Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 32514 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Type the characters you see in this picture. (verifica con audio)
Inserisci il testo che vedi nell'immagine qui sopra. Se non riesci a leggerli, invia il modulo e una nuova immagine sarà generata. È indifferente a maiuscole e minuscole.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: salve, vorrei togliermi una curiosità, il giorno dopo l'assunzione di cocaina, presento un forte raffreddore, volevo sapere se era possibile che io ne sia allergica.

Risposta:

Potresti essere allergica alla cocaina o alle sostanze del taglio presenti nella sostanza assunta.
Potrebbe però non essere una reazione allergica ma un effetto irritativo diretto sulla mucosa nasale.

Domanda: Una volta per tutte.Fumare le canne abitualmente provoca danni permanenti al sistema nervoso?Se si quali? perchè?Chi lo sostiene

Risposta:

Ad oggi non esistono studi che abbiano dimostrato danni cerebrali dovuti all'uso di hashish. Tuttavia vengono rilevati disturbi dell'attenzione e della memoria che talvolta possono perdurare nel tempo (anche quando l'effetto della sostanza è finito). Altri disturbi che l'hashish può provocare sono di tipo psichico, con molta variabilità da persona a persona, come ansia, angoscia, pensieri persecutori.
In alcuni casi, anche se non frequenti, ci possono essere danni psichici, come la slatentizzazione di psicosi. In questi casi la psicosi non è provocata dall'hashish: era "nascosta" e diventa manifesta in occasione dell'uso di hashish (c'è da dire che questo tipo di fenomeno, se avviene, avviene nelle prime assunzioni).
Ci potrebbero (ci potrebbero: non è detto che ci siano!) inoltre essere delle difficoltà a smettere a causa della cosiddetta dipendenza “psichica”: in genere questa dipendenza viene descritta da chi ha fatto uso prolungato di cannabis con frasi del tipo “il thc mi calma” “non riesco a dormire se non lo uso” “non riesco a fare le cose che devo fare se non mi faccio una canna”.. Queste affermazioni sono tutte vere. Si tratta però di problemi che si risolvono automaticamente nel giro di alcune settimane.

Domanda: cos'è il darchene?

Risposta:

Si tratta del nome commerciale di un farmaco appartenente al gruppo delle benziodiazepine:
il flunitrazepam.
Il farmaco appartiene alla classe degli psicofarmaci ad azione ipnotica similarmente al Roipnol della Roche, un altro nome commerciale della stessa molecola.
Il Darkene, prodotto dalla casa farmaceutica Bayer, nelle confezioni in gocce ed in compresse e' in vendita nelle farmacie dietro presentazione di ricetta medica. L'azione di vendita illegale e' perseguibile penalmente con denuncia a piede libero e sequestro del farmaco.
Questo farmaco, come anche le altre benzodiazepine (i cui effetti principali sono ansiolitico, ipnotico e miorilassante), è in grado di provocare dipendenza fisica e psichica.
La sindrome da astinenza può essere molto intensa e, in certi casi, anche pericolosa, per la possibilità di comparsa di convulsioni e/o crisi epilettiche.
Il flunitrazepam è spesso oggetto di abuso in quanto in molte persone può provocare, al contrario di quanto ci si aspetta dalle benzodiazepine, eccitazione, disinibizione.

Domanda: ESTREMAMENTE URGENTE - ASTINENZA DA RIVOTRIL IN CORSO

Salve, da circa più mesi il mio medico di base mi prescrive Rivotril, per la cura di un'ansia molto forte. La scorsa volta che sono stato dal mio medico si è però rifiutato di prescrivermi il Rivotril perchè a suo dire, nelle ultime due settimane ne ho utilizzato troppo. Sento che sta arrivando l'astinenza, cosa devo fare? Andare al pronto soccorso??? Il mio medico usa lo stesso criterio per TUTTI i farmaci!!! Se usi troppo OKI, piuttosto che altri farmaci in un tot di tempo, non te le da!!! E' denunciabile un comportamento così?????? Mille Grazie.

Risposta:

 Diciamo che è un po' discutibile il suo comportamento. Ma è il rapporto di fondo e sin dall'inizio che sarebbe dovuto essere diverso. Il Rivotril è un farmaco in grado di dare dipendenza fisica e psichica con una certa facilià. Ed inoltre tende a dare con molta frequenza abuso. Certamente è corretto che lui si allarmi. Io non te lo avrei presritto sin dall'inizio. Te lo dico con molta franchezza. Il problema è che ora tu hai la dipendenza. In questi casi si può provvedere ad una disintossicazione con un progressivo abbassamento del dosaggio. Megio però farlo con una benzodiazepina diversa. Meno periolosa del Rivotril.

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: quanto costa il test delle urine per il thc?

io non fumo canne dal 22/2/2011, da quando avrei dovuto probabilmente fare il test delle urine per rilevare il THC.. molti miei amici mi hanno detto che è era poco probabile che avrei fatto il questo test perchè ha un costo abbastanza elevato.. è vero questo?? quanto costa?? e se mi fumassi una canna la settimana prossima, quanto tempo dovrebbe passare per risultare negativo al test?

Risposta:

Nei laboratori di analisi pubblici costa circa 6 euro lo screening e circa 70 la conferma. In farmacia lo screening costa forse un po’ di più e di solito è associato ad altri test. Dopo una sola canna le urine rimangono positive per circa 4 giorni.

Domanda: vorrei sapere se il sovraddosaggio di sonniferi come l'halcion procura danni neuro-celebrali?

Risposta:

Halcion è il nome commerciale della molecola triazolam. Questo farmaco fa parte degli psicofarmaci ed in particolare del gruppo delle benzodiazepine, che hanno fondamentalmente tre tipi di azioni: ansiolitica, miorilassante, ipnotica.
Le benzodiazepine sono farmaci che possono dare diversi problemi.
Possono provocare una dipendenza sia fisica che psichica, anche di grado elevato.
Possono provocare degli effetti “paradosso”: disinibizione, agitazione, fino alla violenza.
Possono dare disturbi della memoria e dei riflessi. Ma anche disturbi del sonno di vario genere.
Dopo un sovradosaggio prolungato ci possiamo aspettare sicuramente una dipendenza fisica e psichica.
Possono inoltre permanere disturbi del carattere, della memoria e dell’attenzione.
Non sono a nostra conoscenza studi che dimostrino chiari danni cerebrali rilevabili strumentalmente.

Domanda: In cosa consiste l'articolo 75? Qual è il limite di canapa che posso possedere per non superare la soglia dell'uso personale?

Risposta:

 L’art.75 del D.P.R.309/90 vieta la detenzione per uso personale di sostanze stupefacenti e prevede l’attivazione di un procedimento amministrativo presso la prefettura di residenza. Per quanto riguarda i cannabinoidi, il quantitativo massimo previsto per l’uso personale è di 0,5 grammi di principio attivo.

Domanda: l'uso una volta a settimana di eroina fumata e 20 mg di metadone durante la settimana fa di me una tossicodipendente o una consumatrice occasionale?

Risposta:

La tua domanda richiede una risposta piuttosto articolata.
Prima di tutto, come i nostri lettori avranno notato in varie occasioni, non ci piace dare delle drfinizioni nette. Nel campo trattato in questo sito (ma anche in altri) le definizioni nette sono spesso inadatte a dare una buona descrizione di una situazione.
Noi pensiamo che ogni consumattore di sostanze sia diverso dagli altri.
Ma proviamo a rispondere.
Tu ci scrivi di usare un oppiaceo ogni giorno: l'eroina il fine settimana ed il metadone gli altri giorni, anche se non scrivi da quanto tempo fai questo uso E' un po' difficile parlare di occasionalità. Se non si tratta di un uso occasionale, si tratta di dipendenza?
Dal punto strettamente tossico-farmacologico è probabile che tu abbia sviluppato una dipendenza fisica: in altre parole se dovessi sospendere l'uso andresti incontro ad una sindrome d'astinenza. Si tratterebbe con molta probabilità di una sindrome d'astinenza di entità moderata superabile in qualche giorno con una sofferenza probabilmente sopportabile, ma, pur sempre, una sindrome d'astinenza.
Alla domanda quindi: "sono dipendente dal punto di vista fisico?" si può rispondere di si.
Ma la cosa va vista anche da un altro punto di vista. Quello della dipendenza psichica: "posso sospendere questo uso soltatno decidendolo?"
A questa risposta puoi rispondere soltanto tu. Mettendoti alla prova.
In genere un uso come il tuo, anche senza considerare il problema della dipendenza fisica, provoca un forte legame psichico ed una decisione di sospenderlo non porta con facilità alla sospensione.
Probabilmente quindi possiamo parlare di dipendenza psichica.
Noi possiamo solo metterti in guardia: continuare così può provocare una grossa difficoltà nel fare marcia indietro.

Domanda: Suicidio per PATENTE SOSPESA

Oggi tenterò il suicidio perché la LEGGE ITALIANA mi ha fatto perdere il lavoro e la famiglia. E' più di un anno che sono rimasto senza patente e la mia vita è diventata insostenibile. Perso il lavoro, la famiglia, gli amici. Tutto per una stupida LEGGE, per mezzo bicchiere di birra. Oggi mi uccido. GRAZIE ITALIA.

Risposta:

 comprendiamo la tua rabbia e disperazione ma arrivare ad un gesto estremo quale il suicidio per una patente di guida, ci sembra un pò esagerato

Domanda: metadone in vena cosa provoca?

Risposta:

Il metadone viene prodotto sotto forma di sciroppo. Questo significa che la soluzione contenente il metadone contiene anche una grande quantità di zucchero. Una prima conseguenza di ciò è che l’uso endovena provoca una intensa irritazione della parete venosa (con intenso dolore e danni).
Inoltre il metadone è un oppiaceo ed ha tutti gli effetti di una sostanza di questa categoria. Compreso il pericolo di overdose anche mortali, più alto nell’uso endovena a causa della maggiore velocità di raggiungimento dei recettori da parte della sostanza.

Condividi contenuti