Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Vaccino anti-Eroina: al via la sperimentazione sull'uomo.

Un vaccino in grado di prevenire l'overdose da eroina sarà presto testato sull'uomo. La sperimentazione già effettuata su modelli animali ha dato risultati positivi, dimostrando che il vaccino è sicuro ed efficace. Oltre a evitare la morte in caso di dosi a rischio, il preparato servirebbe anche a eliminare le ricadute dei tossicodipendenti nella droga.

L'importante pietra miliare nella progettazione di un vaccino anti-eroina è stata posta dagli scienziati dello Scripps Research Institute, in California, che hanno portato avanti finora significativi esperimenti in materia. Secondo il National Institute on Drug Abuse, 15.446 americani sono morti per overdose di eroina tra il 2000 e il 2016, e i tassi di mortalità sono in aumento. La prima formulazione del vaccino contro l'eroina è stata sviluppata nel 2013 e agisce istruendo gli anticorpi del sistema immunitario su come attaccare le molecole di eroina, impedendo al farmaco di raggiungere il cervello. La molecola dell'eroina non attiva in modo naturale una risposta anticorpale, quindi i ricercatori hanno cercato il modo di collegarla a una proteina trasportatrice (carrier) che avverte il sistema immunitario di iniziare a produrre anticorpi. I loro esperimenti sui topi hanno dimostrato che la migliore formulazione del vaccino conteneva una proteina trasportatrice chiamata tossoide tetanico e l'allume come adiuvante. I risultati, pubblicati sulla rivista Molecular Pharmaceutics, mostrano come la nuova formulazione sia sicura ed efficace nei modelli animali, stabile per trasporto e stoccaggio e dipendente da un adiuvante, l'allume, già approvato dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti. E dunque pronta a sperimentazioni cliniche sugli uomini. Fonte: http://www.tgcom24.mediaset.it/salute/vaccino-anti-eroina-presto-sull-uomo-i-test-anti-overdose-sui-topi-funzionano_3123482-201802a.shtml

Nessun voto ancora

Commenti

La domanda che vorrei rivolgere alla Redazione è: questo vaccino, suppongo, si effettuerà una sola volta nella vita. E se la persona, in età avanzata, dovesse richiedere cure mediche con oppiacei? Esistono alternative di pari efficacia dal punto di vista medico,o il vaccino riesce ad essere selettivo solo per l'eroina (e qui si aprirebbe un discorso a parte su futuri mercati neri di oppiacei medici), oppure semplicemente gli si precludono e basta, in virtù del fatto che gli si sta salvando la vita da giovane?

TPM
ascolta uno stupido, nessuno ha, adesso-ora-qui, la risposta alle tue domande sopra
quando questo.....VACCINO....o PROTETTORE....o...INIBITORE
(gli aggettivi su cosa ne potra' uscire si sprecano),
sara' disponibile per gli esseri umani su larga scala, io e te non ci saremo piu'
-
credimi, non sto scherzando
se anche ci arrivassero, un mercato e circolo economico cosi' ipocrita, lucroso e fruttuoso, non lo puoi
fermare autorizzando una specie di vaccinazione,
" fai prima a pagare perché non diventi mai operativo "
.
non camperemo abbastanza x vedere questa cosa realizzata
.
Sugar

No dai io voglio essere fiducioso.
Anche perché il vaccino rimarrebbe comunque facoltativo, e tolto un mercato se ne crea un altro.
Guarda per esempio in America: boom di prescrizioni di analgesi oppioidi, lo Stato corre ai ripari inasprendo la normativa sulle prescrizioni mediche, il prezzo sul mercato nero di oxycontin, fentanyl e similari cresce esponenzialmente, l'eroina torna in voga e i cartelli messicani ne approfittano per fare affari d'oro.
I mercati della droga sono in continua evoluzione e cambiamento, non sarà un vaccino a fermarli, però potrebbe salvare molte vite.

Grazie TPM per aver condiviso questo articolo,
non avevo sentito parlare e trovo la cosa molto interessante.
Un saluto,
J.

Figurati, nemmeno io fino a ieri!

Comunque, se hanno appena iniziato la sperimentazione su uomo, prima che arrivi sul mercato ci vorranno ancora una 10 d'anni, sempre che il farmaco superi il test più difficile, quello di scongiurare l'innesco di gravi reazioni allergiche che potrebbero essere più fatali dell'overdose stessa, specie per chi fa uso endovenoso dell'eroina.

il prezzo sul mercato nero di oxycontin, fentanyl e similari cresce esponenzialmente, l'eroina torna in voga e i cartelli messicani ne approfittano per fare affari d'oro.
_______________
APPUNTO...........
un farmaco che impedisce l'uso di oppioidi a rilascio prolungato gia' esiste
Un vero e proprio VACCINO.....mi sembra una cosa che avra' bisogno di tempi lunghi lunghi lunghi
I 10 anni classici che dice Jack.....sono il periodo canoninco di inizio-ricerca-sperimentazione-approvazione
la farmacologia comunque avanza a passi da gigante
UNICA COSA
.
BISOGNA VEDERE SE ALLE MAJOR FARMACEUTICHE CONVENGA SPENDERE SOLDI (tanti) PER CREARE QUESTO FARMACO CHE POI IMPEDIRA' DI ASSUMERE ALTRO
Il conto e'...............puramente e esclusuìivamente economico, basato su un profitto a lungo termine
Dico bene Jack ???
.
Sug

Si,
chiaramente ci vorranno i canonici 10 anni. Ma intanto il passo si sta facendo.
La differenza col Naltrexone è enorme, questo sappiamo bene che non funziona perché va assunto ogni giorno, col vaccino si parla di un'unica assunzione.
Alle case farmaceutiche conviene eccome, e alle mafie cambia poco, tanto chi è che lo farebbe? non certo il ragazzino, ma il tossico navigato, che con molta probabilità usa praticamente solo più metadone, e saltuariamente eroina. Dunque non una gran perdita per chi vende..