Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 36242 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Type the characters you see in this picture. (verifica con audio)
Inserisci il testo che vedi nell'immagine qui sopra. Se non riesci a leggerli, invia il modulo e una nuova immagine sarà generata. È indifferente a maiuscole e minuscole.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori: tutte / informazioni e curiosità sulle sostanze

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: In cosa consiste l'articolo 75? Qual è il limite di canapa che posso possedere per non superare la soglia dell'uso personale?

Risposta:

 L’art.75 del D.P.R.309/90 vieta la detenzione per uso personale di sostanze stupefacenti e prevede l’attivazione di un procedimento amministrativo presso la prefettura di residenza. Per quanto riguarda i cannabinoidi, il quantitativo massimo previsto per l’uso personale è di 0,5 grammi di principio attivo.

Domanda: Sizzurp, Purple Drank, Lean...

Salve, ho fatto qualche ricerca sul tanto famoso Sizzurp (o Purple Drank, Lean ecc...) e ho letto che grazie a Codeina e Prometazina, si può preparare mischiando un semplice sciroppo per la tosse con della Sprite e avrei intenzione di provarlo, ma prima avrei qualche dubbio e spero voi possiate rispondermi. 1. Il Sizzurp in sé, in quantità limitata, è una sostanza molto dannosa o bisogna solo starci attenti come per gli energy drink, l'alcohol ecc... ? 2. Se assunto una volta ogni tanto, per esempio una volta a settimana o anche meno e soprattutto bene, quindi senza aggiunta di alcohol o droga, si possono ridurre se non eliminare i rischi legati alla sostanza ? 3. A parte che con il sovradosaggio, quali sono i rischi a cui si va incontro assumendone la giusta dose o comunque una minima quantità ? Grazie in anticipo.

Risposta:

Ti rispondo confessando di non conoscere questo mix,  quindi considero che tu parli di codeina che è un oppiaceo con i noti effetti e rischi associati con bevande come lo sprite che non dovrebbero avere particolari reazioni associate. Quindi si parla di una bevanda che dovrebbe avere credo un effetto sedativo e rilassante. Il problema per cui non regge molto il confronto con le energy drink è che qui si parla comunque di oppiacei e anche se non è nota la percentuale utilizzata in una bevanda o drink, si può sviluppare dipendenza se i dosaggi e la frequenza sono intensi. Dipende molto dai dosaggi comunque non pensare di avere a che fare con una red bull ma si tratta di ben altro da trattare con molta più attenzione.

Stefano Bertoletti sostanze.info

Domanda: Trip strano in md

Ieri sera ho calato dell'emme, 0,5g circa e appena salita ho iniziato a dare di matto. Urlavo, picchiavo le persone e tentavo di distruggere cose. I miei amici assieme al buttafuori mi hanno portata fuori dal locale. Mi sono spogliata nuda e ho iniziato a correre e saltare sulle macchine. Poi ho un vuoto... insomma una cosa mai successa! Ho 19 anni e faccio uso di md da 3 anni! Cosa può essere successo? Ero un po bevuta anche

Risposta:

Ciao quello che ti è successo evidentemente ti ha disorientato, hai perso il controllo in un modo che non riesci a spiegarti. Questo può essere dovuto a tante cose, ad esempio al fatto che tu non abbia assunto md ma un'altra sostanza simile ma con maggiori effetti eccitanti e allucinogeni, ne esistono sul mercato e circolano vendute come MD.  Poi potrebbe essere MDMA magari anche il mix con alcool potrebbe aver facilitato questo effetto, e poi c’è sempre il fattore soggettivo che può spiegare quella particolare reazione tua di quella sera..eri particolarmente arrabbiata o compressa…
Però questo episodio ti fa capire che ci sono dei limiti che devi considerare che fino ad ora non avevi previsto. Quindi è bene che tu dia un tempo di recupero ben più ampio del solito oltre a fare attenzione al mix con alcool e ai dosaggi da tenere molto d’occhio. Visto che in italia l’analisi delle sostanze è ancora impossibile.

Stefano Bertoletti sostanze.info

Domanda: E’ possibile un uso controllato di eroina?

Mi spiego meglio: conosco moltissimi tossici che dopo anni di abuso, ormai si limitano soltanto ad un uso sporadico della sostanza (una o due volte a settimana). Il punto però è questo: quasi tutti, o tutti, assumono anche una dose giornaliera di metadone che li stabilizza (che copre un’eventuale crisi di astinenza). Quindi su di loro è impossibile fare una valutazione obbiettiva per rispondere alla mia domanda. A me interessava questo: è possibile un uso sporadico di eroina, dopo anni di abuso, solo una due volte a settimana, senza usare metadone e senza il pericolo di incorrere nel tempo in una crisi di astinenza grave ? Per esempio: una sola sniffata seguita da almeno tre giorni di astinenza o anche una settimana, il corpo ha il tempo di recuperare pienamente il normale equilibrio ? Qual è l'intervallo minimo tra una dose e l'altra senza rischiare una crisi di astinenza. Certo, il mio discorso è solo teorico…ma dando per scontato la ferma volontà di seguire scrupolosamente questo piano di assunzione, si può evitare l’astinenza fisica (non parlo di quella psicologica, perché è evidente che quella già c’è). Sarebbe interessante sentire solo un parere strettamente medico-tecnico in merito ed esperienze personali. Grazie a tutti

Risposta:

Salve non è facile rispondere alla tua domanda perché chiedi anche di formulare una scala di equilibrio che è ben difficile poter tracciare in astratto senza considerare fattori che determinano i meccanismi di astinenza. Alcuni fattori sono soggettivi e altri dipendono da quanto si consuma e quindi dalla tolleranza che si sviluppa, dalla purezza della sostanza consumata etc. però si può dire che non è impossibile avere un uso controllato anche di una sostanza come l’eroina che oggettivamente con il consumo prolungato da adito a dipendenza fisica. Però bisogna intenderci su quello che significa uso controllato. Direi che si può dire che questo è possibile se si riesce a mantenere una frequenza dilatata, e quella che indichi tu mi sembra già intensa per durare molto senza avere sintomi da astinenza. Ma parlare di uso controllato può anche significare che ci si riesce a fermare ai primi sintomi di astinenza e a quel punto fare un periodo di astinenza più lunga che dia il tempo alle endorfine di riequilibrarsi.
Quindi è possibile ma non ci sono ricette, è piuttosto il risultato di un processo in cui si impara a mettere limiti e a rispettarli . ognuno può avere le proprie strategie e quelle che servono ad uno possono essere inutili ad un altro.

Stefano Bertoletti sostanze.info

Domanda: ma quanto costa un drug-test in farmacia?

Risposta:

“Screen Droga Test Urina 5”, di cui omettiamo il nome commerciale per ovvi motivi do correttezza deontologica, in grado di rilevare tramite urina la presenza delle seguenti droghe: Cocaina, Anfetamine, Meth-Anfetamine (compreso ecstasy), Marijuana (Cannabinoidi), Oppiacei (Eroina), costa circa 24 euro.

Domanda: Cosa s intende x consumatore cronico di cocaina ( quantificandola?)

Risposta:

si intende una persona che non riesce a interromperne l'uso.

Domanda: Suboxone, esami guida in stato di ebrezza e tempi di smaltimento

Salve Vorrei sapere se con questi esami si vedono tracce di Suboxone nel sangue a distanza di un giorno: Emocromo + Formula, GOT, GPT, Gamma GT. Eventualmente, quanto permangono nel sangue tracce di Suboxone? Grazie!

Risposta:

  • non si vedono nè si trovano
  • alcuni giorni

Domanda: ma quali sostanze si usano i pusher x tagliare l'hashish?e sopratutto come diavolo fanno?!? dato che se non sbaglio l'hashish è allo stato solido

Risposta:

Partiamo dalla definizione generale di resina: la resina vegetale  è una sostanza odorosa e appiccicosa prodotta da alcune piante, come ad es. abeti, pini, ecc.
La Cannabis indica è una pianta  largamente diffusa nelle zone tropicali e temperate della terra.
Con marijuana si indicano i fiori della canapa indiana, mentre l'hashish è la resina della cannabis estratta dal
polline dei suoi fiori.
Per ottenere l'hashish ogni cultura ha sviluppato un proprio processo di lavorazione della pianta e di estrazione della resina.
Se ti vuoi documentare su questo aspetto specifico puoi consultare le pagine di
Wikipedia.
Come abbiamo detto in più occasioni, non è solo il circuito del mercato nero che, ovviamente, non permette di sapere con più precisione le sostanze da taglio utilizzate, ma piuttosto il fatto che al contrario di altri paesi europei, in Italia la legge non consente di fare analisi sulle sostanze illegali circolanti.
Quindi non è possibile tenere sotto controllo alcune sostanze che i consumatori rischiano di assumere quando le consumano. 
Tra queste ve ne sono alcune la cui tossicità o pericolosità è relativa, come, nel caso dell'hashish, la paraffina, mentre ve ne sono altre che risultano molto più pericolose come sabbia o vetro polverizzato, molto usati nel nord europa anche per i tagli della marijuana, in grado di causare infiammazioni gravi, lesioni etc.
In ogni caso si tratta di processi condotti a livello diciamo industriale dalla criminalità che gestisce il traffico.
Tornando all'hashish, le varie sostanze da taglio sono utilizzate per migliorarne la consistenza ma soprattutto, per aumentarne la quantità - e quindi i guadagni.

Domanda: Chiarimenti contagio epatite

Buongiorno, vorrei dei chiarimenti in merito al contagio da epatite c tramite le sostanze illegali. Io sono sempre stata scrupolosa in quanto a norme igieniche e non ho mai condiviso siringhe con nessuno ma ho letto proprio su questo sito che il contagio può avvenire anche perché è la sostanza stessa ad essere infetta. Questo mi sembra alquanto strano… ma il virus dell’epatite non muore dopo qualche ora/giorno? Sapete dirmi quanto? E questo contagio, se possibile, avviene solo con l’uso endovenoso o anche sniffando? Gli esami del sangue per scongiurare di essere stati contagiati si possono fare in qualsiasi momento o vanno ripetuti ad intervalli di tempo come per l’hiv? Grazie

Risposta:

 Proprio la grande resistenza del virus C nell'ambiente permette un contagio attraverso l'iniezione di una sostanza infetta senza alcuno scambio di siringhe. Il periodo finestra dura alcuni mesi quindi sarebbe opportuno fare il test almeno due volte l'anno.

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: Sospensione Depakin

Buongiorno, A giugno del 2009 ho avuto uno svenimento (assumevo la Fluoxetina) e un secondo svenimento a luglio (quando la fluoxetina era stata sostituita con il Cymbalta). Al pronto soccorso, dopo il secondo svenimente, mentre mi stavano facendo numerose lastre alla testa, avevo battuto la testa) mi è venuta una crisi epilettica di breve durata. Sono stata trattenuta presso la medicina d'urgenza per circa 4 giorni per accertamenti i mi hanno trovato delle anomalie epilettiche nell'elettroencefalo. Non mi è mai però stata diagnosticata l'epilessia vera e propria. Dall'estate del 2009 sto prendendo il Depakin. Inizialmente Depakin 500 2 volte al giorno (peso 43 kg) che mi ha procurato un grande disagio in quanto il farmaco era in eccesso (mal di testa continuo, forti dolori alle gambe e alle braccia da stare nel letto a piangere, stanchezza e debolezza indescrivibili, dormivo continuamente, circa 16 ore al giorno, mentre dormivo muovevo le arti e tutto il corpo). Da quando, da un altro medico, il farmaco è stata ridotto a 2 pastiglie di Depakin da 300 i disturbi sono praticamente passati, rimane un po' di stanchezza, qualche volta dolori alle gambe e quelli li avevo avuto ancora prima di iniziare ad assumere il farmaco. C'è da dire che non ho mai più avuto svenimenti o mancamenti e anche quelli che ho avuto sono stati in un periodo di grande stress lavorativo e la crisi - nel momento di sostituzione di fluoxetina con il cymbalta. Dal mio primo neurologo mi era stato detto che avrei assunto il Depakin per tutta le vita. Il mio secondo medico ha detto che mi avrebbe sostituito il farmaco con un altro più leggero che consente anche una gravidanza. Io personalmente vorrei smettere il trattamento con qualsiasi farmaco antiepilettico. Nel frattempo ho smesso anche l'ssunzione di fluoxetina sotto il controllo del mio psichiatra in quanto sto bene. Mi rendo conto che dovrò farlo sotto la guardia di un medico che non sara nessuno dei miei medici precedenti perché ho avuto una bruttissima esperienza. Infine la domanda. Non ho mai avuto sospensione della patente per l'epilessia in quanto non mi è mai stata diagnosticata quanto tale. La sospensione del Depakin mi obbligherà comunque a rinunciare alla guida per 6 mesi? Vi ringrazio.

Risposta:

Mi dispiace per quanto ti è successo. Non sono però in grado di rispondere alla tua domanda in quanto non sono riuscito a capire bene cosa sia successo alla tua patente ed il motivo per cui dovresti rinunciare alla guida per sei mesi.

Condividi contenuti