Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Al via in Italia la Web Survey europea sull’uso di droghe: partecipa e contribuisci alla ricerca!

 Uno strumento semplice e innovativo per raccogliere informazioni su come si stanno modificando i pattern di uso delle sostanze psicoattive in Europa.

Quanto spesso se ne fa uso, in che modo e quanto?

Sono queste le domande a cui vuole dare risposta il progetto European Web-Survey on Drugs un’iniziativa dell’osservatorio europeo delle droghe (EMCDDA goo.gl/rTeJgg) alla quale l’Italia partecipa insieme ad altri paesi tra cui Austria, Belgio, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia e Regno Unito.

Chiunque abbia compiuto 18 anni e fatto uso di droghe negli ultimi 12 mesi, anche solo occasionalmente, può contribuire alla ricerca partecipando a questa partita in cui la conoscenza gioca un ruolo fondamentale.

Per partecipare basta collegarsi al link http://bit.ly/2DuV4uF e dedicare qualche minuto alla compilazione del questionario. Le risposte al questionario sono completamente anonime e non verrà raccolto alcun dato che potrebbe permettere di identificare i partecipanti. Le informazioni raccolte saranno utilizzate per i soli scopi di ricerca.

L’obiettivo è quello di stimare le dimensioni reali del mercato e di poter dipingere un quadro più dettagliato dell’uso di sostanze psicoattive in Europa, che può auspicabilmente essere utilizzato per contribuire alle future politiche europee in materia di droga.

Se hai compiuto 18 anni e negli ultimi 12 mesi hai fatto uso di droghe droghe (cannabis, cocaina, ecstasy, anfetamine e metamfetamine o qualsiasi nuova sostanza psicoattiva "NPS"), anche se solo una o due volte, il tuo contributo può essere di grande aiuto. 

Nessun voto ancora

Commenti

Il mercato è enorme e le droghe si trovano. 24h 7 su 7 anche nel paesino di montagna. La coca la fa da regina e sta rovinando parecchie persone. Io con una convivente tossica ne so qualcosa. Ho la vita rovinata, visto che ero depresso già per i fatti miei e mi son trovato in questo inferno.

Ci spiace molto e comprendiamo il tuo sfogo, ma quello che chiedevamo è semplicemente l'adesione ad una ricerca europea tramite il riempimento di un questionario anonimo...
La Redazione