Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Progetto "Infezione da HIV e consumo di droghe"

 

Sostanze.info partecipa al progetto “Infezione da HIV e consumo di droghe: determinazione di indicatori ECDC (European Centre for Disease Control) per la prevenzione” a cui invitiamo tutti i nostri lettori a partecipare.

Lo studio prevede la compilazione di un questionario - anonimo – compilabile a questo link http://www.hivsostanze.org/

In questo periodo molte persone stanno compilando il questionario nei servizi pubblici, nei servizi gestiti dalle nostre associazioni e in questo sito internet!

Aiutaci a diffondere questa iniziativa! Il tuo contributo è prezioso per l’esito di questa indagine. Ti chiediamo solo 5 minuti del tuo tempo

Punteggio: 5 (2 voti)

Commenti

ESSENDO POSITIVO DAL2007 SO X CERTO CHE FA PIU' MALE BERE CHE NON DROGARSI

sono d'accordo anche xche posso portare ad esempio una persona a me cara.io sono siero positiva dall'1984 e dal 1989 ho iniziato terapia sostitutiva all'eroina con metadone;pochi mesi dopo mi hanni inserita nel protocollo terapeutico x l'assunzione dell'AZT. Nn ho mai avuto problemi con questo farmaco: solo una bruttissima intolleranza con una terapia x HIV xhe nn si associava con un altro farmaco che ero costretta a prendere. Cmq, alla fine mi è stata trovata la terapia giusta. Sono stata con i T4 a meno del 7% e mi davano x ....persa. Essendo pero sieropositiva ma asintomatica, sono riuscita a rimettermi a posto, al punto che oggi, nonostante una pencreatite da farmaci, una epatite C, ho la carica virale negativa gia da qlc anno!
sono quindi a dieta di grassi etc x via della pancreatite; assumo un alta dose di Metadone, 160 mg al giorno, dal lontano 1989 (come scritto sopra) ma nn ho iniziato a dosi cosi alte: Ci sono arrivata xche continuavo a farmi e ho smesso solo quando mi son resa conto che continuare cosi, equivaleva a crepare, xche ad ogni pera era piu la febbre che sentivo (nonostante usassi ogni precauzione possibile) che la roba. Era la roba infatti che mi portava ad avere la febbre e x riprendermi impiegavo anche una settimana. Ho cosi detto basta e preferisco rimanere a mantenimento con il metadone: e' una cosa pulita, ho l'affidamento settimanale, svolgo una vita piu o meno regolare e resto cosi xche mollarlo x me significherebbe forse, riprendere a farmi e nn voglio piu.
Cmq tornando all'abuso di alcool, ho i mio ex compagno che nn ha mai bevuto, se nn una lattina di birra a pranzo o una bottiglietta da 33 cl al bar con gli amici ogni tanto. Assume anche lui metadone e nn si fa da parecchio eppure oggi si ritrova ricoverato in attesa di trapianto al fegato. Perche mi domando io se nn e' mai stato un bevitore? E' stata forse l'alimentazione grassa e smoderata che lo ha portato a questo punto e nn certo il farsi una canna ogni tanto.
L'alcool fa piu male di quanto nn si voglia ammetere. Le statistiche sulla tossicodipendenza le abbiamo xche ora ci sono i serd etc ma sull'alcol come si fa a dire quanti bevono, se sono solo uomini? Le donne che che bevono sono tante e molte quelle che lo fanno nascondendosi, cioe in casa e queste persone qua nn andranno mai in un serd o in un centro alcolisti, xche il loro piu grande problema sta nell'affrontare i familiari, il marito etc. Queste cose lo Stato le sa eccome ma la tassa sugli alcolici fa entrare un bel po di soldi nelle casse. Allora mi chiedo, xche nn legalizzare il fumo, l'eroina? No, in primis abbiamo il Vaticano che fa da scudo a questo, ben sapendo da chi è gestito il traffico e il xche nn si voglia legalizzare lo sappiamo. Troppe persone perderebbero milioni su milioni! :)
grz x il sito, ben fatto e dove si può parlare!

non che drogarsi aiuti comunque

nn sono diventata siero positiva x la roba m solo ed esclusivamente xche, dove passavo l'estate, nn c'era un distrubutore automatico di siringhe ne' una farmacia notturna. Potete quindi immaginare lo scambio che avveniva o la "raccolra"o "ricerca" della spada più nuova....
Ci terrei poi a segnalare un caso che mi accadde diversi anni fa, quando ancora i facevo. Entro nell'unica farmacia della zona aperta di domenica mattina; chiedo 2 siringhe e 1 fiala di acqua. Al momento di pagare il farmacista mi dice che i soldi nn bastavano( mancavano se nn erro 0.30centesimi). Gli rispondo che n li ho.Sapete che mi ha detto? Mi permetto di ricordarvi che e' un farmacista "se nn hai i soldi, di siringhe ne prendi una sola e ve la passate".......Un signore accanto a me, con fare molto discreto, mi ha allungato 1 euro. ogni commento lo lascio a voi... ciao!

a mio avviso dovete segnalare nome e cognome di questi "professionisti" all'ordine dei farmacisti affinche' vengano radiati o puniti mediante procedimenti disciplinari finche' tutti tacciono questi "signori"la fanno franca. La dignita' e il rispetto vanno riservati a chiunque.

ragazzi io ho problemi di dipendenza da alcol e da alcuni farmaci ed ho solo 21 anni avete consigli da darmi delle volte sto malissimo con dolori allo stomaco nausea e non ho voglia di alzarmi dal letto in piu spesso ho attacchi di ansia che prima di iniziare a bere non avevo qualcuno puo aiutarmi?

sono il ragazzo siciliano; che rispondo al ragazzo di 21anni che a problemi di alcool....acco quello che voglio dirti e ke ai una bellissima eta...io ho 35anni e sn un ex tossicodipendente da EROINA..e ti dico ke nel percorso della mia tossicita cioe 17anni..di tossicodipendenza,,,ce stato un periodo della mia vita circa 8, 9, anni faa nn ostante facevo uso di eroina ma cercavo di bere anke pensando ke nn era niente di speciale pensavo che era un opcional invece ti diro la verita pian piano mi e entrato dentro,,,,e non avendo nessuno che mi spiegava cosa stava accadento dentro di me.. TI SPIEGO.. MI ALZAVO CON ANSIA,, CHE MI MANCAVA IL RESPIRO BENE APPENA MI BEVEVO UNA BIRRA ERA PASSATA LANSIA..CMQ E FACEVO GUERRA CON EROINA,,, MA TI TENGO A PRECISARE CHE NON SAPEVO ANCORA CHE QUELLA MANCANZA DI RESPIRO QUEL BATTITI DI CUORE ACCELLERATI QUELLA SUDORAZIONE,, NAUSEA E TANTI E TANTISSIMI...SINTOMI CHE MI VENIVANO,,,,NN PENSAVO MAI MAI MAI CHE ERANO QUEI 4,,,5,,,6 BIRRE CHE MI BEVEVO.....CMQ...TI SPIEGO BENE...UN GIORNO DI 2ANNI ORMAI ERO DISTRUTTO CON L EROINA,,, E HO DECISO DI ANDARMENE AL SERT.,,PER CURARMI DALL EROINA.....E HO RACCONTATO TUTTO AL PRIMARIO DEL SERT,,,DI TUTTO QUELLO KE ASSUMEVO QUODITIANAMENTE E DA QUANTO TEMPO FACEVO QUESTA VITA,,,,BENE HO CAPITO CHE LANSIA BESTIALE ME LA PROCURATA LALCOOL,,,E CMQ..HO ASSUNTO METADONE ED PER ME E STATA UNA SUPER TERAPIA PERCHE COME HO SCRITTO DIVERSE VOLTE ORMAI STO BENE E CONDUCO UNA VITA NORMALISSIMO COME TANTI....PER IL FATTO DELL ANSIA MI HA PRESCRITTO UNA COMPRESSA DI CIPRALEX,,,CHE ANCHE QUELLA COMPRESSA E STATA FORMIDABILE....TIPOSSO GARANTIRE CHE DA QUEL BENEDETTO GIORNO CHE SN ANDATO AL SERT.. CIOE 2ANNI FAA NON HO TOCCATO NIENTE NIENTE NEANCHE UNA TAZZINA DI SPUMANTE PER NATALE.........ORA SPERO CHE QUESTA MIA SINTESI DI VITA CHE HO CERCATO DI SCRIVERTI PENSO CHE TI SIA DI AIUTO.. TI VOGLIO DIRE DI ANDARTENE IN UN SERT... E DI ANDARCI CON SERIETA...NN PENSARE ALLA GENTE,,,IO TI POSSO GARANTIRE CHE HA ME MI E SERVITO HA RINASCERE,,,,PERCIO VACCI E VACCI CON TRAGUARDI DA RAGGIUNGERE E RICORDATI CHE QUANDO STARAI BENE NON DEVI BERE NEANCHE UN BICCHIERINO DI BIRRA.............LA COSA CHE DEVI CAPIRE E CHE SI DEVE ELIMINARE IL PRIMO BICCHIERE,,,,,,,,OK OK OK OK OK IL RAGAZZO SICILIANO TI MANDA UN CALOROSO ABBRACCIO CON UN SMS GODITI LA VITA KE AI 21ANNI,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,E 21ANNI PASSANO UNA VOLTA SOLA NON RITORNANO PIU......PERCIO GODITI LA BELLA VITA NELLE COSE BELLE........A PRESTO TUA RISPOSTA

Le cose scritte con tanto calore dal nostro amico siciliano sono molto corrette. Ho poco da aggiungere. La descrizione che fai della tua situazione mi fa pensare che da solo smettere di bere forse ê un'impresa troppo ardua. In ogni cittá c'è un servizio pubblico per le dipendenze (sert). È lì che puoi chiedere ed ottenere l'aiuto di cui hai bisogno. L'alcool provoca in un primo periodo dei danni reversibili. Se si continua questi danni diventano irreversibili. È quindi importnte smettere quando si è ancora in tempo. E tu certamente ancora lo sei. Tienici informati.
Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Non posso che concordare con il Dott. Scelfo , sono il 50 enne che ha scritto la propria esperienza. Non tutti sono in grado di aiutarsi da soli, io ho scelto anche un periodo di analisi (Young), utile per l'uso corretto del bere. Questo lo ometto nella mia esperienza, ma lo faccio notare, non sottovalutare i danni del bere troppo, in particolare se cominci da molto giovane.

Ho risposto ad altra domanda su questo sito, in modo simile a questo :
Maschio, Long Survival hiv accertato nel 1989 (eravamo molto informati vero ? Oggi nemmeno ne parlano più, ma esiste ancora !), Per il mio caso hanno fatto più danni i farmaci, neuropatia periferica, dermatiti, rush, colon irritabile, elenco molto lungo.
Notare non ho mai avuto meno di 400 T4 e RNA superiore a 20.000... con alcuni antiretrovirali in associazione con inibitori di proteasi, anzichè migliorare peggioravo.
Sono una cavia per piastrinopenia che non avevo prima di assumere l'AZT iniziato (illegalmente allora) con 700 t4 accertati, in particolare (vivo con tra 1000 fino a 60.000 piastrine, valore normale almeno 150.000) e coagulo regolarmente, nessun problema, al limite qualche livido spontaneo, nei momenti da 1000 piastrine.
Costo : fino 26 pastiglie al giorno, con grande guadagno delle case farmaceutiche sino a 15.000 euro mese per un sieropositivo! Caspita gravo enormemente sul bilancio dello stato , forse dovrebbero sopprimermi?
Beh io ho cominciato a studiare in quanto laureato in informatica parlo un ottimo inglese e francese, ho buone nozioni di chimica e di medicina , Internet è una fonte ineguagliabile per chi la sa utilizzare è spesso mi sono rifiutato di accettare cambi di terapia, sino anche a sospenderla,
Ora studiano me, l'eliminazione dei farmaci quasi totale mi ha fatto migliorare in modo incredibile.
Perchè ci provano ancora a farmi cambiare un farmaco che costa 400 euro/mese (Viread) con uno che ne costa 1250 euro/mese (Isentress) ... e mi riferisco all'hiv , per cui ho valori stabili e anche migliori di tanti che non sono "infetti". Qualche direttiva per fare guadagnare le case farmaceutiche?
HO usato qualche volta la polevere maledetta, un poco più sovente di recente, con risultati di esami in miglioramento...(???) .
Con questo non dico di farne uso, può essere molto pericolosa, tanto quanto l'alcool ed il tabagismo.
Mi sembra che sia scientificamente provato che l'uso della Cannabis allevia i dolori ed i problemi di chi soffre malattie attualmente incurabili, o chi soffre per l'assenza di un arto amputato (qualcuno a causa di incidente d'auto causata da chi guidava in stato di ebrezza) , alcuni hanno anche miglioramenti.
Una occhiata alle statistiche le droghe ai primi posti sono Alcool e Nicotina... Pensate sia andato fuori tema ?
Mi può spiegare un medico esperto quanto come si vive psicologicamente una qualunque "malattia" in modo positivo , senza averne paura, prendendosi qualche svago, magari regalarsi una cena senza seguire una dieta, andare in un locale e chiaccherare con le altre persone (senza nascondere agli amici la propria sieropositività) ? So già la risposta. Quanto conta il pensiero nel decorso di una infezione ?
Liberi tutti di pensare , ma che pensino però no frasi fatte o sentite dire.
Ho 50 anni e lavoro regolarmente, a volte anche 14 ore in un giorno
(non grazie ad uso di Coaina... che evito in casi di attività lavorativa intensa..) .
Questa la mia esperienza. Buon anno 2013 , secondo un professorone non avevo + di 3 anni di vita nel 1989.... lui ci ha lasciati per un tumore al polmone, fumava sigarette... sarà ?

Caro lettore, il tuo intervento è talmente ricco di spunti che non so da dove cominciare.
Quanta influenza ha il benessere psichico sul contenimento dello sviluppo di una malattia infettiva? Nessuno può risponderti seriamente. Forse molto, forse poco. Forse per una persona molto, forse per un'altra persona poco. Forse in un momento molto, forse in un altro momento poco.
L'unica risposta seria quindi, a mio parere è FORSE. Non lo sa nessuno. Solo i fatti possono dare una risposta. E nemmeno certa. Le variabili in gioco sono talmente tante che è difficile fare una dimostrazione che abbia un valore. E allora? Non lo so, non ho commenti.
D'altra parte ogni persona ha il diritto di curarsi se e come meglio crede. Il medico no. Il medico questo diritto non ce l'ha. Il medico, nel consigliare una cura, non può tenere conto del suo umore, delle sue simpatie o dei suoi interessi. Deve tenere conto delle conoscenze scientifiche più aggiornate e della sua esperienza. Io non sono un infettivologo e qiuindi non sono molto aggiornato su questo tema, però negli ultimi anni non ho visto morire nessuno per HIV tra i miei pazienti, mentre prima ne ho visto morire tanti. Secondo i miei colleghi infettivologi questo è merito dei farmaci antiretrovirali. Ed io non ho motivo di pensare che non fossero in buona fede. Però non voglio, e nemmeno potrei mettere in dubbio quanto è successo a te. Forse per te gli antiretrovirali non servono. A te sono servite altre cose. Va benissimo. Perchè dovrei avere qualcosa contro? L'importante è che tu stia bene. Però non si può fare della tua situazione una regola.
Si rischierebbe di danneggiare gli altri pazienti. Se poi tu hai l'impressione, o la sicurezza, che i medici che ti hanno curato siano stati in mala fede ed abbiano badato all'interesse delle case farmaceutiche ed al loro, anzichè a te, fai bene a dirlo. Anzi potresti anche fare una denuncia all'Autorità Giudiziaria, in quanto questo atto sarebbe, non solo umanamnte riprovevole, ma anche un reato.
Io non lo so se è stato così Spero di no. Se però così fosse, da medico, ritengo che sarebbe un atto estremamente grave da parte di un altro medico.
Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Buongiorno,Tanti sieropositivi sono stati indotti a contrarre la malattia grazie a quei bigotti farmacisti che negavano siringa acqua e acido o dovevi menargliela all'infinito,,,non so forse ritenevano che non dando questi strumenti si sarebbe risolto il problema...bigotti per la seconda volta....I sert avrebbero dovuto proporre immediatamente una terapia con farmaco sostitutivo particolarmente ai giovani....ricordo sempre il mio direttore quando sosteneva meglio metadone a 16 18 anni che epatiti e altri virus dieci anni dopo....e purtroppo è la verità e i "vecchi tossici"lo san bene,Ora.

TROPPO COMODO DARE LA COLPA AL FARMACISTA.

CONOSCO VECCHI TOSSICI SIEROP. CHE LO SONO DIVENTATI E LO SAREBBERO DIVENUTI SICURAMENTE PER IL LORO MODO DI FOTTERSENE ALLEGRAMENTE DI TUTTO...LI GIUSTIFICO PER CERTI VERSI PERCHE' ALL'EPOCA NON SI SAPEVA NIENTE DI QUESTA MALATTIA (OGGI SI SA MA LA GENTE SI AMMALA UGUALMENTE, MOLTI ETERO CHE TROMBANO SENZA PRECAUZIONI X ESEMPIO) QUINDI COME VEDI, OGNUNO SI PRENDA I PROPRI CASINI E SE LI CUCCHI.

C'ERA L'EPATITE E C'ERANO TANTE ALTRE MALATTIE VENEREE EPPURE SE NE SBATTEVANO E SI FACEVANO OVUNQUE E SEMPRE..DAI DILLA TUTTA LA VERITA' NON SOLO QUELLA CHE TI FA COMODO

qlcn mi può negare alcuni effetti benefici della canapa sulle persone sieropositive?

ciao,
Puoi spiegarci meglio cosa vuoi sapere?
Grazie

,,,,ma che centra la cannabis con l'hiv.....

La capacità dei derivati della cannabis di stimolare l'appetito è nota da tempo e costituisce una esperienza comune per i molti che ne fanno un uso 'ricreativo'.
Alcune evidenze aneddotiche suggeriscono che tale proprietà possa essere utilizzata a fini terapeutici nei pazienti HIV positivi [1].
Verifiche sperimentali, condotte su volontari sani, hanno confermato che il fumo di marijuana aumenta l'appetito e l'assunzione di cibo, incrementando il peso corporeo [2-3].

Le basi razionali di tale proprietà dei cannabinoidi sono state recentemente chiarite da un gruppo di ricercatori italiani che hanno dimostrato che il sistema dei cannabinoidi endogeni ha un ruolo centrale nella regolazione dell'apporto di cibo [4].

Diversi studi clinici controllati condotti negli anni '90 [5-8], hanno saggiato, in pazienti HIV positivi, l'efficacia nella stimolazione dell'appetito di un cannabinoide sintetico, il dronabinol. La FDA ne ha autorizzato l'uso quale 'stimolante per l'appetito nei pazienti con perdita di peso AIDS-correlata' a partire dal 1992; il farmaco è stato successivamente registrato, con questa specifica indicazione, anche in alcuni paesi europei. L'Italia non è ovviamente fra questi.

Tra i pazienti HIV positivi statunitensi, e supponiamo anche tra quelli italiani, l'uso terapeutico dei derivati della cannabis sembra essere piuttosto diffuso.
Secondo dati della casa farmaceutica americana Unimed, i sieropositivi sono la categoria di pazienti numericamente più rilevante tra gli utilizzatori di dronabinol.
Molti pazienti comunque continuano a preferire ai cannabinoidi sintetici i derivati naturali, che sono a loro dire più efficaci e meglio tollerati.

La diffusione dell'uso terapeutico dei cannabinoidi tra i pazienti HIV positivi ha fatto sorgere qualche timore nel mondo medico. Una preoccupazione diffusa riguardava le possibili interazioni negative della cannabis con il sistema immunitario. È stato sollevato inoltre il problema di possibili interazioni dannose tra i farmaci antivirali e i derivati della cannabis, dal momento che gli inibitori delle proteasi e il THC utilizzano, a livello epatico, analoghe vie metaboliche.

Tali timori sono stati dissipati da due recenti studi, entrambi condotti presso l'Università di San Francisco, che hanno fornito al riguardo conclusioni molto rassicuranti.

FONTE
http://www.medicalcannabis.it/mainpage.php?do=schede/scheda_aids.htm

ci sono molti pz hiv che hanno il diabete (i farmaci anti hiv hanno il diabete come effetto collaterale) e si gonfiano - pancia- vogliamo fargli pure aumentare l'appetito?

che cazzata la cannabis non fa bene di certo a chi sta gia' male

NON RIESCO AD ENTRARE NEL SITO PER COMPILARE IL QUIZ O TEST HIV , COSA FACCIO?

ciao, ci spiace ma si trattava di un questionario per una ricerca che si è conclusa nel settembre 2012, cioè esattamente un anno fa.
E quindi il questionario non è più utilizzabile

ma e' vero che e' uscito il vaccino per guarire i malati di hiv /sieropos. ma che non lo danno perche' costa troppo e non ce n'e' per tutti ?? e le case farmaceutiche non vogliono perderci soldi dei farmaci?

non ne siamo a conoscenza (ma ci sembra assai poco probabile)

perche' poco probabile? non e' una novita' il lucro da parte delle compagnie farmaceutiche o vogliamo fare gli struzzi?

sieropositivo.it

era un sito per confrontarsi, non so se esiste ancora ma trovo utile segnalarlo a chi vive il problema in prima persona e vuole parlarne in forma anonima

Sieropositivo.it e' diventato pensieropositivo.eu altrimenti segnalo anche poloinformativohiv.info sono entrambi 2 siti con forum e chat gestiti da pazienti hiv

Caspita che razza di infami i farmacisti che x 30 centesimi non ti danno la siringa e ti dicono addirittura di usare entrambi la stessa! Sono da denuncia! La tossicodipendenza e' una malattia e un tossico in crisi di astinenza ha un solo pensiero:farsi. Negargli la siringa significa spingerlo ad usare quella del compagno/a di buco. Un farmacista che x 30 cent espone una persona malata ad un rischio cosi non solo e' da denuncia e radiazione dall'albo ma e' anche umanamente una persona orribile che non ha nessun rispetto della vita altrui e dovrebbe cambiare mestiere.

Aggiungi un Commento

Mood del commento:felicedivertitotristearrabbiatofuriosoconfusoin arrivo/partenzaavvelenatofumatoreubriacoalchimistain tiroarrapatonessuno