Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 28118 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Type the characters you see in this picture. (verifica con audio)
Inserisci il testo che vedi nell'immagine qui sopra. Se non riesci a leggerli, invia il modulo e una nuova immagine sarà generata. È indifferente a maiuscole e minuscole.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori: eroina / consigli medici

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: salve vorrei sapere una cosa,vorrei bucarmi per la prima volta di eroina e volevo sapere se mi buco per la prima volta corro il riskio di rimanere skiava di questa cosa? cioe di diventare dipendente spero di ricevere una risposta grazie

Risposta:

 Si diventa dipendenti delle sostanze in qualsiasi modo le si assuma.

Quando si passa alla via endovenosa da una meno diretta (ad esempio sniffandola) in genere la dipendenza esiste già, sia psichica che fisica. Quindi forse dovresti domandarti se questo è successo a te.

Spesso il passaggio alla via endovenosa avviene perchè l'assuefazione all'eroina è ormai alta e le vecchie dosi non bastano più.

I rischi sono alti. Il pericolo di overdose mortale aumenta moltissimo.

Iniziano i pericoli di malattie infettive sia locali che generali.

Gioacchino Scelfo, medico sostanze.info

Domanda: posso portare il subutex in thailandia col foglio medico?

Risposta:

 Il sito http://www.indro-online.de/travel.htm fornisce tutte le indicazioni su leggi e regolamenti dei vari paesi. È piuttosto affidabile. In ogni caso il sert ti deve fornire un foglio di accompagnamento al farmaco in lingua inglese. Buon viaggio.

Domanda: trasmissione epatite c in una relazione

sul web molte informazioni non sono chiare e veritiere.Richiedo delle informazioni sicure, ed in forma anonima scenderò nei minimi particolari sui miei dubbi. Sono una giovane donna.Vivo da 2 anni una relazione, non molto stabile...entrambi tossicodipendenti (eroina e cocaina), lui ha l'epatite c, io analisi in mano ancora no.Dico ancora, perchè di rischi ce ne sono stati tanti..in primis la disinfettazione casaliga delle siringhe usate e poi scambiate..per non parlare dell'uso della stessa fiala, più volte (senza filtro già usato) immergendo dentro le nostre siringhe(solitamente prima la mia, poi la sua) lavandole soltanto con acqua..inoltre leggo che è possibile trasmettere l'epatite per via sessuale..è capitato che lui mi venisse dentro durante le mestruazioni...lo sperma ha possibilità d'infettare? poi..durante un rapporto anale abbiamo notato una perdita di sangue, (che crediamo fosse mia), nel caso fosse sua..cosa rischio? il periodo finestra può varcare i 6 mesi? e magri far si che spunti l'epatite dopo anni? ps: avete creato un sito meraviglioso!..ed inconsapevolmente state aiutando molta gente..complimenti.. mi spiace avervi conosciuto solo ora..e non poter usufruire del servizio chat

Risposta:

 Ti ringrazio per le tue parole nei nostri confronti. Cerchiamo di fare del nostro meglio e questo ci appassiona. Provo a rispndere alle tue domande.

Tutte le pratiche che hai citato sono a rischio di infezione di epatite C da parte del tuo compagno. Questo sia per quanto riguarda il sesso, per quanto riguarda l'utilizzo delle siringhe da te descritto, e infine per quanto riguarda la sostanza che ti inietti.

Infatti il pericolo che corri non è soltanto quello di essere contagiata dal tuo compagno, ma anche quello di contagiarti direttamente iniettandoti il virus contenuto nella sostanza.

La risposta certa è quindi che stai correndo molti rischi. Se poi ti infetterai o meno questo nessuno te lo potrà dire. Di certo il rischio è alto. Il periodo "finestra" in genere non supera i sei mesi. Quindi se ad esempio dopo un anno dall'ultimo comportamento a rischio, il test HCV è ancora negativo, si può stare tranquilli.

Spero di esserti stato utile. Il consiglio che psso darti è ovvio: sospendere i comportamenti a rischio. Ma forse è talmente ovvio che potevo risparmiartelo.......

Gioacchino Scelfo, medico sostanze.info

Domanda: Ciao, ho 37 anni e vivo in toscana nella provincia di Pistoia, volevo sapere se esisitono centri, cliniche o altro nella mia regione o comunque in Italia (anche a pagamento) dove è possibile disintossicarsi dagli oppiacei, grazie.

Risposta:

 In ogni regione italiana esistono i servizi per le tossicodipendenze (Ser.T.) strutture pubbliche e gratuite.

Quello più vicino a te è quello che riportiamo di seguito, oltre a due comunità terapeutiche che lavorano sempre nel pistoiese

    SER.T Servizio Tossicodipendenze - Pistoia Via degli Armeni 10 tel. 0573/ 372.487 - 372.012 - 372.273 Fax 21.295 SER.T Servizio Tossicodipendenze - Montecatini Via San Marco 40 tel.0572/917.561-1-2-3 Fax 913.115

    Comunità terapeutiche a gestione diretta:
    - "Le Colmate" Via Renaio - Loc. Albinatico Ponte Buggianese (PT) tel. 0572/635624

    Comunità convenzionate:
    - CEIS - Piazza dei Servi - Pistoia tel. 0573/36.87.01
    - Associazione genitori "Comunità incontro" Via San Biagio 114 Pistoia tel. 0573/36.87.01

     

Domanda: Grazie, ieri ho parlato col mio medico e insieme abbiamo concordato un piano di diminuzione progressiva più le sue parole... So che ce la faro' grazie mille le sue parole mi hanno confortata moltissimo

Risposta:

 Bene, mi fa piacere. Ultima raccomandazione: non avere fretta. Se ti trovi in difficoltà non esitare a rallentare le cose. L'importante è arrivare in fondo, mai fare gare con il tempo o sfidare le proprie capacità. Tienimi informato.

Gioacchino Scelfo, medico sostanze.info

Domanda: 2 anni di eroina segreta

salve vi spiego brevemente la mia situazione: DROGHE: -con la terza settimana di gennaio sono 2 anni esatti che ogni lunedì pomeriggio faccio uso di eroina (0,7g precisi) endovena. -Oltre a questo fumo cannabinoidi con amici e fidanzata (una canna il martedì o mercoledì sera con la mia fidanzata, 4 canne o bonghetti con gli amici il giovedì sera film, pink floyd e playstation siamo in 4, un anno fa capitò l'lsd ma fu un episodio, molto raramente qualche funghetto da amstedam) fumiamo a volte la domenica.. e nei weekend fuori o viaggietti, un pò d'erba ce la portiamo sempre. -Tiro un grammo di cocaina 1 o 2 weekend al mese, dipende dalle feste a cui prendo parte.. ho iniziato la sera del mio 18esimo compleanno e sono arrivato a questa frequanza,ho trascorso il tirocinio dove volevano che rendessi al 1000% che avevo un uso assai più frequente, giornaliero 0,2 alla mattina dopo la colazione) -In passato (da 8 a 4 anni fà) nelle serate in discoteca più techno elettroniche ho usato ecstasy,speed,mdma) -Tutte le sere mi incontro con qualche amico/a recente o di vecchia data, ex collega o semplice conoscente e bevo un cocktail o qualcosa di forte, il venerdì il sabato bevo parecchio spumanti e cocktails invisibili, perdo il conto sopratutto quando pippo anche. -fumo 5 o 6 sigarette al giorno. VITA: -Al lavoro ho molte soddisfazioni (imprenditore) e i guadagni mi hanno permesso recentemente di acquistare un auto molto costosa, che sogno fin da bambino, un mutuo per un un superattico. -Con la mia ragazza ho un bellissimo rapporto, mai litigato per cose serie,è bellissima sempre pacata intelligente e democratica progressista nel modo di pensare e quando ride le brillano gli occhi e in effetti la amo, se dovessi avere un figlio solo lei ha i prerequisiti giusti per essere la madre, condividiamo amici e divertimento lei fuma una sera con me e a volte con le amiche durante la settimana, non pippa ma sa di me che capita 1 o 2 volte all'anno ella fine anche se con fatica lo accetta, non sa dell'eroina... abbiamo 1 o 2 o 3 rapporti sessuali a settimana, dipende dagli impegni sia miei sia suoi, stiamo insieme da un anno e mezzo, mai avuto un fidanzamento oltre 10 mesi (devo dire però che ho 3 amiche strette,di vecchia data, belle e terribili che lei tra l'altro conosce, con le quali la tradisco quando vado fuori per lavoro, mi raggiungono nell'hotel e facciamo un paio di giorni a base di vari tipi d'erba e cocaina..poi in genere andiamo in un locale. NON SO PERCHE' LO FACCIO) -A casa vedono tutto quello che faccio,l'evoluzione lavorativa, il rapporto con la mia ragazza, ovviamente senza le droghe le serate o i festini con le mie amiche (che conoscono perchè sono sempre venute a "cazzeggiare" a casa mia, una è anche figlia di amici di famiglia) Ora sono in pensione e sembrano i "turisti per caso" dato che ora posso permettermi di regalargli ogni tanto viaggi o crociere per avermi sostenuto per anni gli studi fuori senza sacrifici assurdi ma dato che siamo 3 a volte hanno affrontato delle privazioni, sto provvedendo anche ad una adeguata sistemazione lavorativa per mio fratello e mia sorella di poco più piccoli di me,laureati, ho sistemato anche un paio di amici. -Gli amici sono la mia seconda famiglia, pomeriggi, sabati sera, il "cazzeggio" le tante piccole cose dove ci impegnavamo, sport, hobby, ne abbiamo passate di cose insieme, situazioni difficili o pericolose, la nostra amicizia è stata messa duramente alla prova ed è rimasta salda.. siamo in 6 stretti + amiche e fidanzate. HO MOLTE COSE DA CHIEDERE ma dopo questo quadro esauriente (spero nessuno dei miei conoscenti legga e capisca) riassumo in 2 domande: 1)DROGHE (consiglio tecnico): IL MEDICO MI TROVA IN SALUTE E PESOFORMA, LA COCAINA MI CREA ASTINENZA, DURANTE LA SETTIMANA NON POSSO SENTIRE PARLARNE O MI SALE L'ANSIA E LA VOGLIA, MA E' EROINA CHE MI SPAVENTA... QUALI SONO I RISCHI CHE CORRO A LUNGO TERMINE CON QUESTA? E CON LO STILE DI VITA IN GENERALE? FARO' MAI "STRAPPI ALLA REGOLA"? DEGENERERA'? 2)VITA: (consiglio psicologico) MI TROVO NELL'OBLIO, NON SO COSA VOLERE DI PIU'... E' NELLA PERFEZIONE DI QUESTO QUADRO CHE NON RIESCO A CAPIRE PERCHE' FACCIO QUESTO, ESAGERO MA RIMANGO COMPOSTO IN APPARENZA... PENSAVO DI CONTROLLARE IL TUTTO, IN APPARENZA E' COSI' MA DOMANI SONO DUE ANNI CHE MI BUCO, PERCHE? PERDERO' IL CONTROLLO? asp. risp. GRAZIE

Risposta:

Non è possibile prevedere con certezza cosa ti succederà, però con certezza possiamo dirti che il rischio che le cose possano peggiorare è piuttosto alto. Tu stesso dici che durante la settimana la cocaina già comincia a mancarti: questo sembra proprio un segnale di allarme. Questa mancanza potrebbe trasformarsi in ricerca della sostanza e assunzione più frequente. Anche molto frequente. Una delle grandi insidie delle sostanze è il fatto che si tratta di veleni che fanno male a poco a poco. Per un certo periodo non sembrano provocare danni ma poi a poco a poco la situazione peggiora, sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista dello stile di vita. La descrizione che fai della tua vita è molto particolareggiata, ma tu stesso ci dici che il quadro sembra troppo perfetto. Forse di stratta di un quadro molto fragile in cui le emozioni sono tenute sotto controllo dall’abbondante uso di sostanze. Il pericolo che qualcosa si rompa è molto alto. Ci ha colpito infine il fatto che tu scriva che assumi 0,7 grammi di eroina. Non riusciamo ad immaginare come tu possa essere certo che si tratti esattamente di questa quantità. Inoltre ricorda che l’uso settimanale fa si che la tua tolleranza agli oppiacei non sia alta: e quindi il pericolo di una overdose con esito mortale è molto alto.

Domanda: come smettere di fumare eroina con metodi naturali?

Risposta:

Non ne conosco e ho paura che potrebbero essere inefficaci. Forse, sopratutto in una prima fase, potrebbe essere utile rivolgerti a metodi ormai provati e dimostrati in quanto a efficacia

Laura Calviani, medico sostanze.info

Domanda: ho fatto uso per 6 mesi di mdma e ketamina abusandone e ne sto risentendo tutti gli effetti negativi fisicamente e piscologicamente. smettendo del tutto potrò riprendermi? e in che arco di tempo?

Risposta:

Non mi descrivi i disturbi che queste sostanze ti hanno provocato e che uso hai fatto di esse. In genere però sospendendo del tutto queste sostanze la maggior parte dei problemi regredisce. Ovviamente è fondamentale che la sospensione sia completa e definitiva. Poi ci vorrà un certo tempo, settimane o mesi, per la guarigione. Se però dovessi notare un'assenza di miglioramento e se i disturbi di cui soffri sono pesanti, è meglio che ti rivolgi ad un medico psichiatra per valutare con lui la situazione e l'eventuale opportunità di una terapia farmacologica.

Gioachcino Scelfo, medico sostanze.info

Domanda: Buona sera. Vorrei, tanto, porre fine ad alcuni dubbi persistenti, quali: --1)Quante sono le probabilità che a fine terapia(suboxone), si presentino stati di agitazione\ansia, nervosismo, deconcentrazione e depressione, a lungo termine\perenni ?

se uno, "soffriva" gia prima della terapia o anche prima che iniziasse a usare "ero", è possibile che si ritroverà la situazione peggiorata? nel caso: è possibile alleviarli\eliminarli, non assumendo farmaci che non siano naturali? come? --2) Ho letto da qualche parte che: l' uso prolungato(2-3 anni minimo) di suboxone può provocare sintomi schizofrenici; a volte, anche, schizofrenia paranoide. è vero? --3) E' normale che dopo l'effetto della pillola(6\7h dall'assunzione) ci si può sentire assaliti da una specie di: depressione, agitazione, nervosismo, deconcentrazione, paranoia? come si può alleviare\eliminare, tutto ciò?? grazie tante in anticipo.

Risposta:

Al termine della terapia con Suboxone potranno esserci dei lievi sintomi astinenziali talvolta caratterizzati da un po' di nervosismo o di agitazione ma sicuramente di grado lieve e a breve termine e assolutamente mai “perenni”. Se ce la fai si tratta di aspettare qualche giorno talvolta aiutandosi facendo attività rilassanti o concedendosi dei giorni “di convalescenza”. Mai sentito parlare a proposito dei sintomi psichici ai quali fai riferimento dopo un trattamento a lungo termine con suboxone. E sono anche strani questi disturbi a distanza di 6-7 ore dall'assunzione: non potrebbero essere dovuti ad altre cause?

Laura Calviani, medico sostanze.info

Domanda: Piccolo fuori vena

Da poco faccio uso di eroina in vena. Credo di essere andato fuori vena, circa due ore fa. Poiché si tratta delle prime volte, ho pensato fosse normale non sentire il "flash" in modo immediato. Attorno al buco (avambraccio, poco sotto l'interno gomito) si è formato un piccolissimo gonfiore, come una piccola puntura di zanzara. Il gonfiore è quasi impercettibile, ma non era presente le altre volte che ho provato. Mi sembra di percepire calore attorno alla puntura, ma dal momento che mi sto informando a riguardo, suppongo potrebbe trattarsi di autosuggestione. Vorrei evitare di andare dal pronto soccorso, tanto meno dal medico. La quantità di sostanza non era elevata (mezza dose circa). L'ho disciolta nell'acqua, fatta bollire per qualche secondo e filtrata con del cotone (non ho usato il limone). Ho tamponato con Bioalcol prima e dopo la puntura. Quanto tempo dovrebbe trascorrere prima dell'evidenza dell'infezione? Potete eventualmente consigliarmi un antibiotico o un qualche metodo per curarmi da solo? Grazie

Risposta:

La tua descrizione è veramente accurata e chiara.
Se si svilupperà un'infezione dovrebbe succedere entro due-tre giorni. In questi casi non è proprio opportuno che persista l'infezione (se c'è) e le terapie consigliate prevedono un ciclo di antibiotici e antiinfiammatori.
Ma in certi casi si può formare un ascesso. In questo caso sarebbe necessaria una piccola incisione per la fuoriuscita del pus e la disinfezione. Da quello che descrivi però non è detto che questo succeda. Sembra che la parte di liquido finita fuori vena sia molto piccola. L'antibiotico eventualmente deve essere prescritto dal medico. La linea che seguiamo sul sito è quella di non fare "terapia on line" perchè non ci sembra corretto. Se quindi dovessi vedere un aumento del gonfiore, un arrossamento, un aumento del calore nella zona e dolore, rivolgiti al medico o al pronto soccorso.

Condividi contenuti