Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 33312 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Type the characters you see in this picture. (verifica con audio)
Inserisci il testo che vedi nell'immagine qui sopra. Se non riesci a leggerli, invia il modulo e una nuova immagine sarà generata. È indifferente a maiuscole e minuscole.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori: eroina / informazioni sui servizi sociali e di recupero

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: Se uno si rifiuta di andare al sert, ci sono alternative?

Buonasera, scrivo per il mio compagno, fuma eroina da due anni e ha deciso di smettere. Ha scalato ed è arrivato a 0,5 al giorno, vorrebbe smettere scalando ma a quanto pare non funziona, ha paura della crisi di astinenza, se sente malessere fuma e non riesce a calare ancora. Staa cercando di reperire metadone ma è difficile senza passare dal sert. Non vuole rivolgersi al sert perché ha paura di essere 'schedato. Può il medico di base prescrivere farmaci che lo aiutino ad evitare l'astinenza? L'accesso al sert può essere anonimo e le prescrizioni sarebbero comunque nominative? Grazie

Risposta:

 Puoi tranquillizzare il tuo compagno perchè i ser.t. per legge devono mantenere e rispettare l' anonimato del paziente. Il che non significa che non gli chiedono nome e cognome e residenza, ma che questi dati per legge non usciranno mai dal ser.t.

Se continua a insistere sul non andarci perchè paura di una eventuale schedatura, forse è possibile che non abbia tutta quella voglia di smettere...

Domanda: Salve vi ho scritto senza fare login e non so dove vedere la risposta quindi vi scrivo ora riguardo al suboxone

In pratica un anno fa ho chiesto di entrare in terapia con il suboxone essendo ad un anno dalla fine del mio affidamento e mi è stato concesso.Ora mi sento pronto per smettere con questi farmaco perché oltre all'etá(40)ho realizzato di avere la fortuna di aver creato una bella famiglia però mia moglie è all'ospedale scuro perché non lo accetterebbe mai che io prenda certi farmaci, comunque a parte ciò ho quasi la certezza di non er più voglia di toccare droghe anche perché sono 8 anni che ne sono fuori grazie alla carcerazione e al affidamento.Il punto è che ho chiesto di scalarlo per poi toglierlo entro un anno così finisco l'affidamento pulito ma il mio Sert invece è contrario e insiste perché io continui a prenderlo!!!e possibile che non riesco farmelo togliere nonostante non sono costretto a prenderlo e anzi lo chiesto io di poter iniziare questa terapia?grazie.

Risposta:

 E'  quel quasi forse che desta una certa titubanza negli operatori. 

Anni di assenza di sostanze è un periodo sufficiente per pensare di effettuare una disintossicazione completa, ma forse i tuoi operatori hanno degli elementi per protrarre ancora un po'. 
Cerca di capire e parlatene apertamente. Può darsi che troverete un accordo

Domanda: Come aiutare una persona che si fa di eroina?

Salve, ho bisogno di aiuto. Sto con un ragazzo che, come dice la domanda, si fa di eroina. È un mese che continua a dirmi che vuole smettere, sta già andando al sert, gli hanno dato il metadone, ieri ha fatto il capello. In questo mese però ha continuato a farsi ed è da qualche giorno che mi sembra che per la prima volta davvero non ne stia più usando. Inizialmente mi diceva quando ne usava, ma negli ultimi tempi, notando le mie reazioni, ci sono state occasioni in cui non mi ha detto la verità, e il problema è che ho paura che mi stia mentendo ancora visto che in passato già l'ha fatto, non mi fido più di quello che mi dice, di dove va e cosa fa.. Come faccio a scoprire se mi sta mentendo? Come faccio a riconoscere quando è fatto (calcolando che lo fa da anni, quindi lo fa non più per sballarsi ma per "rimanere normale", e calcolando anche che sa fingere molto bene)? Come faccio ad aiutarlo? Sono disperata... Grazie a tutti

Risposta:

 ciao, esiste una sola ed unica strada: che accetti di farti parlare con gli operatori del ser.t. e che quindi tu abbia l'accesso ai risultati dei controlli e sia aggiornata sull'andamento del programma e del suo percorso terapeutico.

Se rifiuta è ovvio che le sue promesse son solo parole...

Domanda: Salve,fumo eroina da quasi un anno,ma voglio levarmeladi dosso assolutamente,solo che non voglio farmi beccare da mia moglie,con un bimbo in arrivo tra 3 mesi,se vado al sert e' possibile che venga a saperlo?....

Risposta:

dato che sei maggiorenne i medici se tu lo richiedi devono rispettare il tuo diritto alla privacy e le tue richieste di non coinvolgimento dei familiari (anche se non crediamo sia facile - dopo essere stato disintossicato - continuare a mantenerti pulito senza nessuno che ti stia accanto e ti controlli).

Domanda: Prima di prendere il metadone, cosa fare ?

Buon giorno. Sono la mamma di una ragazza di 22 anni che aspira eroina da due anni e mezzo circa. L'abbiamo scoperto venerdi scorso e le ho subito chiesto di rivolgersi al sert, cosa che lei - anche con rabbia - ha accettato di fare. Lunedi andammo insieme ma lei non mi volle nemmeno alla reception. Disperata perchè non so cosa fare e come comportarmi ( ho il timore di fare o dire qualcosa che l'allontani ancora di più e io voglio mantenere quel minuscolo filo che ci può legare ), ho contattato un centro di auto-aiuto dove mi hanno consigliato di dare dei limiti. del tiopo: ok, ti aiutiamo ma smetti con le amicizie, i soldi te li gestiamo noi, devo essere coinvolta in ogni cosa per poterti seguire. o sta alle regole oppure può anche non tornare a casa. Oggi si è lasciata accompagnare al sert ( anche se non sono entrata l colloquio individuale ) e gliene ho parlato ( è quasi impossibile farlo diventa aggressiva e dice che lei ha bisogno di uscire, che in casa chiusa non può stare, insomma... non ci rgge.. ) Le ho proposto di vnire al mare sabato per stare lontana da Firenze, che lòa porto avanti e dietro per mantenere gli impegni col sert... ma si rifiuta... Le ho detto che se esce di casa faccia conto di non tornarci se non per stare alle regole e disintossicarsi davvero. Ma mi sorgono mille domande e dubbi che mi straziano: Ma come si fa tra la decisione di stare chiusa in casa e il primo dosaggio di metadone al sert ? Deve passare per forza dalla crisi di astinenza vero ? Io non posso essere sua complice e permetterle di fumare altra eroina nel frattempo, è proprio questo contro cui lotto per lei !!!! Piuttosto sopportare il suo odio, urla e dolore che aiutarla a farsi con l'eroina.. OPPURE devo laciarla fare finchè al sert non decidono la terapia da seguire ? Non so se sono stata chiara, dovete scusarmi. Sono veramente distrutta e non so che pesce pigliare. Se poteste darmi una mano a comprendere e a sapere come devo comportarmi vi sarei davvero riconoscente. Grazie infinite.

Risposta:

Devo dire che un metodo così lento per iniziare la terapia con metadone non e corretto ed e inaccettabile. 
Per risolvere la questione, se, cara mamma, non riesci a risolverla parlando tu stessa con il responsabile del sert, tieni conto che a Firenze, all'Ospedale di Careggi alla UO di Tossicologia viene svolto un sevizio di pronto soccorso. 
Se una persona si presenta in astinenza da eroina gli viene somministrato il metadone e rilasciato un certificato. Con questo certificato il sert non può che proseguire la terapia stabilita,  dal giorno seguente.
Questo per cominciare. Poi dovresti convincere tua figlia (con le buone) ad autorizzare gli operatori del sert a parlare con te del suo trattamento.
 È sufficiente che lei firmi il modulo di cui tutti i sert sono forniti.
Rispetto al consiglio di mandarla via di casa una risoluzione del genere dovrebbe essere evitata il più possibile e limitata, semmai, a situazioni estreme, e non è certo questo il caso. Sarà comunque un percorso lungo e ci vorrà tanta pazienza e tanto amore. 
I consigli da darti sarebbero tanti, ma sono talmente specifici da dover essere decisi man mano che i fatti andranno avanti. 
Quindi sostanze.info (e i suoi lettori!) restano a tua disposizione per tutto quello che vorrai chiederci.
Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: E possibile che mio Sert mi ha rifiutato dare metadone dicendo che posso prendelo dove io risiedo il problema e che posto piu vicino si trovs 100 km da dove abito in Polonia io nn conosco neppure linwua polacca

Risposta:

se non sai la lingua e soprattutto non esistono servizi in grado di assisterti, forse sarebbe meglio per te evitare di andare in Polonia e completare qua la cura

Domanda: il sert si puo' rifiutare di darti il metadone?e eventualmente si puo' denunciare se non ti danno il farmaco?

Risposta:

Le linee guida dell' Organizzazione Mondiale della Sanità relative al trattamento della dipendenza da oppiacei danno indicazioni su quelle che dovrebbero essere le migliori pratiche (best practice) in questa patologia. In particolare si sottolinea quanto segue:
-il trattamento farmacologico della dipendenza da oppiacei deve essere accessibile a tutti coloro che ne abbiano necessità, compresi i detenuti e i reclusi.
-le opzioni di trattamento farmacologico devono includere sia metadone che buprenorfina per il mantenimento con agonisti e per la disintossicazione, agonisti alfa-2-adrenergici per la disintossicazione, naltrexone per la prevenzione delle ricadute e naloxone per il trattamento dell’overdose.
-devono essere offerte possibilità di scelta,se disponibili, in accordo con la buona pratica clinica; devono essere discusse e offerte al paziente modalità alternative di trattamento, soprattutto le meno invasive.
-l'informazione deve essere trasmessa in un linguaggio e in una forma comprensibili al paziente.
-la dimissione involontaria dal trattamento è giustificata
se serve a garantire la sicurezza del personale e di altri pazienti, ma la non aderenza alle regole programmatiche da sola non deve costituire, in genere, motivo di dimissione involontaria. Prima di giungere ad essa, devono essere prese misure ragionevoli per migliorare la situazione, anche la riconsiderazione dell’approccio terapeutico usato.
-il limit setting deve avvenire in modo graduale e comprendere:
• reazione favorevole in caso di “buona” condotta
• reazioni contenute in caso di lievi violazioni alle norme comportamentali (ad esempio, ammonimenti, riduzione del privilegio della dose “take-home" ( affidamento del farmaco), intensificazione delle visite mediche, rifiuto o ritardo nella somministrazione di dose in caso di intossicazione)
• reazioni definitive (ad esempio, dimissione e, se necessario, intervento della polizia) in caso di violazioni gravi alle norme comportamentali.
Non sono a conoscenza dei motivi per i quali ti sia rifiutata la terapia e quindi non posso giudicare nel caso specifico ma volendo affrontare il problema in un discorso generale la risposta alla tua domanda e' "si" nel senso che il medico si può rifiutare di prescrivere una terapia; ovviamente il rifiuto deve essere motivato (da motivi clinici, diagnosi ed efficacia ma anche da motivi di aderenza alla terapia, misuso o diversione del farmaco).
Dovrebbero comunque essere disponibili terapie farmacologiche e/o proposte terapeutiche alternative.
A tutela dei diritti dei cittadini e' istituita a livello regionale la figura del Difensore Civico. Questo interviene nei confronti di pubbliche amministrazioni e quindi anche delle Unità sanitarie locali, per eventuali omissioni, ritardi, irregolarita' o illeggittimita'.
Giovanni Tavanti medico sostanze.info

Domanda: Sto facendo una terapia con suboxone e mi devo trasferire a Londra per lavoro dove posso rivolgermi per continuare la mia terapia?

Risposta:

 qua trovi un pò di info in merito al tuo problema di viaggio www.indro-online.de/

Domanda: Come funziona il sert?

Ciao a tutti, dopo 1 anno ad usare eroina, e altri 3-4 mesi in cui ho usato sub comprato in nero, ho deciso di rivolgermi al sert. Come funziona la trafila? Potrò continuare con il mio dosaggio (partito da 4 mg ho scalato e sono a 1 mg)? Dovrò fare delle analisi e cosa succede se non risulto pulito (non tocco la roba da 3 mesi ma fumo canne e uso sporadicamente coca e mdma)?

Risposta:

 la trafila inizia con un colloquio di accoglienza ed un inquadramento diagnostico da parte dei medici del sert, che valuteranno il tuo livello di intossicazione, l'uso pregresso di sostanze, l'attuale uso di farmaci e decideranno come farti iniziare e proseguire il trattamento. Le analisi ti verranno fatte in maniera continuativa per tutto il periodo in cui sarai nel servizio 

Domanda: Esistono Servizi per le tossicodiprendenze in Polonia? Come approvvigionarsi legalmente di metadone in Polonia?

Risposta:

 prova a cercare qua www.indro-online.de/

Condividi contenuti