho quasi 18 anni e il giorno 1 febbraio dovrei andare a fare le analisi del sangue che porterò alla dietologa! Un mese fa circa ho fatto uso di Mdma e dovrei farlo anche questa notte! Volevo sapere se nelle analisi risultava

Risposta:

 no

Domanda: Ho usato cannabinoidi per 12 anni e poi un giorno ho provato l'ice, da allora la mia vita è totolamente cambiata!

Ciao a tutti, sono una ragazza di 23 anni, ho fatto un uso esagerato di cannabis per 12 anni, senza mai aver problemi, ne turbamenti psicologici. La cannabis era quella che " regolava la mia vita " lavoravo, studiavo, correvo, ridevo, mi divertivo sempre sotto l'effetto di essa. Premetto che sono sempre stata una ragazza, vivace, molto sorridente, viaggiatrice alla scoperta di nuove terre, intraprendente ed estrosa...finchè un giorno, maledetto quel giorno, mi trovavo in Thailandia ed ho deciso di provare l'ice. l'ho fumata due volte, in due giorni consecutivi, ovviamente ne ho fumata molto poca data l'assuefazione che provoca, e data anche la mia corporatura, 43 kg ( e ragazzi, è fortissima ) e sono stata relativamente bene con tutte le conseguenze del caso: entusiasmo, euforia, logorrea, mancanza di appettito ed insonnia ma, nessun disturbo psichico. Passati due giorni, non mi sentivo in piena forma ma sapevo che era il down provocato dalla sostanza. Poi, qualcuno ha insistito sul farmela fumare ancora, io in realtà non volevo, la mia mente non voleva ma poi ho pensato che avrei fumato poco, per l'ultima volta.... e lì ho fatto il danno. Ero incapace di alzarmi da terra pensando che sarei dovuta andare a casa ( ero in paranoia perchè non volevo incontrare gli sguardi della gente soprattutto quello del mio ragazzo che non doveva saperlo, questa droga ti fa sentire come se tutti ti stessero osservando, si cade in uno stress psicofisico terrificante ma in realtà basta esserne consapevoli). Mi sono recata velocemente verso casa, mi son chiusa in camera, e mi sarò fumata 10 canne in 3 ore pensando che dovevo assolutamente fumar cannabis per riuscire a prendere sonno e fin qui ancora tutto bene diciamo, ( erba thai, con livello basso di thc ma comunque contenente thc) ero in posizione di riposo in una mano il telecomando nell altra una canna, l'ultima. Ho iniziato a sentire una fortissima vibrazione che ha coinvolto tutto il mio corpo, tranne il viso, non sentivo pù il contatto con il letto, ero totalmente rigida, volevo muovere un braccio ma non ci riuscivo, poi come una ventata d'aria che mi ha attraversato il corpo, il cuore lo sentivo battere estremamente forte, lo vedevo, voleva saltare fuori dal torace. Mi sono detta che ero più forte io, ho stretto i pugni e sono riuscita a riacquisire il movimento, ho urlato fortissimo e sono riuscita ad alzare la schiena, (ero finalmente seduta)... tutto ciò è successo a gennaio, sono poi andata a farmi subito delle analisi, risultavo leggermente anemica e con un calo delle vitamine del complesso B, ecocardiogramma con esito normale, mi hanno prescritto del Valium che mi ha aiutato e della fluoxetina ( quest ultima non l'ho mai assunta), avevo attacchi di panico ripetuti, minori al mattino, ma appena arrivava il tramonto il mio cuore partiva a tutta birra, la notte mi terrorizzava....ho veramente pensato di morire, ho veramente toccato il fondo, ho avuto degli attacchi di panico cosi forti che veramente pensavo che il mio cuore mi stesse abbandonando, anche perchè ti senti un peso enorme sul petto, un nodo in gola, dolore al braccio sinistro, dolore al fianco e allo stomaco, impotenza... da allora, ho dovuto smettere anche di fumare cannabis, perchè non mi faceva più stare bene, riuscivo a far qualche tiro solo se ero con molti amici che mi distraevano da quel che stavo facendo, cioè fumare, perchè la mia mente pensa subito a quel che succederà dopo che avrò fumato, cioè che starò male ) tra l'altro, non riesco più a parlare di droghe, di morte, di gente che sta male, se guardo un film horror o con scene violente e sangue vado in panico. infine un mese fa ho avuto dei forti dolori al petto, dalle analisi risulta che ho delle extrasitoli ma nessun danno al cuore, vene o coronarie...da allora è come se avessi smosso qualcosa nella mia mente, come se avessi intaccato una parte di essa, quella emozionale. Comunque a parte gli attacchi di panico da allora io sono diventata una persona triste, abbattutta dalle mie stesse mani, io non consiglio a nessuno di provare nessun tipo di droga tanto meno l'ice shabu, yaba e cose varie perchè fanno veramente schifo, fanno solo male. a questo punto cosa mi è successo, troppa o poca dopamina? oppure centra con la serotonina? spero che qualcuno prenda in considerazione queste parole,ho molti dubbi, aiutatemi, sono ancora giovane, ho sbagliato ma ho ancora diritto ad una salute psicofisica e spirituale

Risposta:

 Cara lettrice, ti ringrazio di averci affidato la tua storia. Le cose che ti sono successe, e che purtroppo ancora non sono finite, sono delle conseguenze possibili dell'uso delle sostanze che hai assunto. Il nostro cervello è una macchina molto complessa il cui funzionamento è si conosciuto ma ancora in gran parte sconosciuto.

Le possibili conseguenze delle sostanze psicoattive, specialmente di alcune, sono molto diverse da persona a persona e quindi in gran parte poco o per nulla prevedibili. Tu dici bene quando dici che hai diritto alla tua vita serena di prima nonostante "l'errore" fatto.

Il primo consiglio che ti dò è di non dare assolutamente ascolto a consigli di persone, magari altri utilizzatori che hanno avuto esperienze non brutte come la tua, o che magari sentono il bisogno di minimizzare le loro cattive esperienze banalizzando o sottovalutando la tua.

La cosa migliore è chiedere aiuto ad un bravo psichiatra in grado di analizzare a fondo con te i problemi che ancora sono presenti e trovare con la tua attiva collaborazione la migliore terapia. Ci vorrà tempo e pazienza ma certamente i tuoi disturbi passeranno.

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: Salveeeee io ho preso mdma in cristalli per la prima volta .. In cristalli ed ho calato circa 8 sorsi dalla bottiglietta era giusto come quantitativo come prima volta .

Risposta:

Non si capisce quanto era la quantità che hai sciolto quindi difficile risponderti sulla giusta quantità per la prima volta. Quando si ha che fare con pasticche pur non avendo la possibilità di testare la sostanza si possono indicare delle norme precauzionali tipo prendere mezza pasticca ed aspettare per rendersi conto dell’effetto prima di assumere il resto, oppure se in presenza di cristalli frazionare una quantità di un certo numero di dosi e poi assumerne una per volta a distanza di tempo sempre per rendersi conto dell’effetto che ti provoca  ma così è difficile non credi?

Stefano Bertoletti, sostanze.info

Domanda: salve a tutti io dovrei togliere le tonsille,assumo sostanze come thc pastiglie mdma e ketamina, quanto tempo deve passare per non fare interagire le droghe che ho in corpo con l' anestesia totale? dicono che non ci si sveglia piu è vero?

Risposta:

 Come ho scritto a molti lettori che hanno fatto domande su questo tema, le precauzioni da prendere sono fondamentalmente due.

1. Sospendere l'assunzione delle sostanze diversi giorni prima.

2. Avvertire il medico anestesista dell'assunzione.

Si tratta di una questione di sicurezza.

Condividi contenuti