Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 27446 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Type the characters you see in this picture. (verifica con audio)
Inserisci il testo che vedi nell'immagine qui sopra. Se non riesci a leggerli, invia il modulo e una nuova immagine sarà generata. È indifferente a maiuscole e minuscole.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.
Mostra: tutti i tipi | articoli | esperienze | siti segnalati | immagini | videoOrdina per: data | punteggio

L’alcool etilico o etanolo è il risultato della fermentazione di zuccheri semplici, o di altri procedimenti chimici (distillazione). Ogni bevanda alcolica ha una sua gradazione (cioè percentuale d’alcool) diversa che per legge deve essere indicata sul contenitore.

Alcolici e superalcolici sono consumati frequentemente da giovani e adulti; sono legali e per questo nell’immaginario collettivo non vengono considerati come “droghe”. In realtà, l’alcool è una sostanza che agisce sul Sistema Nervoso Centrale.

Le bevande alcoliche sono usate per disinibirsi, superare gli imbarazzi, sentirsi più carichi, avere più coraggio con l’altro sesso, divertirsi con gli amici.

L’effetto dipende dalla quantità di alcolici assunti, dalla loro gradazione e dalla capacità di...

La viticoltura appare nelle montagne tra il mar Nero e il mar Caspio (attuale Armenia) intorno al 6000 avanti Cristo. La produzione di birra emerge invece tra i sumeri intorno al 3000 avanti Cristo. Il primo report scritto sugli alcolici è una tavoletta cuneiforme risalente al 2200 avanti cristo. Intorno al 1500 avanti Cristo si hanno le prime produzioni di vino nella zona dell'Egeo. Seicento anni più tardi, intorno al 900 avanti Cristo, gli assiri producono già vino su larga scala. Il vino si diffonde in mesopotamia ed Europa mediterranea.

Dioniso di...

L’alcol è la sostanza psicotropa maggiormente diffusa nel nostro paese. In particolare l’uso di vino durante i pasti è retaggio di una antica tradizione culturale, legata anche alla cultura cattolica nella quale il vino assume un’importanza evidente.

Ad utilizzare l’alcol almeno una volta l’anno è oltre il 70%* della popolazione, ovvero oltre 36 milioni di persone. La differenza di genere è particolarmente forte, poiché a consumare alcol sono l’82% dei maschi e il 59% delle donne. Ad essere correlato con l...

Novità alcol, Video

politically incorrect

 

Suntory Whisky, 'Sammy Davis Jr ad libs' - 1974

Contenuto Redazionale "per gioco non bere" e il videoclip ti arriva sul cellulare

Si chiama Safe Night, Notte Sicura, 30 videoclip di 30 secondi prodotti e realizzati dalla Regione Toscana e dal Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza, con la collaborazione dei ragazzi e destinati ai loro coetanei.

I video parlano dei problemi legati alla guida sotto effetto di alcolici e questa estate saranno trasmessi tramite internet, you tube, facebook, ma anche con tecnologie quali il bluetooth marketing, che tramite una postazione li invierà su tutti i telefoni cellulari presenti nel raggio di 100 metri.

Per vedere tutti i video

http://www.youtube.com/user/safenight2010?blend=2&ob=5

 

Sbokki di vita (film documentario 2000)

Sbokki di vita (film documentario 2000): un viaggio attraverso la realtà illegale e ribelle dei punk milanesi, vista dall'occhio amico di chi non giudica, con l'urgenza di spiegare questi animi alternativi. Sicuramente ai margini della “normalità”, incazzati e incoscienti, ma anche luminosi, limpidi. Più veri.Il documentario Sbokki di Vita è stato proiettato per la prima volta nel novembre del 2000 al Festival di Filmmaker a Milano nella sua versione integrale di 90 minuti, nel 2003 nella sua versione di 52 minuti ha vinto il 1° premio al RomaDocFestival, sez. internazionale e il 1° premio al Festival Oltreconfine di Viterbo, sez. documentari.

http://lnx.teklataidelli.com/

WEB CORSAIRS - La cultura dell'ECCESSO

Dal 15 dicembre il Centro di Documentazione collabora all'EVENTO VIRTUALE sulla CULTURA DELL’ECCESSO, promosso da diversi servizi ed enti del territorio nazionale. Per un po' di settimane ci sarà la possibilità di discutere e ragionare "a distanza" su questo tema. Eccovi l'invito ufficiale, non mancate...

 

 

Cosa conosciamo di questa cultura dell’eccesso? Vogliamo trovare un dialogo con questa? Ci vogliamo almeno provare?Tutti quelli che pensano di avere qualcosa da dire, filmati da suggerire, articoli di giornale, poesie e letteratura da proporre... Insomma,  tutti quelli che hanno voglia di discutere, sono invitati ad imbarcarsi con noi in questa avventura!

 

A tal proposito, si aprirà un dibattito sui siti:

www.webcorsairs.it

www.progettosteadycam.itwww.drogaonline.itwww.oltreilmuro.itwww.sostanze.infowww.pizzococa.it

A cadenza settimanale, verranno lanciati dalla Redazione degli stimoli sulle seguenti parole chiave:

RISCHIO - PIACERE - SCELTA - DANNO - CONTROLLO - LIMITE - CURA

Tutti potranno inviare riflessioni, dare opinioni, lanciare provocazioni, presentare  la propria esperienza rispetto ai temi proposti... e potrete anche aggiungere ulteriori parole chiave, nel caso lo riteneste opportuno!Per partecipare all’evento è necessario avere un account Facebook e collegarsi alla pagina dedicata, “web corsairs.

web

 

Siete invitati a proporre video, musica, brani di letteratura, tutto ciò che vi viene in mente su tali argomenti... CONDIVIDIAMO I SAPERI E E SVILUPPIAMONE DI NUOVI!

Alla fine di tutto organizzeremo una giornata di confronto su quanto emerso, un convegno al quale solo un gruppo ristretto di persone parteciperà “realmente”, tutti gli altri potranno però essere presenti “virtualmente”.Tutto questo vi sembra esagerato? Beh, allora siamo in tema!

I Corsari

 

Le balle di giovanardi sul consumo di droga in Italia

il rapporto dell'Osservatorio europeo droghe del 2010 mostra l'ennesimo fallimento della legge fini-giovanardi:Prevalenza del consumo di cannabis nella popolazione generale: sintesi dei datiPaesi con la prevalenza più alta 15-64 anni Ultimo annoRepubblica ceca (15,2 %)Italia (14,3 %)Spagna (10,1 %)Francia (8,6 %)Prevalenza del consumo di cocaina nella popolazione generale: sintesi dei datiPaesi con la prevalenza più alta 15-64 anni Ultimo annoSpagna (3,1 %)Regno Unito (3,0 %)Italia (2,1 %)Irlanda (1,7 %)per gli oppiacei non è riportata la tabellail dipartimento politiche antidroga ha pensato bene di pubblicare su youtube questo video trionfale di giovanardi...e se gli fate notare che il senatore sta facendo solo disinformazione, il commento viene rimosso

SCONVOLT QUIZ

Conducción y Alcohol

SPAGNA - Consumo Cuidado Campaña de reducción de riesgos y daños por consumo de alcohol.

Contenuto Redazionale Le Iene - la storia del cesso di mr. Orange

Un nostro piccolo omaggio al maestro Quentin che in questi giorni è a Venezia come presidente della giuria del festival del cinema.

Contenuto Redazionale Codice Zero

Incassata l'approvazione in Senato, il nuovo Codice della Strada deve ripassare alla Camera per la ratifica definitiva, e poi sarà legge. Le novità introdotte vanno da multe più salate per chi trucca le minicar all'obbligo del casco in bici per bambini e ragazzi fino a 14 anni di età (leggi). Gli inasprimenti riguardano soprattutto il tema caldo della guida sotto effetto di sostanze. Chi vorrà prendere la patente, ad esempio, dovrà obbligatoriamente sottoporti a un test antidroga, o meglio a una "certificazione da cui risulti il non abuso di sostanze alcoliche e il non uso di sostanze stupefacenti e psicotrope". Un provvedimento che non piace a tutti (leggi), anche per il retrogusto persecutorio  - non dichiarato, ma respirabile - contro i giovani: lo stesso retrogusto che lascia il servizio di Studio Aperto, in cui il Codice della Strada viene rappresentato come un insieme di norme "mirate a prevenire le stragi del sabato sera", un argine faticosamente eretto dagli adulti tutori dell'ordine contro quei "minorenni" che tanto amano truccare le minicar, bere e drogarsi.

In realtà qualche norma punitiva per spaventare gli adulti è presente: chi ha subito la sospensione della patente professionale perché ubriaco o sotto effetto di sostanze potrà essere licenziato per giusta causa. In compenso è passato un emendamento, fortemente voluto dalla Lega, secondo cui il prefetto può concedere deroghe alla sospensione della patente, a determinate condizioni, per recarsi al lavoro o per fini sociali: in questo caso aumenta la durata della sanzione, ma in pratica chi ne è colpito torna a circolare (quindi a lavorare, quindi a produrre) in semilibertà.

Gli obblighi ci sono anche per chi somministra gli alcolici: ristoranti e locali notturni dovranno possedere gli etilometri, gli autogrill non potranno somministrare superalcolici tra le 22 e le 6. Nei locali notturni, niente alcool dopo le 3 di notte.

 

Del nuovo codice i telegiornali italiani hanno dato notizia, ciascuno a suo modo. TgLa7 inizia concentrandosi sul consumo di sostanze, per poi adottare un'esposizione abbastanza neutra. Il Tg2 dà voce alla gente, rigorosamente di Roma: la Vox Populi che monopolizza gran parte della pop-information italiana. Diverso l'approccio del Tg1, che dedica spazio all'atto politico "bipartisan" dell'approvazione del Codice - approvazione, lo ricordiamo, non ancora definitiva. Su questa linea, però, resta inarrivabile il Tg4: nel sorprendente titolo "Governo che va" (dove?) la redazione di Fede si è scordata che il nuovo Codice era fermo da circa un anno. Rinfreschiamoci la memoria rileggendo l'editoriale Tasso zero, datato luglio 2009.

articolo tratto dalla home page del progetto steadycam che ringraziamo per la gentile collaborazione.

http://www.progettosteadycam.it/

 

 

Condividi contenuti