Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 40236 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Refresh Type the characters you see in this picture. Type the characters you see in the picture; if you can't read them, submit the form and a new image will be generated. Not case sensitive.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: Posso fumare Marijuana prima e dopo la circoncisione?

Risposta:

 Non ci sono particolari interazioni anche se sul dopo forse attenderei la cicatrizzazione

Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: Tramadolo - Tapentadolo

Salve, ho un problema che da piccolo si sta ingrossando sempre più. Per motivi di artrosi ho iniziato ad assumere Palexia 400 mg die. Ogni tanto per cambiare molecola e quindi per un certo senso "disintossicarmi" dal tapentadolo per qualche giorno assumeva tramadolo. Fin qui tutto bene. Io ho avuto una lunga storia di tossicodipendenza, infatti ora son ricaduto nello stesso meccanismo dell'eroina ma tramite farmaci. Mi inietto per via endovenosa 400 mg di tramadolo (quello per uso orale, quindi non le fiale) per un minimo di tre quattro volte al giorno in più prendo 300 mg di tapentadolo per via orale e altri 600/900 mg li sniffo tritando le pastiglie. Ora mi sono accorto che tutto questo mi è sfuggito di mano, quindi vorrei smettere o almeno arrivare a prendere i farmaci come da prescrizione medica. 1. Il tramadolo in vena (quello che si assume per via orale) che complicanze può dare all'organismo sia dal punto di vista organico che cerebrale? 2. Iniettare in vena il tramadolo per uso orale, per esempio, se assumo 300 mg per bocca equivalgono a 300 mg anche se iniettato per via endovenosa? 3. Che complicanze può portare a sniffare il tapentadolo? 4. Se ne sniffo 300 mg è come assumerne 300 per via orale? 5. Io sono seguito dal DSM e dal SERT solo perché ho delle prescrizioni legali, quindi non posso comunicare a loro questo mio problema altrimenti andrei incontro a serie conseguenze. 6. So più o meno come ci si potrebbe comportare per una disintossicazione, però sussiste il problema lavoro. 7. Io stavo pensando di cambiare con un'altra molecola che faccia sempre parte degli oppiacei sintetici per qualche giorno (mi viene in mente il cerotto transdermico di Fentanyl) e poi riprendere la terapia come da prescrizione medica, e di conseguenza gradualmente sospendere. 8. Qualsiasi suggerimento da parte vostra, visto che io mi trovo realmente in difficoltà, mi sarebbe davvero di AIUTO!! Non saprei a chi rivolgermi...anche quelle poche persone care che ho non potrebbero farci nulla...e vorrei assolutamente che non lo vengano a sapere perché per loro sarebbe un'ennesima mazzata visto il mio passato e per di più in famiglia stiamo passando un periodo molto difficile. In attesa di una Vostra risposta, augurandomi un Vostro consiglio porgo i miei più cordiali saluti. Grazie

Risposta:

 Caro lettore: la tua è una situazione molto complessa, sia per la situazione tossicologica in sè, sia perchè ti senti costretto a gestirla da solo senza che gli specialisti che ti curano ne vengano a conoscenza. Sarebbe per te molto più semplice, e oltretutto meno rischioso, se invece  ti affidassi a loro. Rischi infatti di perdere tempo  e girare a vuoto. 

Per venire alle tue domande: il rischio di iniettarsi in vena qualcosa di non idoneo è quello di procurarsi delle tromboflebiti o emboli che vanno in circolo con conseguente rischio di ischemia. L’inalazione di particelle può determinare delle reazioni infiammatorie o infettive a livello polmonare. Le quantità di farmaco - che siano per bocca o per endovena - si equivalgono. Ciò che cambia è la velocità e la potenza dell’effetto. 
Lo so che I problemi sono tanti sia con la famiglia che con I Servizi ma davvero dubito che da solo ce la farai, non tanto per la componente puramente farmacologica ma per le modalità di abuso che hai sviluppato che fanno pensare ad una componente compulsiva davvero molto forte
Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: Salve, circa 3 anni fa mi hanno diagnosticato la psicosi e mi hanno prescritto l'abilify... all'inizio prendevo 20 mg e ora 10... io vorrei sospendere il farmaco perché ritengo che abbia già fatto il suo effetto, ma la mia psichiatra non vuole.i

Risposta:

 La mia opinione è che meglio se segui le indicazioni della specialista. 

Il dosaggio è ridotto e non dovrebbe ormai dare nessun effetto collaterale. 
La possibilità di ricaduta senza farmaco è possibile e in quell caso sarebbe necessario intervenire con dosaggi maggiori o addirittura con farmaci più potenti
Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: Cocaina e Valium

Innanzitutto un saluto e grazie per questo interessante sito. Faccio uso saltuariamente di cocaina da 5 anni una volta ogni 2, 3 settimane, con qualche pausa di oltre 2 mesi. Consumo circa da 0,7 a un grammo di cocaina al grado piu' puro, senza tagli intendo, in 3 o 4 ore. Poi per finire la serata mi bevo 2 cuba libre e 15 o 20 goccie di valium per calmare il down ed andare a dormire nell'arco di un ora e mezza, diversamente mi occorrerebbero almeno 3 ore e il fastidio sarebbe pesante. So gia' che alcool e coca non vanno bene e cerco di non esagerare, ma vi chiedo è molto pericoloso l'uso del valium? Dovrei assolutamente evitarlo? Tra l'altro da un mese non faccio piu' nulla, ho avuto qualche tremolio alla mano e la sensazione di testa pesante e qualche dolorino al petto per 2 giorni poi è passato. Piccoli campanelli d'allarme che mi hanno fatto sospendere l'uso a tempo indeterminato, anche se so gia' che ogni tanto la voglia mi verra'. Mi è venuto il dubbio che il valium possa aver influenzato la cosa o è solo la cocaina la responsabile? Sono un tipo sportivo, non mangio schifezze e non esagero con alcool. Attendo risposta grazie

Risposta:

 Non concordo con le terapie autogestite ma in questo caso non sono le 20 gocce di Valium che ti possono creare problemi. Il problema è davvero la cocaina da sola o in associazione con l'alcol. Se hai avvertito dei disturbi a maggior ragione devi porre attenzione: è vero si tratta di segnali di allarme

Laura Calviani medico sostanze,info

Domanda: Buongiorno avrei una domanda, l'ormone somatotropo ovvero l'ormone della crescita è rintracciabile per mezzo dell'esame antidoping delle urine

Risposta:

Certo.

Roberto Baronti medico sostanze.info

Domanda: i test tossicologici sul lavoro sono a sopresa se non avvisati ci si può rifiutare di farli?

Risposta:

L'articolo 5, comma 4, della legge di attuazione dei controlli sui i lavoratori prevede che "il datore di lavoro informi il lavoratore interessato della data dell'accertamento e gli comunichi il luogo ove l'accertamento si svolgerà all'inizio del turno di lavoro del giorno fissato per l'accertamento", quindi potremmo considerarlo un controllo urinario a sorpresa nel senso che il lavoratore non avrà il tempo di "organizzarsi".
In realtà non sono a sorpresa perchè il lavoratore verrà avvisato di ciò che si farà nella visita medica per tempo (in genere uno o due giorni prima).
In caso di rifiuto da parte del lavoratore di sottoporsi ai controlli, viene applicata la sanzione che consiste nello spostamento dalla mansione svolta.

Domanda: dubbio sul CUT OFF della cocaina nelle urine, e altre domande

Gentile redazione, ho letto che la soglia di cut off per stabilire la positività o meno alla COCAINA nell'urina è di 300 ng/ml. Quanto ci vuole perchè l'organismo metabolizzi completamente la sostanza tanto da non farla risultare nel cut off? intendo cut off a "zero", ovvero sostanza mai assunta. Inoltre, il metabolita che viene ricercato nelle urine è SOLAMENTE la benzoilecgonina? Ho letto in vari documenti medici che vengono ricercati anche altri markers quali: -ecgonina metil estere, -cocaetilene e il suo metabolita (ecgonina etile estere) , -ecgonina, -norcocaina, -norcocaetilene, -anidroecgonina metil estere (prodotta per pirolisi della cocaina base o crack), -anidroecgonina Se sono tutti markers eseguiti per determinare la positività alla sostanza assunta, quanto può durare la loro permanenza nelle urine? vale sempre la regola dai 3-5 giorni? grazie infinite per la pazienza, cordiali saluti

Risposta:

Il concetto di cut off è un po’ diverso da come lo intendi tu. Il valore di cut off è un valore sotto il quale l’esame può essere altamente dubbio, in quanto altre sostanze potrebbero renderlo positivo. Di conseguenza il laboratorio dovrebbe non scrivere il valore quando è al di sotto del cut off, ma scrivere semplicemente che il campione  è negativo. Purtroppo non tutti i laboratori si comportano in questa maniera e questo provoca dubbi immotivati. In pratica un valore positivo ma sotto il cut off può comparire anche se non si è mai fatto uso della sostanza ricercata. Speriamo di essere stati chiari.

Domanda: Il priligy può dare un falso positivo neo test fatto sul lavoro ?

Risposta:

 se lo da, per legge devono fare un esame di secondo livello per stabilire se si tratta di sostanza stupefacente o un falso positivo.

Domanda: Quanto rimane il priligy nelle urine grazie

Risposta:

 La dapoxetina non viene cercata nei test tossicologici, comunque il suo tempo di dimezzamento (nel sangue) è di circa 2 ore e quindi viene eliminata completamente in circa 20 ore.

Domanda: Ho fatto uso di speed per 5 mesi consecutivi (una riga una volta al giorno prima di lavoro) a differenza dei miei colleghi che ne facevano uso e li rendeva alquanto nervosi a me dava un enorme senso di calma e autocontrollo. Come è possibile?

Risposta:

 Escludiamo l'ipotesi che quello che utilizzi non sia in realtà amfetamina.

Gli effetti "soggettivi", cioè quelli che la persona prova, possono a volte essere diversi da quelli che ci si aspetta. Non ci sono spiegazioni specifiche. Dipende da carattere, stato d'animo del momento, autovalutazione non precisa.
Gioacchino Scelfo medico sostanze.info
Condividi contenuti