Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

NPS Project - Ricerca sulle Nuove Sostanze Psicotrope

Sostanze.info partecipa ad una ricerca europea finalizzata: "allo sviluppo di una conoscenza approfondita delle nuove sostanze che continuamente emergono sul mercato, e che ha come obiettivo quello di incrementare la consapevolezza dei rischi ad esse legati e di promuovere lo scambio di informazioni tra diversi soggetti che a vario titolo si occupano di identificazione delle sostanze da un punto di vista chimico, clinico e legale e di prevenzione del consumo"

Invitiamo quindi tutti i lettori che vi vogliono partecipare, a compilare il questionario - in forma totalmente anonima - pubblicato su questo link

docs.google.com/forms/d/1gGfNVYFYjQLC1WYojwlz_Wc_jnuxl62bxAAnPWcU36g/viewform

grazie

La Redazione

Punteggio: 1 (2 voti)

Commenti

Ho iniziato a compilarlo,ma tre quarti riguarda domande sul dove e tramite chi hai preso le sostanze (tra l'altro smart drugs,solitamente la gente le prende nei smart shop voglio di...) e ho lasciato stare..finchè si chiede di rendere conto del consumo personale bon,ma chiedere un sacco di dettagli che riguardano altro no!

Sondaggio molto confusionario.
-
I funghi psichedelici non sono certo nuove sostanze. La ketamina è un farmaco. Ci sono cose usate per doparsi come gli anabolizzanti messe assieme ad altre (nelle stesse domande) che causano alterazioni della coscienza. Bombe sintetiche dannosissime come lo shaboo assieme a erbe pressoché innocue come la salvia.
-
Evidentemente qui manca una base scientifica sufficiente.
-
Infine, essend un google doc, non garantisce minimamente l'anonimato. Progetto dalle buone intenzioni ma realizzato in modo indegno.

a bene non garantisce manco l'anonimato...grazie per l'avviso

Se il livello degli studi è questo non c'è speranza.
Diamo un occhio alla lista proposta.
Queste due sono considerabili vere e proprie 'smart drugs': Cannabinoidi sintetici (conosciuti, ad esempio, come Spice); Catinoni sintetici (venduti, ad esempio, come sali da bagno o fertilizzanti per piante).
Questi due sono farmaci da ospedale o da farmacia: Ketamina e suoi derivati (es. Metoxetamina), Oppiodi sintetici.
Queste due categorie includono droghe sintetiche illegali poco note e diffuse che circolano da qualche decennio: GHB, GBL, Feniletilamine (es. 2C - NBOMe, 2C-B, 2C-H, 2C-E, DOB, DOC – PMMA)
Questa è una pianta psicoattiva illegale in Italia ma legale nella maggior parte dei paesi del mondo, poco studiata e senza tossicità accertata: Salvia divinorum o simili.
Questa è una droga naturale usata da migliaia di anni e con una enorme documentazione scientifica: Funghi allucinogeni
Questa è una droga sintetica illegale che circola dagli anni '30 ed è usata dagli eserciti di mezzo mondo: Metanfetamina cloridato detta Shaboo*.
Questo è un vasodilatatore sintetico legale venduto nei sexy shop di mezzo mondo: Popper.
Questi sono farmaci illegali in alcuni paesi e legali in altri, che circolano dal dopoguerra: Anabolizzanti (es. Metadrol, Nandrolone), Pillole per dimagrire.

Insomma: sono cose diverse, con storie diverse, composizioni diverse, dannosità diverse, origini diverse, modalità d'uso diverse, effetti diversi, vendute in contesti diversi, che non hanno niente in comune tra loro e che quindi non possono essere oggetto di domande generalizzanti.

grazie per le puntuali precisazioni, che abbiamo appena girato a chi ha realizzato la ricerca.

Pubblichiamo la risposta - appena ricevuta dallo staff della ricerca NPS - ai quesiti dei lettori in merito ai contenuti ed alla raccolta dei dati del questionario.

"Ringraziamo gli utenti che hanno compilato o compileranno il questionario e che hanno lasciato i loro commenti, al di là dei giudizi di merito sul valore e sulla scientificità del nostro lavoro.

Rispetto alla questione dell'anonimato, teniamo a precisare che non siamo interessati in alcun modo ad identificare le persone che partecipano alla nostra indagine, se non relativamente a variabili generiche di tipo socio-demografico che servono alla profilazione del campione nel suo complesso e che vengono quindi analizzate in forma aggregata. La ricerca scientifica non deve essere confusa con l'attività investigativa delle forze di polizia; il nostro obiettivo è soltanto la comprensione dei fenomeni in chiave criminologica. Ciò premesso, la piattaforma di google per la realizzazione di survey online è uno degli strumenti più utilizzati nell'ambito della ricerca e l'anonimato viene garantito dal momento in cui non viene richiesto alcun accesso/registrazione attraverso un account personale per la compilazione del questionario, ma viene condiviso un link diretto.

Con riferimento alla classificazione delle sostanze e alla definizione di nuove sostanze psicoattive, deve essere chiarito che si tratta di un argomento aperto a livello internazionale e mancano sia una categorizzazione definitiva e condivisa sia una lista di riferimento.
A livello nazionale, poi, gli approcci normativi sono eterogenei, quindi lo status giuridico delle sostanze è composito.
Per quanto riguarda il nostro studio, la definizione formale di riferimento è quella condivisa tra Unione Europea e Nazioni Unite, come esplicitato nella premessa del questionario, nella consapevolezza che questa può comunque generare perplessità..
Nella sostanza, vista l'opportunità di poter sottoporre una survey attraverso il sito di sostanze.info, abbiamo ritenuto opportuno ampliare il campo di analisi ed includere anche tutte quelle sostanze che si stanno rivelando di interesse per l'attività di ricerca che il progetto sta realizzando, a prescindere dal fatto di essere ad esempio sostanze nuove o già presenti da tempo sul mercato, oppure tecnicamente smart drugs o meno...
E' bene specificare, per maggiore chiarezza e a beneficio magari di chi non fa ricerca di mestiere, che il modo in cui le sostanze sono elencate nel questionario non deve essere confuso con il modo in cui saranno classificati, rielaborati e presentati i risultati.
Infine, vale la pena precisare che nella redazione del questionario è stato volutamente adottato un approccio meno tecnico per rispondere ai diversi livelli di conoscenza ed alle diverse esperienze di un campione che ci auguriamo il più ampio possibile (questo spiega anche perchè il questionario prevede tre percorsi diversi).

Sperando di aver chiarito la nostra posizione e di aver allontanato ogni dubbio in merito alla tutela dell'anonimato e alla scientificità del lavoro, confidiamo in una elevata partecipazione al nostro studio
Il gruppo di ricerca italiano del Progetto EPS/NPS"

ciao trovo che questo questionario sia completamente assurdo, anche un bambino sa che le modalità d'uso (e di approvvigionamento) di cose come gli anabolizzanti sono ben diverse da quelle di cose come la ketamina, che a loro volta sono completamente diverse da quelle di vere nuove droghe come i cannabinoidi sintetici

Ciao,
anche io ho trovato risibile il sondaggio e l'ho lasciato a mezzo. Penso che il problema principale nel dibattito sulle droghe oggi siano le semplificazioni e le generalizzazioni, per anni si è usato il termine DROGA come cappello che include dal caffè o la canna all'eroina o alla meth fumata, e tutte le infinite cose che ci stanno in mezzo, e infatti il risultato è che nessuno ascolta un operatore manco per sbaglio (a meno che non si tratti di un eroinomane o un alcolista giunto davvero ai ferri corti col mondo) e la credibilità dell'informazione sulle droghe sta a zero perché la gente lo sa che una canna o un funghetto non sono niente mentre l'eroina, solo per dire la più grossa, è un problema. Questa divisione proposta dal sondaggio (vecchie droghe/nuove droghe) è una stupidaggine analoga, tanto più se molte di queste nuove droghe in realtà sono in giro da tipo 35 anni.............ma NUOVE dove?? Su non scherziamo. Ricominciare a studiare le cose, prima di fare sondaggi?? Troppo??

beh,devo dire che ha riscosso un successo significativo questo sondaggio..in effetti mancava che chiedessero dove compriamo il basilico e se con quello ci viene anche offerta una ghiandola pineale..

Ciao, a me pare anche che ci sia un errore metodologico derivante dalla mancanza di conoscenza diretta del campo. Dico questo nella misura in cui, al di là delle differenze chimiche e di effetto, sono messe assieme sotto una generica etichetta 'nuove droghe' (tanto arbitrario era il vecchio contenitore ufficiale quanto è arbitrario uno che raccoglie tutte le sostanze che non erano dentro di esso) sostanze che hanno un uso voluttuario ormai globale e di ampissima diffusione, come la ketamina (o in alcune parti del mondo la crystal meth), e altre, come certe oscure fenitilamine, che sono praticamente assenti dal mercato di strada e sono al massimo divertissement per i chimici di laboratorio o gli appassionati di sostanze che se ne fanno qualche unità per gioco, ma rispetto alle quali non esistono prassi d'uso.

Flau

ma chi commenta ha letto e magari capito la risposta dei ricercatori?...

se io fossi nei ricercatori mi renderei conto di aver fatto un pasticcio e proverei a rifare tutto, sia dal punto di vista delle categorie, che di quello dell'interfaccia (un GOOGLE DOC non garantisce l'anonimato manco per il katz)

Una sola somministrazione di aloperidolo (15gocce) può essere rilevata con il tossicologico del capello? Grazie

Solo se viene cercato in modo specifico e con metodiche molto sensibili.