Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Sulle droghe stiamo sbagliando tutto

 La storia del suicidio di Lavagna ci dice di nuovo che bisogna cambiare approccio e legalizzare quelle leggere, scrive Roberto Saviano

 

IlPost - Su Repubblica Roberto Saviano si è occupato del suicidio di un ragazzo a Lavagna dopo che era stato trovato in possesso di 10 grammi di hashish, e soprattutto del modo in cui in Italia viene trattato il consumo di droghe, da quelle leggere a quelle pesanti: «se ti trovano in possesso di droga, sei una merda e ti sei rovinato la vita. La tua e quella della tua famiglia. Non c’è appello. Non c’è possibilità di riscatto». Saviano stesso dice che la storia del ragazzo che si è ucciso andrebbe discussa fino a un certo punto, perché non sapremo mai tutti i motivi per cui si è ucciso e «questo non è un romanzo», ma che comunque è necessario fare una discussione seria sulla necessità di cambiare approccio legislativo sulle droghe in Italia.

 

Continua a leggere su IlPost

Nessun voto ancora

Commenti

Io Saviano non lo amo particolarmente,anzi,lo detesto proprio per varie ragioni.
In questo caso pero' non ha torto.
Certo lui deve sempre essere il radical chik-anticonformista per eccellenza ,altrimenti non saprebbe a chi vendere i suoi articoli,le sue sceneggiature ed i suoi libri per colpire il segno.
Certo Savia',stai sempre sul pezzo.

La penso in tutto e per tutto come te.

Mi associo.
J

Vai a vedere che diavolo c' entra il suicidio del ragazzo con il grattarsi tutti la pancia con la marja e l' hashish. Allora aboliamo i brutti voti dato che i ragazzini spaventati dai genitori poi talvolta s ammazzano. D'oh!

Certamente non è stata la legge sugli stupefacenti ad ucciderlo, è chiaro che se alla prima difficoltà ti butti dal balcone la tua vita non può essere molto lunga, ma ben venga il riflettere sull'assurdità del proibizionismo.

A giudicare da quanti eroinomani fanno incidenti con l' auto figurati legalizzare l' hashish ed erba che rende chi li usa rincoglioniti al massimo come se parlassero in una trance di sonno.

Quindi secondo questo ragionamento, dato che la maggior parte degli incidenti mortali, in Italia, accade sotto l'influenza di alcool, occorre illegalizzarlo al più presto, giusto?
E al contempo, occorre stare il più lontano possibile dall'Olanda, paese in cui è risaputo che avvengano migliaia di incidenti stradali all'anno..

Direi di non incrementare e facilitare le cause. Una cosa e' stare ad un tavolo, bere, e bere, e bere, ce n' e' x rendersi conto, e organizzarsi, etc. Se per nn essere lucidi bastauna 'sigaretta' allora e' la fine. Si bravo dovremo imparare ad andars tutti n bici di questo passo.

Si vede che parli senza averne coscienza.

Sara' x qualche incidente dovuto al fstto che qui la bici non e' il primo mezzo come in Olanda,

Ammesso e non concesso che venga legalizzata, ma comunque immagino non possa esserlo per un minorenne!
Per cui, non me la prenderei con la legislazione.
Facile dire, bisognava fare questo o quello
Ma il male secondo me non é tanto il proibizionismo.

Ma certo uguale al divieto di vendere alcolici attualmente vigente.Ma cosa dici??Meglio che si fanno 30 canne a quell'eta' che una bottiglia di wisky tutta la vita!!

Comunque spero proprio che 50 euro di fumo non sia considerata la normalità per un ragazzino di 15/16 anni.

In un paese dove è legale la cannabis, un minorenne ha molta più difficoltà a procurarsela.

Ma è già adesso la normalità! !!!!Ma dove diavolo vivi????

Ci sarebbero solo due mercati paralleli al posto di uno.

In un paese dove è legale la cannabis, un minorenne ha molta più difficoltà a procurarsela.
___________
DISCOTECA
vietato alcool ai minori, controllo documenti all'entrata,
braccialetto bianco per i minori
braccialetto rosso ai maggiorenni
la ragazza di 16 o 17 anni da 5 eur a un ragazzo di 18 che le prende il drink e glielo passa
CON LA THC SAREBBE UGUALE IDENTICO
_______
piu' che altro toglieresti il gusto del proibito, e qindi, non subito, ma entro 10/15 anni, le nuove generazioni troverebbero il tuto molto meno appetibile
la riprova l'hai andando ad Amsterdam.....sono stato 5 volte tra il 1992 e il 2013
DENTRO I COFFEE SHOP VEDI SOLO & SOLTANTO TURISTI STRANIERI, AL 99,9999 %
se il ragazzino olandese vuole fumare, sicuramente lo fara' altrove, ma credete, in una mente giovane, il gusto del proibito e la ritualita' del gesto, hanno un fortissimo appeal
________
varie proposte di legge giacciono in parlamento, ma ci sono forze di precisa impronta Cattolica (a livello di collocazione politica) che sono contrarissime a questo un banale gesto di civilita'
Persino i "Proibitissimi USA", si sono aperti, in molti Stati (non tutti per la verita') all'uso ricreativo
No, io penso non ci arriveremo perché, tra le altre cose, i Clan, presenti ovunque nel paese, con parte dei soldi della droga finanziano la Politica nonché una galassia di attivita' commerciali, cosidette "pulite" (per riciclare i proventi della droga), e questo significa posti di lavoro........tangenti.....e. tanto altro
________
Cuore in pace, parleremo, parleremo, ma una "Legalizzazione della THC ad uso ricreativo" non avverra', sicuramente in tempi brevi
....
Sugar

No Sug,
non sono d'accordo con te. Chiaro che non ho mai detto che sia impossibile per un minorenne trovarla, ci mancherebbe, ma se vedo la situazione nella mia città ora, dove ci sono molti punti di spaccio, fruibili ad ogni ora da chiunque, minorenni compresi, se immaginassi questi posti rimossi, e al loro posto dei coffee shop, che vendono solo a maggiorenni, la situazione per un minorenne si complicherebbe, perché chiaro che basta il fratello o l'amico maggiorenne che "svolta" per tutti, ma si dipende sempre da questo, che potrebbe non esserci, non averne voglia, ecc,
Inoltre c'è il discorso, come dici giustamente tu, dell'appeal del "proibito".
Senza contare poi, che adesso lo spacciatore che ti vende il fumo, vende anche coca, eroina, ecc quindi se al ragazzino di turno vien voglia di provare l'eroina, ha già il numero di Aziz sulla rubrica.
Secondo me, il proibizionismo, in qualunque ambito si parli, non porta mai nulla di buono. Legislazione e controllo, unite alla permissione ed all'informazione, sono le cose veramente utili.

Embé non ci sarebbero lo stesso gli spacciatori delle altre droghe?

Certo,
ma puoi facilmente comprendere come sia diversa la situazione se lo stesso spacciatore che ti vende il fumo, vende anche altre sostanze, piuttosto che esser fuori dall'ambiente, e doversi andare a cercare il pusher.

Sentimi io ho iniziato a fumare a 14 Anni le canne ora ne ho 19 NON HO MAI SPACCIATO non tutti lo devono fare perché è proibito ma per passare la vita più serenamente come a tutti piace bere la birretta il vino non vedo perche non può piacere anche fumarsi un cannone che a mio parere fa meno male. se mi avessero accusato davanti alla mia famiglia e allo stato a 16 anni di essere un tossico o uno spacciatore non so come avrei potuto reagire e la colpa è dello stato e del proibizionismo che non fanno altro che sparare cavolate senza condannare cose ben più gravi!!
quel che manca è l educazione e il rispetto non è il controllo su qualcuno che si fuma una canna per rilassarsi non esiste.

In più se mi fumo una cAnna la sera di certo non devo rendere conto allo stato se lo faccio IN CASA MIA o in un prato sotto il sole d estate sEnza fare del male a nessuno perché solo in persone malate di mente e molto difficilmente la marijuana ti rende aggressivo o incosciente a contrario della alcool che facilmente fa ciò è che nonostante sia legale e proibito ai minorenni viene comunque venduto con relative conseguenze.

Non molto tempo fa rivelai ad un vecchio amico di essere un consumatore abituale di erba. Non lo sapeva. Ebbene, ci rimase davvero di stucco.
-- "Beh, magari non ne hai fumata così tanta da renderne così evidenti i sintomi."
Gli dissi allora che fumavo da prima che lui mi conoscesse. Ogni giorno. E che almeno metà delle volte che mi aveva incontrato, ero fatto.
-- "Beh, evidentemente per qualche strana ragione sei immune!"
No, gli spiegai, quando fumo gli effetti li sento eccome. Se fumo troppo, collasso come tutti gli altri. Cercai di spiegargli come essere consumatori abituali d'erba, dei "fattoni", non significa essere per forza dei rincoglioniti.
Gli spiegai la differenza che passa tra quello che io definisco un Fattone, e uno sballato.
Io non fumo per sballarmi, ma per rilassarmi, per distendere la mente. Non fumo fino ad arrivare al punto da diventare uno zombie. La mia vita non gira intorno all'erba. Semplicemente: l'erba fa parte della mia quotidianità.
Faccio si che fumare non influenzi le attività che svolgo abitualmente. Per dirla in altre parole, se non fumassi, farei tutto ciò che faccio ora esattamente allo stesso modo. Né più né meno.
Detesto venire considerato uno sballato. Non sono quel genere di persona. Sarebbe come se un amante del buon vino venisse scambiato per un alcolizzato.
Per quel che mi riguarda, sebbene consideri la Cannabis come una pianta innocua, utile e divertente, ritengo anche che non sia adatta a tutti. Alcuni ne fanno un uso sbagliato. Per farla breve: alcuni la usano come se fosse una droga d'abuso. E, sempre secondo la mia modesta e discutibile opinione, questo genere di persone contribuisce ad alimentare i pregiudizi che il popolino nutre nei confronti di questa meravigliosa pianta.

Guarda, per essere fuori di statistica cioe' aver impiegato tre mesi per avere le urine pulite, non credo proprio tu non ne faccia una droga d' abuso.

Essere un fumatore cronico e farne una droga d'abuso sono per me due cose distinte.
Come scritto sopra, la mia vita non gira intorno alla cannabis,e non la uso in maniera compulsiva, come sarebbe se ne facessi una droga d'abuso. Non fumo durante il giorno quando lavoro, solo la sera e nel tempo libero. E se anche, ipoteticamente, non lavorassi, non inizierei comunque a fumare appena sveglio.
Poi certo, punti di vista immagino.

Ma quelli che hanno pregiudizi sulla cannabis che problemi hanno ?

Molti più di quanti possiamo immaginare.