Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 29107 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Type the characters you see in this picture. (verifica con audio)
Inserisci il testo che vedi nell'immagine qui sopra. Se non riesci a leggerli, invia il modulo e una nuova immagine sarà generata. È indifferente a maiuscole e minuscole.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: esami sangue per ritiro patente

salve vi riporto gli esiti degli esame del sangue fatti per riconfermare la patente di guida. AST-GOT- 47 , piu' alto di 7 limite 40,ALT 69 piu' alto di 20 limite 49, CDT 0,70 nella norma, vi chiedo se quei due valori fuori norma possono influire alla commissioni patenti ? mi devo preuccupare o posso stare tranquillo? grazie mille

Risposta:

 è possibile che non ti venga restituita la patente perchè i due valori fuori norma (AST-GOT e ALT) sono proprio fra quelli che rilevano i consumi di alcol 

Domanda: Effetti collaterali cipralex

Salve,dà circa un mese stò prendendo il ciprlex, per curare l' ansia e gli attacchi di panico prescrittomi dallo psichiatra. Contemporaneamente ho sospeso l' assunzione di marijuana che usavo appunto per curare questi sintomi. Però sono comparsi innumerevoli effetti collatareli trà i quali: diminuzione dell' appettito, bocca secca, problemi di erezione, digrinare i denti e sopprattutto insonnia ed icubi quasi allucinazioni. Secondo voi è normale avere tutti questi effetti collaterali dovuti al farmaco? Oppure alcuni di questi effetti sono dovuti alla sospensione improvvisa di thc? Vi prego datemi qualche iformazione, non riesco a sopportare qusti effetti. Cumungue proverò nuovamente a sentiro lo specialiststa. Vi ringrazzio del servizio che fornite.

Risposta:

E’ possibile che le cause dei disturbi siano tutte e due. Certamente il thc è una pessima medicina per l’ansia in quanto può, in certi casi, farla passare ma finito l’effetto può esserci un suo aumento. Un farmaco SSRI (come il cipralex) può essere utile. In genere gli effetti “positivi” di questo farmaco compaiono dopo due o tre settimane, mentre gli effetti collaterali iniziano subito. Questi effetti però con il tempo tendono a scomparire. La possibilità di insorgenza di questi disturbi è molto variabile da persona a persona. Per fortuna il Cipralex non è l’unico farmaco di questa famiglie e ne esistono altri che possono essere meglio tollerati da te. Fai bene a parlarne con lo psichiatra per poter decidere insieme a lui se continuare con il Cipralex o magari provare se un altro farmaco della stessa famiglia ti evita gli effetti collaterali di cui soffri.

Domanda: valori di riferimento transferrina desialata

salve, causa sospensione patente ho effettuato 2 prelievi a distanza di 15 giorni per monitorare i valori epatici e soprattutto la transferrina desialata. quest ultima risulta nel primo prelivo pari all' 1.30 % e nel secondo pari a 1.60% . mi èstato detto che per la commissione medica patenti il valore deve rimanere entro 2.60%, ma I VALORI DI RIFERIMENTO del mio referto sono i seguenti: NORMALE 0 - 1.3 NON DECISIVO >1.3 - <= 1.6 PATOLOGICO > 1.6 quindi il mio secondo campione prelevato risulta nella seconda fascia. SECONDO VOI DEVO PREOCCUPARMI? i valori epatici sono nella norma ad eccezione dei seguenti: TRIGLICERIDI 37 (50-200) GLOBULI ROSSI 4.65 (4.7 -6.1) MCH 31.8 (27-31) PDW 17.4 (15.5-17.01) VI RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE

Risposta:

E' vero che ha validità il valore non patologico indicato dal laboratorio. Comunque tu sei a posto in quanto il valore della CDT non è superiore a 1,6, quindi non patologico appunto, e il fatto che fosse 1,3 la volta precedente sono solo variazioni laboratoristiche. Anche gli altri esami non hanno significato in questo caso: quindi nessuna preoccupazione

Domanda: Salve, sono una ragazza di 21 anni e, a causa di un problema alla gola, sono in cura con il cortisone (deltacortene) e un'altro antibiotico (augmentin) che prendo 2 volte al dì. Venerdi avrei intenzione di prendere mdma, potrebbe essere pericoloso??

Risposta:

Tra il cortisone e l'mdma ci può essere un effetto di sommazione degli effetti eccitatori sul sistema cardiovascolare. Quindi  l'assunzione di mdma può essere particolarmente pericolosa da questo punto di vista.

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: Posso usare oppio avendo grossi problemi di natura ansiosa?

Mi spiego meglio: gia da qualche mese ho diversi disturbi a seguito di un attacco di panico causato da un momento stressante e tramautico e dall'uso di cannabis. Ho forme di derealizzazione abbastanza croniche e con difficoltà ho smesso di usare qualsiasi sostanza, tranne un po' di birra con gli amici. Da quello che so, è meglio smettere con tutte le sostanze finché il disturbo non ha fatto il suo decorso (speriamo bene), tuttavia volevo comunque chiedere l'opinione degli operatori riguardo l'oppio. Ci sono correlazioni fra uso di oppio e fenomeni dissociativi? Attacchi di panico? grazie in anticipo

Risposta:

 Cosa intendi per fenomeni dissociativi? Quali sono I tuoi sintomi? Le sostanze, oppiacei compresi, favoriscono un distacco e una percezione deformata della realtà.

Se ho capito bene forse sarebbe opportuno che tu curassi questi sintomi non attendendo semplicemente che facciano il loro decorso.

E sicuramente sarebbe opportuno non associare nè sostanze nè alcol data la tua particolare vulnerabilità psichica

Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: per quanto rimane la cocaina nel sangue

ciao fra 31 gioni devo fare il test per riprendere la patente e ieri ho fatto uso di cocaina si vedrà dalle analisi del sngue xfavore rispondete al più presto xchè sono veramente preoccupato...grz mille

Risposta:

La cocaina è rintracciabile nel sangue per un numero di giorni inferiore ad una settimana. 31 giorni dopo l’ultima assunzione non viene trovata né nel sangue né nelle urine.

Domanda: avendo bevuto 750 ml di vino rosso dopo 24 ore il tdc puo'essere alterato premesso che non bevevo da 20 giorni circa

Risposta:

può esserlo

Domanda: Se una persona va in bad trip e si ha a disposizione lo xanax quante gocce è consigliabile farne assumere? Grazie mille

Risposta:

nessuna, conviene portarlo al Pronto Soccorso

Domanda: Con la reintroduzione della jervolino vassalli che differenzia le droghe pesanti da quelle leggere il test delle urine riguarderà solo la sostanza utilizzata nel mio caso hascisc o i test riguarderanno sempre le 8 sostanze della vecchia tabella?

Risposta:

Le modifiche apportate alle norme in materia di uso di sostanze psicotrope, non hanno alcuna influenza sugli articoli del Codice della Strada (se è a questo che ti riferisci), quindi come in precedenza vengono comunque richiesti accertamenti su tutte le sostanze d'abuso.

Domanda: 20 giorni bastano x risultare negativi al test tossicologico urinario?ci sono mai stati casi di positivita dopo 20 giorni dall ultima assunzione?è vero che la coca unita con l utilizzo di alcol è piu difficile da smaltire?

cioè dopo 20 giorni i metaboliti della coca sono scomparsi del tutto?o c e ancora qualche modo x rintracciali?es.spettroscopio di massa

Risposta:

La possibilità di rilevare all’esame tossicologico la cocaina nelle urine dura alcuni giorni: non è possibile dire esattamente quanti poichè la cosa cambia in base a vari fattori (quantità di droga assunta, metabolismo, diuresi…).
L'emivita plasmatica della cocaina dopo somministrazione endovenosa è di circa un'ora (30-90 minuti), mentre è decisamente superiore per i suoi metaboliti (4-8 ore per la ecgonina metilestere e 3,5-6 ore per la benzoilecgonina).
L'emivita dipende anche dalla modalità d'assunzione: generalmente è superiore se la cocaina viene assunta per via nasale e più breve se inalata (crack) o iniettata.
In media circa l'1-9% delle dose assunta viene escreta in forma immodificata nelle urine.
L'escrezione dipende da vari fattori:
-aumenta al diminuire del pH delle urine (acidità) e diminuisce quanto più queste sono basiche ;
-diminuisce in caso di assunzione cronica (pare che i consumatori abituali riescano a metabolizzarla in maniera più efficace).
I metaboliti della cocaina possono comunque essere presenti nelle urine per 48-72 ore dopo la sua assunzione.
In consumatori cronici di cocaina i metaboliti inattivi sono stati rinvenuti anche per periodi di settimane.
Sebbene siano possibili eccezioni, tramite l'esame delle urine si può risalire all'utilizzo di cocaina entro 2-5 giorni dall'assunzione.
Se la cocaina viene utilizzata insieme all'alcol, viene prodotto un metabolita attivo con proprietà farmacologiche simili alla cocaina. Si tratta del cocaetilene che, pur essendo meno potente rispetto ad una dose equivalente di cocaina, viene metabolizzato più lentamente.

Condividi contenuti