Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 27188 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Type the characters you see in this picture. (verifica con audio)
Inserisci il testo che vedi nell'immagine qui sopra. Se non riesci a leggerli, invia il modulo e una nuova immagine sarà generata. È indifferente a maiuscole e minuscole.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.
Mostra: tutti i tipi | articoli | esperienze | siti segnalati | immagini | videoOrdina per: data | punteggio

Generalmente la cocaina si trova sotto forma di polvere bianca, cristallina e inodore, dal sapore amaro. Non è mai pura, è sempre tagliata con altre sostanze: una dose presenta mediamente non più del 50-60% di cocaina, per cui gli effetti e la tossicità (sempre maggiore nelle droghe spacciate) variano a seconda delle sostanze di taglio. Vista la facilità di tagliare una semplice polvere bianca, esistono report di casi in cui la presenza effettiva di cocaina non andava oltre il 10%.

Gli effetti della cocaina sono molto soggettivi, variano secondo la purezza della dose, dallo stato psico-fisico della persona e dal contesto. Sono condizionati inoltre dalla modalità di assunzione, dalla velocità d’assorbimento della sostanza. La cocaina, agendo come stimolante del Sistema Nervoso Centrale, determina principalmente un aumento della lucidità mentale, una riduzione della sensazione di fatica, una diminuzione dell’appetito ed ha spesso un’azione complessiva di tipo euforizzante. Sensazione di benessere, aumento di sicurezza e di fiducia...

I metodi di datazione applicati su reperti archeologici scoperti nelle Ande centrali, testimoniano come l'uomo abbia cominciato a masticare le foglie di coca, da cui si estrae la cocaina, in epoche precedenti al 2500 a.C. La pianta della coca ha avuto un'importanza enorme per tutte le civiltà andine. Ciò è testimoniato dal fatto che essa era protagonista principale di tutti i moltissimi miti d'origine con i quali si raccontavano le vicende leggendarie della fondazione delle varie civiltà andine. La coca costituiva inoltre la pianta per...

La cocaina sta conoscendo una peculiare quanto rapida diffusione. Nel nostro paese rispetto al 2001, secondo le stime del Ministero*, il numero di coloro che ne hanno fatto uso nell’ultimo anno è raddoppiato, raggiungendo il 6,7% della popolazione, con la concentrazione più elevata nella fascia 25-34 anni di età. Il fare uso di cocaina ha perso un po’ di quell’alone distintivo che ne faceva un esclusivo divertissment d’elite, una sostanza da ricchi, penetrando nella vita di migliaia di persone, in fasce di popolazione spesso non “...

Novità cocaina

Miracoli? In Valdera il 45,4% delle persone che fanno abuso di sostanze e in trattamento al SERT smettono.

Pontedera, comunicato stampa. Sono eccellenti tassi di remissione in Valdera per quanto riguarda l’abuso di sostanze stupefacenti (media 45.4%), in particolare per patologie da oppioidi (60.4%) e da cocaina(35.1%). Il tasso di remissione, cioè quante persone attraverso le terapie sono portate fuori dalle dipendenze considerando un’astinenza di almeno 12 mesi, sono importanti dal punto di vista statistico poiché sono in grado di fornire una serie di informazioni utili a capire quali siano le dipendenze che rispondono meglio alle terapie oppure quali siano le cure meno efficaci, intervenendo con gli opportuni correttivi sulle programmazioni in atto. Questo tipo di analisi epidemiologica, condotta nel 2013 per il 2° anno di rilevazione, ha fornito dati incoraggianti: su 1964 assistiti per dipendenza/abuso di droghe, 564 sono in completa remissione con un tasso del 33,3% (media ASL); per la dipendenza/abuso di alcool sono state in cura 409 persone, di cui 113 condotte in remissione con un tasso del 27,6% come media aziendale. Andando ad analizzare i dettagli per tipologia di dipendenza/abuso: su 1117 assistiti per oppioidi, in remissione sono 415 (37,2%); su 343 assistiti per cocaina, in remissione sono 102 (29,7%); su 191 assistiti per cannabinoidi, in remissione sono 37 (19,4%); su 43 assistiti per farmaci, in remissione sono 10 (23,3%). L’ASL 5 di Pisa, attraverso i SerT garantisce interventi di prevenzione, diagnosi terapia e recupero rivolti a soggetti che facciano uso e/o abuso di sostante psicotrope legali e illegali (alcool, farmaci, droghe). Uno degli obiettivi più importanti è valutare nel tempo l’efficacia delle terapie adottate per promuovere programmi di cura e reinserimento; per questo l’azienda sanitaria pisana ha stretto importanti collaborazioni con il MES (Management e sanità della Scuola Superiore Sant’Anna) e la Regione Toscana, al fine di mettere a punto un sistema informativo in grado di rilevare i tassi di remissione per patologie da uso di sostanze. Uno sforzo organizzativo necessario che ha permesso di affinare maggiormente l’uniformità di comportamento dei servizi nelle varie zone.

 

 

la fasciomafia romana

L Espresso, 09.09.14.

Non è una città, ma un intreccio di traffici e intrallazzi, delitti e truffe, su cui si è imposta una cupola nera. Invisibile ma potentissima, ha preso il controllo di Roma. Trasformando la metropoli nel laboratorio di una nuova forma di mafia, comandata da estremisti di destra di due generazioni.Al vertice ci sono vecchi nomi, veterani degli anni di piombo, abituati a trattare con le istituzioni e con i padrini, abili a muoversi nel palazzo e sulla strada. Ai loro ordini c’è un’armata bifronte, che unisce banditi e narcos, manager nostalgici e giovani neofascisti.L’ideologia garantisce compattezza, il credo nell’azione e nella sfida. I soldi, tanti e subito, premiano la fedeltà. E la componente borghese, dai maturi colletti bianchi ai ragazzi in camicia nera, gli permette di arrivare ovunque. Con le buone o con le cattive. Per comprendere bene cosa accade oggi nella Capitale, in questo grande spazio circoscritto dal Grande raccordo anulare, occorre mettere da parte quello che accade a Napoli, a Palermo o a Reggio Calabria. È nella Capitale che ha messo radici un sistema criminale senza precedenti, con fiumi di cocaina e cascate di diamanti, ma anche tanto piombo. 

 

Una fascio-mafia, che sintetizza la forza perversa di due tradizioni in un’efficacia che gli ha consegnato anni di dominio incontrastato. Persino gli investigatori hanno fatto appello alla sociologia per spiegare il modello romano. Qui si incarna la microfisica del potere teorizzata da Paul Michel Foucault: il potere criminale-mafioso si esercita, si infiltra, «non è qualcosa che si divide tra coloro che lo possiedono o coloro che lo detengono esclusivamente e coloro che non lo hanno o lo subiscono. Il potere deve essere analizzato come qualcosa che circola, o meglio come qualcosa che funziona solo a catena. Non è mai localizzato qui o lì, non è mai nelle mani di alcuni, non è mai appropriato come una ricchezza o un bene. Il potere funziona, si esercita attraverso un’organizzazione reticolare». Si estende in tutte le strutture sociali ed economiche, con dinamiche che cambiano continuamente e costruiscono altri patti e altri affari. Si infiltra, entra nei ministeri, nelle finanziarie, nelle grandi società pubbliche come nei covi dei rapinatori e nelle piazze di spaccio.Le sigle neofasciste della capitale sono finite coinvolte in numerose inchieste sul traffico di droga e sulle violenze e vendette a questo collegato. Ecco alcuni dei casi più inquietanti

A Roma non ci sono zone in cui commercianti e imprenditori sono obbligati a pagare il pizzo. Non c’è l’oppressione del boss di quartiere. E gli omicidi sono calibrati con estrema attenzione. Luglio si è aperto con l’assassinio di un pezzo da novanta di questo sistema, Silvio Fanella, nei condomini bene. Agosto si è chiuso con l’esecuzione di un’autista della nettezza urbana, Pietro Pace, nella periferia estrema: il padre ha offerto una taglia di 100 mila euro sui killer. Delitti miratissimi, perché quello che conta è far girare i soldi, che si tratti di gestire immobili, licenze, investimenti o di vendere droga. Gli architetti di questo sistema non si sporcano le mani con il sangue. Sanno a chi affidare il lavoro sporco. E quando devono colpire duro, hanno a disposizione una centuria nera compattata dall’estremismo di destra.

 

 

IL NEROUno dei componenti di questa cupola rivoluzionaria è Massimo Carminati, che sembra avere trasformato il suo personale romanzo criminale in una marcia trionfale. È stato nella banda della Magliana e nelle squadre terroriste dei Nar, con amicizie di rango in Cosa nostra e negli apparati deviati dello Stato. Coinvolto in processi importanti, come quello per l’omicidio del giornalista Mino Pecorelli, ne è sempre uscito assolto. Ha scontato pochi anni di carcere per episodi minori. Nella Roma nera è un mito: un leader da seguire e ascoltare. E lui da leader si comporta e agisce. Si mostra, a chi non lo conosce, con modi felpati ed educati. Ma quando vuole sa imporsi con la forza, tanto che sodali e rivali lo rispettano con timore. È lui “l’ultimo re di Roma”.I suoi avvocati Ippolita Naso e Rosa Conti respingono questa ricostruzione: «Se tutto ciò rispondesse a verità, più che un uomo di potere sarebbe corretto definirlo uomo dai super poteri, che ha in mano le redini dell’imprenditoria capitolina, in grado di condizionare le vicende della politica romana, capace di passare dal traffico di droga ai vertici degli affari economici controllando, già che c’è, anche il territorio. E il tutto con un occhio solo!». Un riferimento a quella ferita vecchia di trent’anni, l’eredità di un conflitto a fuoco con i carabinieri che gli ha fruttato il soprannome di “er Cecato”. Per i legali però, come scrivono in un atto di citazione per difendere il loro cliente: «Siamo all’apoteosi dei luoghi comuni cinematografici. E di questo strabordare di informazioni neanche l’ombra di un elemento, un indizio, una circostanza oggettiva, una testimonianza, un riscontro, una indicazione di massima, una traccia, un segno che si sforzi di dare una parvenza di verità a quanto riferito». 

 

 

 

 

Per gli avvocati, «Carminati non ha più alcun conto in sospeso con la giustizia, è attualmente privo di pendenze penali e soprattutto re-inserito in un contesto sociale e familiare del tutto lecito, nel quale lodevolmente egli sta cercando di recuperare» e poi «si prende cura costantemente del figlio ventenne e convive stabilmente con la compagna, Alessia Marini, con la quale gestisce il negozio di abbigliamento “Blue Marlin”».

 

VILLA CONNECTION

Le parole degli avvocati sono un punto di partenza per decifrare la pista nera. Il negozio fa capo alla “Amc Industry srl” di cui è amministratore unico Alessia Marini e Carminati non compare come socio. La “Amc industry” dal primo gennaio 2011 ha preso in affitto una villa a Sacrofano, alle porte di Roma, su una collinetta che domina tutta la zona.Si tratta di una bella abitazione, ben rifinita, su due piani, con grande piscina circondata da prato all’inglese e un lungo viale che separa dal cancello. Qui vive Massimo Carminati. La villa risulta di proprietà del commercialista Marco Iannilli, un professionista dalle alte relazioni che negli ultimi quattro anni è diventato protagonista della cronaca giudiziaria. È stato arrestato e condannato in primo grado per la colossale truffa su Fastweb e Telecom Sparkle, che ha fatto girare centinaia di milioni di euro. Ma ha anche un ruolo chiave nelle istruttorie su Enav, l’azienda pubblica che gestisce il traffico aereo, su Digint e su Arc Trade: procedimenti che ruotano intorno a Finmeccanica, il gigante statale degli armamenti hi-tech. È nei guai anche per la vicenda della mazzetta pagata da Breda Menarini, sempre del gruppo Finmeccanica, per aggiudicarsi la fornitura di autobus da Roma Metropolitane, in cui sono indagati anche l’ex sindaco Gianni Alemanno e Riccardo Mancini. Che in passato avevano avuto rapporti con Carminati: un passato forse non così remoto. 

 

 

 

Solo coincidenze? Quando nel febbraio 2010 i carabinieri del Ros arrestano Iannilli, lo trovano in possesso di una Smart intestata a Carminati. E quando il commercialista a novembre 2011 finisce ancora in cella, i finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Roma e i militari del Ros annotano che «immediatamente dopo l’arresto di Iannilli, si recava presso la sua abitazione Massimo Carminati, allertato a tal proposito dalla moglie del commercialista». Perché tanto interesse? Negli atti non c’è risposta. Ma Iannilli per gli inquirenti era un esperto «nell’utilizzo di prestanome» e «per la costituzione o la rilevazione di società italiane ed estere, e la conseguente apertura dei relativi conti correnti, allo scopo di veicolare i profitti illeciti provenienti da operazioni di frode fiscale di notevole entità». Un professionista insomma che gestisce decine di milioni di euro e che sarebbe stato capace di dare copertura pulita ad attività in tutto il mondo, «il tutto per agevolare altri soggetti o organizzazioni criminali, in attività di riciclaggio di denaro».Il commercialista sembra pendere dalle labbra del “Cecato”. E non pare essere l’unico. C’è un altro uomo introdotto nei salotti buoni e di manifesta fede fascista che avrebbe subito il carisma dell’ex terrorista: Lorenzo Cola, tra i principali collaboratori di Pierfrancesco Guarguaglini, fino al 2011 numero uno di Finmeccanica. Per gli investigatori ha controllato un sistema illegale «in grado di influenzare le scelte societarie e commerciali dell’Enav». In questo modo ha creato operazioni di sovrafatturazione fra le aziende di Finmeccanica e società subappaltanti riconducibili a Iannilli: somme trasferite all’estero grazie alla rete del commercialista.Iannilli e Cola erano in affari con un altro estremista duro e puro: Gennaro Mokbel, condannato in primo grado come regista della truffa Fastweb con un riciclaggio da due miliardi. Ma è anche l’uomo che con l’aiuto, da una parte degli amici di Carminati e dall’altra della ’ndrangheta, è riuscito a far eleggere al Senato Nicola Di Girolamo, oggi detenuto ai domiciliari. In ogni indagine condotta dalla magistratura romana che riguardi grandi operazioni finanziarie spunta sempre qualcuno legato all’estrema destra, alla ’ndrangheta, agli 007 deviati, e a boss napoletani trapiantati nella Capitale. E su tutto si allunga l’ombra del “Cecato”. Perché lui vive in una terra di mezzo, perché sa come risolvere i problemi di chi abita negli attici dei Parioli e sa a chi chiedere nei meandri delle periferie più malfamate.CACCIA AL TESOROL’intreccio di business e crimine, di manager e fasci, è esploso con i proiettili che il 3 luglio scorso in un condominio elegante della Camilluccia hanno ucciso Silvio Fanella. Gli inquirenti lo definiscono “il cassiere di Mokbel” e stava scontando ai domiciliari la condanna a nove anni proprio per l’affaire Fastweb-Telecom Sparkle. Uno degli aggressori è rimasto ferito ed è stato arrestato: Giovanni Battista Ceniti, ex dirigente piemontese di Casa Pound. Non doveva essere un omicidio. In tre, fingendosi militari delle Fiamme Gialle, volevano rapire Fanella e farsi rivelare il nascondiglio di un tesoro da sessanta milioni di euro. Solo una parte è stata poi ritrovata dal Ros: mazzete di denaro e sacchetti pieni di diamanti, sepolti in un casale ciociaro.La caccia a quel forziere è stata un’ossessione, che potrebbe avere incrinato antichi accordi tra i nuovi re di Roma. Già due anni fa avevano provato a rapire Fanella. E proprio le indagini sul primo raid hanno aperto un altro spaccato sui poteri occulti della Capitale. Per quel blitz la procura ha ordinato l’arresto di tre persone. Uno è Roberto Macori, 40 anni, fino al 2011 factotum di Mokbel che poi si è legato ad un altro dei senatori della Roma criminale: Michele Senese, detto “o Pazzo”, il padrone della periferia a Sud del raccordo anulare, dove domina lo spaccio. Anche lui passato dalla banda della Magliana, ma soprattutto boss legato alla camorra e ai casalesi: da un anno è in cella per omicidio. Anche lui abituato a pensare in grande e muoversi nell’imprenditoria, sempre in accordo con Carminati. Prima dell’arresto, assieme a Macori voleva mettere in piedi una truffa da 60 milioni, rilevando un deposito di carburante a Fiumicino. Entrambi erano in stretto contatto e Macori al telefono parlava dell’interesse «dei napoletani» per il tesoro custodito da Fanella.Non sarà un caso se a casa di Macori, dopo l’arresto, i carabinieri hanno sequestrato sei diamanti purissimi che sembrano essere uguali a quelli trovati nel caveau di Fanella. E gli investigatori non credono più alle coincidenze. Stanno ricostruendo un mosaico in cui tanti delitti, tante acrobazie finanziarie in cui compaiono gli stessi nomi e gli stessi metodi. I reduci dei Nar, gli emissari di ’ndrangheta e camorra, la manovalanza a mano armata reclutata tra i neofascisti: l’organigramma della nuova fascio-mafia romana.

http://espresso.repubblica.it/inchieste/2014/09/09/news/i-fasciomafiosi-alla-conquista-di-roma-1.178836

Dispacci dalla Grande Guerra

ASSEDIO. Assedio di Kut al-Amara (attuale Iraq, 7 dicembre 1915 - 29 aprile 1916): con le riserve alimentari quasi esaurite, per evitare la dissenteria e altre malattie i soldati britannici cercano di tenersi in piedi con pillole di oppio o cure casalinghe, come un miscuglio di olio di ricino e chlorodyne, analgesico al gusto di menta i cui principi attivi sono oppio, cannabis e cloroformio.

COCAINA. Durante la guerra la cocaina era molto diffusa nella società, nonostante le restrizioni messe in atto in diversi Paesi prima del conflitto. A Parigi si poteva acquistare più o meno liberamente nei caffè, a Londra si trovava facilmente nei night club. In Inghilterra prostitute e soldati erano considerati due gruppi particolarmente dipendenti da questa sostanza. Un'aggravante per le autorità inglesi: la produzione era quasi esclusivamente nelle mani di aziende tedesche.

da Roberto Raja, La Grande Guerra giorno per giorno, Clicby edizioni.

Pluridipendenza

Salve, ho 35 anni e ho la tipica storia del tipico tossicodipendente. Faccio uso di qualsiasi cosa da quando avevo 16 anni, anche se ultimamente mi sono molto calmato, grazie anche all'ausilio del SERT dove 7 anni fa mi sono recato spontaneamente per non pagare più il subutex ed averlo gratuitamente. Ho anche scalato da 8 mg a 4 durante l'estate. Ho avuto un forte ricaduta con uso di crack e cocaina anche endovena. Sono tre mesi che non faccio uso di alcun tipo di sostanza illecita, tranne rivotril e sub 4 mg. Il problema è che comunqe bevo, ho spesso bisogno di "annebbire" la mente, altrimenti subentra una sorta di noia e apatia. Ho distrutto tante relazioni importanti ed anche diverse possibilità lavorative che avrebbero potuto dare qualcosa alla mia vita. Qualcuno ha mai vissuto qualcosa del genere? Per favore, non parlatemi d psicologi o psichiatri, perchè ci potrei scrivere una guida turistica.

d. è morto

Il 28 giugno è morto l'amico piu caro che avessi al mondo. 7 settimane fa. Lui ha assunto coca e ero insieme per endovena....Io solo eroina, non so specificare la quantità ma era la solita dose, quella di una volta ogni tanto. Entrambi andiamo al sert in cura di suboxone. Abbiamo assunto verso le 11 di sera e poi di nuovo alle 5 tornati a casa , lui ha anche bevuto parecchio. Siamo andati a dormire e la mattina successiva quando volevo svegliarlo l'ho trovato morto. Ci conoscevamo da17 anni ....
Non riuscivo a capire come fosse potuto succedere, adesso leggendo tra le vostre pagine ho capito che quando l' effetto della coca è scemato è subentrata l' overdose di eroina. Stava anche cercando di smettere il subxne ne prendeva meno di 1mg al di'.
Ecco di droga si muore..,.succede sempre agli altri ma è successo a me ed è un dolore immenso x ki resta. X me x sua madre x tutti gli amici.
Mai più non tocchero' più niente mai piu!
Basta una sola volta x morire e io devo vivere per me e x lui. Fare e godere di tutto quello che a lui non è più concesso...

Spero possa servire a qualcuno questa storia....

Un amica

Robin Williams, dietro il sorriso alcol, droga, depressione e sindrome bipolare

Chi non ha riso della sorpresa con cui guardava la realtà terrestre lo stralunato Mork che negli anni ’70 gli diede la popolarità televisiva? Chi non ha plaudito alla creatività di Daniel Hillard, che pur di star vicino ai propri figli non esitava a travestirsi da donna, vestendo i panni extralarge dell’irreprensibile Mrs. Doubtfire? Chi non si è appassionato agli insegnamenti del Professor Keaton dell'Attimo Fuggente?

Chi non ha riso della sorpresa con cui guardava la realtà terrestre lo stralunato Mork che negli anni ’70 gli diede la popolarità televisiva? Chi non ha plaudito alla creatività di Daniel Hillard, che pur di star vicino ai propri figli non esitava a travestirsi da donna, vestendo i panni extralarge dell’irreprensibile Mrs. Doubtfire? Chi non si è appassionato agli insegnamenti del Professor Keaton dell'Attimo Fuggente?

Chi non è rimasto commosso dalla sensibilità del chirurgo Patch Adams e dal naso da clown con cui faceva ridere i piccoli malati  che aveva in cura? Chi non ha provato comprensione, perfino affinità con il maggiordomo robot Andrew de L’Uomo Bicentenario, per la sua lotta nel diventare sempre più umano in una società che si faceva invece sempre più meccanica e automatizzata? Tutto questo è stato Robin Williams per chi lo seguiva sullo schermo, tutto questo e molto di più è stato per chi gli stava vicino e con lui condivideva non lo schermo, ma la vita. Una vita che, a dispetto dell’entusiasmo con cui affrontava il lavoro e le tante personalità che si trovava a interpretare, era invece ricca di aspetti oscuri.

Come l’abuso di droga e di alcol di cui fu vittima negli anni ’70 e ’80, abitudini da cui non riusciva a staccarsi. Finché nel 1982 il suo amico John Belushi morì per overdose allo Chateau Marmont e Williams, da poco padre, rinunciò agli eccessi, riuscendo a rimanere sobrio per circa vent’anni.

Ma nel 2003, mentre girava un film in Alaska, qualcosa scattò in lui: “Mi sentivo solo e avevo paura. A un certo punto, un pensiero si formò nella mia mente: bere. E basta”. Robin Williams ricadde nell’alcolismo, che gli costò il suo secondo matrimonio: “Mi vergogno moltissimo, ho fatto cose davvero disgustose ed è dura riprendersi”, confessò al quotidiano britannico The Guardian che lo intervistò nel 2009, quando si era nuovamente disintossicato (continuava a partecipare alle riunioni degli Alcolisti Anomimi) e aveva subito un delicato intervento al cuore.

Cocaina – il modo che Dio usa per dirti che stai facendo troppi soldi, disse una volta – e alcol, e più tardi un disordine bipolare, che lo ha portato al ricovero in rehab, all’Hazelden Addiction Treatment Center in Minnesota solo il mese scorso. Troppo tardi per i suoi demoni e per il più grande di essi: la depressione.

Non una congettura, ma la dichiarazione del suo portavoce: “Negli ultimi tempi, Robin Williams ha lottato contro una severa forma di depressione”, il male oscuro che spesso è legato a doppio filo all’abuso di alcol e stupefacenti. Secondo studi recenti, una vasta fetta di coloro che soffrono di depressione è, o è stata, alcolista. E il 90% di chi soffre di questa malattia finisce per togliersi la vita. Proprio come, secondo le prime indagini, avrebbe fatto Robin Williams.

it.cinema.yahoo.com/blog/multisala/robin-williams-dietro-il-sorriso-alcol-droga-depressione-085553417.html

Firenze, ore 12: sniffa coca in centro mentre passano i turisti. E per dieci euro la dose pronta sul display del telefonino

Capoluogo toscano capitale della coca. L'analisi dei residui di cocaina depositata nei collettori fognari lungo le rive dell'Arno ha scoperto che sotto  Ponte Vecchio scorre più droga che nel Tamigi a Londra: 250 mila dosi l'anno, 482.240 "sniffate". In pratica u  fiorentino su 100 "tira".

A Firenze tutte le notti sono bianche. Nella capitale italiana del consumo di cocaina si sniffano nove dosi e mezzo al giorno ogni mille abitanti: più che a Napoli (9), Roma (8.5), Milano (6.5 dosi). I risultati provengono dalle analisi delle acque reflue effettuate l'anno scorso dal dipartimento nazionale politiche antidroga e confermano il trend già fotografato alcuni anni fa dalla struttura di tossicologia forense dell'Università di Firenze, che analizzando i residui di cocaina depositata nei collettori fognari lungo le rive dell'Arno ha scoperto che sotto il Ponte Vecchio scorre più droga che nel Tamigi a Londra: 250 mila dosi l'anno, 482.240 "sniffate". In pratica, un fiorentino su 100 "tira". "Polvere bianca" di ogni qualità, per tutte le tasche. Adesso tra gli spacciatori al dettaglio, le "formiche", c'è persino chi si è inventato la figura del "cameriere ". E' il pusher "last minute", lo si incrocia di notte nelle viuzze della movida. Si presenta con una striscia di coca già stesa sullo schermo dello smartphone e te la offre per dieci euro. Una botta e via, fast-drug per sbandati ma anche per turisti, studenti, giovani.

 Stando alle più recenti indagini dell'antidroga un "pezzo", 1 grammo, costa attualmente tra i 40 e gli 80 euro. Il criminale albanese mandato dal suo gruppo a incontrare direttamente gli emissari dei cartelli colombiani in Spagna o Olanda, paga 40 mila euro un panetto da un chilo puro al 90%. Quando la droga, dopo esser stata tagliata, passa dai "cavalli " (i corrieri) alle "formiche", la purezza è precipitata al 10-15%. E quel chilo sono diventati almeno tre. Il margine di guadagno per i trafficanti, va da sé, è altissimo. E ogni business che rende bene richiede accortezza: ecco perché a Firenze per la coca non ci si ammazza. Anzi, ci si accorda per "spartirsi la torta ". Basti pensare che qualche tempo fa i finanzieri hanno scoperto che uno dei tre-quattro cartelli albanesi che si spartisce il mercato della coca in città, essendo stato "colpito" da un sequestro dei militari ha chiesto aiuto a un cartello "concorrente" per poter rifornire i propri clienti in attesa dei nuovi carichi. Richiesta accolta perché domani, hanno ragionato i trafficanti, potrebbe accadere l'inverso.
Anche le cifre fornite dalle forze dell'ordine confermano la tendenza all'aumento dei consumi. L'anno scorso la guardia di finanza di Firenze ha sequestrato 54 chili di "bianca", arrestato 27 pusher e segnalato in prefettura 210 consumatori. Quest'anno, ad oggi, ha già arrestato 31 spacciatori, sequestrato 47 chili e segnalato 133 persone. Nel 2013 a Firenze sono stati sequestrati in tutto circa 70 chili di coca. La Toscana, capoluogo in testa, è anche la prima regione d'Italia per numero di tossicodipendenti che si rivolgono ai centri specializzati per cercare di smettere. Sono 70 ogni 1.000 abitanti, e sono sempre più giovani: l'età media della prima "striscia" è scesa infatti a 14-5 anni. Calo vertiginoso dei prezzi ed estrema facilità di reperimento: questi i principali motivi che spiegano l'invasione bianca. Un'invasione contro cui si sta muovendo anche la Procura con una recente inchiesta su cui vige, per ovvie ragioni, il massimo riserbo

firenze.repubblica.it/cronaca/2014/08/09/news/firenze_per_dieci_euro_la_dose_pronta_sul_display_del_telefonino-93440839/#gallery-slider=93440780

 

"Fu un omicidio volontario". Nuova inchiesta sul caso Pantani. I pm: "Non è stata overdose"

 Pantani è stato ammazzato". Dieci anni dopo la sua morte, l'ultimo capitolo del romanzo triste solitario e finale di uno dei più grandi campioni di sempre deve essere riscritto. Per intero. La procura di Rimini ha riaperto il caso, e stavolta l'ipotesi investigativa, messa nero su bianco dal procuratore Paolo Giovagnoli, non è più quella, originale, di "morte come conseguenza accidentale di overdose", ma quella ben più scabrosa di "omicidio volontario". 

Il fascicolo è stato affidato al pm Elisa Milocco ed è coperto, comprensibilmente, dal segreto più assoluto. Di quell'incartamento nei corridoi roventi della procura, si sa solo che è stato iscritto nel registro delle notizie di reato, e che non ci sono persone indagate, ma è presumibile che molto presto ce ne saranno. Scavando un po', si riesce a scoprire anche un altro dettaglio decisivo per comprendere i contorni di una notizia che riscrive un pezzo della storia dello sport italiano, e cioè che tutto origina dalle indagini difensive di cui Tonina Pantani, la mamma di Marco, ha incaricato, quasi un anno fa, l'avvocato Antonio De Rensis. "Sono certa che mio figlio sia stato ucciso", ha sempre ripetuto la donna, ma le sue dichiarazioni sono state viste come sfoghi.

Che più di qualcosa non fosse andato proprio come avevano ricostruito polizia e procura nelle indagini ufficiali, lo si è sempre detto e, soprattutto, scritto. Libri, interviste e inchieste giornalistiche, nel tempo, hanno messo in fila circostanze, fatti e dettagli in contraddizione tra di loro, se non letteralmente privi di senso. Ed è proprio partendo da quei dettagli che le indagini difensive sono ripartite per arrivare poi, dopo mesi di lavoro, sentiti i testimoni e interpellati i professionisti, a una conclusione ritenuta "oggettivamente molto più plausibile" di quella sino ad oggi ufficiale. Quella, appunto, che la procura ha qualificato nell'ipotesi di omicidio.


La pietra angolare di questo lavoro, l'elemento che ha persuaso definitivamente il procuratore Giovagnoli a partire con la nuova inchiesta, è la perizia medico legale eseguita per conto della famiglia Pantani dal professor Francesco Maria Avato, che alla fine del proprio lavoro conclude: "Le ferite sul corpo di Marco Pantani non sono auto procurate, ma opera di terzi". No, non erano gli sfoghi di una mamma, né le illazioni dei soliti giornali.

Pantani venne ritrovato la notte di San Valentino del 2004, intorno alle 22, all'interno della stanza D5 del residence Le Rose, di Rimini, a due passi dal mare. Le eco delle gesta sportive del Pirata erano già scemate da tempo, dopo lo scandalo doping a Madonna di Campiglio ‘99, il ritorno e l'uscita di scena al Giro del 2003. La polizia entrò nella camera e lo trovò lì, derelitto e rigido, col volto immerso nel sangue. Da subito non ebbe dubbi. Era overdose. La stanza si presentava come se fosse stata travolta da un uragano. In giro molta,
eloquente, cocaina. Le indagini furono veloci, 55 giorni. Un record.

Alla fine tutto, secondo la polizia e la procura, era chiaro: Pantani era arrivato a Rimini la sera del 10 febbraio. Da solo, in taxi, da Milano. Aveva pagato in contanti. Non aveva bagagli, solo una sporta di plastica e un borsello con dentro i soldi. Si era fatto lasciare davanti alla casa dei suoi spacciatori. Aveva citofonato ma non li aveva trovati. Aveva dunque lasciato detto che li avrebbe aspettati nel residence lì di fronte. Aveva preso una camera (per una notte) e lì era invece rimasto per i successivi quattro giorni. Uscendo una sola volta per tornare dai pusher che gli avevano venduto 20 grammi di cocaina. Per il resto era rimasto lì dentro, da solo, e nessuno, aveva giurato il portiere, era entrato o uscito di lì. Il 14 febbraio per due volte Pantani aveva chiamato la portineria chiedendo l'intervento dei carabinieri per «alcune minacce». Ma si trattava del delirio di un uomo in crisi di astinenza, in stanza non era salito nessuno. 

 
Poi, l'ultima fatale dose. Prima che dalle indagini difensive, l'inchiesta è stata smontata dalla Cassazione che nel 2011 ha assolto l'unico imputato rimasto nel processo nato da quella morte, uno dei tre spacciatori (gli altri due avevano patteggiato subito), perché il fatto — 'morte come conseguenza di altro delitto' — non sussiste. Ora, le nuove indagini. Al tempo del conferimento dell'incarico, l'avvocato De Rensis aveva anticipato i contenuti delle sue scoperte: "Vedendo i video girati durante le indagini si capisce subito che si è indagato in un'unica direzione, sin dall'inizio, e che sono stati considerati solo gli elementi che corroboravano la tesi dell'overdose e trascurati gli altri". Oggi emerge una serie incredibile di errori: le indagini lampo, l'autopsia sbagliata, i rilievi male eseguiti, e poi ingenuità e illogicità ovunque. Nel mirino finiscono insomma gli inquirenti, colpevoli di aver indirizzato altrove le indagini. Indagini che adesso, dieci anni dopo, ripartono da tre domande: chi ha ucciso Marco Pantani? Perché? E, soprattutto, chi ha coperto la verità?
 
La Repubblica

Milano, parroco arrestato a un droga-party: è accusato anche di spaccio di cocaina

Un parroco di un paese vicino a Stresa, località sul Lago Maggiore in provincia di Verbania, è stato arrestato nei giorni scorsi a Milano in flagranza di reato per spaccio e detenzione di cocaina. Il sacerdote, 45 anni e originario di Monza, che ha confessato, si trovava a un 'coca-party' a casa di amici.

Don Stefano Maria Cavalletti, parroco a Carciano di Stresa, in provincia di Verbania, è stato arrestato. Lo rende noto la Diocesi di Novara, di cui il prete fa parte, «in attesa di conoscere le motivazioni che hanno reso necessario il grave provvedimento a carico del sacerdote».

Secondo la ricostruzione della polizia e del pm milanese Cristiana Roveda, di turno quel giorno, il sacerdote si trovava a casa di conoscenti in Piazza Anghilberto a Milano. Durante la serata in cui si è fatto uso di cocaina, uno degli invitati, sotto gli effetti della droga, si è sentito male al punto da dare in escandescenza. I vicini, allarmati per il gran rumore e le urla, attorno alle 23, hanno così chiamato il 113. Gli agenti della volante entrati nell'appartamento hanno trovato gran parte della polvere bianca nel wc e altre tracce sparse per casa.

Inoltre nel gabinetto hanno rinvenuto il passaporto del sacerdote, poi arrestato, fatto a pezzi. Secondo la ricostruzione di inquirenti e investigatori il parroco, che poi ha ammesso, così come gli altri ospiti sentiti come testimoni, avrebbe tentato di sbarazzarsi della 'polvere bianca' e, temendo di essere identificato, anche del documento di identità. Il pm Roveda ha quindi chiesto la convalida dell'arresto al gip Paolo Guidi che ha disposto il carcere.

Don Stefano Cavalletti, interrogato, ha spiegato di aver cominciato ad assumere droga come forma di «autoterapia» in quanto perchè depresso per via dei suoi guai con la giustizia: nel settembre del 2013 è stato condannato per una truffa nei confronti di un'anziana signora che aveva convinto, grazie alla tonaca che indossava, a versare, tramite bonifico, 22 mila euro sul suo conto corrente.

Il prete mancava dalla parrocchia da domenica scorsa, quando non ha celebrato Messa. Un anno fa era già stato condannato in primo grado per truffa dal tribunale di Verbania per una vicenda legata ad una eredità. L'inchiesta che ha portato al suo arresto, secondo quanto appreso, è coordinata dalla procura di Milano. La diocesi di Novara, si legge ancora nel comunicato, affida don Stefano «nella preghiera al Signore e attende che si faccia chiarezza sull'accaduto».

Italia. Identificato tetramisolo in numerosi nuovi sequestri di cocaina

Il Sistema Nazionale di Allerta Precoce ha ricevuto numerose segnalazioni relative a cocaina tagliata con tetramisolo/levamisolo a Lucca e in Lombardia.

 

Johnny Depp, scarcerato il trafficante di droga interpretato in Blow

Johnny Depp e Carl JungJohnny Depp e Carl JungGeorge Jung, uno dei più noti trafficanti di droga del secolo scorso, è tornato in libertà dopo 20 anni di reclusione in un carcere del New Jersey, negli Stati Uniti. Il rilascio è avvenuto con qualche mese di anticipo rispetto alla data fissata in precedenza dal giudice. Dopo oltre 2 decenni al vertice mondiale dello smercio di cocaina, nel 1994 Jung venne pizzicato dalla polizia con poco meno di 800 tonnellate di polvere bianca: da allora ha trascorso le sue giornate in attesa dell'ora d'aria. Almeno fino a poche ore fa.

Per avere un'idea del volume d'affari generato da Boston George - come veniva soprannominato -, è sufficiente ricordare la posizione dominante nel contrabbando di sostanze stupefacenti dell’organizzazione messa in piedi da Jung, responsabile dell'85% della cocaina circolante in America fra gli anni ’70 e ’80.

La carriera criminale dell'ex boss è stata immortalata sul grande schermo in Blow, film del 2001 con Johnny Depp nei panni del protagonista. Scritta e diretta da Ted Demme, la pellicola si era avvalsa del fascino di Penelope Cruz per il ruolo della compagna di Jung, Mirtha. Il progetto però naufragò di fronte all'indifferenza del pubblico e Blow - termine colloquiale per indicare la cocaina - si rivelò un flop, tanto che la diva spagnola, nonché futuro Premio Oscar, si ritrovò inserita nelle nomination per la Peggior attrice dell'anno dei Razzie Awards.

Nonostante il risultato deludente ottenuto al botteghino, Depp, il cui incontro in carcere con Jung è documentato da una foto, confermò di essere uno degli attori più camaleontici della propria generazione, immedesimandosi alla perfezione nel ruolo di un trafficante di droga con un debole per le donne e la bella vita.

Curiosamente, proprio in questi giorni, il fidanzato di Amber Heard è impegnato ad interpretare Whitey Bulger, un altro "grande" della malavita americana degli ultimi 50 anni. Per quest'ultimo le speranze di ritornare in libertà sono prossime allo zero: ad 84 anni e con 2 ergastoli sul groppone, Bulger rischia seriamente di finire i suoi giorni dietro le sbarre. La consolazione? Sapere che la sua storia verrà "raccontata" da Johnny Depp: chi l'ha detto che il crimine non paga?

it.cinema.yahoo.com/blog/multisala/johnny-depp-george-jung-blow-141058141.html

Condividi contenuti