Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 26409 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Type the characters you see in this picture. (verifica con audio)
Inserisci il testo che vedi nell'immagine qui sopra. Se non riesci a leggerli, invia il modulo e una nuova immagine sarà generata. È indifferente a maiuscole e minuscole.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.
Mostra: tutti i tipi | articoli | esperienze | siti segnalati | immagini | videoOrdina per: data | punteggio

L’alcool etilico o etanolo è il risultato della fermentazione di zuccheri semplici, o di altri procedimenti chimici (distillazione). Ogni bevanda alcolica ha una sua gradazione (cioè percentuale d’alcool) diversa che per legge deve essere indicata sul contenitore.

Alcolici e superalcolici sono consumati frequentemente da giovani e adulti; sono legali e per questo nell’immaginario collettivo non vengono considerati come “droghe”. In realtà, l’alcool è una sostanza che agisce sul Sistema Nervoso Centrale.

Le bevande alcoliche sono usate per disinibirsi, superare gli imbarazzi, sentirsi più carichi, avere più coraggio con l’altro sesso, divertirsi con gli amici.

L’effetto dipende dalla quantità di alcolici assunti, dalla loro gradazione e dalla capacità di...

La viticoltura appare nelle montagne tra il mar Nero e il mar Caspio (attuale Armenia) intorno al 6000 avanti Cristo. La produzione di birra emerge invece tra i sumeri intorno al 3000 avanti Cristo. Il primo report scritto sugli alcolici è una tavoletta cuneiforme risalente al 2200 avanti cristo. Intorno al 1500 avanti Cristo si hanno le prime produzioni di vino nella zona dell'Egeo. Seicento anni più tardi, intorno al 900 avanti Cristo, gli assiri producono già vino su larga scala. Il vino si diffonde in mesopotamia ed Europa mediterranea.

Dioniso di...

L’alcol è la sostanza psicotropa maggiormente diffusa nel nostro paese. In particolare l’uso di vino durante i pasti è retaggio di una antica tradizione culturale, legata anche alla cultura cattolica nella quale il vino assume un’importanza evidente.

Ad utilizzare l’alcol almeno una volta l’anno è oltre il 70%* della popolazione, ovvero oltre 36 milioni di persone. La differenza di genere è particolarmente forte, poiché a consumare alcol sono l’82% dei maschi e il 59% delle donne. Ad essere correlato con l...

Novità alcol, Esperienza

da ieri.........

Sono elisabetta, ho 40 anni e famiglia.

Ieri Vi ho incontrato, ieri ho smesso di bere.

Anche se mi limitavo a una pinta al giorno. ho smesso di drogarmi  13 anni fa, ho smesso di fumare sigarette, ora voglio smettere di avere l'alito puzzolente e lo sguardo vitreo.

Oggi è il secondo giorno....  :-)

 

Ragazzi, troppo eccessivo!?

Ciao ragazzi, ho 17 anni, da un pò di tempo a questa parte sto cercando di valutare se il mio uso di stupefacenti, potrebbe essere troppo eccessivo.Nelle feste di solito prendo MD, circa 05/6 poi i giorni dopo mi ripiglio abbastanza bene, cerco di bere massimo un drink. A volte capito che prendo acidi, ma non frequentemente, massimo un cartoncino( la dose varia anche  dal tipo di trip). In casa con amici a volte prendiamo Ketamina ma nulla di eccessivo. Fumo quotidianamente marijuana o hash, e l'estate scorsa, per avere un sonno tranquillo, ho avuto problemini con i farmaci.. antipsicotici più che altro, visto che mi stabilizzavano l'umore. Sono una persona sensibile, cerco di fare una vita serena e tranquilla, senza portarmi appresso troppe preoccupazioni pensate che l'uso di queste sostanze potrebbe farsi sentire più avanti? Io ora mi trovo bene con me stesso, e non sento danni fisici o mentali.. su queste cose lascio scorre proprio, non ci penso nemmeno.. che ne pensate?

quesito

Vorrei un consiglio... Serata con amici il mio lui esagera con il bere.. Fondamentalmente è una persona buonissima.. Ma per la prima volta non l ho riconosciuto, si era arrabbiato perche mi ero allontanata con delle amiche e lui voleva andare a casa, ma a me non aveva detto niente, torno in macchina e mentre scendevo mi sbatte la testa sulla macchina in modo abbastanza violento, poi tocca alla ragazza che guidava la insulta e le da una spinta, neanche la conosceva. Che imbarazzo. Perche si è comportato cosi? Non lo aveva mai fatto.. Ci capita di bere un po con gli amici ma questa volta mi ha fatto paura, con quella cattiveria verso me che dice di a marmi.. Lui non si ricorda, è pentito e si vergogna, devo scusarlo perche non era in se o secondo voi è uscito il suo vero carattere??? Grazie in anticipo..mi passano troppe cose per la testa.. Avrei bisogno di un consiglio.. Grazie di nuovo

Consiglio alcol

Tanti anni fa ho smesso di fumare sigarette dopo aver fumato per 10 anni (ho ciminciato a 15 e adesso ne ho 35); dopo qualche anno ho cominciato a fumare seriamente e sempre di più erba e fumo... solo canne, niente più sigarette. Di recente ho smesso anche con quelle perché ero arrivato a fumare *parecchi* grammi al mese... decisamente troppi. Era una dietro l'altra per sentire un effetto che ormai non sentivo neanche più, e spesso usavo anche alcol per potenziare l'effetto. Fumavo perché mi dava grande capacità di analisi e introspezione. Cose che comunque adesso mi mancano e non avrò più a quel livello, ma accetto il compromesso. Sono solo due settimane ma sto resistendo bene.Ora resta da liberarsi dell'alcol, vedremo come andrà. Non bevo sempre ma lo faccio in modo sistematico e questo credo sia il vero problema... tra l'altro ieri ho fatto un aperitivo pesante e in più sono uscito a cena, non racconto come sono tornato e com'ero oggi... Guidavo e mi sono sentito un delinquente, mi hanno anche fermato e per fortuna non avevano etilometro. Voglio solo dire di fare attenzione all'alcol, è subdolo, non te ne accorgi ma in un modo o in un altro te lo trovi tra i c*glioni anche quando non vuoi, in più porta a fare cose che non vorresti e a prendere con leggerezza cose che leggere non sono.Il problema è che se esci è praticamente impossibile non bere, perché è cosa socialmente accettata e anche se parti con la migliore intenzione di bere poco è effettivamente difficile farlo, visto che se sei al pub con gli amici non puoi ordinare acqua e limone tutta sera.Non so, spero di riuscire a togliermi anche questa m*rda di dosso perché il solo fatto di pensarci così mi dimostra che mi va stretta... e il fatto stesso di darmi del deficiente quando mi riduco in certi stati ma non riuscire ad evitarlo mi fa capire che ne sono dipendente. Il problema non è nel bere qualche volta, è nel non riuscire a controllare l'eccesso le volte che bevo, è spaventoso. A casa ho smesso di comperare alcolici e tampono a tisane, camomille e the... ma quando esco con certi amici è praticamente inevitabile non tornare ubriachi. Non ho molti amici e non esco spesso, quindi non posso ulteriormente limitare le uscite o cambiare gente.Spero di riuscire a gestire meglio la faccenda, se qualcuno ha consigli sono in ascolto... il mio obiettivo non è non bere mai più, sarebbe piuttosto quello di bere con moderazione.

UNA VITA DI DIPENDENZE

...

ex tossico.

Ciao sono rudi da venezia e sono un ex tossicomane.Ho appena finito Di leggere per la prima volta su questo sito,che trovo molto interessante.la.mia storia inizia molto giovane non accettando le regole e i paletti che tutti mettono e vogliono, in maniera da risultare il bravo bambino o adolescente che la fam. o società vogliono,ma io avevo bisogno di altre risposte,cercavo qualche risposta al di là di quello che vedevo e sentivo e le istituzioni mi andavano strette perché non cera coerenza.Da li cerca e cerca è arrivata la droga..Ringrazio Dio che non ho mai toccato il metadone.ora oggi dopo aver fatto comunità e 16 anni che non tocco piu niente e impegnato a dare una mano a chi come me ha questi problemi,posso dire a tutti voi cari amici e a voi medici ,non toccate mai il metano che vi ritroverete in un abisso ancora più profondo e sconvolge ancora di più la psiche,è un modo di non toccare mai il fondo e se non tocchi il fondo non arriverai mai a prendere quella decisione di uscirne,anche perché a qualcuno magari va anche bene tenerci li  e che la società così non vede e tutti stanno tranquilli senza pensare alla misera vita che noi stiamo per forza conducendo.Eroina 5,,6 gg e ce la fai metano e 4o,,50 gg e depressione a go go

Mi sono drogato per più di 16 anni e per molti non cera più speranza!!!!!

È possibile uscirne e tutti ce. la possiamo fare,l`importante e non trovare qualcuno che si accontenti che siamo dei vermi,o miserabili ma che cerchino insieme a noi ad essera delle persone vere,perche abbiamo una marcia in più,che messa nel bene,diventiamo quella pietra scartata dai costruttori divenuta testata d`angolo,portante,per la società e le nostre famiglie e di esempio per tutti quelli che hanno ancora questo poblema...

SONO USCITO::::

Buonasera gente..

come Voi... ho esagerato negli anni precedenti... dal lontano 1987 anno in cui ho incominciato a fumare le canne...

Negli anni successivi sempre da studente la discoteca mi ha rovinato l'esistenza in tutti i sensi... ho incominciato con le prime "paste".. minkia ke botta..... andavo a ballare da ragazzino... splendido... cioe' tutto era cosi' brillante... io anche tutto vestito Versus di Versace, all'epoca andava forte... con i miei stivaletti  con le stellette di paciotti che costavano uno stipendio..  insomma ero un ballerino.... drogatissimo fighissimo "nella mia testa"... negli anni pero' anche se tutto questo nn cambiava, non mi rendevo conto di tutta la schifezza intorno che mi ero creato..... tutto era legata allo sballo...

La bellezza... se ne andata a fottere... gli amici anche... dal sabato sera, si e' incominciato tutte le feste ... anche magari le piu' stupide a "calare"... da 1 pillola, ero arrivato  a prendere anche 4 o 8 extasi per notte.... inotte.. che diventava giorno.. e le mattinate a smaltire nelle case a fare after hour..... pazzesco se ci penso adesso...

Non disdegno come non sputo nel piatto dove mangio... ma tutto questo mi ha costretto poi a vivere male.. e frequentare gente di merda... gente che ala fine mi ha portato dritto in galera... ho avuto una bella condanna.... Bello fare lo splendido..... avevo un bel lavoro nel Palazzo di giustizia... e li la polizia.. mi ha incominciato a sgamare... sapevano tutte le mie frequentazioni. ed io più stupido mi facevo la storia con una ex di un polizziotto...

Da li.. sono nati tutti  problemi poi... La D.I.A  aveva un mio faldone pieno di intercettazioni telefoniche che avevo con tutti pusher della zona e provincia... dal fumo... alla coca ed extasi..mi hanno messo in un maxi processo con 30 persone che neanche conoscevo .. insomma... mi hanno segato le gambe. Hanno fatto bene.

Solo adesso penso alla positività di tutto quello che mi e' successo... Certo il lavoro l'ho perso.. ma ho trovato un cazzo di equilibrio... a parte le canne che devo smettere solo per il rinnovo della patente... ma per tutto il resto penso  che sia stato meglio cosi'.

Penso che certe droghe siano belle... ma bisogna saperle usare e non abusare... l'abuso come il mio.. e' stato punito.

Adesso ho 37 anni...  e fidatevi.. gli anni piu' belli non li avro' mai piu'.

Pace, Mauro

 

ATTENZIONE

 

ATTENZIONE A QUESTO SITO CON QUESTI "PSEUDO" ESPERTI CHE NON HANNO NESSUNA ESPERIENZA NELL'AMBITO GIUDIZIARIO E LEGALE.. MI RACCOMANDO SE VI E' SUCCESO QUALCHE INCIDENTE O QUALCHE PROBLEMA LEGATO ALLA PATENTE FATEVI CONSIGLIARE DA GENTE ESPERTA AVVOCATI O AUTORITA' GIUDIZIARIE PERCHE' SE CREDETE ALLE FANDONIE CHE DICONO RISCHIATE DI STARE MALE PER NULLA FATELO GIRARE GRAZIE

la mia esperienza nel mondo delle droghe

Ciao a tutti sono Francesco ho 28 anni e sono di Cagliari.A13anni ho iniziato con le canne a 14 con cocaina ed exstasy poi anfetamine e ketamina.Mi son piaciute molto ed ho iniziato a farne uso sempre piu spesso.La coca da una volta al mese sono arrivato a tutte le ore della giornata.All’inizio la sniffavo poi la fumavo come krack o free base che è molto più potente.Nn mi bastavano i soldi e sono arrivato a spacciarla.Ho esagerato e in tre giorni ne ho fatto 100 grammi.Sono stato male ed ho avuto un intossicazione, avevo manie di persecuzione, paranoie varie e allucinazioni.Da li ho deciso di smettere.Sono rimasto 8 mesi pulito e poi nn ce la facevo più e ho deciso di partire a Brescia.Ho provato l'eroina e me ne sono innamorato.A Brescia convivevo con la mia ragazza e ci facevamo insieme.All'inizio la fumata e poi tirata( io me la sarò iniettata 5volte )nn non ho mai esagerato al massimo 2.5 grammi al giorno.All inizio ogni tanto poi tutti i giorni.Io per stare bene appena mi alzavo dovevo farmi una striscia.Questo e durato 5 anni dopo per uscirne abbiamo deciso di trasferirci al paese della mia ragazza a Salerno.Prendevo metadone anche a Brescia ma solo 20 e sniffavo sopra.A Salerno ho iniziato con60 poi sono passato a 100.Nn usavo più niente e stavo benissimo.Mi chiamano a Brescia per lavoro e iniziai a stare male.Paranoie depressione e inizia a curare con psicofarmaci 30gocce di tavor 2 volte al giorno e arrivai a 200 in poco tempo.Tentai il suicidio con 5 boccette di tavor e rivotril mi spaventai e chiamai l'ambulanza.Lavanda gastrica e stavo bene.Mi chiamò la mia ex e le dissi tutto.Lei chiamò mio padre e mi venne a prendere per portarmi a Cagliari.Devo dire che gia a Brescia mi erano incominciate delle brutte crisi psicotiche strane.A Cagliari tentai il suicidio mi stavo x buttare dalla finestra mi salvò mio padre con mia mamma e mia sorella.Mi ricoverarono in psichiatria per 10 giorni e m’iniziarono a somministrare molti farmaci.Mio padre mi disse se volevo provare la comunità era la mia unica speranza e andai.Ero un vegetale prendevo decine di psicofarmaci.Per umore ansia sonno depressione e crisi psicotiche.Le crisi non passavano le avevo spesso.Comunque dopo un anno stavo meglio anche pur avendo queste crisi ma più leggere.Ho fatto 2 anni di comunità e sono uscito 7mesi fa.Ho lavorato fin da subito alle poste.ora ho ancora le crisi ma non un giorno sì e uno no ma ogni 30giorni e molto più leggere.Ero 3anni senza toccare droghe e la settimana scorsa ho deciso di prendermi una busta di robba.me la sono tirata.avevo anche deciso di farne uso ogni 3 /4mesi ma ho capito che non riuscirei e arriverei ad usarne come prima.Quindi ho deciso di non usare più.ho paura ma devo riuscirci.questa e la mia storia faccio un in bocca al lupo a chi vuole smettere.un saluto a tutti

IL MIO RAGAZZO E LA marijuana

Avrei bisogno di avere delle informazioni, perchè sono inesperta in questo campo, ringrazio in anticipo per le vostre risposte.

Il mio ragazzo ha 19 anni e cinque mesi fà è stato sorpreso in possesso di 5,1 grammi di  hashish e due canne , non era solo si trovava in macchina con due ragazze patentate e un amico minorenne. Solo ora dopo appunto cinque mesi il caso è stato riaperto. I carabinieri sono passati ieri a casa di una di queste ragazze e presumo passerano anche dagli altri prossimamente.Ora io mi chiedo Questo è spaccio ? Cosa rischiano ? considerando che lui ha già avuto 3 casi di precedenti simili.

Mi scuso per la mia "ignoranza " ma io avendo diciassette anni ed essendo sempre stata poco coinvolta in queste situazione non sò quali possano essere le conseguenze. grazie per le risposte.

alcol, cocaina, eroina...aiuto!

Ciao,

piacere,

mi chiamo Nicoletta e ho 23 anni.

non so esattamente da che parte cominciare,

in prima cosa vedo che voi site in toscana se non sbaglio, io sono lombarda, ma ho un disperato bisogno di aiuto, e non so a chi rivolgermi, vedo che qui sul vostro sito ci sono molte discussioni, quindi tento di sfogarmi qui in forma scritta, sperando che dalla vostra risposta possa io trarne consigli utili.

se avete altri indirizzi, numeri ec. da consigliarmi sono tutta orecchi.

una mia carissima amica, che chiamerò M. ha iniziato a assumere sostanze stupefacenti, ha sempre abusato di alcolici, ma inizialmente solo in casi particolari.

io sono partita per un anno all'estero, la sua migliore amica si è trasferita a Roma, ha litigato con una cara amica comune alla quale si era legata come ad una sorella (la rottura del rapporto è stata data dal fatto che M. si è scopata nei bagni pubblici del bar in cui erano, il moroso di questa amica comune).

il mio ragazzo, che presto sarà mio marito, per sfuggire probabilmente dalla mia lontananza e per questioni economiche ha raddoppiato i turni al lavoro avendo ben poco tempo da passare con questa amica.

la famiglia di quest'ultima, l'ha sempre viziata, dandogli tutto quello che voleva e crescendola nella bambagia fino ad adesso, e soprattutto non lasciandola mai crescere e diventare dipendente. (M. ha 31 anni! Non 17!!!)

sin dai primi mesi dalla mia partenza, il mio ragazzo mi aggiornava di quanto accadeva.

La famiglia le ha comprato una casa dove voleva lei, e l'ha arredata a spese famigliari, come voleva M.

a casa completata dopo poche settimane M. si è portata un tossico compreso di cane, che aveva conosciuto la sera stessa, in casa, lei che ha un ottimo lavoro, la mattina partiva presto lasciandolo a casa con chiavi e tutto.

Se lo è tenuto in casa un paio di settimane. (non so se con la cocaina ha iniziato con lui)

poi lo ha buttato fuori.

Una sera tornando a casa ubriaca fradicia dopo una serata in un centro sociale, è andata dritta in una rotonda.

Lei non si è fatta niente, la macchina è distrutta, un passante ha chiamato la polizia.

Le hanno ritirato la patente per un anno, conclusione sta in quella casa un mese, poi dice che è troppo lontana dal suo lavoro, e stava morendo a dipendere dai trasporti pubblici, quindi, i suoi le affittano a una casa in centro città vicino al suo lavoro.

Comincia a frequentare cani e porci che si porta in casa, si crea una nuova super-amica, G. che è semplicemente una 21enne con la macchina che la può portare in giro a far la festa, che fuma mariwana. Lo dice M. stessa, che l'amicizia con G. è solo per divertirsi.

Alla quantità esagerata di alcol si aggiunge quindi l'utilizzo di mariwana, 10 € al giorno.

La cosa contina per qualche mese, poi G. trova il morosino, e dedica sempre meno tempo a M. che comincia a frequentare gente sempre peggio, lascia la mariwana e passa alla cocaina, inizialmente solo nei week end, poi tutti i giorni, sempre in dosaggi maggiori.

Passano qualche mese.

I raporti con tutti i vecchi amici piano piano si allentano.

Con la sua migliore amica che sentiva anche 2-3 volte a giorno, diventano sporadiche anche ogni 2-3 settimane. Idem con il mio moroso.

Io torno.

Per il primo mese da tornata, avendo altri e diffusi problemi personali che non sto qui a esporre, la evito.

Un giorno ci incontriamo per caso.

Cominciano le prime scenette di richiesta di aiuto, scenette già iniziate in precedenza sia con il mio moroso che con gli altri amici.

Mi tiro su le maniche e cerco di fare quanto possibile, un giorno, purtroppo solo ubriaca, chiama sua madre in piena notte, 3-4 volte, per conversazioni futili...lei con marito prende la macchina e comincia a cercarla tra i vicoli della città.

La trovano e la portano all'ospedale, dove 12 ore di attesa la buttano fuori come nulla fosse. M. chiude pressoche definitivamente i rapporti con i genitori, che restano solo contatti telefonici, con toni di voce sopra la norma, insulti e richieste di soldi.

 

Il padre tiene botta, la madre crolla, al momento è più a letto che altro, sotto tranquillanti e sonniferi.

Da una quindicina di giorni mi inizia con l'eroina, G. si rifiuta di entrare in casa sua, e i rapporti si sfaldano sempre più. M. comincia ad usare una quantità di sostanze che neanche i tossicodipendenti da più di 10 anni riescono a sostenere.

Il tutto combinato, alcol, cocaina e eroina.

Cominciano super crisi fisiche, problemi respiratori, tosse dolori intercostali e a tutto il corpo e prurito.

Lei abita in un monolocale di 35 mq in cui potevano stare anche in 8 a dormire.

Ventilatore sempre sparato addosso, sudore, sporcizia, animali (lei a 2 gatte più una media di 4-5 cani).

Casa sua diventa luogo di spaccio e contrabbando.

Venerdì mattina chiama suo padre e gli chiede di buttare fuori tutti da casa sua( lei non ha polso e non sa dire di NO da sempre ne tanto meno prendersi una qualsiasi responsabilità).

Suo padre coglie l'occasione, butta fuori il solo tipo che in quel momento è in casa, e non essendoci le chiavi, cambia serratura.

Le chiavi ovviamente le tiene lui.

Lei mi chiama disperata, chiede di venire da me per un po', (non è la prima volta, ma di solito non regge più di una notte...) , noi abbiamo una casa molto grande quindi non è certo un problema, accetto senza tante speranze.

Venerdì io avevo una cena con amici, ha pianto e strillato anche davanti a loro, chiamando il padre e facendo i soliti discorsi con insulti ec. Spazientita le strappo il telefono di mano e me ne vado.

A serata conclusa, fa un'altra scenata, io le dico che se vuole può andarsene che nessuno la trattiene o l'ha invitata.

Il mio moroso la calma, va a letto.

Solito respiro affannoso, mugugni tosse e gridolini di dolore.

Si sveglia verso mezzogiorno con l'unico pensiero di farsi una dose e che ha bisogno del suo telefono.

Io la ignoro, le do da mangiare, le porto coperte e maglioni quando a freddo e bicchieri di acqua o succhi quando a sete, fa scenate che ha bisogno delle sue cose che sono a casa, chiamo suo padre, il quale mi prepara dei borsoni e me li porta a casa con un quintale di cose, di cui la metà non sue ma di gente che gliele aveva lasciate a casa.

 

Viene anche la sua migliore mica a casa mia a darmi man forte qualche ora.

La quale mi convince almeno ad accendere il telefono di M.

Le accendo il telefono.

Niente messaggi o chiamate perse.

La cosa la fa incazzare con tutta la combriccola di tossici, va a lavarsi e truccarsi e si rimette a dormire.

Si mette d'accordo con G. per fare serata insieme.

Nel frattempo un eroinomane mi chiama e mi chiede della sua roba, di cui il caricabatterie del telefono e le lenti a contatto visto che gli manca 2.5.

ci diamo appuntamento ad un blokbaster che c'è li in zona.

Io lascio la mia amica in casa.

L'eroinomane arriva con un ritardo di 40 minuti.

Nel frattempo G. va a prendere M. a casa mia, ma deve passare da me perchè io le dia qualche soldo per la serata.

Guarda caso, sfiga vuole che G. e l'eroinomane arrivano insieme, M. scappa dalla macchina e corre da lui, gli da un appuntamento per lunedì, gli chiede di salvarla, di portarla via, di ospitarla da lui.

Quando riusciamo a dividerli e G. porta via M. io torno a casa.

Verso le 4am me la riportano a casa, G. le ha fatto prendere 6 strisce di cocaina, perchè dice che non si può smettere di punto in bianco, ed è meglio la cocaina dell'eroina.

Ormai però alcol e cocaina insieme però non le fanno nessun effetto.

A casa, lucida mi dice che non doveva scappare dalla macchina, che è tutta colpa sua, che mi sta uccidendo, che non è giusto, che vuole morire che se non la fermiamo lunedì lei va dall'eroinomane perchè non riesce a fare a meno, che G. l'ha imbottita di cocaina ma che lei non vuole uscire da una dipendenza per entrare in un altra, che deve andare in comunità e non distruggere me e altri mille discorsi sensati.

Io in tutto questo non ho mai parlato.

Mi chiede di andare a letto.

Comincia con il solito respiro affannoso grida di dolore, sbuffi, colpi di tosse e un assillante “lasciami stare, vai via” sussurrato per 2 ore. Io ho mandato a dormire in un altra stanza il mio moroso che stamani era al lavoro.

Si è addormentata verso le 8am.

Verso mezzogiorno si è alzata, dice che le scoppia la testa, le ho dato una nimesulide, è tornata a letto.

Questo è quanto.

 

Non so con chi parlare, a chi rivolgermi, cosa fare...

Io ho chiamato mille numeri, il SERT ec. Ma oggi essendo domenica è tutto chiuso.

Le ha questi momenti di ripresa soprattutto nel week-end...uno non può star male la domenica?

Io non so quando si alzerà definitivamente cosa farà, fino a ieri sosteneva che lei può uscirne da sola non ha bisogno di comunità perchè è da poco...

quindi dubito che accetti di andare a farsi aiutare da esperti...

io non so cosa fare io, non so come affrontare la situazione, non so cosa è bene per lei e cosa no, io so che se stesse 24 ore su 24 da me, muore, perchè dalla vita che faceva alla mia...

però portarla a farsi....

vero è che capisco che farla smettere di punto in bianco è impossibile...

davvero...sono nel pallone...

aiuto...

alcol

per vostra info:

1.47

6 mesi di patente ritirata, esami del sangue, patente rinnovata senza obbligo di esami annuali, 10 punti di patente, 1000 euro di multa, 20 giorni di galera scontati 10

10x250 euro = 2500 euro totale 3500 eurini da dare allo stato, con il consiglio dell'avvocato di non procedere al ricorso in appello per i servizi sociali

be che dire........con tutto il rispetto per i disastri stradali ma c.....o

 

Condividi contenuti