Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 51387 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori: tutte / effetti delle sostanze

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: Bupropione dipendenza

Scusate sono quello che si sta disintossicando in clinica dall'ossicodone e che si sniffa ora il bupropione. Volevo chiedere:ma come è possibile che un semplice antidepressivo mi dia certi effetti piacevoli! Questa non mi ci voleva proprio. Sento anche qua che devo aumentare la dose per sentirne gli effetti! Ho paura a riferirlo al medico perché è una terapia che mi fa stare bene (prima la prendevo per bocca) e non voglio che me la tolgano. Insomma perché questo antidepressivo si comporta quasi come un oppiaceo? Addirittura qua in clinica mi hanno visto così euforico che mi hanno fatto il test tossicologico!! Grazie per la risposta!

Risposta:

 In effetti questo farmaco è un antidepressivo diverso sa quelli più in uso (ssri). La sua azione farmacologica avviene su mediatori diversi. Questo è uno dei motivi per cui io preferisco non prescriverlo.

Domanda: Ma quindi il metadone e´ come l eroina ?

Scusate innanzitutto se ho fatto troppe domande , non vorrei esagerare , ma siete l unico aiuto vero che ho mai trovato in rete . La mia situazione mi induce a fare delle decisioni che da solo non sarei in grado di prendere , data la mia ignoranza in materia . Faccio uso di eroina da quasi 2 settimane , sniffandola , 0,3 g al giorno in piu´ non so´nemmeno quanto sia pura , amici mi hanno detto che quello che compro e´perlopiu´ un misto di veleno per topi , sonniferi e una sostanza a me sconosciuta simile al metadone o al subutex. Vorrei smettere ma non so come , mi avete consigliato l uso di metadone , mentre amici miei mi dicono che il metadone e´come l eroina quindi sarei punto e a capo. Ma il metadone da dipendenza se usato per 3-4 giorni per passare la crisi d astinenza ? GRAZIE

Risposta:

E’ difficile sapere cosa ci sia in una sostanza illegale acquistata al mercato nero. Ci può essere realmente di tutto. In genere però c’è anche un po’ della sostanza che ci dicono di venderci. In questo caso l’eroina. E’ molto difficile giudicare in questa sede la tua situazione. Non possiamo, ad esempio, sapere quale sia il tuo livello di intossicazione. E’ vero che il metadone da’ una dipendenza (come tutti gli oppiacei) ma è, insieme alla buprenorfina, attualmente il migliore farmaco per la cura della dipendenza da eroina. La sua dipendenza è fondamentalmente fisica (e non psichica) e questo fa si che a partire da un dosaggio adeguato sia possibile ridurne progressivamente la quantità fino a zero. Il pericolo principale non è la dipendenza da metadone, ma quella da eroina che invece oltre alla dipendenza fisica da una forte dipendenza psichica. E questo è il vero problema di tutte le dipendenze da sostanze. Ti consigliamo di rivolgerti ad un servizio e chiedere di essere aiutato a fare proprio quello che tu hai pensato ovvero una cura con il metadone o la buprenorfina con una progressiva riduzione della quantità. Le cure “fai da te” in genere hanno poco successo.

Domanda: ESAMI DOPO RITIRO PATENTE PER GUIDA IN STATO DI EBBREZZA.

BUONGIORNO, SONO UN RAGAZZO DI 21 ANNI CHE PER IL GIORNO DEL SUO COMPLEANNO E' STATO FERMATO DALLA POLIZIA STRADALE. PATENTE RITIRATA IN DATA 11/8. IN DATA 24/8 MI ARRIVA A CASA LA LETTERA DEL PREFETTO CHE DICE DI PRENOTARE APPUNTAMENTO ALLA COMMSSIONE MEDICA PROVINCIALE "IN QUANTO SUSSISTONO DUBBI SULLA PERSISTENZADEI REQUISITI PSICOFISICI NECESSARI PER IL MANTENIMENTO DELLA PATENTE DI GUIDA". DOMANDA: IO HO FATTO USO DI CANNABINOIDI QUALI HASCHISH E MARIJUANA FINO A IERI SERA, E HO ANCHE BEVUTO 2 SUPERALCOLICI IN DATA 22/8 SERA. PER QUANTO TEMPO RIMANGONO NELL'ORGANISMO QUESTE SOSTANZE, SE IO DA OGGI IN POI SMETTO SIA DI BERE CHE DI FUMARE?? VORREI UNA CHIARIFICAZIONE IN BASE ANCHE AL TIPO DI CONTROLLO CHE MI VERRA' FATTO (URINE CAPELLO O SANGUE). SE IO CHIAMO IN QUESTI GIORNI LA COMMISSIONE MEDICA QUANTO E IL TEMPO DI ATTESA PER PRESENTARSI? CI STA CHE MI DIANO L'APPUNTAMENTO ANCHE TRA 2 O 3 MESI? IN DEFINITIVA RIESCO AD ARRIVARE PULITO AL CONTROLLO O NO???? GRAZIE MILLE. SALUTI

Risposta:

Vediamo di rispondere ai tuoi quesiti

Permanenza nell'organismo di sostanze.

Come abbiamo già scritto molte volte il tempo di "smaltimento" del thc è molto lungo e quindi esso può essere rilevato in un campione urinario anche per un mese o più. Ovviamente esiste una relazione molto stretta fra quanto si è fumato, da quanto tempo si fuma e la capacità, sempre diversa, del proprio organismo di metabolizzare (smaltire) la sostanza.

Se ad esempio nel tuo caso hai fumato le 15 "canne" in un breve periodo di tempo è probabile che anche dopo 25 giorni qualche traccia sia presente nelle urine.

Per quanto riguarda il consumo di alcolici vengono ricercate eventuali aletrazioni del fegato e delle transaminasi tramite specifici test moirati quali il CDT.

Ovviamente più è lungo il periodo in cui la persona ha smesso di assumere alcolici e più facilmente l'organismo rientra nei valori normali.

I tempi di attesa variano enormemente da commissione a commissione e da regione a regione e da provincia a provincia in base alla quantità di lavoro che si trovano a dover affrontare le singole commissione.

 

 

 

Domanda: chi puo essere inteso consumatore cronico.

salve ho gia letto mille volte che i giorni necessari per la non rintracciabilità della cocaina nelle urine varia dai 2 a 5 giorni, tranne che per i consumatori cronici dove il tempo di smaltimento e maggiore, vorrei sapere chi viene inteso come consumatore cronico? io ho fatto un uso molto saltuario 5/6 volte ne primi dieci mesi dell'anno di cocaina e mai quantità eccessive, ma in questo ultime due settimane ho avuto un uso più pesante (circa 3 volte a settimane) rischio di passare il limite massimo dei 5 giorni, ho 13 giorni prima degli esami e chiaramente ho già iniziato l'astinenza, rischio comunque?

Risposta:

 Direi che la definizione di consumatore cronico non ti si addice e comunque 13 giorni permettono di smaltire qualsiasi quantitativo di cocaina.

 

Domanda: ho fatto uso di eroina snifata dopo qunto non si vede nelle urine

Risposta:

 soliti giorni di durata con altre modalità di assunzione

Domanda: Aiuto.5 giorni oggi che sono in astinenza da ossicodone ma i dolori non passano. Ci vorrà ancora molto? Ne ho preso 140 al giorno per un anno. Rispondetemi x favore. Grazie

Risposta:

 Dipende da quanto tempo lo assumi ma essendo il dosaggio molto elevato la cosa può andare avanti ancora per un pò.

Normalmente la riduzione viene fatta progressivamente proprio per evitare una sindrome da astinenza pesante

Domanda: Ieri ho fatto qualche tiro di canna ma non fumavo una canna da 2 mesi circa e tra qualche giorno dovrei fare le analisi del sangue..c è qualche possibilita che non vi trovino tracce o è sicuro?e posso fare qualcosa per riuscire a smaltirle? grazie

Ieri ho fatto qualche tiro di canna ma non fumavo una canna da 2 mesi circa e tra qualche giorno dovrei fare le analisi del sangue..c è qualche possibilita che non vi trovino tracce o è sicuro?e posso fare qualcosa per riuscire a smaltirle? grazie

Risposta:

Per la permanenza dei metaboliti del THC nelle urine, e nel sangue, puoi leggere le molte risposte che abbiamo dato sull'argomento in varie parti del sito (anche qui basta scorrere le varie risposte date nelle ultime settimane).
Possiamo aggiungere che gli esami del sangue devono essere mirati alla ricerca delle sostanze psicotrope, e che normalmente questo esame non viene utilizzato per la ricerca del THC.
Gli viene preferito il prelievo urinario in quanto meno invasivo (non viene utilizzata una siringa).
Infine non esiste niente che aiuti l'organismo a smaltire la presenza del THC, né tisane, né farmaci, né altri ritrovati.

Domanda: Richiesta d'aiuto ...

Nel mese febbraio ho avuto (una) ricaduta con eroina (QUELLA ALBANESE ) da li un delirio,ho iniziato ad avere un bruciore periferico sopratt. nei piedi sono andato dl neurologo inizio con il lyirca da150 va meglio il bruciore rimane solo nei piedi ,dopo tre mesi cura mi sveglio il mattino con le striature delle lenzuola sulle braccia come se fossero solchi vado dal medico faccio tutti gli esami tutto perfetto ,dopo 15 giorni mi si gonfiano i piedi sopratu. lateralmente rivado dal medico rifaccio esami letromigrafia di tutto non ce un valore sballato per finire il colore della mia cute diventa tra giallo/bianco (fegato transaminasi bilirubina ecc tutto nella norma valori perfetti .ho bisogno d'aiuto se ci sono stati casi simili al mio potreste darmi una mano...GRAZIE .

Risposta:

 I sintomi da te descritti sono piuttosto generici. In particolare il colore della pelle e i segni delle lenzuola. Non sembrano particolarmente significativi anche in considerazione dell'esito degli esami. 

Per quanto riguarda il gonfiore ai piedi penso che l'esame da fare sia una ecografia per valutare la situazione del circolo venoso
Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: Scalare il metadone

Salve mi chiamo serena ho 35 anni , sono in cura con il metadone da quando ne avevo 23, non uso nessun tipo di sostanza a parte il metadone da 9 anni, sono però stanca di frequentare il sert, vedere sempre gente che continua a bazzicare nell’eroina è che arriva lì strafatta mi da parecchio fastidio, la settimana scorsa hanno tentato di rubarmi la borsa per prendere il metadone, ho l’affido per 15 giorni è faceva gola... il risultato è stato un braccio lussato è il viso pieno di lividi per la caduta, scusate il dilungamento.Ora la mia domanda è questa: posso scalare velocemente il metadone in modo da eliminarlo nel giro di un anno al massimo?il problema è che se ne prendo meno attualmente sono a 6 mg sto male.. non mi copre fino al giorno dopo prendendolo alle 6 del mattino mi copre fino alle 8 di sera poi cominciano brividi, malessere alle gambe insonnia ansia è così fino a che non assumo la dose giornaliera ovviamente alla mattina.. non capisco come potró affrontare uno scalare se anche solo diminuendo di un mg sto così male.. esiste qualcosa per eliminare i sintomi astinenziali? Voglio davvero smettere di assumere metadone,voglio una vita normale pulita senza nessun tipo di sostanza. Grazie

Risposta:

 Cara lettrice, il tuo desiderio di allontanarti del tutto dal passato di

dipendenza mi sembra molto positivo. Quando l'assunzione di
eroina si è fermata da molto tempo questa può essere la scelta più
giusta. Questa mia considerazione però è una considerazione
generica. Io non so abbastanza di te per poterti dare un consiglio
specifico in piena coscienza. Su questo punto penso che il tuo
medico sert sia il più indicato per valutare la cosa insieme a te. Una
possibilità per ridurre i sintomi della disintossicazione è, innanzi
tutto, dividere la dose quotidiana in due somministrazioni (mattina e
sera). Esistono infatti delle persone che metabolizzano il metadone
molto rapidamente e tu potresti essere una di queste. A questo
punto delle riduzioni molto piccole e distanziate dovrebbero
diventare sopportabili. Esistono poi dei farmaci che possono ridurre
i sintomi. Anche su questo potresti chiedere consiglio al tuo medico
sert. Mi dispiace non essere più preciso ma penso che non sia
corretto dal punto di vista medico dare delle precise indicazioni
terapeutiche in questa sede.
Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: Il depakin usato come stabilizzante funziona anche come antidepressivo?

Risposta:

 In parte, potremmo dire di sì. visto che Impedisce che l'umore si fletta troppo in basso

Condividi contenuti