Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 32514 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Type the characters you see in this picture. (verifica con audio)
Inserisci il testo che vedi nell'immagine qui sopra. Se non riesci a leggerli, invia il modulo e una nuova immagine sarà generata. È indifferente a maiuscole e minuscole.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori: eroina / informazioni sui servizi sociali e di recupero

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: .

ho bisogno di fare una domanda un pò complicata,spero di riuscire a spiegarmi... esistono delle aNalisi del sangue capaci di rilevare sostanze ( in particolare eroina) per diversi mesi..? perchè il mio ragazzo mi ha portato delle analisi del sangue con sotto una tabella con lista di droghe da una parte e dall altra cè scritto 30,60,120,160 giorni e sotto la percentule di droghe trovate nel sangue...su questo sito e su altri ho letto che la droga nel sangue dura al massimo due giorni,quaindi mi chiedevo perchè al sert fanno queste analisi visto che è impossibile individuare la droga attraverso il sangue per piu di 2 giorni? aspetto una risposta al piu presto. grazie ho letto la risposta.. allora non mi spiego proprio cosa sia quella tabella.. l'unica cosa che so è che lui si è presentato spontaneamente per fare gli esami del sangue.. e so anche che questi risultati ci hanno messo un pò di tempo per tornare indietro perchè sono stati mandati in ospedale.. e in ogni caso giuro che la tabella era impossibile leggerla diversamente da come l'ho letta io.. c'erano sull sinistra tutti i nomi delle sostanze e in alto in giorni...devo dire la verità mi sono sempre chiesta anche io come sia possiabile rilevare delle sostanze nel sangue per tanto tempo.. però guardando queste analisi mi ero convinta del contrario.. penso che l'unico modo sia andare al sert e chiedere delle spiegazioni. grazie per il vostro aiuto.

Risposta:

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.
Le sostanze durano un certo tempo nel sangue (diverso da sostanza a sostanza), un po’ di più nelle urine. Non esiste la possibilità di ritrovare eroina nel sangue dopo “30, 60, 120, 160” giorni dall’assunzione. Di conseguenza una tabella come quella da te descritta ci sembra un po’ “strana” (almeno se letta nel modo che sembra dalla tua descrizione: la possibilità di risalire indietro nel tempo rispetto al momento dell’uso della sostanza).
L’unica possibilità di risalire indietro nel tempo è quella di ricercare l’eroina nei capelli. Il motivo è che l’eroina (sotto forma di morfina) si accumula nei peli e non viene smaltita. Quindi la possibilità di risalire indietro nel  tempo è semplicemente conseguenza della lunghezza dei peli esaminati ed il conto è presto fatto: i capelli crescono di circa 1-1,5 cm al mese.
Ripetiamo quindi che nel sangue, come nelle urine è impossibile ritrovare sostanze per periodi lunghi come quelli che sembrerebbero apparire dalla tabella che ti ha mostrato il tuo ragazzo.
Ma veniamo alla tua seconda domanda: al sert non vengono fatti, di norma, ricerche tossicologiche nel sangue, ma nelle urine. I motivi sono diversi, ma non entriamo qui in merito ad essi. Di norma gli esami tossicologici nelle urine vengono effettuati con una frequenza tale da poter monitorare più o meno continuativamente l’uso delle sostanze.

Domanda: ho perso il mio affido di metadone ( 1 boccia su 2 ),domani e domenica il sert è chiuso,quindi pensavo di andare dalla guardia medica e fammelo prescrivere..si può fare???è legale???si trova in commercio??

Risposta:

difficile che la guardia medica sia in grado di somministrarti il metadone. Molto probabilmente ti invieranno all'ospedale più vicino dove ci sarà senz'altro un ambulatorio per le dipendenze dove possono somministrarti anche il metadone

Domanda: una persona che usa eroina da 2 mesi ma che non è dipendente fisicamente ma solo psicologicamente puó rivolgersi al sert?

Risposta:

 certamente, anzi è assolutamente consigliabile per affrontare subito il problema

Domanda: E vero che alcuni sert in Italia,a Firenze, effettuano terapia con ibogaina

E vero che alcuni sert in Italia,a Firenze, effettuano terapia con ibogaina

Risposta:

 si tratta di una terapia non riconosciuta dal Sistema Sanitario Nazionale, quindi non utilizzata nei ser.t.

Domanda: ci sono i sert ad amburgo germania, e se si in che zona di amburgo si trovano?

Risposta:

Certo che ci sono anche se non si chiamano così. Puoi trovare le informazioni che ti servono all'indirizzo http://www.indro-online.de/travel.htm 

Domanda: Servizio SERT,terapia metadone barcellona

Salve io sono in cura al SERT in italia e volevo sapere come muovermi e achi devo rivolgermi ,per continuare la terapia con il metadone a barcellona,dove mi trasferiro' per lavoro .ho sentito che il metadone lo danno nelle farmacie è vero? ma ce bisogno di un documento rilasciato dalla mia USL..vi ringrazio fatemi sapere a presto

Risposta:

qua trovi le info che cerchi www.indro-online.de/travel.htm

Domanda: Mio figlio di 24 anni aveva tentato di togliersi il metadone di colpo.poi si è fatto dare subutex che si fa in vena la pastiglia da 2 mg

Io mi accorgo quando lo prende per via inietti a in quanto sta prendendo anche antipsicotico e benzodeazepine, la reazione è lingua bianchissima, alito fetido, non mangia, caldo di sera e freddo di mattina. Lui aveva chiesto di ritornare al metadone ed anch io che ero stata dallo psichiatra del sert che lo segue ma sembra non ne voglia sapere di cambiare perchè dice che si può iniettare anche il metadone. Grazie

Risposta:

 Mi sembra sia una situazione piuttosto complessa. Forse sarebbe indicato un breve periodo in una struttura protetta per “resettare” la situazione clinica. Riterrei infatti fondamentale far pulizia della diversione nell'assunzione di farmaci stupefacenti.

Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: Può il sert bloccare la somministrazione di metadone senza dirlo all'utente, come se fosse una sorta di "punizione"?

Mi sono iscritto al Sert per consumo di eroina. Non prendo il metadone direttamente al sert, ma presso il pronto soccorso del paese in cui vivo. Ogni volta che faccio una visita al sert viene poi inviata una carta al pronto soccorso dove viene segnalato quando metadone ho concordato di prendere con la dottoressa che mi segue. Al prontosoccorso gli infermieri chiedono che si vada a prendere il metadone entro le 22.00. Mi è capitato una volta (ci tengo a sottolineare che ho sempre cercato di rispettare questa richiesta e le persone che lì lavorano e le persone che vanno li per urgenze senza mai avanzare richieste di priorità e aspettando alle volte anche per parecchio tempo) di arrivare alle 21.59 mentre gli infermieri si passavano le consegne per la notte. Mi sono presentato in accettazione e dopo dieci minuti l'infermiera è uscita con la terapia dicendomi che lei è molto precisa in queste cose e che la prossima volta non mi avrebbe dato la terapia perchè secondo lei ero in ritardo. A questo, rispondo che non ero in ritardo, ma entro i tempi e che lei non poteva minacciarmi di lasciarmi senza terapia. Dopo di che, il giorno dopo sono stato chiamato dal sert per sapere cosa era successo perchè l'infermiera si era lamentata. io descrivo quello che era successo, e propongo di riportare il nome dell'infermiera per un confronto e il sert mi risponde che devo stare calmo e non agitarmi. Nelle sere successive ho chiesto il nome dell'infermiera in questione al personale presente e nessuno ha voluto dirlo ne a me nè al sert (che poteva valutare per richiamare l'infermiera in questione) come a coprire il comportamento dell'infermiera. Dopo qualche tempo e dopo aver parlato con la mia dottoressa di quanto accaduto senza nessun riscontro e nel frattempo avendo saputo che un'altra persona che non era presente quella sera con me è stata accusata ingiustamente del presunto ritardo, ritrovo la stessa infermiera al pronto soccorso, e le dico che ha raccontato una bugia e che non può comportarsi in questo modo senza giustificazione. Il giorno dopo vedo una chiamata del sert alla quale non posso rispondere perchè impegnato al lavoro e la sera del giorno dopo mi reco al pronto soccorso come sempre e mi dicono che mi è stata bloccata la terapia. Quindi ora quello che vorrei sapere è: 1) non c'è una legge che stabilisce che la terapia può essere presa fino alle 24? 2) come fa il sert a proclamarsi colui che aiuta e che sostiene chi ha problemi di dipendenze e colui che basa tutto sulle esigenze dell'utente e definisce con lui quello di cui ha bisogno e poi toglie la terapia senza dire nulla e usa la terapia non come tale ma come ricatto? 3) come mi posso muovere ora perchè situazioni del genere non si ripetano più nè qui nè in altri posti? Grazie in anticipo per la risposta che vorrete offrirmi.

Risposta:

Immagino sia stata una situazione davvero incresciosa esserti trovato senza terapia ed è una situazione nella quale sarebbe preferibile non trovarsi mai. E' importante che tu sappia che gli orari di somministrazione sono stabiliti dai servizi e che è fondamentale attenervisi perchè altrimenti si creano difficoltà sia agli operatori che lavorano che ad altri utenti. Detto questo ritengo non sia etico bloccare una terapia senza motivi clinici ma di altra natura ma l'importante per te, e per chiunque acceda ad un servizio sanitario, è attenersi alle regole di orario e di modalità. Perchè non provi a parlarne con il medico del tuo Sert in modo da trovare una soluzione ad un evidente difficoltà? 

Domanda: ho scoperto che mio fratello ha fatto uso d eroina e metadone cosa fare per aiutarlo ? in che momento aiutarlo ? durante o dopo l astinenza ? lui si rifiuta d andare al sert perché dice che gli daranno il metadone e lui non ne vuole .non vuole ne

Non vuole nemmeno parlare con uno psicologo ...ho bisogno di un consiglio ...in famiglia non sappiamo da dove iniziare se dal sert se da un centro di recupero oppure iniziare parlando con uno grazie mille ...

Risposta:

 Purtroppo il dubbio è che preferisca non farsi curare per lasciarsi uno spazio di libertà: Il problema dell’uso di sostanze è talmente complesso che è impensabile che faccia da solo. E’ importante che voi familiari siate consapevoli di questo: purtroppo a volte non rimane che aspettare che anche per lui giunga il momento della determinazione a fare qualcosa di serio.

Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: ci sono cliniche a pagamento per la disontissicasione da metadone ,premettoche da 15 anni sono in cura al sert e non mi sono fatto piò una pera ,siccome l'assunzione del metadone concentrato <a proposito io prendo 25 giornalieri> mi sono gonfiato

ho una vita socialenulla vado a lavoro e sto a casa .avendo 45 anni vorrei trovare una clinica a pagamento o no che mi segua soprattutto quando sono basso con lo scalaggio e siccome non mi riesce di trovarle tranne quelle che ti propongono il ricovero in psichiatria ,io sono disposto anche a pagare purchè mi si offra un appoggio clinico all'altezza saluti roberto

Risposta:

ci saranno senz'altro, ma non ne siamo a consocenza dato che lavoriamo solo con strutture pubbliche (che non sono a pagamento)

Condividi contenuti