Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 26390 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Type the characters you see in this picture. (verifica con audio)
Inserisci il testo che vedi nell'immagine qui sopra. Se non riesci a leggerli, invia il modulo e una nuova immagine sarà generata. È indifferente a maiuscole e minuscole.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Novità

Aereo abbattuto, morti esperti di Hiv: "Un colpo a lotta contro Aids"

 Un centinaio fra volontari e ricercatori dovevano partecipare alla 20esima Conferenza internazionale contro la malattia. "Fatto devastante per la ricerca". Fra le vittime Joep Lange, uno dei pionieri della lotta all'Hiv

 
 
 "Un colpo a lotta contro Aids"Joep Lange, ricercatore olandese fra i pionieri della lotta all'Hiv, morto sul volo malese abbattuto in Ucraina
 GRABOVO - L'aereo malese abbattuto in Ucraina  cancella 289 vite. Ma la notizia che da ore rimbalza sui notiziari di tutto il mondo nasconde un altro dramma. Su quel volo viaggiavano 108 esperti di fama mondiale per la lotta all'Aids. Fra loro c'erano ricercatori, rappresentanti delle Ong e volontari. Dovevano partecipare alla 20esima Conferenza internazionale contro la malattia, che si apre domenica a Melbourne, in Australia. Un lutto definito "devastante per la ricerca contro l'Aids" dai rappresentanti dell'International Aids Society,che organizza l'incontro di Melbourne. Sul Boeing c'era Joep Lange, ricercatore olandese fra i pionieri della lotta all'Hiv ed ex presidente dellaInternational Aids Society. Nel 2001 Lange aveva fondato la Ong internazionale Pharmaccess per l'accesso alle cure. 

Il pioniere degli studi sull'Hiv. Era partito da Amsterdam con la moglie per condividere con altri colleghi gli studi che seguiva da una vita. Lascia quattro figli. "Il  professor Lange è stato uno degli artefici dello studio dell'Aids e dell'impatto sociale che questa malattia ha comportato a livello mondiale - afferma Umberto Tirelli, direttore scientifico del Cro di Aviano - ed è stato il paladino dei pazienti con Hiv, spesso penalizzati e senza voce in capitolo almeno nelle prime fasi della epidemia". Viaggiava con la moglie, aveva più di 350 pubblicazioni nel campo delle terapie antiretrovirali. "Per me Joep era come un fratello - ricorda da Melbourne Stefano Vella, ricercatore dell'Istituto Superiore di Sanità e fra gli estensori delle linee guida Oms sull'Aids - abbiamo collaborato per molti anni, e lui era diventato presidente della società subito dopo di me, ci conoscevamo bene. Era un paladino dell'accesso alle cure e del riconoscimento dei diritti umani, paradossalmente non garantiti in Russia e Ucraina". Per Vella la tragedia non fermerà la ricerca, pur avendo posto fine alla vita "di tante persone impegnate in una battaglia che finora ha avuto molti successi. Il movimento e l'impegno a livello mondiale sull'Aids è grandissimo, e forse quanto è accaduto servirà a dare nuovo vigore a chi resta".

Il portavoce dell'Oms. Tra le vittime c'è anche un portavoce dell'Organizzazione mondiale della Sanità, il 49enne britannico Glenn Thomas. Vite spezzate. Fra gli esperti in lutto c'è chi dice che forse fra i ricercatori in viaggio, c'era qualcuno che portava alla Conferenza il risultato di uno studio. Dati e analisi, che potrebbero essere andati distrutti su quell'aereo precipitato nell'est dell'Ucraina. Speranze che si cancellano. Una cosa è certa, con loro spariscono anni di studi sul tema. Sul  volo MH17 della Malaysia Airlines diretto a Kuala Lumpur, c'erano volontari, attivisti delle Ong, ma soprattutto molti studiosi di Hiv. Saranno ricordati in queste ore da diverse istituzioni scientifiche internazionali, dall'Ecdc all'Oms, che su twitter saluta Thomas. "Spariscono anni di conoscenza". "C'è un enorme sentimento di tristezza qui, le persone sono in un mare di lacrime nei corridoi - spiega Clive Aspin, uno dei ricercatori australiani della conferenza - . Queste persone erano le migliori e le più brillanti, gente che ha dedicato gran parte della propria carriera a combattere questo virus terribile. Tutto questo è devastante". Per molti colleghi che si preparano alla conferenza "la conoscenza andata perduta è insostituibile". "Su quel volo c'erano degli scienziati che guidavano la ricerca mondiale", dicono.  "La cura per l'Aids poteva essere su quell'aereo, semplicemente non lo sappiamo", ha detto al network Abc, Trevor Stratton, da anni impegnato nella lotta alla malattia. La conferenza si terrà regolarmente, con la partecipazione anche di Bill Clinton e Bob Geldof.

Milano, parroco arrestato a un droga-party: è accusato anche di spaccio di cocaina

Un parroco di un paese vicino a Stresa, località sul Lago Maggiore in provincia di Verbania, è stato arrestato nei giorni scorsi a Milano in flagranza di reato per spaccio e detenzione di cocaina. Il sacerdote, 45 anni e originario di Monza, che ha confessato, si trovava a un 'coca-party' a casa di amici.

Don Stefano Maria Cavalletti, parroco a Carciano di Stresa, in provincia di Verbania, è stato arrestato. Lo rende noto la Diocesi di Novara, di cui il prete fa parte, «in attesa di conoscere le motivazioni che hanno reso necessario il grave provvedimento a carico del sacerdote».

Secondo la ricostruzione della polizia e del pm milanese Cristiana Roveda, di turno quel giorno, il sacerdote si trovava a casa di conoscenti in Piazza Anghilberto a Milano. Durante la serata in cui si è fatto uso di cocaina, uno degli invitati, sotto gli effetti della droga, si è sentito male al punto da dare in escandescenza. I vicini, allarmati per il gran rumore e le urla, attorno alle 23, hanno così chiamato il 113. Gli agenti della volante entrati nell'appartamento hanno trovato gran parte della polvere bianca nel wc e altre tracce sparse per casa.

Inoltre nel gabinetto hanno rinvenuto il passaporto del sacerdote, poi arrestato, fatto a pezzi. Secondo la ricostruzione di inquirenti e investigatori il parroco, che poi ha ammesso, così come gli altri ospiti sentiti come testimoni, avrebbe tentato di sbarazzarsi della 'polvere bianca' e, temendo di essere identificato, anche del documento di identità. Il pm Roveda ha quindi chiesto la convalida dell'arresto al gip Paolo Guidi che ha disposto il carcere.

Don Stefano Cavalletti, interrogato, ha spiegato di aver cominciato ad assumere droga come forma di «autoterapia» in quanto perchè depresso per via dei suoi guai con la giustizia: nel settembre del 2013 è stato condannato per una truffa nei confronti di un'anziana signora che aveva convinto, grazie alla tonaca che indossava, a versare, tramite bonifico, 22 mila euro sul suo conto corrente.

Il prete mancava dalla parrocchia da domenica scorsa, quando non ha celebrato Messa. Un anno fa era già stato condannato in primo grado per truffa dal tribunale di Verbania per una vicenda legata ad una eredità. L'inchiesta che ha portato al suo arresto, secondo quanto appreso, è coordinata dalla procura di Milano. La diocesi di Novara, si legge ancora nel comunicato, affida don Stefano «nella preghiera al Signore e attende che si faccia chiarezza sull'accaduto».

Smartphone e dipendenza, uno studio cinese

 

CesDop - In Cina, é stato condotto uno studio con l'obiettivo di sviluppare e validare una scala auto-somministrabile per la valutazione della dipendenza da smartphone, la Smartphone Addiction Inventory (SPAI). Due esperti nel campo delle dipendenze, hanno infatti modificato la Chen Internet Addiction Scale (CIAS), un questionario per la dipendenza da internet, adattandola alla dipendenza da smartphone. La SPAI é stata strutturata con l'obiettivo di indagare quattro aspetti relativi alla dipendenza: il comportamento compulsivo, la compromissione funzionale, il ritiro sociale e la tolleranza. Sono state inoltre aggiunte domande per valutare la sindrome della vibrazione fantasma e la sindrome da suoneria. Nello studio sono stati coinvolti 283 giovani adulti (260 maschi e 23 femmine, studenti di due università di Taiwan e utilizzatori di smartphone. L'analisi fattoriale esplorativa, il test per la coerenza interna, il test-retest e l'analisi di correlazione sono stati condotti per verificare l'affidabilità e la validità della SPAI. Inoltre, le correlazioni tra ogni sottoscala, vibrazioni fantasma e suoneria suono sono stati esplorati. Dai risultati é emerso che i sintomi della dipendenza da smartphone possono differire da quelli della dipendenza da Internet. Inoltre, data la bassa correlazione emersa, la vibrazione fantasma e sindrome da suoneria sembrerebbero essere entità indipendenti dalla dipendenza smartphone. E' stata infine dimostrata l'affidabilità e la validità della SPAI che può essere considerato uno valido e affidabile strumento di screening auto-somministrato per identificare la dipendenza da smartphone.

(Plosone)

terapia del Disturbo da Stress Post-Traumatico tramite MDMA

Veterano racconta di come sta curando il Disturbo da Stress Post-Traumatico tramite sessioni psicoterapia coadiuvata da MDMA: http://www.charlestoncitypaper.com/charleston/iraq-nearly-broke-james-ha...

Due morti in tre giorni a Firenze. Aspettiamo i prossimi? Appello al Comune per una narcosala

   Due morti a Firenze per overdose di eroina nel giro di tre giorni, un uomo di 43 anni trovato in casa dalla moglie l'11 luglio e, il 13 luglio, un altro di 23 anni trovato da un amico che lo ospitava. Inutile per entrambi la corsa in ospedale, mentre tra le ipotesi degli investigatori anche quella di una partita di droga troppo pura Un “déjà-vu” che, con molta probabilita', rivedremo anche in prossimi periodi. Nel frattempo? Niente! Si puo' solo sperare che i regolamentatori del mercato clandestino, illegale e criminale -l'unico mercato oggi esistente- siano magnanimi e non inseriscano in questo mercato prodotti sempre piu' puri e, teoricamente, piu' letali. I due tossicodipendenti morti sono, a nostro avviso, due malati che come tali andrebbero trattati. Ma, nonostante i servizi sanitari in merito a Firenze -e non solo- ci sono (SerT), queste due persone sono morte. Un incidente o un servizio sanitario insufficiente? Non lo sappiamo, ma sta di fatto che queste due persone malate sono morte perche' non hanno fatto riferimento alle strutture sanitarie pubbliche esistenti, ma hanno cercato un rimedio alla loro malattia andando a cercarsi altrove il proprio “farmaco”. Cosa dobbiamo fare di fronte a questa realta'? Allo stato dei fatti possiamo solo sperare che l'autorita' di polizia individui i trafficanti di morte che hanno immesso nel mercato questa eroina piu' potente, e riporre altrettanta speranza che questo possa servire a qualche cosa.... cioe', aspettiamo le prossime vittime, perche' i trafficanti di morte non si faranno certo intimidire da qualche ipotetico arresto, cosi' come i malati non si prenderanno paura per cio' che e' capitato ad altri come loro. 
Noi pero' non ci rassegniamo e, pur auspicando che le normative in materia di droga cambino radicalmente cosi' come anche impostoci da una recente sentenza della Corte Costituzionale che ha bocciato la legge che ci siamo tenuti per otto anni (la Fini-Giovanardi), non possiamo attendere oltre. Il legislatore e' lento e deve far fronte a numerosi veti incrociati di spocchia culturale e medica. Il Comune di Firenze potrebbe intanto intervenire e per questo gli rivolgiamo un appello. Non si tratta di sostituire la normativa comunale con quella nazionale (che, al momento, non c'e'), ma di prendere un'iniziativa, forzando un po' le norme attuali, cosi' come sta facendo il Comune di Parigi, come ha fatto il Comune di Madrid, quello di Zurigo, di Liverpool e diversi Comuni tedeschi e canadesi: stiamo parlando delle cosiddette narcosale, cioe' presidi sanitari sotto il controllo del SSN dove, chi vuole iniettarsi il proprio veleno lo puo' fare, in un ambiente sanitariamente protetto e sorvegliato e dopo aver fatto analizzare la sostanza a degli esperti presenti nella stessa narcosala, esperti che, ovviamente, non hanno niente a che fare con chi ha venduto la droga al malato. Un rimedio che automaticamente salvera' alcuni di questi malati? Non lo sappiamo, ma sicuramente e' una opportunita' a cui non dovremmo rinunciare. Un gesto di civilta' sanitaria, giuridica e umana per avvicinare il servizio sanitario a chi ne ha piu' bisogno. Aspettiamo fiduciosi una reazione da parte delle nostre autorita' sanitarie comunali.

ADUC Droghe

ketamina da rivalutare?

Già ampiamente usata come anestetico in chirurgia d'urgenza, la ketamina mostrerebbe sorprendenti potenzialità nella cura della depressione bipolare.Definita nel 2012 da "Science" "il più grosso passo avanti nella ricerca sulla depressione nell'ultimo mezzo secolo" e al centro del prossimo congresso dell'American Psychiatric Association, la sostanza, spesso al centro di hype giornalistici e demonizzazioni legate al suo stato di illegalità fuori dai circuiti medici, potrebbe avere in sé un ulteriore potenziale medico tutto da esplorare: http://stichtingopen.nl/en/home/website/ketamine-reconsidered?utm_conten...

ALLUCINOGENI E SPERIMENTAZIONE CLINICA NEL CAMPO DELLE DIPENDENZE

Ce.SDA - La ricerca scientifica nel campo delle dipendenza ha sperimentato negli anni ’60 e ’70, a scopo terapeutico, l’uso di allucinogeni, per poi abbandonare quasi completamente la sperimentazione a causa dell’inserimento degli allucinogeni nell’elenco delle sostanze proibite e anche per i risultati contrastanti e gli effetti collaterali dell’impiego di allucinogeni nella pratica clinica.

L’articolo fornisce una breve rassegna sugli studi clinici classici e su alcuni studi recenti degli allucinogeni nel campo della cura delle dipendenze. A livello di effetti, è noto che gli allucinogeni provocano acute alterazioni nella percezione, nelle esperienze soggettive della realtà e nelle abilità cognitive. Oltre agli effetti neurobiologici, le componenti degli allucinogeni agiscono in modo significativo nell’esperienza psicologica soggettiva. E’ proprio quest’ultimo aspetto a essere stato maggiormente preso in considerazione nelle applicazioni a fini terapeutici degli allucinogeni per curare i comportamenti collegati alla dipendenza da sostanze. Anche le proprietà ansiolitiche di alcuni allucinogeni, soprattutto psilocibina e MDMA, sono state utilizzate a scopo clinico, ad esempio per contrastare i sintomi della depressione o dei disturbi da stress post-traumatico.

Tuttavia, le aree che sono state più esplorate, in merito alle potenzialità terapeutiche degli allucinogeni, sono la riduzione del craving, l’aumento dell’auto efficacia, e l’incremento delle motivazioni. E’ possibile che determinati aspetti dell’esperienza soggettiva che avvengono durante l’intossicazione allucinogena, come le esperienze mistiche o le “illuminazioni”, possano rafforzare le motivazioni al cambiamento del comportamento dipendente attraverso 1) l’accresciuta fiducia nella possibilità di cambiare 2) una consapevolezza accresciuta delle conseguenze negative che può rinforzare la spinta al cambiamento 3) un cambiamento di prospettiva. Durante la sessione di cura con allucinogeni, i desideri individuali relativi alla sobrietà possono diventare più salienti, e la discrepanza fra i valori, gli obiettivi del soggetto e i comportamenti d’uso della sostanza possono essere più acuti.

In definitiva, secondo gli autori alcune ricerche hanno dimostrato il potenziale della somministrazione di allucinogeni per mobilitare processi biologici e psicologici rilevanti nella dipendenza, e che possono attivare meccanismi attraverso i quali gli allucinogeni possono promuovere il ricovero quando avviene in un contesto in grado di massimizzare gli effetti terapeutici dell’esperienza. In particolare, le esperienze mistiche indotte da alcuni allucinogeni possono essere concorrere a provocare cambiamenti persistenti nell’umore, nella personalità e nel comportamento. Gli autori, commentando le indicazioni cliniche provenienti da recenti ricerche, concludono l’articolo auspicando un incremento della sperimentazione clinica: “Questi recenti sviluppi, se combinati con la letteratura più vecchia forniscono delle ragioni valide per ulteriori ricerche in grado di rispondere all’interrogativo se gli allucinogeni classici abbiano o meno rilevanti effetti clinici sui comportamenti dipendenti, e in caso positivo se possano essere usati dal punto di vista clinico per migliorare i trattamenti per i pazienti che soffrono di dipendenza.”

Bogenschutz M., Pommy J., 2012, Therapeutic mechanisms of classic hallucinogens in the treatment of addictions: from indirect evidence to testable hypotheses, Drug Test Analysis, 4, pp. 543–555.

Consultabile c/o CESDA.

Università della East Anglia: studio su proprietà anticancro del THC

Ancora uno studio da una università inglese sulle proprietà anticancro del THC, il principio attivo della canapa: http://www.independent.co.uk/life-style/health-and-families/health-news/...

Dipartimento antidroga, De Rose nuova responsabile

 Nomina ancora non ufficializzata, ma sulla figura della dirigente, già capo dipartimento alle Pari Opportunità, non ci sono più dubbi. Nel nuovo Dpa post-Serpelloni sarà affiancata da un team di esperti e da un comitato permanente

derose.jpgROMA – Sarà Patrizia De Rose a guidare il Dipartimento politiche antidroga (Dpa) del governo Renzi. Dopo quasi 3 mesi di incertezza sul futuro del Dpa con la mancata riconferma di Giovanni Serpelloni l’8 aprile scorso, trapela finalmente la notizia della futura nomina. Avvocato, gà capo dipartimento alle Pari Opportunità dal 2011 al 2013 e con diversi incarichi ricoperti nelle istituzioni (qui il curriculum vitae pubblicato sul sito della Presidenza del Consiglio), De Rose avrà il compito di creare un team di esperti che la affiancherà al Dipartimento, anche se non è ancora chiaro se il suo ruolo sarà quello di Capo dipartimento o dirigente amministrativo. Quel che è certo è che il Dipartimento non sarà più una fortezza inespugnabile per le realtà che in Italia si occupano di droghe e dipendenze. A caratterizzare il futuro del Dipartimento, infatti, proprio la volontà di istituire una sorta di comitato scientifico permanente che sarà composto da esperti provenienti dal mondo delle dipendenze, della società civile e delle istituzioni, sia locali che ministeriali. Tuttavia, gli incontri per l’istituzione del comitato non sono ancora avvenuti. Pare si stia aspettando la nomina ufficiale e la completa definizione del nuovo Dpa.

Non è chiaro se la nomina di De Rose sarà a scadenza e per un tempo determinato e utile per portare il governo ad una nuova Conferenza nazionale sulle dipendenze. L’ultima, infatti, si è tenuta a Trieste nel 2009 sotto la ferrea organizzazione voluta da Carlo Giovanardi, allora sottosegretario con delega alle politiche antidroga e l’ex capo dipartimento, Giovanni Serpelloni. Mentre a Palazzo Chigi si studiano gli ultimi dettagli sull’imminente nomina, però, secondo alcune voci De Rose starebbe già selezionando un altro gruppo di una decina di esperti che farebbero da “consulenti ombra”, per portare nel Dpa le competenze di chi lavora da anni nel settore. Finisce così l’era Serpelloni, così come aveva già anticipato lo stesso Federico Gelli, deputato e responsabile nazionale Sanità del Partito democratico, che durante un convegno tenutosi a Roma in occasione della Giornata mondiale contro le droghe di alcuni giorni fa aveva affermato: “È chiuso un periodo in cui un uomo solo al comando imponeva all’intero sistema un’idea di risposta al fenomeno delle droghe con un approccio che era molto personalistico. Un approccio che lui utilizzava a fini del controllo del sistema”.

Alcol, droga ed eccessi I tormenti di Grignani volto (sbiadito) del rock

 Da «Destinazione Paradiso» a «A volte esagero», ovvero dal titolo del primo a quello dell’ultimo album, è fin scontato leggere la biografia emotiva di Gianluca Grignani, la promessa mancata per quello che artisticamente è diventato, l’abbaglio finito in sbaglio, la coazione al dirupo che è la stimmate dei maledetti. L’ultima stazione della sua personale via crucis è quella dei carabinieri di Riccione dove l’altra notte Grignani è stato arrestato per violenza e resistenza a pubblico ufficiale. È lì da un mese, in vacanza con la moglie e i quattro figli. Tutto tranquillo, fino a quando la compagna è costretta a chiamare i carabinieri (lui sostiene che è stato il cugino) perché Grignani — uno che non sa resistere alle lusinghe di alcol e droga — stava mostrando il peggio del suo alter ego. All’arrivo dei militari il cantante non si calma, anzi scende in strada e tenta di scappare in un hotel. Ancora fuori di sé, spinge giù dalle scale dell’albergo un carabiniere e tira calci ad un altro. Alla fine riescono a calmarlo, lo accompagnano al Pronto soccorso e lo sedano con delle flebo. Ora è a casa, tecnicamente per detenzione domiciliare cautelare, e sarà giudicato per direttissima dal Tribunale a Rimini. Nel frattempo si è anche «sentitamente» scusato, dice di non aver spinto nessuno, parla di una «forte crisi di panico». È solo l’ultimo episodio di un curriculum di eccessi. Alcol & Cocaina, le dipendenze da cui non riesce a staccarsi, l’anestetico alle sue inquietudini. Inizia presto, lo confessa: «Da ragazzo. Perché lo facevano gli altri, per divertimento, soprattutto per la voglia di provare. Mi è sempre piaciuto provare di tutto, e l’ho fatto. Beh, quasi tutto. E non parlo solo di droghe. Vale per il cibo: in India, ho mangiato le formiche e i grilli fritti». Finisce anche in un’indagine di polizia («Operazione Paradiso», che sembra una dedica al suo album di debutto) per cessione (gratuita) di una dose di cocaina a una festa. Dipendente, ma altruista… E poi l’alcol, che gli costa una volta il ritiro della patente e gli rovina qualche altra i concerti. Se lo ricordano ancora a Viggianello, paese da 3.000 persone in provincia di Potenza, quando si è presentato in ritardo di un’ora, ha dimenticato le parole delle sue stesse canzoni, ha terminato la performance con un inchino orizzontale, accasciato. Ma Grignani rovina anche il concerto degli altri. Un mese e mezzo fa è salito sul palco dove cantava il suo amico Omar Pedrini: anche qui un’esibizione da dimenticare — se non ricorda le parola delle sue canzoni figurarsi quelle degli altri — frasi sconnesse, uscita di scena tra i fischi. Nato a Milano 42 anni fa, l’hanno definito il Modugno del rock, il nuovo Vasco Rossi, il giovane Lucio Battisti ma poi si è perso nella sua «Destinazione Paradiso», album che all’esordio (1995) vende due milioni di copie. Una fama inaspettata e improvvisa: «Il successo è la più grande invenzione dell’uomo, ma in realtà non esiste. Quando mi ci sono trovato in mezzo ne sono stato travolto». Me è un fuoco fatuo, non arriverà più a vette di popolarità così alte, il suo pop-rock scivola via, non il suo tormento interiore. A leggere le sue interviste Freud saprebbe dove cercare. «Mio padre ci ha lasciati quando ero piccolo. Da qui a dubitare di tutti c’è voluto poco. Poi ho trovato forza dentro di me e ho riempito questo buco, anche se rimango sempre un diffidente». Ci sono anche le molestie subite a 10 anni da un pedofilo: «Quell’episodio mi ha creato delle tensioni che vivo ancora oggi, paura della gente, attacchi di panico, tachicardie». La cornice è questa, il quadro si può sempre migliorare

mentiinformatiche.com/2014/07/alcol-droga-ed-eccessi-i-tormenti-di-grignani-volto-sbiadito-del-rock.html

GRAN BRETAGNA - La dipendenza da sesso e' come la tossicodipendenza

 La dipendenza dal sesso può scatenare nel cervello meccanismi analoghi a quelli che si attivano nelle tossicodipendenze, al punto che la reazione a stimoli sessuali come quelli della pornografia può ricalcare quella di un tossicodipendente alla vista della droga. E' quanto dimostra lo studio pubblicato sulla rivista Plos One e condotto dagli psichiatri dell'università britannica di Cambridge diretti da Valerie Voon. Il comportamento sessuale compulsivo può riguardare fino a una persona ogni 25, con differenti gradi di 'gravità' e conseguenti difficoltà a vivere una normale vita di relazione. Queste persone possono essere decisamente ossessionate dal sesso al punto da non poter fare a meno di pensarci e di desiderare di fare attività sessuale in ogni momento della giornata. I ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica per analizzare le reazioni cerebrali di due gruppi di soggetti (uno con una vita sessuale normale e l'altro con comportamenti sessuali compulsivi) di fronte a video pornografici e a video sessualmente neutri, come gare sportive. E' emerso così che i video pornografici attivavano nel gruppo con comportamenti sessuali compulsivi le stesse aree cerebrali (il corpo striato ventrale e l'amigdala) attivate nel cervello dei tossicodipendenti dalla visione della droga.

ADUC Droghe

Fumo ma non sono un fumatore, il paradosso californiano

Un sorprendente numero di californiani dichiara di fumare ma non si identifica come fumatore. È il singolare dato che emerge da un’indagine della San Diego School of Medicine, University of California, secondo cui il 12% dei fumatori rifiuta questa etichetta, benché l’uso lifetime superi le 100 sigarette e l’ultima bionda sia stata accesa negli ultimi 30 giorni.
Lo studio, pubblicato sulla rivista Tobacco Control, si è proposto di caratterizzare i fumatori che non si identificano come tali (non-identifying smokers, NIS) attraverso un campionamento trasversale della popolazione maggiorenne e fumatrice californiana (California Longitudinal Smokers Survey 2011). Ebbene, circa il 22% di questi fumatori (N=396.000) fa un uso giornaliero di tabacco. Due i gruppi distinguibili di NIS: giovani adulti che fumano in contesti di relazione e socialità e che ritengono di poter smettere quando vogliono, ed ex fumatori over 45 con una storia di ripetuti tentativi per smettere completamente di fumare e che rifiutano lo stigma di fumatore. 
Secondo i ricercatori i NIS tendono a sfuggire alle stime di prevalenza sul fumo, pur esponendosi ai rischi di salute legati al fumo. Più in generale, la mancata identificazione di queste persone può avere un esito negativo nel ridurre il consumo di tabacco a causa dell’esclusione di un significativo segmento di popolazione interessata.  
Condividi contenuti