Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 28118 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Type the characters you see in this picture. (verifica con audio)
Inserisci il testo che vedi nell'immagine qui sopra. Se non riesci a leggerli, invia il modulo e una nuova immagine sarà generata. È indifferente a maiuscole e minuscole.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: Buongiorno, chiedevo cortesemente se risulterei positivo ad un controllo antidoping qualora avessi assunto mezza co-efferalgan per dolori ad una recente frattura del femore occasionali in presenza di maltempo. Grazie per la risposta.

Risposta:

Normal 0 14

Può risultare una positività agli oppiacei.

Il Coefferalgan è infatti un farmaco che, oltre al paracetamolo, contiene codeina, un oppiaceo che nell'organismo nel tempo si trasforma in morfina  e che come tale può dare dei risultati positivi per gli oppiacei sia nel capello che nelle urine.

Domanda: salve, volevo sapere: fa piu male la speed (anfe in polvere) o la coca?

Risposta:

Le anfetamine e la cocaina fanno parte della categoria delle sostanze eccitanti del sistema nervoso centrale. A queste sostanze è comune anche il fatto di essere eccitanti per il sistema cardiovascolare (con tutti i pericoli che comporta ciò). La differenza principale tra amfetamine e cocaina è la durata d’azione: brevissima per la cocaina (30-40 minuti) e lunga per le amfetamine (diverse ore). E’ in questa differenza che va’ cercata la differenza nella tossicità.
Fondamentalmente la brevità d’azione della cocaina può, con maggiore probabilità, provocare le cosiddette “abbuffate” e quindi l’overdose. La brevità d’azione inoltre tende a facilitare l’instaurarsi della dipendenza.
Dall’altra parte una sostanza a lunga durata d’azione, come sono le amfetamine, può con maggiore facilità provocare dei danni di tipo cronico. In conclusione fatte le distinzioni dovute possiamo dire che la pericolosità sia alta sia per le amfetamine che per la cocaina.

Domanda: Il mio compagno fa uso di sostanze, ora è a mantenimento di metadone con 30mg al dì, vuole cambiare terapia ed ha chiesto al sert se lo puo fare con il subutex in quanto vuole provare a smettere. Può essere una soluzione giusta?

Risposta:

 Potrebbe esserlo, oppure no. La mia esperienza mi ha insegnato che la cosa varia molto da persona a persona. Comunque può valere la pena di provare. Per un corretto passaggio però è opportuno prima ridurre la tolleranza da 30 a 15 mg di metadone.

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: prendo oxicontin da 40mg una la sera e una la mattina e durante il giorno ne fumo qualcuna 3/4 sulla stagnola vorrei togliermi questa dipendenza ma non vorrei rivolgermi ad un sert come posso fare mi date un piano per scalare

Risposta:

Il piano per scalare in teoria è piuttosto semplice: potresti iniziare eliminando quella fumata la sera e  provare a diminuire di 5 mg al giorno. Spesso però una riduzione così autogestita non funziona perchè c'è la tendenza anon diminuire o a tornare al dosaggio precedente alla comparsa di un minimo disagio . Per questo è importante comunque essere seguiti da un sanitario

Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: Una volta per tutte.Fumare le canne abitualmente provoca danni permanenti al sistema nervoso?Se si quali? perchè?Chi lo sostiene

Risposta:

Ad oggi non esistono studi che abbiano dimostrato danni cerebrali dovuti all'uso di hashish. Tuttavia vengono rilevati disturbi dell'attenzione e della memoria che talvolta possono perdurare nel tempo (anche quando l'effetto della sostanza è finito). Altri disturbi che l'hashish può provocare sono di tipo psichico, con molta variabilità da persona a persona, come ansia, angoscia, pensieri persecutori.
In alcuni casi, anche se non frequenti, ci possono essere danni psichici, come la slatentizzazione di psicosi. In questi casi la psicosi non è provocata dall'hashish: era "nascosta" e diventa manifesta in occasione dell'uso di hashish (c'è da dire che questo tipo di fenomeno, se avviene, avviene nelle prime assunzioni).
Ci potrebbero (ci potrebbero: non è detto che ci siano!) inoltre essere delle difficoltà a smettere a causa della cosiddetta dipendenza “psichica”: in genere questa dipendenza viene descritta da chi ha fatto uso prolungato di cannabis con frasi del tipo “il thc mi calma” “non riesco a dormire se non lo uso” “non riesco a fare le cose che devo fare se non mi faccio una canna”.. Queste affermazioni sono tutte vere. Si tratta però di problemi che si risolvono automaticamente nel giro di alcune settimane.

Domanda: INCIDENTE MOTOCICLISTICO POSSIBILE POSITIVITA' AL DRUG TEST

Salve circa una settimana fà ho avuto un'incidente con un'altro veicolo, io ero alla guida della mia moto è una signora ultra 70 enne ha invaso la corsia è mi è venuta addosso frontalmente, la mia fortuna è stata nel fatto che andando piano sono riuscito a evitare in parte l'urto frontale... Bene arrivata l'ambulanza vengo portato in ospedale con fratture varie è dopo circa 4 ore mi viene fatto l'esame del sangue è delle urine specifiche per droga è alcool, io la sera prima mi ero fatto 4 tiri di canna ma ero alla guida totalmente lucido anzi ho avuto la prontezza di riflessi di evitare anche solo in parte la collisione. Sono passati circa 10gg è non ho avuto ancora l'esito delle analisi andando anche a richiedere all'ospedale è alla polizia... Cosa mi devo aspettare?? Mi verrà tolta la patente, sequestrata la moto è dovrò risarcire i danni all'altro veicolo(ho ragione piena dai verbali della polizia) ? Quando saranno pronti gli esiti delle analisi?? E possibile fare ricorso? Cordiali Saluti grazie il sito è davvero molto dettagliato è siete molto competenti è gentili !!!!!!!!!!

Risposta:

Se, come è probabile, nel sangue sono stati ricercati anche i metaboliti del THC, sarà stata rilevata la presenza della sostanza precedentemnte da te fumato. E ti verrà contestato quindi il reato relativo all'art.187 (Guida sotto effetto di sostanze), che prevede tra le altre cose anche il sequestro del mezzo.

La contestazione del reato non ha niente a che vedere con la constatazione di chi fra voi due ha avuto la responsabilità dell'incidente.

Trattatandosi di un reato penale ti consigliamo di rivolgerti ad un avvocato esperto nel settore per farti seguire in tutto l'iter giudiziario.

Domanda: E' vero che i farmaci per dimagrire sono anfetamine? Perchè?

Risposta:

Le anfetamine sono una famiglia di b-feniletilammine. L'amfetamina è un eccitante centrale, possiede una potente azione antifatica e determina euforia, eccitazione, insonnia, riduzione del senso di fatica, perdita dell'appetito, elevazione dell' umore e della loquacità. Inoltre, l' amfetamina sopprime l'appetito, stimola la veglia e provoca deprivazioni di sonno Le anfetamine furono introdotte negli anni '30 come terapia della rinite e del raffreddore da fieno; successivamente vennero impiegate per la loro capacità di influire sul sistema nervoso. Per un certo periodo furono anche usate come anoressizzanti, cioè per ridurre l'appetito nelle persone che cercavano di dimagrire. Per la loro pericolosità, e per la dipendenza che producono, alcune sono state ritirate dal commercio. Altre le troviamo associate a farmaci contro il raffreddore, per contrastare l'effetto sedativo degli antistaminici o per dare vasocostrizione locale. Rischi che si corrono assumendo anfetamine per dimagrire Le anfetamine, come già detto, hanno un effetto anoressizzante, ovvero provocano un calo dell'appetito, ed è questo l'effetto che viene sfruttato per perdere peso e che ha motivato in passato l'uso delle anfetamine per dimagrire. Ma non si tratta dell'unico sintomo e nemmeno del principale: le anfetamine provocano infatti un'accelerazione del ritmo cardiaco e respiratorio e un'alterazione del ritmo sonno-sveglia. L'assunzione provoca una sensazione di energia e benessere che crea l'impressione di non avere bisogno nè di cibo nè di sonno. Presto però, questo senso di onnipotenza si trasforma in un'iperattività che sconfina in un'ansia incontrollabile e che dà luogo talvolta a comportamenti violenti ed episodi di paranoia. in Italia non è più legale prescrivere prodotti dimagranti o coadiuvanti per il dimagrimento che contengano anfetamine (come per esempio, "Sendimetrazina", "Clorazetato di potassio"). In molti paesi europei tuttavia, è ancora legale e diffusa la prescrizione di anfetamine per dimagrire. Il mercato illegale di queste pastiglie è molto fiorente soprattutto su Internet. L'assunzione di anfetamine per dimagrire diventa in queste condizioni ancora più pericolosa perché avviene senza la consulenza di un vero medico e secondo una pratica fai-da-te che può rivelarsi fatale. La scelta di inserire dei farmaci nella terapia dimagrante spetta soltanto al dietologo che prenderà la decisione dopo avere valutato le condizioni di salute generale del paziente, la sua anamnesi, l'importanza del suo sovrappeso e gli obbiettivi che il regime dimagrante da intraprendere si pone. Una volta ottenuta la prescrizione, il paziente che desidera dimagrire deve seguire scrupolosamente le indicazioni e la posologia indicate dal dietologo.

Domanda: Revisione patente: requisiti di idoneità psico-fisica

Buona sera a tutti, mi sono iscritto a questo sito perchè vorrei avere dei chiarimenti sulla revisione dei requisiti psicofisici per la patente di guida. cercherò di essere il piu esaustivo possibile. Sono un ragazzo di 20 anni, da 2 anni ho la patente di guida(categoria B). Quest'estate a metà luglio ho avuto in incidente in autostrada, causato da un COLPO DI SONNO, tornavo da una serata con amici ed era parecchio che non dormivo. A causa di questo colpo di sonno sono finito contro i paletti catarinfragenti (o segnamargini) della galleria dove mi trovavo portandone via 2, mi sono svegliato subito, sul colpo, e sono riuscito a riprendere la macchina e per fortuna c'era una piazzola di sosta a fine galleria dove ho potuto mettere la macchina; sono uscito subito e mi sono accorto che entrambe le gomme della parte destra dell'autovettura erano scoppiate, piu altri danni non gravi al cofano e allo sportello dx. Premo allora il pulsante rosso s.o.s che c'era nella piazzola e spiego all'operatore il mio problema, preciso che eravamo in 4 in auto e NESSUNO ha riportato il minimo danno, anzi dormivano tutti ancora. Arriva la polizia la quale prende le generalità di tutti noi e mi sottopone all'alcol test, risultato NEGATIVO, compilano il verbale e rilevano i possibili danni all'autostrada, io dichiaro nel verbale di avere avuto un COLPO DI SONNO, e che nessuno di noi aveva riportato lesioni fisiche. arriva poi il carro attrezzi che carica la mia auto e ci accompagna alla stazione...e finisce tutto lì. NON MI HANNO SOSPESO LA PATENTE, NE' TOLTO NEANCHE UN PUNTO. Poco tempo fa è arrivata una lettera della MCTC dove oltre una multa di 100 euro da pagare in base ad un articolo assurdo del 1992 nel quale c'è scritto che il conducente deve sempre tenere il controllo del veicolo (non ricordo il numero) c'è scritto anche che mi dovrò sottoporre ad un esame di idoneità psicofisca per la patente in data e luogo ignoti, all'inizio pensavo mi volessero fare qualche domanda per verificare se soffrivo di narcolessia o roba del genere, ma qualche settimana dopo arriva un'altra lettera con scritto stavolta che dato che ho dichiarato di aver avuto un COLPO DI SONNO "sorgono dubbi sulle mie prestazioni alla guida" (dopo 5 mesi sorgono dubbi?) e che mi dovrò sottoporre presso la commissione medica locale a questo esame di idoneità psicofisica entro marzo 2013 altrimenti mi verrà sospesa la patente. Così qualche giorno fa sono andato a questa commissione medica locale dove ho fatto vedere questa lettera ad uno che lavorava li e mi dice che l'esame non si può prenotare li ma che devo chiamare un call center, mi da il numero, io chiamo e mi prenotano l'esame a fine febbraio, ancora NESSUNO mi aveva detto in cosa consisteva questo benedetto esame! Oggi è arrivata una lettera dell istituto di medicina legale dove c'è scritto che devo fare 1)Relazione oculistica 2) campo visivo computerizzato 3) esami Emocromo, Gamma G.T ,G.P.T e G.O.T ed infine 4) controllo urinario + controllo matrice pilifera insomma analisi del sangue. urine e capello, la cosa pazzesca è che è tutto a carico a mio e sono esami costosissimi. E' normale tutto questo? per un colpo di sonno avuto quasi 6 mesi prima di oggi fare tutti questi esami? se l'alcol test risultò negativo quella sera perche me lo cercano ancora? perchè devo fare l'esame della vista? perchè mi cercano le droghe adesso? cioè se io fossi veramente un tossico e avessi problemi alla guida lo verfichi dopo mezzo anno che non posso guidare? pazzesco! possibile che devo fare tutto questo? io sono agofobico ho il terrore del sangue e degli aghi, per me fare le analisi è un calvario.. Inoltre c'è scritto che i capelli devono lunghi almeno 5 cm, io li porto rasati da una vita, cosa faccio? Scusate per il poema ma era necessario elencare la situazione nei minimi dettagli GRAZIE anticipatamente a chiunque risponderà e si renderà disponibile

Risposta:

 Ciao, purtroppo per te ma tutto quello che ti hanno contestato è perfettamente legale. Nel senso che il nuovo Codice della Strada prevede che in caso di incidente anche se non sono stati rilevati al momento della contestazione assunzioni di sostanze o alcolici, debba essere avvertita la motorizzazione dell'evento. La motorizzazione fa quindi scattare la richiesta di accertamenti presso la Commissione medica per verificare nei confronti del conducente se "sussistono ancora i requisiti per il mantenimento della patente", cosa che viene espletata attraverso gli esami e le visite che ora ti vengono richiesti. Il tutto a carico del conducente.

L'assenza di capelli può comportare la richiesta di analisi di altri peli corporei (ascelle, pube). 

Domanda: trovato con circa 2 g di marijuana e poi convocato a gli uffici della guardia di finanza qui il finanziere ha detto che mi contatteranno per il colloqui con il prefetto dopo quanto cade in prescrizione e essendo la prima volta possibili esami urine?

Risposta:

La segnalazione non cade mai in prescrizione, non essendo previsto dalla legge alcun termine obbligatorio entro cui procedere alla convocazione, i cui tempi dipendono dalle diverse modalità organizzative di ogni prefettura. Nel corso del colloquio non ti verrà fatto alcun esame ma, essendo la tua prima segnalazione, verrà valutata la possibilità di chiudere il tuo procedimento amministrativo con un invito a non fare più uso di sostanze stupefacenti. Se non ci dovessero essere i presupposti, verrà allora decisa la sanzione da applicarti e che può comportare la sospensione della patente, del passaporto e/o del porto d’armi per un periodo da un mese atre anni. Verrai anche invitato ad effettuare un programma terapeutico che, se concluso, ti consentirà di ottenere la revoca della sanzione. 

Domanda: una sola riga di coca 0,1g per capirci quanto resta nelle urine

Risposta:

La possibilità di rilevare all’esame tossicologico la cocaina nelle urine dura alcuni giorni: non è possibile dire esattamente quanti poichè la cosa cambia in base a vari fattori (quantità di droga assunta, metabolismo, diuresi…). Possiamo con approssimazione dire che la durata è dai 3 fino ai 5 giorni. Conosciamo dei casi in cui la cocaina è stata ritrovata dopo più di 7 giorni dall’ultima assunzione.
L'emivita plasmatica della cocaina dopo somministrazione endovenosa è di circa un'ora (30-90 minuti), mentre è decisamente superiore per i suoi metaboliti (4-8 ore per la ecgonina metilestere e 3,5-6 ore per la benzoilecgonina).
L'emivita dipende anche dalla modalità d'assunzione: generalmente è superiore se la cocaina viene assunta per via nasale e più breve se inalata (crack) o iniettata.
In media circa l'1-9% delle dose assunta viene escreta in forma immodificata nelle urine.
L'escrezione dipende da vari fattori:
-aumenta al diminuire del pH delle urine (acidità) e diminuisce quanto più queste sono basiche ;
-diminuisce in caso di assunzione cronica (pare che i consumatori abituali riescano a metabolizzarla in maniera più efficace).
Indipendentemente dalla via di somministrazione la maggior parte della droga e dei suoi metaboliti compare nelle urine entro le prime 24 ore. I metaboliti della cocaina possono comunque essere presenti nelle urine per 48-72 ore dopo la sua assunzione.
In consumatori cronici di cocaina i metaboliti inattivi sono stati rinvenuti anche per periodi di settimane.
Sebbene siano possibili eccezioni, tramite l'esame delle urine si può risalire all'utilizzo di cocaina entro 2-5 giorni dall'assunzione.
Se la cocaina viene utilizzata insieme all'alcol, viene prodotto un metabolita attivo con proprietà farmacologiche simili alla cocaina. Si tratta del cocaetilene che, pur essendo meno potente rispetto ad una dose equivalente di cocaina, viene metabolizzato più lentamente.

Condividi contenuti