Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 31080 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Type the characters you see in this picture. (verifica con audio)
Inserisci il testo che vedi nell'immagine qui sopra. Se non riesci a leggerli, invia il modulo e una nuova immagine sarà generata. È indifferente a maiuscole e minuscole.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori: eroina / consigli medici

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: sono un ragazzo di 22 anni con un problema di eroina

innanzi tutto vorrei ringraziarvi per il vostro utilissimo servizio e perla vostra disponibilità. Assumo eroina da diversi anni con cadenza settimanale. ad ogni utilizzo vomito diverse volte, vorrei sapere se è possibile fare qualcosa in merito o se è sintomatico di qualcos'altro. P.S assumo anche quotidianamente ingenti quantità d'alcool.Vi ringrazio anticipatamente per la vostra risposta!

Risposta:

 Il vomito è in effetto caratteristico degli oppiacei. In genere esso scompare con l'uso continuato. Evidentemente la cadenza settimanale del tuo uso fa si che esso non scompaia. Inoltre l'alcool che assumi in grande quantità ti ha creato una irritazione gastrica. Questi due fatti sono probabilmente le due concause del vomito. Cosa puoi fare, mi chiedi. La risposta è molto semplice. Devi sopendere l'uso delle due sostanze. Tieni conto, inoltre, che il modo in cui usi eroina ti espone ad alto rischio di overdose. Inoltre gli effetti tossici dell'alcool sul tuo organismo, se continui così, saranno molto gravi. Scusa la "crudezza" delle mie parole, ma le cose stanno così.

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

se vuoi puoi continuare questa consulenza anche in chat con l'operatore che ti ha rispsoto, andando in CHAT CON GLI OPERATORI

Domanda: gonfiore post iniezione

salvea tutti e grazie per il lavoro che fate,anzitutto. ho 17 anni e nell ulitmo anno ho avuto problemi con l eorina. ho purtoppo una forte dipendenza e sono in cura al sert da qualche mese con 16 mg di suboxone. oggi mi sono fatto un iniezione di robba nella mano, dove riesco a prendere ancora le vene, e come ogni volta che mi faccio. si sorge pochi secondi dopo un rigonfiamento di area circa 5 cmquadrati dal punto di iniezione verso l avanbraccio, il rigonfiamento è di circa 2-3 mm . di solito mi passava con un po di acqua calda . ma sta volta persiste. so che non è un fuori vena , perche dopo i 3 che misono successi so riconscerli. solo non capisco il perche di questa cosa. posso inviare in allegato una foto , magari in privato. spero in delle delucidazioni da parte vostrae sucsate il disturbo . ps questa cosa mi succede sempre

Risposta:

 Non disturbi affatto. La spiegazione più probabile a quello che ti succede è che sia la vena in cui inietti la sostanza che i tessuti limitrofi sono stati lesi dalle numerose iniezioni e questo comporta sia un passaggio di parte del liquido nei tessuti circostanti che una reazione infiammatoria di essi. Ripetendo le iniezioni la situazione va peggiorando gradualmente e questo spiega il fatto che prima la reazione passava facilmente ed ora no. Anzi è probabile che le cose peggioreranno ancora e che si possa creare una infezione locale. I problemi alle vene ed ai tessuti circostanti sono una complicazione molto comune dovuti alle frequenti iniezioni endovenose di sostanze irritanti e contaminate da germi. Come avviene tra i consumatori di eroina. L'unica cosa che può far si che le cose non peggiorino ancora è smettere di iniettarti delle sostanze. La tua età estremamente giovane rende la tua situazione molto preoccupante. Hai già fatto il passo di chiedere aiuto al sert. E questo è importante. Però non sei ancora riuscito a sospendere l'uso di eroina. Cosa potrebbe aiutarti a fare il "grande passo"? Se vuoi puoi scrivermi ancora o prenotare una chat con me o con un altro operatore del sito. Non disturbi e siamo contenti di aiutarti, se lo desideri.

Gioachcino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: sembrerà strana la mia domanda ma so x certo che gli intramuscoli d metadone nn si possono fare essendo dolce ecc vengono ascessi ecc e in vece x uantoriguarda il suboxone? aspetto una vostra risposta

Risposta:

 Assolutamente non è indicato l’uso intramuscolo, né  per l’uno né per l’altro

Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: aiuto

Praticamente ero arrivato ad assumere 20mg di met. Da un gg. a l altro non mi ha piu coperto.io ho smesso completamente di assumerlo stando a casa con un mal di testa e altri sintomi terribili. Son andato al sert e mi hanno progressivamente aumentato fino a 130 ma e'uguale non lo assimilo proprio anzi mi da una noia terribile.confusione mal di testa respiro male.tutti sintomi del sistema nervoso niente dolori fisici insonnia. Avevo qualche pasticca di oxycotin da 10mg e prendendone 40mg la mattina e 30mg la sera un bel po mi hanno aiutato.sono andato a veder la conversione e il met.e'la bellezza di 3/4volte piu potente.vuol dire che 80mg ossicodone sono circa 20mg di metadone. Cosa mi sara successo??il sert una disintossicazione con ossicodone non vuole. Posso andare da un doc.privato tipo tossicologo o neurologo per farmi prender in terapia???sapete se a careggi fanno la disintossicazione in anestesia?

Risposta:

 Quello che ti è successo è veramente molto singolare e non si spiega se non con la presenza di altre cause, come, ad esempio, assunzione contemporanea di eroina o di farmaci o cibi capaci di ridurre l'effetto del metadone. Sarebbe anche utile verificare la metadonemia. Al sert non possono fare la disintossicazione con l'ossicodone in quanto glielo vieta la legge. Lo stesso vale per gli altri medici. Non credo che al reparto di Tossicologia di Careggi facciano le disintossicazioni rapide in anestesia. Il loro numero di telefono è 0557946244. 

Gioacchino Scelfo, medico sostanze.info

Domanda: il malefico limbo dei tossici:(

salve,innanzitutto congratulazioni per questo sito!!siete persone molto disponibili,gentili e sempre con una risposta a qualsiasi domanda!! io,in realtà,non ho una vera e propria domanda..:( è più uno sfogo/consiglio..per farla breve,sono stata tossica (la fumavo,ma sempre tossica ero)per circa 6anni,ero fuori casa per l'università,ma diciamo che gli ultimi anni mi ero proprio persa.tornata al paese ,avevo intenzione di ripulirmi ed iscrivermi al sert,ma poi con amici tossici del paese mi son aggregata ai tour settimanali per le basi di secondigliano.questa canzone è andava avanti per circa 7mesi,poi quando mia madre si è accorta,per la prima volta, che c'era qualcosa sotto,(per intenderci,ho saputo nascondere sempre bene i problemi e mai nessuno poteva immaginarlo)è venuta fuori la verità e mi son iscritta a questo beneamato sert.mio papà mai saputo nulla comunque..fatto sta che dal primo giorno che mi son iscritta,ho lasciato tutto.neanche più una fumata.ho iniziato con il suboxone,anche se contraria inizialmente perchè i miei scopi erano ancora loschi..,prendevo 18.in 10mesi ho scalato e avrei dovuto finire ad agosto.ma datosi che lavoravo fuori,ho preferito dilungare..adesso il problema è che i dottori pensano sia il momento di chiudere,son tutti molto contenti ed orgogliosi del mio percorso..ma io no.per me il suboxone è la certezza che non posso rifumare.che mi fa star bene.è come un paletto..ora la voglia e l'ingrippo è tornato..ma nemmeno tanto.:( non voglio chiudere la terapia.fumerei solo rimanere nel mio stato attuale.ovvero continuare questo rapporto con il sub.anche se è0,2..e non è nulla.in pratica,non voglio chiudere i giochi..:( e tra l'altro la dottoressa che mi ha in cura è fissata con antaxone,o come si chiama lui.con me non ne ha mai parlato,ha moltissima fiducia in me,ma nn si sa mai..insomma,cosa serve?è solo un subdolo farmaco dato a sfregio.tanto per dire,ora hai finito la terapia ma ti sistemiamo noi per le feste nel caso volessi fare il furbo.è questo essenzialmente il motivo per cui lo danno.morale:scusate se vi ho ammorbato gli attributi,ma a qualcuno lo dovevo dire.e se lo dico a loro ne fanno una tragedia greca,e nemmeno mi andrebbe di deluderli,ma i fatti son questi e non posso farci nulla..oddio,che faccio secondo voi?!anche un parere non-medico andrebbe più che bene..basta che qualcuno mi dica cosa fare..:O vabbè,scusate..spero di avere una vostra risposta!!è sempre un piacere girare per questo sito..mi sento a casa:D un bacione a tutti!!

Risposta:

Ti consiglierei di parlarne così come hai fatto con noi con il tuo medico curante. Da quello che dici mi sembra di capire che non sei pronta per lasciare completamente il farmaco sia per motivi tossicologici (ti serve per controllare il desiderio) che per motivi psicologici (forse hai ancora bisogno del legame con il farmaco e il servizio). D’altra parte mi sembra di capire che è anche relativamente poco tempo che sei in trattamento peraltro con un dosaggio attuale molto basso. Se non ti senti non forzare sullo scalaggio e datti ancora un po’ di tempo:  a meno che non ci siano motivi gravi e importanti di cui non siamo a conoscenza mi sembra valga la pena aspettare.

Laura Calviani, medico sostanze.info

Domanda: non sto più consumando oppiacei e non sto prendendo nulla per sostituirli perchè credo di non avere bisogno di un trattamento di sost. ma spesso il malumore o gli amici mi tentano.

Sto resistendo da due settimane senza fumare oppiacei; i primi giorni avvertivo un malumore terrificante,piangevo appena sveglia senza motivo e durante il giorno non riuscivo a fare nulla,neanche a studiare.passavo ore sul divano con i brividi e la coperta anche se faceva caldo. Dopo 5 giorni la depressione mi è passata,ma comunque persistono ancora danni gastrointestinali.. quando sono un poì giù prendo i fiori di bach,faccio un po' di attività fisica,dipingo e sto con i miei nipoti...però a volte sarei proprio tentata di fare uno strappo alla "regola" e concedermi una volta ogni tanto un vizio......non fumo sigarette né consumo altre sostanze...Gli oppiacei sono l'unica dipendenza che ho. Prima andavo ai rave ma ora ho smesso con tutte queste cose, studio e lavoro,sono una ragazza a posto. A guardarmi non si direbbe che ho questo genere di problemi,la maggior parte delle mie amiche infatti non ne sa niente. Spesso però quando sono in compagnia di "altri amici" o magari mi piacerebbe solo svagarmi o rilassarmi,o evadere un po' dallo stress (che non mi fa dormire la notte) ,mi verrebbe di vestirmi,uscire di casa e andare alla ricerca di qualcosa da fumare.Ragiono e mi fermo. So che è sbagliato spendere i soldi per queste cose e che con quei 100 euro che ho guadagnato in cosi tanto tempo potrei farci qualcosa di meglio , come una gita oppure vedere delle mostre...fortunatamente sono responsabile e sto imparando a volermi bene. Però spesso il diavolo sulla spalla mi dice di svagarmi,mi dice che è bello stare alterati,che quando lo ero stavo bene, che una volta ogni tanto si può fare, che alla fine non fa così male come dicono tutti,che l'alcol e le sigarette fanno più male,che l'uomo si è sempre drogato fin dall'antichità,che è un modo per parlare con la propria anima....tutte queste "scuse" da drogato sostanzialmente ....vorrei sapere quanti mesi devono passare affinché questo "craving" svanisca,questo diavolo taccia e finalmente io possa smetterla di combattere contro questo mio chiodo fisso....risparmiando così soldi e salute!

Risposta:

Cara lettrice nel leggere le tue riflessioni ho pensato: devo riuscire a risponderle al più presto, le voglio rispondere prima che "il diavolo" sulla spalla l'abbia vinta. Naturalmente non penso che tu debba ricadere nè penso che una mia risposta possa impedirtelo, ma mi piacerebbe contribuire al tuo cambiamento. La descrizione che fai degli stati d'animo che vivi e delle "scuse" che quel diavolo inventa è molto intensa. Le cose stanno proprio come le descrivi tu. Il tuo cervello "emotivo" ti spinge verso la dipendenza. Quello "razionale" va dalla parte opposta. In questa fase la tua razionalità sembra avere il sopravvento, ma ancora non è abbastanza forte per darti la sicurezza. Tu mi chiedi quanto durerà questo tormento. Non è facile dire con esattezza quando finirà, ma certamente in un tempo non molto lungo (se non userai mai eroina) le cose miglioreranno molto. La depressione, il cattivo umore, il pensiero continuo all'eroina passeranno. Le cose saranno a poco a poco più facili. Potranno esserci dei momenti di "tentazione" ma saranno sempre più rari. Le cose che ti piacciono mi sembra che non ti manchino: a poco a poco le apprezzerai sempre di più e ti daranno forza. Con l'aiuto della razionalità è importante darti delle regole (cosa che in parte stai gà facendo) e tra esse una è inevitabile: "quegli" amici non li puoi proprio frequentare. Tienici informati e sappi che ti siamo vicini.
Gioachcino Scelfo, medico sostanze.info
Puoi continuare questa conversazione anche prenotando una chat (gratuita e totalmente anonima) con l'operatore che ti ha risposto andando in CHAT CON GLI OPERATORI.

Domanda: salve,vorrei delle informazioni per smettere di prendere il metadone

Sono una ragazza di 25 anni..e dal 2 gennaio ho iniziato a prendere il metadone..ho inizato a 30..e ora sono a 4 da circa una settimana.Al sert dove vado dicono che al di sotto di 4 non si può andare e in sostituzione del meta,mi hanno dato il PASADEN 0,5 mg.il punto è questo..nel corso della settimana scorsa ho provato a non prenderlo e diciamo che per un giorno e mezzo ci sono riusciuta..dopo di che sono andata in ansia e mi son fatta venire mille paranoie e automaticamente tutti i sintomi..che fino a un momento prima non accusavo!ditemi voi come posso fare?v ringrazio anticipatamente

Risposta:

Sembra davvero che ci sia una grossa componente ansiosa in questa sintomatologia che è comparsa e in questo caso il Pasaden può esserti di aiuto. Oppure forse non è il momento giusto per scalare, non sei pronta e forse varrebbe la pena rimandare. Parlane con i tuoi curanti. Vedrai che troverete una soluzione

Laura Calviani, medico sostanze.info

Domanda: debolezza con subutex

Buongiorno, sono una ragazza di 23 anni, 39 kg, e sono stata dipendente da eroina (circa 2 gr. al giorno) per un anno e mezzo. Sono in cura al Ser.T. da cinque mesi con 24 mg si subutex al giorno e, attraverso un enorme forza di volontà, non ho avuto più ricadute. Il mio problema è che questa cura mi causa uno stato di enorme debolezza fisica e cefalea al punto che mi impedisce di lavorare e fare qualsiasi cosa. Tutto quello che mi dicono è di "non preoccuparmi", le analisi del sangue sono a posto, e quando ho affrontato lo scalaggio di 2mg ho avuto sintomi fisici pesanti di astinenza. Quello che mi domando è: a cosa è dovuta questa immensa debolezza fisica? il metadone sarebbe più adatto a me? Grazie.

Risposta:

La debolezza potrebbe anche essere dovuta anche al fatto che tu sia magra (come mi sembra di capire dal tuo peso). La cefalea è un fastidio molto pesante, che magari non deve preoccupare come dicono al sert, ma è invalidante ed in qualche modo deve essere risolta. Un passaggio al metadone potrebbe essere una soluzione da prendere in considerazione. Inoltre il metadone tende ad aumentare la fame e questo sarebbe un altro vantaggio per te. Prova a parlarne con il medico del sert.
Gioacchino Scelfo, medico sostanza.info

Domanda: info subutex

Buongiorno. Da circa 6 mesi seguo un trattamento di sostituzione con subutex 2 mg al giorno. Da quando ho iniziato la terapia non ho più fatto uso di eroina (che in precedenza fumavo), e non ho né voglia né intenzione di farlo. Tuttavia, tra pochi giorni rivedrò dopo tanto tempo degli amici che fanno uso sporadico di oppio. Se decidessi di fare una fumata d'oppio una sera con loro, quanto tempo poi dovrei aspettare per riprendere il subutex, per non cadere in una crisi d'astinenza? Non si capisce bene, perché alcuni sostengono che bastano 4-6 ore, altri dicono di più. Grazie tante x il servizio e la disponibilità. Arrivederci

Risposta:

Devi continuare a prendere il subutex regolarmente all'orario in cui lo prendi di solito. Aggiungo una riflessione: usare oppio in questo periodo ti farebbe tornare indietro nel tuo percorso di uscita dalla dipendenza. E, purtroppo, molte ricadute iniziano proprio con la convinzione di usare la sostanza una sola volta.

Gioachcino Scelfo, medico sostanze.info

Domanda: interazioni/problemi buprenorfina anestetici locali

buongiorno volevo gentilmente chiedervi delle delucidazioni circa le possibili interazioni tra buprenorfina e anestetici locali. Dovendo sottopormi a breve a un intervento chirurgico dermatologico per l'asportazione di alcuni nei, vorrei sapere se devo sospendere o ridurre il trattamento di sostituzione che sto seguendo, cioè 2 mg di subutex al giorno. Il problema principale è che non posso informare il dermatologo della mia terapia, dato che è un amico stretto dei miei genitori. A quali rischi vado incontro se continuo ad assumere subutex? Una soluzione potrebbe essere sospendere o ridurre il subutex 48 o 72 ore prima dell'operazione? Grazie infinite e complimenti per il servizio

Risposta:

In occasione di un intervento in anestesia è meglio che il dosaggio della buprenorfina sia stabile e quindi è meglio che tu non ne sospenda l'assunzione. Anche se amico dei tuoi, il medico è tenuto al segreto professionale. Ti consiglio di avvertirlo. In particolare lui deve tenere conto che nella terapia antalgica post operatoria, i farmaci oppiacei sarebbero poco efficaci.

Condividi contenuti