Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 49669 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.
Mostra: tutti i tipi | articoli | esperienze | siti segnalati | immagini | videoOrdina per: data | punteggio

L’uso delle droghe che agiscono sulla coscienza è qualcosa che deve essere preso con la massima serietà (Albert Hoffman)

 

Funghi magici (psilocybe, stropharia, panaeolus), mescalina (cactus peyote), DMT (gruppo di alcaloidi presenti in numerose piante e composti o prodotti di sintesi), Salvia Divinorum (particolare qualità di salvia capace di indurre visioni) - questi, insieme all’ormai famoso LSD...

Generalmente gli psichedelici non determinano vere e proprie "allucinazioni" ma piuttosto intensificano e alterano le percezioni sensoriali: i colori appaiono più intensi e si possono scorgere strutture caleidoscopiche (specialmente nella penombra o ad occhi chiusi). Possono verificarsi “illusioni” sonore, le sensazioni olfattive, gustative e tattili sono molto più intense e in parte distorte. La percezione del tempo e dello spazio si modifica ed hanno luogo profonde introspezioni.

Sotto l’effetto di LSD possono essere vissute come vere...

Funghi magici  (Psilocybe e cactus Peyote). I due agenti attivi contenuti nei funghetti, responsabili degli effetti psicoattivi, sono la psilocina e la psilocibina.

Il culto del fungo allucinogeno è antichissimo, così come indicano le testimonianze dei primi conquistatori e viaggiatori in Centro America (soprattutto in Guatemala e Messico) e il ritrovamento di numerosi reperti come le pietre di fungo (mushroom stones) attribuiti...

 Il 3,9% della popolazione dichiara di aver fatto uso, almeno una volta nella vita, di sostanze PSICHEDELICHE. Solo lo 0,5 però li ha assunti nell’ultimo anno al momento dell’indagine condotta dal ministero*. Ciò fa emergeere che, rispetto al numero assolutamente rilevante di persone che sono entrate in  contatto con la sostanza, pochi sono coloro che lo fanno abitualmente, anche perché non danno dipendenza e la forte tolleranza rende impossibile assumerli continuativamente.

Sono in particolare i giovani e i giovanissimi a farne uso, e tra...

Novità psichedelici, Esperienza

Da cosa è dovuto il mio disturbo?

Salve a tutti aiutatemi vi prego

racconto la mia storia un pò particolare,la mia esperienza,tutto iniziò (credo ) dopo aver preso mezzo lsd un super hoffman

dopo molte ore iniziai a sentirmi strano,nervoso con l'impressione di impazzire,angosciato,urlavo ero in panico

mi passò dopo un pò questa sensazione

mi misi in macchina per tornare a casa ero ancora strafatto e guidavo (non vi dico) ci fermammo in una piazza..li iniziarono a venirmi strane paranoie,mi sentivo osservato dalla gente,pensavo che mi guardassero per dire come è strano questo,che faccia strana che ha,che occhi strani

quindi sentendomi molto a disagio e infastidito mi misi in macchina per tornare a casa,non vi dico arrivati nella mia zona dove abito,guidavo e mi nascondevo per non farmi vedere in quello stato da persone che conoscevo era come se si leggesse in faccia che stavo allucinato e stranito 

finito l'effetto che durò più di 12 ore il giorno dopo stavo di nuovo bene senza nessun effetto o altro

dopo alcuni mesi conobbi una ragazza e me ne innamorai ,ma lei non era innamorata e non voleva legarsi a me, ebbi un rifiuto

sempre in questo periodo facevo uso ( e non abuso) di sostanze ecstasy,cannabis,erba,a volte super skank ma comunque stavo bene

iniziai ad avvertire qualche piccola depressione quando andai ad amsterdam li non feci molto uso di droghe,solo cannabis,una volta ecstasy ,poppers e skank

tornai da amsterdam ed era tutto ok stavo bene

sempre in quel periodo persi il lavoro,feci un incidente con la macchina

andai a lavorare con mio padre (che non ho mai avuto un buon rapporto) un tipo molto severo,ansiogeno,violento..mi ha sempre picchiato,umiliato,rimproverato e giudicato fin da piccolo,per lui non sono mai valso a niente ed ero un fallito,smpre stato freddo con me,distaccato,padre assente..ma nonostante ciò ero un bambino e ragazzo equilibrato,pieno di vita e felice..ho avuto un infanzia bellissima,poco mi impoertava di ciò che mi diceva mio padre e come mi trattava,ero comunque un bambino vispo,terribile e amato da tutti.

bhè li iniziarono forti tensioni con lui,litigavamo sempre,mi rimproverava sempre,mi umiliava e rimproverava d'avanti alle persone

gli amici mi vedevano sempre più giù e nervoso

iniziavo a sentirmi strano,introverso,arrossivo all'improvviso

andavo in un locale e mi sentivo ansioso,smarrito,in panico,inadeguato e scappavo dal locale per andarmene a casa

smisi subito di fare uso di droghe,e intanto diventavo sempre più spento e introverso

gli amici venivano a prendermi per uscire e io rifiutavo,non volevo mi sentivo apatico bloccato

questi disturbi andavano e venivano,c'erano giorni che stavo meglio

un giorno mentre lavoravo iniziai a guardarmi per ore nello specchio ,mi vedevo diverso..cambiato e mi facevo 1000 domande,perchè sto così? ma cosa ho? guarda come sono diventato brutto,mi vedo diverso,sto cambiando,ma forse sono brutto? per questo la ragazza che ero innamorato mi ha rifiutato?

insomma mi facevo 1000 complessi e sull'aspetto fisico e su quello caratteriale

sempre mentre lavoravo mi vennero dei sintomi strani,all'improvviso iniziai a tremare in modo evidente,sentii un forte ronzio alle orecchie e ebbi la sensazione che i miei occhi si stessero girando ,come una mutazione corporea,la concentrazione diminuiva,mi sentivo bloccato e inibito fisicamente e mentalmente,avevo percezioni visive alterate come una mosca vedevo a 360 gradi,avevo una forte fotofobia,mi sentivo gli occhi sbarrati,con lo sguardo assente,smarrito,come se stessi vivendo in un film,un senso di irrealtà,musiche e canzoni nella testa,pensieri suicidi persistenti,impossibilità a toglieri gli occhiali scuri per non far vedere i miei occhi strani e insicuri,forte timidezza,iper timidezza,iper sensibilità caratteriale..praticamente come se fossi diventato uno scioccato,lo scemo del paese,addormentato e rincolionito,senza carattere e personalità,fragile e indifeso,un disadattato,iniziavo sempre a chiudermi i me stesso,a non parlare piu con nessuno,ad evitare tutto e tutti a tal punto da diventare quasi antipatico,sempre serioso,triste e incazzoso

da li entrai in un circolo vizioso e accusavo parecchi sintomi e iniziaia farmi 1000 paranoie

sintomi, paranoie e ossessioni

ansia,nervosismo,panico,paura degli altri,insicurezza,personalità cambiata,chiuso in me stesso,spento,viso strano cupo,espressione del viso strana,perdita del sorriso,serioso,cupo,nervoso,espressione strana nello sguardo,assenza se uno mi parla sono nel pallone,non riesco a seguire nulla,facio le cose anche piu semplici con difficoltà,tremori,rigidità corporea,aumento di peso,frustrazione,affaticamento,rossore al volto se qualcuno mi guardava,smarrimento,scarsa concentrazione,sensazione di essere sempre osservato ,giudicato e deriso,aggressività,depressione,aumento di peso,viso e sguardo a volte allucinato,altre volte triste,fiacchezza fisica,perdita di interessi e stimoli..praticamente lavoravo solo,voglia di scappare a casa,inadeguatezza,voglia di nascondersi,dei forti disagi sociali,insonnia,snsazione di non tornare piu normale,di riavere la mia vita,come se avessi un disturbo di personalità,come se non avessi più una personalità,complessi fisici (nonostante tutti dicevano che fossi un bel ragazzo) e rimorchiavo tante donne e ragazze anche in piena crisi.piacevo ancora

molte mi dicevan ero tenebroso,ambiguo,misterioso..e certo era tutto il disagio che provavo..

molte persone dicevano che non si vedeva che stavo come dicevo,io invec avvertivo che gli altri lo notassero,non tanto chi non mi conosceva ma soprattutto chi mi conosceva,sono diventato tutt'altra persona

insomma ero e sono diventato l'opposto di quello che ero

un ragazzo pieno di vita,molto sicuro di se,intelligente,estroverso,particolare,per molti unico,un personaggio,solare,maturo,comunicativo,socievole,profondo,sensibile,con un gran senso dell'umorismo,simpatico,allegro,pieno di interessi,stimoli,piacente,che piaceva alle donne,brillante,amato da tutti,estroverso,vitale,attivo e chi piu ne ha piu ne metta

da 10 anni a oggi vegeto ancora di più,chiuso in casa senza una vita con la paura di tutto e tutti,non mi accetto,sono pieno di sintomi fisici e psicologici,pieno di complessi,smpre nervoso,pensieroso,serioso,vivo sempre in stato confusionale e ossessivo e non so chi sono,cosa vorrei essere,ho un conflitto con me stesso,mi sento come se non avessi una personalità,ho perso il lavoro,sto invecchiando,non ho una relazione amorosa,ne una vita sociale,ne uno stile di vita..vegeto e vegeto..sto sempre sul letto,non mi va di fare nulla

e pure in tutta questa storia sono sempre rimasto lucido,non ho mai dato segni di squilibrio,sempre rimasto cognitivo,cosciente di ciò che ho...uscivo anche a volte,mi sforzavo,viaggiavo,insomma un pò di vita la facevo anche se molto limitata,ma comunque non stavo bene..e poi è un peccato perchè mi dicono che ho tutto per essere felice,ho 1000 qualità,sono una persona intelligente,brillante,capace,buona ,talentuosa ma tutti questi complimenti che ricevo non mi fanno cambiare l'idea che ho di me,come se non li accettassi,non mi convincono..non mi convince niente e nessuno.

a niente è servito consultare 10 tra psicologi e psichiatri,con terapie farmacologiche di ogni tipo e psicoterapie,non ho mai avuto giovamenti..i sintomi erano persistenti e cronici

anche segiuendo la psicoterapia,uscivo,rimorchiavo ragazze,lavoravo,viaggiavo..insomma avevo una mezza vita,ma comunque non mi sbloccavo e i sintomi,le ossessioni le paranoie e tutto rimanevano.

le varie diagnosi che mi hanno fatto sono:

nevrosi

psicosi

disturbo di personalità a cluster borderline

shock pichedelico

fobia sociale

crisi di panico

disturbo dissociativo paranoide

regressione mentale

crisi d'identità

non mi curo piu da 10 anni,mi sento demoralizzato e rassegnato,e deteriorato fisicamente e mentalmente,on riesco nemmeno ad affacciarmi alla finestra e uscire di casa,tanto forte è il disagio e il senso di smarrimento.

ho 2 tentati suicidi alle spalle e penso sempre al terzo

e un come sentirsi normale ma pazzo

per favore mi dite cosa ho? e se potrò guarire un giorno ed avere una vita normale?

e perchè sto così? cosa può essere stato?

mio padre con tutti i traumi che mi ha creato fin da piccolo (anche se comunque tutto ciò che mi diceva lo ignoravo,continuavo ad essere la persona più allegra e felice del mondo

l'uso di sostanze

delusioni (rifiuti) amorosi

il fatto di cambiare spesso aspetto e personalità..sono sempre stato un pò camaleontico

complessi fisici

grazie...

 

 

esperienza con Iboga

trovata in rete questa esperienza dettagliata e dalle interessanti implicazioni (psicologiche ma anche mediche) https://www.erowid.org/columns/teafaerie/

Inferno o paradiso? Totale confusione con LSD

 Ho appena scoperto questo meraviglioso sito, ed è quello che stavo cercando..Ho bisogno fdi raccontare questa situazione che ho provato\ la sto provando in prima persona. Spiegherò dall'inizio:la mattina di un after, dopo 3 di grammi di ketamina tirati durante la notte, trovo i miei amici e il mio ragazzo addormentati o annoiati, così decido di girovagare di qua e di la. Come un fulmine a cel sereno, trovo un mio amico che stava faendo la stessa cosa, solo che era in lsd, lo vidi così contento, emozionato, entusiasta che mi feci offrire una goccia(era la mia prima ed unica esperienza)..Andammo a ballare, e non mi salì dopo più di 2 ore, quando ormai mi ero arresa e non mi aspettavo più nulla..Semplicemente le casse sembravano respirare e saltare, tutto era un pò diverso attorno a me, tutto strano ma comunque una stranezza molto leggera.. Così raggiugo di nuovo i miei amici, che si erano svegliati ma comunque rimanevano annoiati e apparentemente presi male.. entrai in stanza e mi misi in un angolino..  tutto d'un tratto ciò che i miei occhi vedevano inizò a girare in senso anti orario, ed entrai i trip.. All'inizio era carino, mi limitavo a guardare le figure e forme che si creavano, entravo dentro gli oggetti e vedevo ogni atomo, dove all'interno vedevo altre cose, tanti universi e tante realtà..'Questo è il tutto, questo è infinito, queste son tante realtà, non esiste solo questa della stanza. Io sono Dio in questo momento e sempre, faccio parte del tutto e vederlo è molto strano' pensavo. Si, strano, divertente anche.. Poi il viaggio si fermò su un'immagine bianca con ellissi viola e rosa..Lì mi preoccupai.. Pensai che sarei rimasta lì, pensavo a cosa avrei fatto domani se rimanevo ferma in quell'immagine, come mi sarei comportata con gli altri, come sarei tornata a casa, a mia mamma, a i miei amici, alla mia faccia, chissà che faccia avevo, non sapevo se ero viva o morta. Lì capii che avevo da fare una scelta, rimanere in quelle realtà, illuminarmi e capire tutto della vita, senza però poterla vivere, oppure tornare, scappare da quello stato e continuare la mia monotona e 'insulsa' vita di tutti i giorni.. Decisi dopo poco di tornare alla mia vita, soppratutto per la mia famiglia, perchè in caso non avevsssi preso quella decisione li avrei sicuro ammazzati di crepacuore.. Così mi strofinai gli occhi e piano piano ripresi coscienza della stanza.. Tutto era quasi invariato, anche se a me sembrava di essere tornata da un viaggio di millenni..Guardavo ma non capivo, non gli vedevo le faccie, e non sentivo cosa dicevano. 'Magari stanno parlando di me, magari ho una brutta cera' pensavo, allora gli vedevo avvicinarsi e preoccuparsi per me.. 'Magari stanno discutendo di cazzi loro' e iscutevano davvero di cazzi loro...Panico, e euforia, allo stesso tempo, una bilancia perfetta, talmente perfetta che la mia mente non riusciva a comprendere.. Mi sentivo Dio, il mio Dio, perchè controllavo il 'mio mondo' col pensiero,tutto ciò che solo presumevo accadeva.. ma non sapevo mai la verità, cosa cazzo accadeva davvero nella realtà? Tornavo in viaggio, poi di nuovo nella realtà.. Solo in un momento i miei amici (molto sotto anche loro) si son preoccupati di me, non mi ricordo precisamente, però mi sentivo sola, avrei preferito che qualcuno mi avesse portato a prendere un pò d'aria fuori,ma non è successo e dal giorno di questo accaduto non ne abbiamo più parlato...Ogni tanto, se ci penso, la visione leggermente distorta tipica della baseline mi torna, e un pò mi spaventa...C'è da dire anche un'altra cosa però, l'anno scorso, quando avevo smesso di fare uso e di molta marjuana e solamente saluariamente di alcool, avevo passato un periodo bellissimo, difficile da spiegare.. Pace interiore, amore profondo verso tutto e tutti,realizzavo ogni mio desidero, accettavo e comprendevo tutto, vivevo in un perenne stato di ectasy, in uno stato di illuminazione profondo, ero tutto ciò che volevo, tutto ciò che può considerarsi perfetto. Tutto era nato da un trauma dovuto alla senzazione di morte creato durante un attacco di panico, che mi aveva fatto capire l'importanza di vivere la vita, ed ero riuscita a viverla al meglio, ero fiera di me e avevo positività e autostima da vendere. Dopo circa 3 mesi, per piccoli problemi privoli, ho passato altri periodi più o meno lunghi, di depressione e di euforia,con picchi sempre più leggeri, fino ad arrivare all'apatia.. Poi piccoli risvegli, piccole depressioni e così via..Un casino insomma.. Penso che ciò sia collegato, mi sento io stessa una droga..Ho bisogno di aiuto, non so a chi rivolgermi.. Medicine e le dipendenze da esse legate non ne voglio, e non voglio nemmeno puzza di ospedale a vita, con la mia famiglia preoccupata e fogli che attestano la mia infermità mentale se così fosse...

esperienza con Ayahuasca

Ayahuasca, è il “vino dell’anima” nella lingua quechua degli indios amazzonici. Ed è anche una nuova droga molto in voga. Stefano Liberti l'ha provata a Berlino. Non in un rave, ma in un salotto borghese con i soffitti stuccati e il parquet. Nella stanza, una trentina di persone. Età varie: dai 20 ai 60. Questo è il suo racconto 

Prosegue qui http://www.pagina99.it/news/societa/4536/Ho-provato-l-ayahuasca-la-droga.html

SONO USCITO::::

Buonasera gente..

come Voi... ho esagerato negli anni precedenti... dal lontano 1987 anno in cui ho incominciato a fumare le canne...

Negli anni successivi sempre da studente la discoteca mi ha rovinato l'esistenza in tutti i sensi... ho incominciato con le prime "paste".. minkia ke botta..... andavo a ballare da ragazzino... splendido... cioe' tutto era cosi' brillante... io anche tutto vestito Versus di Versace, all'epoca andava forte... con i miei stivaletti  con le stellette di paciotti che costavano uno stipendio..  insomma ero un ballerino.... drogatissimo fighissimo "nella mia testa"... negli anni pero' anche se tutto questo nn cambiava, non mi rendevo conto di tutta la schifezza intorno che mi ero creato..... tutto era legata allo sballo...

La bellezza... se ne andata a fottere... gli amici anche... dal sabato sera, si e' incominciato tutte le feste ... anche magari le piu' stupide a "calare"... da 1 pillola, ero arrivato  a prendere anche 4 o 8 extasi per notte.... inotte.. che diventava giorno.. e le mattinate a smaltire nelle case a fare after hour..... pazzesco se ci penso adesso...

Non disdegno come non sputo nel piatto dove mangio... ma tutto questo mi ha costretto poi a vivere male.. e frequentare gente di merda... gente che ala fine mi ha portato dritto in galera... ho avuto una bella condanna.... Bello fare lo splendido..... avevo un bel lavoro nel Palazzo di giustizia... e li la polizia.. mi ha incominciato a sgamare... sapevano tutte le mie frequentazioni. ed io più stupido mi facevo la storia con una ex di un polizziotto...

Da li.. sono nati tutti  problemi poi... La D.I.A  aveva un mio faldone pieno di intercettazioni telefoniche che avevo con tutti pusher della zona e provincia... dal fumo... alla coca ed extasi..mi hanno messo in un maxi processo con 30 persone che neanche conoscevo .. insomma... mi hanno segato le gambe. Hanno fatto bene.

Solo adesso penso alla positività di tutto quello che mi e' successo... Certo il lavoro l'ho perso.. ma ho trovato un cazzo di equilibrio... a parte le canne che devo smettere solo per il rinnovo della patente... ma per tutto il resto penso  che sia stato meglio cosi'.

Penso che certe droghe siano belle... ma bisogna saperle usare e non abusare... l'abuso come il mio.. e' stato punito.

Adesso ho 37 anni...  e fidatevi.. gli anni piu' belli non li avro' mai piu'.

Pace, Mauro

 

la mia esperienza nel mondo delle droghe

.

due in acido

qualche settimana fa con mia moglie eravamo da amici, amici un po' fricchettoni, a cena, se volevamo potevamo rimanere li a dormire, in campagna

alcuni di loro avrebbero preso l'acido (LSD) quella sera, tutte coppie sui 35, 40, noi però eravamo in confidenza solo con pochi di loro e anche se l'allestimento era allettante (unba bella sala col pavimento in legno, bei divani, impianto stereo diffusione, giardino con tavolini etc.) non ce la siamo sentita di condividere con loro otto o dieci ore da sensibilizzati, anche se c'era anche dell'MDMA e quindi l'empatia era comunque garantita

ci siamo però fatti lasciare dai nostri amici due acidi (del tipo: "Ganesh") e una quantità minima di md 

li abbiamo mangiati a casa nostra sette giorni fa, dopo una cena (i bimbi erano dai nonni) in cui ci sentivamo presi bene, prima mezzo a testa, poi l'md (non era più di 0.1 gr a testa) e poi dopo quando cominciavano a farsi sentire l'altro mezzo. erano almeno otto o nove anni che non facevamo uno psichedelico quindi eravamo un po' tesi, quella specie di ansia che ti viene prima di queste esperienze e della quale ridi quando ti ritrovi in tutta quella chiarezza, tutta quella bellezza. siamo usciti e perugia era semi deserta, era la sera di un lunedi, erano già passate le 23 e quasi tutto era chiuso. le architetture e le pietre erano di una bellezza mozzafiato, ma soprattutto fu guardando il panorama che restammo incantati, travolti da una felicità disperata di essere li e in quel momento, o meglio di essere vivi. nel frattempo l'md saliva e anche se leggera ci ricordava del nostro amore e di quello che eravamo, siamo stati abbracciati boh almeno dieci minuti li sulle rampe, poi passeggiando incantati come bambini abbiamo visto un locale aperto, un baretto visto e stravisto, e però quando siamo entrati, era quasi vuoto, c'era della musica, un pezzo credo dei led zeppelin, sembrava fosse lì ad aspettare noi, era come ritrovare quella sensazione che si prova da ragazzini quando si entra per la prima volta in un locale e tutto è pieno di incanto. bellissimo. il barista, che conosciamo, ci ha salutati ma non ha interferito. abbiamo bevuto una birra ed era come bere pane e terra e aria, non so come spiegarlo. 

vagando e ridendo e baciandoci molto (certo molto piu di quanto non ci capitasse da una decina d'anni :-) )siamo finiti davanti a San Bernardino, era bellissimo in quanto respirava la propria epoca, era come poter sentire quelle linee estetiche e culturali in presa diretta rispetto al loro momento, e rispetto alla città, come rientrare nella percezione del mondo di uno dei suoi costruttori, e di tutti i suoi frequentatori, nei secoli. lì ci siamo stesi, anche se avevamo un po' di paura che qualcuno ci vedesse ci siamo stesi per terra e siamo stati a guardare il cielo, le, stelle, a sentire la vibrazione del cosmo

ci siamo alzati solo quando ci era preso l'umido

tornati a casa farsi una doccia calda è stato come sciogliersi e diventare un unico impasto con l'acqua, uno con l'altra, poi asciugati bene abbiamo fatto una tisana, eravamo ancora molto molto in acido, ma era casa nostra, eravamo un tutt'uno con la casa e la conoscevamo tanto che era come essere sobri

abbiamo messo su della musica, prima i rolling stones ma non andavano bene, allora bach, siamo stati sul letto abbracciati a sentire bach ripuliti, bambini, completamente presi l'uno dall'altra, di nuovo puliti da molte cose che avevano negli ultimi anni messo distanza, tensione tra di noi, ci siamo addormentati alle 6 della domenica mattina. dormito fino alle 15, postumi solo stanchezza per un paio di giorni

ketamina/mdma: forte distacco dalla realtà,panico e apatia a lungo termine

Ho frequentato la scena dei rave dai 16 anni ai 22, assumendo quasi ogni settimana mdma,ecstasy,popper,lsd,ketamina.

A 22 ,dopo un lungo periodo di assunzione intensa di ketmaina , ho deciso insieme alla mia compagna di smettere completamente. Il periodo subito successivo all'interruzione ho riscontrato un forte senso di distacco persistente e un abbattimento emotivo, dovuto come ho scoperto in seguito all'interazione tra neurotrasmettitore glutammato e ketamina.

Posso dire che dopo un periodo imprecisato il problema è rientrato.

Dopo alcuni anni senza sfiorare droghe, in occasione di un rave circa un anno fa ho riassunto ketamina. Da quel momento nell 'anno a venire saltuariamente (con una frequenza circa bimestrale, ho assunto ketamina ) .

Tutto regolare fino a capodanno. Prendiamo quella che probabilmente non era ketamina ma PCP : penso ciò perchè abbiamo avuto un k hole anomalo, e per smaltire ci son volute 10 ore buone .

Dopo questo, stupidamente , qualche giorno dopo avevamo un rimasuglio di questa pseudo-ketamina e rifacendola, siamo ricascati in un assurdo k-hole.

Da lì la convinzione non fosse ketamina, perchè credetemi che negli anni bene o male la si impara a riconoscere.

Il problema viene in seguito: da quel giorno ho un fortissimo senso di distacco dalla realtà, apatia e tutti i sintomi del caso. Ho di conseguenza interrotto qualsiasi contatto con le droghe,e sto convivendo da allora con questo problema.

 

2 settimane fa in occasione di una serata in discoteca, ho stupidamente preso dell'mdma pensando: "il mio problema riguarda le droghe dissociative,quindi l'mdma è ok"

 

sbagliato.

 

dopo 3 giorni ho avuto un fortissimo attacco di panico, (documentandomi credo sia dovuto alla mancata ricezione di serotonina) e ora mi ritrovo con oltre al mio problema di distacco originale, una forte ansia legata a una profonda depressione.

 

Scusate il muro di parole,spero vogliate leggere la mia storia e consigliarmi....sono "fottuto"? come devo muovermi? posso sperare di recuperare col tempo o anche determinate cure? qualcuno ha avuto esperienze simili ?

grazie in anticipo

 

 

2001: Odissea nello Spazio

Caro lettore, da un pò di giorni stai utilizzando la home page del nostro sito per pubblicare svariati articoli che, per semplificare le cose, potremmo definire di argomento "psichedelico".

Niente di male, anzi, i contributi sono alla base della filosofia del nostro lavoro e di questo sito.

Ma utilizzarlo per pubblicare tempi, modalità ed effetti di assunzione di sostanze, oltre ad essere illegale, non rientra tra le finalità di sostanze.info.

Se poi con la scusa dell'esperienza personale fatta poprio ieri sera, ci rifili una roba datata sei giugno 2006 (come facilmente abbiamo rintracciato online), bè siamo anche dalle parti della presa in giro....

Grazie.

Derrumbe in circolo...

Quest'anno  ho passato tre mesi((maggio giugno luglio) nelle montagne dello stato di Oaxaca,siamo stati li' nel paese a vivere due mesi e il nostro"rancho" (due capanne con un cm. tra un'asse e l'altra) era in mezzo alla foresta,a un'ora dal pueblito.La prima parte passata tra quei boschi magici senza mangiare i funghi ci e' servita tantissimo,siamo entrati nel mondo di quegli uomini e quelle donne ,abbiamo faticato,abbiamo vissuto come mai nella mia esistenza.Quando arrivo' la pioggia eravamo gia' profondamente mutati,ed io mi apprestavo alla mia prima esperienza con il Derrumbe maestro con umilta' oltre che con una incredibile sete di conoscenza...Il nostro amico del posto mi ha imboccato e trattava questi esseri con un amore che traspariva dal suo sguardo e dalle sue parole, come una profonda riconoscenza mista a rispetto,cosa che ormai per me e' del tutto comprensibile.Dopo solo 10 minuti lo avevo lasciato prendere il sopravvento ...la sua forza cosi' diretta legata probabilmente ad averli presi "a casa loro" mi ha piacevolmente stupito,mi connetteva con la foresta intorno a me ,ero nuovamente animale (sensazione che coinvolgeva la respirazione ,il battito cardiaco,l'olfatto,la vista e il tatto) felice di questo, invasa da una potenza che solo questa specie mi ha trasmesso.Non ci sono molte parole per spiegarsi...prendi coscienza di te e dell'universo,la stessa cosa ,una parte di divino che e' da sempre in fondo all'uomo.Per me e' molto importante che vengano consumati nella loro terra,il messico,detto questo spero che club99 non riesca nella sua missione di diffusione...il DERRUMBE non e' per tutti (come con tutti i funghi del genere )o comunque (soprattutto ad alte dosi)e' piu' magnanimo a casa sua.Dimenticavo di dire che tra i" piccoli" e il maestro c'e' una grossa differenza a livello di forza del viaggio,di intensita',di controllo esercitabile:insomma il "Maestro" se ti deve dare la mazzata te la da',e non c'e' autocontrollo che ti scampi a questo(la verita' in derrumbe e' qualcosa a cui non si sfugge...)

Esperienza con ayahuasca

 

 

Ciao a tutti, sono nuovo da queste parti, volevo dare il mio contributo cercando di raccontare nel miglior modo a me possibile un'esperienza che ebbi qualche mese fa con la suddetta sostanza.

L'ultima estate sono stato in Perù, più precisamente a Lima, avevo organizzato da tempo 4 sessioni di ayahuasca con un tizio della capitale che a quanto si diceva ne sapeva molto di aya.La prima sessione non me la ricordo molto bene, fu anche abbastanza leggera, almeno in confronto alla seconda che racconterò. La terza fu una tortura e alquanto deludente, la quarta non ebbi il coraggio di affrontarla.Seconda sessione:Chiedo volontariamente al tipo di aumentare la dose precedente, quasi raddoppiandola, mi versa il liquido arancio-marrone in un piccolo bicchiere riempiendolo per circa 3/4.Mi dice di chiedere con rispetto allo spirito della pianta qualunque cosa desiderassi sapere e di affidare la protezione del mio spirito a una persona a me cara, mi venne spontaneo di chiedere: chi sono sono io? e di affidare la protezione a mia madre.Dopo questo breve rituale feci un respiro profondo e con 2 sorsi riuscii a bere tutto.Il sapore , si sa, è incredibilmente sgradevole, un amaro e aspro denso intruglio, leggermente fermentato, un piccolo sforzo per non vomitare subito e aspettare che il forte sapore in bocca passi ed ecco che mi tocca aspettare che qualcosa succeda.Dopo mezz'ora i primi effetti, improvvisamente mi sento come se avessi bevuto parecchio alcol, è uno stordimento abbastanza piacevole, anche se accompagnato da sensazioni fisiche sgradevoli, come brividi e pressione alle tempie. E' la sensazione che qualcosa sta succedendo, una forza misteriosa sta per sostituire il mio ego per prendere controllo sul mio corpo e sulla mia mente, non mi fa ancora paura, ho molta fiducia, mi sento abbastanza a mio agio e sono eccitato, il respiro rallenta e il battito cardiaco aumenta, osservo le mie mani e le vedo stranamente luminose, come se un sottile velo fosforescente azzurrognolo le ricoprisse, sembravano mani angeliche, non erano come le avevo sempre viste, le vedevo perfette e interessanti.Le mie mani erano interessanti! Le avevo sempre avute ma che io ricordi non le avevo mai trovate così interessanti! Sono bellissime! con le dita della mano sinistra mi schiacciavo il palmo della mano destra e vedevo le pieghe che si formavano in slow motion , per diversi minuti ho giocato con le mie mani come un demente perchè le vedevo, finalmente le vedevo come realmente erano, cazzo quanto tempo che non le vedevo così, forse da quand'ero piccolo, non ricordo.Smetto di giocare con le mani, mi sdraio e mi copro con una spessa coperta perchè comincio a sentire un freddo gelido in tutto il corpo accompagnato da un senso di profondo rilassamento, tanto che sparisce il senso di scomodità, ho come l'idea di poter rimanere nella posizione che ho scelto per l'eternità, sarei sempre stato comodo, il respiro continua a rallentare tanto che ho la sensazione di non aver più bisogno di respirare, questa sensazione aumenta esponenzialmente, ora non ho più bisogno di respirare o per lo meno , diventa quasi un piacere, non un bisogno, respiro e godo, l'unico pensiero che ho in testa è un mega punto esclamativo, un OMG! WHOA! E' tutto incredibilmente bello! Sono in paradiso, sono arrivato! Respiro e godo sempre di più, sembra non esserci un limite all'estasi, finalmente sento, vedo, tocco, avevo sempre respirato ma solo ora sento veramente l'aria che passa, voglio respirare di più, il naso non mi basta, voglio assorbire aria di più, allora apro la bocca e assorbo più aria , tutto il corpo respira, vive, l'avevo sempre saputo che ero vivo ma adesso lo sentivo chiaramente, ero completo, perfetto, luminoso, pulito, immacolato. Sarò rimasto almeno mezz'ora in questo stato ,sdraiato, con la bocca aperta a emettere suoni di stupore, ad un certo punto mi siedo e sento ancora quest'energia fortissima dentro di me che mi fa tremare violentemente e sembra che voglia percorrere intelligentemente il mio corpo per fare qualcosa che solo lei sa, ma la lascio fare, mi piace.Versi strani escono dalla mia bocca, PHEWWWW weeeeeshhhhh WHOAAAAAA, non so cosa sto facendo, mi muovo in modo strano ed emetto suoni strani, non lo so cosa vogliono dire, ma mi diverto e li faccio, o per meglio dire permetto questa strana energia di usare il mio corpo per esprimersi, WHIAA WHOOOAAA ISHWAAAAA ASWHAHASHAAAAAA, continuo con questi versi indefiniti e il tipo che era con me di cui mi ero dimenticato mi segue, come se fosse una sorta di canto-danza a 2, sembrano versi animaleschi, casuali ma allo stesso tempo intelligenti, diventano sempre più sensati fino a tramutarsi in uno strano linguaggio, molto arabeggiante, comincio a cantare in questa strana lingua, non so cosa sto dicendo , ma è giusto che io parli così e quindi lo faccio, è una sorta di cantilena, canto e parlo come se avessi sempre saputo quella lingua, con una melodia precisa, con pause, cadenze, accenti, non sto comunicando con nessuno,non so cosa sto dicendo, sto solo parlando per parlare, perchè mi piace.Questa è la mia voce? Così come era successo con le mani adesso sentivo la mia voce perfettamente, come era realmente , intensamente, in tutte le sue sfumature, equilibrata, pacata, piacevole, molto melodica.E così continuavo a emettere suoni e a canticchiare, solo perchè mi piaceva, perchè avevo appena riscoperto la mia voce e volevo giocarci.E' molto importante , secondo la tradizione, vomitare e io non avevo ancora vomitato, vedo che si avvicina il tipo per farmi bere acqua e aiutarmi a vomitare, la bevo forzatamente perchè mi stava salendo una nausea molto forte e subito dopo vomito nel secchio che mi era stato dato a disposizione, non sto vomitando, sto ipervomitando, non sta uscendo soltanto acqua e residui di ayahuasca, sta uscendo qualcos'altro, non so cosa, ma sto soffrendo, mi sembra di partorire dalla bocca, sto soffocando, tossisco e sputo, ho molta paura, questo trip sta andando troppo per le lunghe, penso che sia meglio che finisca, e qui comincia l'inferno, mio dio, sono in questo stato da diverse ore, non ho idea di quanto tempo sia passato, ma l'effetto è sempre intensissimo, non mi riprenderò mai più, come faccio a funzionare così? Cosa penseranno i miei genitori quando si ritroveranno un figlio completamente leso, e le altre persone? Rimarrò così per l'eternità? Terrore, tutto intorno a me diventa nero, voglio tornare normale, non ci riesco, faccio fatica a pensare, non sono sicuro della mia identità, faccio fatica a capire se io sono me o sono mia madre o mio padre o mia zia, non riesco a capire perchè io dovrei essere io e non gli altri, non ci sono punti di riferimento che mi aiutino, ho paura, mi sento perduto in una dimensione assurda, non potrò mai più funzionare, piango e urlo disperato, ho voglia di strapparmi i vestiti e poi la carne, non voglio esistere, è questo l'inferno? Il tizio cerca di consolarmi, mi dice che è una reazione normale, ma so che non può fare niente, devo solo aspettare, non so quanto ma passerà.Finalmente comincia la discesa, gradualmente mi sento sempre meglio fino a stare bene, realizzo che sono passate circa 8 ore da quando ho assunto l'aya, quella notte non riesco a dormire, pensando a tutto quello che è successo, ma mi sento in un certo modo soddisfatto.A distanza di molto tempo sto ancora cercando di digerire quello che è successo, non è facile, devo ancora capire se è stata un'esperienza utile o se mi sono sputtanato a vita. E' ancora troppo presto per dirlo.Questo è a grandi linee, quello che ricordo, scritto abbastanza di getto e quindi non chiarissimo, se avete cmq domande, chiedete pure.

Condividi contenuti