Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Lucarelli Racconta

In onda ieri la prima puntata del nuovo programma di Carlo Lucarrelli, su rai tre.

Nelle mani dello Stato (6 dicembre 2010)
Sono tanti i momenti e i luoghi in cui, a torto o a ragione, colpevole o innocente, un cittadino può ritrovarsi totalmente nelle mani dello Stato, anche in una democrazia. In caserma o in questura perché arrestato o fermato, detenuto in carcere perché in attesa di giudizio o condannato, in infermeria, nei reparti penitenziari degli ospedali, o negli OPG, gli ospedali psichiatrici giudiziari perché deve essere curato. Oppure nei CIE, centri di identificazione ed espulsione, perché straniero e non in regola con leggi e documenti. Ci sono leggi, procedure, controlli, uffici e persone che regolano questa tutela. La maggior parte delle volte le garanzie funzionano. Ma altre volte no. Come nel caso di Stefano Cucchi, Giuseppe Uva o del giovanissimo Federico Aldrovandi. Tutti e tre morti violentemente mentre si trovavano in una situazione particolare: nelle mani dello Stato.


Link al riassunto della puntata sul sito della RAI

 

Punteggio: 4.5 (4 voti)

Commenti

rabbrividisco se penso che al posto di Cucchi o di Aldrovandi o di ogni vittima dello stato potevo esserci io o qualche mio caro e non riesco ad immaginare come sia possibile non vendicarsi direttamente.Per questo ho profonda stima dei familiari di quelle povere persone e tutto il mio rispetto,nonchè il mio appoggio morale, nel mio piccolo.
NON DOBBIAMO E NON POSSIAMO MAI DIMENTICARE TUTTO QUESTO SCEMPIO.

Aggiungi un Commento

Mood del commento:felicedivertitotristearrabbiatofuriosoconfusoin arrivo/partenzaavvelenatofumatoreubriacoalchimistain tiroarrapatonessuno