Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 38196 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Refresh Type the characters you see in this picture. Type the characters you see in the picture; if you can't read them, submit the form and a new image will be generated. Not case sensitive.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Novità

Droga: l'inchiesta, cocaina 'accende' violenza

Roma, 28 apr. (Adnkronos Salute) - Dall'omicidio di Meredith Kercher a Perugia, a quello del piccolo Alessandro, di soli 18 mesi, a Genova, sempre più spesso violenza fa rima con cocaina. Secondo una ricerca inglese condotta dalla polizia di Manchester, sui dati dei crimini violenti commessi nel 2009, nell’83% dei casi i colpevoli hanno agito sotto effetto di stupefacenti. Dati non troppo lontani dal nostro Paese: il 5% degli studenti italiani fra i 15 e i 16 anni, infatti, prende cocaina. A puntare i riflettori sulla 'polvere bianca' associata alla violenza è un'inchiesta di 'Focus', in edicola a partire da questa settimana con il nuovo numero.

 

Ebbene, il nesso "si spiega con gli effetti della cocaina sul nostro sistema cerebrale. La cocaina infatti provoca un aumento della dopamina all’interno del cervello: la dopamina è una sostanza che agisce anche nelle aree della corteccia cerebrale che governano le reazioni aggressive (corteccia mesolimbica e mesocorticale). Un aumento della dopamina in quelle aree accrescerebbe di fatto la possibilità di reazioni violente: questo spiega, per esempio, le crisi di paranoia di cui sono affetti i cocainomani".

 

Secondo Fabrizio Schifano, primario di psichiatria delle dipendenze e ordinario di Farmacologia clinica e terapia alla University of Hertfordshire (Londra), "i cocainomani si sentono perseguitati. In pratica la cocaina può indurre chimicamente una crisi di schizofrenia paranoide molto aggressiva e disinibita". In altre parole, un cocainomane "potrebbe aggredire con violenza un’altra persona perché vede in lui o in lei un persecutore".

 

"E non si pensi che l’effetto si estingua in breve tempo: in soggetti vulnerabili, le psicosi indotte da cocaina - aggiunge l'esperto - possono durare anche settimane o mesi dopo la sospensione dell’abuso". L’inchiesta mette in luce inoltre un altro particolare inquietante. Da qualche tempo i nuclei anti-droga hanno scoperto la presenza di una nuova sostanza nella cocaina: il levamisolo.

 

Si tratta di un farmaco antiparassitario, utilizzato negli allevamenti animali. Il levamisolo però agirebbe sul cervello umano favorendo la circolazione della dopamina: in pratica, la dopamina resterebbe a disposizione dell’organismo più a lungo, aumentando così il piacere e la durata dell'effetto della 'dose'.

Ciudad Juarez e narcotraffico: 62 morti in una settimana

http://www.newnotizie.it/wp-content/uploads/2010/05/20100314_102642_6A95F617_medium-300x201.jpgRicchiuti, newnotizie.it - A Ciudad Juarez, in Messico, 62 persone sono morte solo nell’ultima settimana a causa della guerra tra bande di ‘narcos’. La città messicana che conta 1,3 milioni di abitanti e situata al confine con gli Stati Uniti è considerata, non a caso, uno dei luoghi più pericolosi del pianeta. Soltanto sabato e domenica le vittime sono state 25.

La situazione nello Stato messicano è particolarmente critica a causa dei cartelli che si fronteggiano per il controllo del traffico verso gli Usa. I due cartelli più influenti, Cartel de Tijuana dei fratelli Arellano Felix e il Cartel de Juarez fondato da Amado Carrello Fuentes, controllano il mercato degli stupefacenti in 195 città statunitensi. Secondo un rapporto del dipartimento di giustizia di Washington redatto ad aprile, l’80 per cento della droga consumata dagli statunitensi proviene dal Messico.

 

Continua a leggere su newnotizie.it

In Italia boom abuso di alcol tra over 65 e under 16

Roma, 30 apr. (Adnkronos Salute) - VIDEO - Secondo l’Istituto superiore di sanità è in aumento il fenomeno del binge drinking, l'abbuffata di alcol in una sola occasione

Alcol: aumenta la quota dei binge drinkers italiani

 

resti di una serata_daflickr.com Frakekko(InSostanza.it) É stato presentato oggi, all'interno dell'Alcohol Prevention Day, il rapporto nazionale dell'Osservatorio Nazionale Alcol-CNESP a cura del direttore Emanuele Scafato. Il quadro che emerge tratteggia un'Italia dove due indicazioni statistiche sono di particolare importanza in tema di alcolismo giovanile:

  • al di sotto dell'età legale (16 anni) sono a rischio il 25% dei ragazzi (uno su quattro) e il 14% delle ragazze (una su sette);
  • 600.000 giovani hanno praticato il binge drinking (abitudine di consumare quantità eccessive di alcolici - sei o più bicchieri di bevande alcoliche - all'interno della stessa occasione), raggiungendo i valori più elevati nella fascia di età dai 18 ai 24 anni. Al di sotto dei sedici anni i binge drinkers hanno percentuali invariate tra maschi e femmine - con un picco che caratterizza le ragazzine tra i 16-17 anni (al 4% contro una media europea del 2,8%) - per poi svilupparsi con una leggera prevalenza dei primi. Questi numeri attestano in ogni caso una costanza del fenomeno dal 2003 ad oggi;
  • in un anno é però aumentata la frequenza dei ricoveri per intossicazione alcolica di ragazzi al di sotto dei 14 anni, passando dal 13,8% del 2008 al 17,7% del 2009;

"Che ubriacarsi non sia un caso, che il bere a rischio non sia per alcuni solo una occasionale sventatezza o una bravata - ha dichiarato Emanuele Scafato - lo dimostra l’1,3% dei nuovi alcoldipendenti in carico ai servizi che ha meno di 19 anni" Se nei giovani prevale il policonsumo con una prevalenza di uso di birra, di superalcolici, di aperitivi, gli ultra 65enni fanno invece registrare la più elevata frequenza di consumatori a rischio legato in maniera prevalente al vino con conseguenze alcol-correlate registrate in sia termini di carico di malattia cronica come cirrosi epatica, tumori, malattie cardiovascolari, che di eventi acuti legati all’incidentalità stradale e domestica conseguente all’intossicazione alcolica o all’ebbrezza che rende indispensabile il ricorso ai ricoveri. A tal proposito il rapporto evidenzia come:

  • il 6% degli adulti di 18-69 anni intervistati abbia dichiarato di aver guidato sotto l'effetto dell'alcol, dato che sale all'11% escludendo gli astemi. L'analisi regionale rivela in ogni caso sensibili differenze tra i territori con un range che va dal 5% del Molise al 15% di Valle d'Aosta e CAlabria;
  • il numero dei decessi a causa di incidenti stradali connessi al consumo di alcol sia la stessa al di sotto dei 24 anni e al di sopra dei 65 anni

In riferimento a quest'ultimo dato, Emanuele Scafato ha precisato che "sulla base dell'evidenza scientifica non avrebbe senso diminuire a zero l'alcolemia per gli ultra sessantacinquenni, visto che la fisiologia degli anziani, in termini di metabolismo dell'alcol è del tutto sovrapponibile a quella degli adolescenti e ridotta ad una capacità soggettiva di metabolizzazione di un solo bicchiere di bevanda alcolica al giorno (12 grammi circa)". Al termine della presentazione Scafato ha tenuto ad indicare la volontà dell'Istituto Superiore di Sanità di continuare sulla strada indicata dalle Linee Guida Cliniche Europee, con particolare attenzione verso gli strumenti di identificazione preventiva del problema - come l'Alcohol Use Disorders Identification Test (AUDIT-C) - e gli interventi, ad oggi valutati come migliori in termini costo/beneficio - di terapia clinica breve a cura del personale impegnato nell'assistenza sanitaria primaria.

Aumenta il consumo di cocaina

Foiano in Piazza - Una volta era chiamata la "droga dei ricchi". La cocaina era simbolo di uno stile di vita particolare, di chi aveva molti soldi ma anche ritmi di vita velocissimi, come manager, personaggi dello spettacolo, grandi imprenditori.

Oggi quando si parla di cocaina e di chi ne fa uso, ci si riferisce a un’ampia fascia di popolazione che va dagli adolescenti (spesso ragazzini di buona famiglia) ai professionisti, passando per imprenditori, ragazzi della porta accanto e persone che hanno già problemi con sostanze stupefacenti.

Il consumo della polvere bianca ad Arezzo, come nel resto d’Italia, è aumentato vertiginosamente negli ultimi anni. "Su 2.200 persone che si rivolgono al nostro servizio – spiega Paolo Dimauro, direttore del dipartimento per le Dipendenze della Usl di Arezzo – il 40 per cento ha come problema primario il consumo di cocaina. Un dato significativo, soprattutto se si pensa che nel 2002 ad avere questa dipendenza erano il 3 per cento degli utenti". Così cresce, in silenzio, dietro una maschera di normalità, il numero dei nuovi tossici. Sono spesso giovani, insospettabili professionisti, padri o madri di famiglia, tutti accomunati dal non sentirsi dipendenti da questa sostanza. Un fenomeno che sembra legato ai cambiamenti della società, ma anche dall’aumento dell’offerta della "bamba", come si dice in gergo, che si trova sul mercato.

"La nostra società – afferma Dimauro – è cambiata molto in questi ultimi dieci anni. Abbiamo aspettative sempre più grandi e tempi sempre più brevi per realizzarle. E quando non si riesce a raggiungere gli obiettivi previsti ecco che si cerca l’"aiutino". La cocaina infatti non è ancora percepita come una sostanza pericolosa. Chi la usa si sente bene, si sente onnipotente. In realtà però perdono di vista le vere difficoltà e, allo stesso tempo, si espongono a gravi rischi, come l’ictus e l’infarto del miocardio. Oggi, inoltre, gli assuntori sono spesso policonsumatori, cioè assumono anche altre sostanze insieme alla cocaina, prima fra tutte l’alcool, e i danni per la salute possono essere particolarmente gravi".

Negli ultimi anni le attività di intercettazione e di sequestro svolte dalle forze dell’ordine hanno registrato un netto aumento della diffusione della "neve". Ad Arezzo la cocaina arriva dal nord Europa, dai paesi dell’Est, da quelli della ex Jugoslavia, dall’Albania, dal Sud America. I corrieri escogitano tanti modi per portare a destinazione la roba: ingoiano ovuli (come è stato accertato dalla Polizia di Stato in operazioni che hanno portato ad arresti di corrieri Sudamericani e Nigeriani), la nascondono in auto (la criminalità albanese), ne imbevono tessuti di abiti che, una volta arrivati a destinazione, devono essere "lavorati" per estrarre la cocaina.

Il fenomeno è dunque in crescita, spiegano gli inquirenti, c’è più cocaina nel mercato e i prezzi di una "dose"si fanno stracciati. Per una "pippata", come si dice in gergo, ovvero una microdose da 0,20, 0,30 grammi, possono bastare trenta o quaranta euro. La metà rispetto ad alcuni anni fa.

Così il consumo sale e, oltre alle attività repressive, è necessaria la prevenzione. "Poco tempo fa sono state fatte delle analisi sul fiume Arno alle porte di Firenze – spiega Paolo Terracciano vice questore aggiunto di Arezzo – e sono emerse tracce di cocaina nell’acqua. Questo la dice lunga sulla diffusione e sul consumo della cocaina, sostanza che è percepita diversamente dalle altre droghe. Noi ci occupiamo anche di prevenzione. Partecipiamo a progetti promossi con le istituzioni aretine, grazie ai quali riusciamo ad avere contatti diretti con i giovani. Andiamo nelle le scuole e nei luoghi del divertimento, come le discoteche, per parlare dell'abuso di sostanze stupefacenti e alcool e sensibilizzare i giovani nei confronti di queste problematiche".

1 MAGGIO: CONCERTO S. GIOVANNI, 36 ARRESTI PER DROGA A ROMA

AGI) - Roma, 2 mag. - Trentasei persone arrestate per spaccio di sostanze stupefacenti e centinaia di dosi di cocaina, marijuana e hashish sequestrate. E' il bilancio dei controlli straordinari predisposti dai carabinieri in occasione del "Concertone" del primo maggio nella capitale. A finire in manette sono stati pusher provenienti da diverse regioni italiane, di eta' compresa tra i 17 ed i 56 anni

Alcool. Giovanardi: chi non vuole chiusura anticipata locali notturni è schiavo delle lobby

(Aduc Droghe)Carlo Giovanardi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, in una nota afferma: "Nel 2009, in Italia, negli incidenti stradali sono stati registrati un milione di feriti, tra cui 150.000 invalidi permanenti gravi (oltre 9 punti percentuali), 20.000 invalidi permanenti gravissimi (paraplegici, pazienti in stati vegetativi, ecc.) e 4.731 morti. Nelle prime 16 settimane dell'anno, nelle cosiddette stragi del sabato sera, c'e' stato un aumento della mortalita' del 27%, purtroppo, in controtendenza con i dati dello scorso anno che vedevano un calo della mortalita' del 24%. Considero scandaloso che PD e IDV abbiamo chiesto al Senato l'accantonamento dell'emendamento che prevedeva finalmente un qualche limite, valido su tutto il territorio nazionale, relativo alla chiusura dei locali notturni (alle ore 4) e alla vendita e somministrazione di alcolici (stop alle 3 per tutti). E' altrettanto negativo che si aprano varchi alla giusta severita' del ritiro della patente per chi guidando dopo aver abusato dell'alcol o sotto l'effetto di stupefacenti mette a rischio la propria e l'altrui incolumita'. La prossima settimana in Aula al Senato questi nodi dovranno essere sciolti secondo la linea chiesta con forza dall'opinione pubblica, senza soggiacere alle pressioni delle solite lobbies organizzate che nei giorni scorsi (vedi caso confesercenti) si sono attivate per contrastare l'introduzione di ogni regola di buonsenso".

Cocaina: ecco il vaccino contro la dipendenza

Isola il cervello dai segnali di piacere chimico ed evita così il consumo ripetuto

Uno studio della University School of Medicine a New Haven, pubblicato da "Archives of General Psychiatry"

 

(Matteo Clerici, Newsfood.com)Un vaccino contro la voglia di assumere cocaina, capace di eliminare le sensazioni di piacere derivate dall'assunzione della droga e quindi il desiderio di averne altra.

Questo è il risultato di uno studio dell'University School of Medicine a New Haven, diretto dalla dottoressa Bridget Martell e pubblicato da "Archives of General Psychiatry".

I medici hanno lavorato con 115 volontari, tutti affetti da dipendenza da cocaina, dividendoli in due gruppi. Al gruppo di controllo è stato somministrato un placebo, mentre gli altri sono stati vaccinati.

 

 

Alla fine delle 24 settimane d'osservazione, i ricercatori hanno notato come i soggetti vaccinati mostrassero un aumento degli anticorpi specifici contro la droga ed una diminuzione della quantità di stupefacenti nell'organismo.

 

Continua a leggere l'articolo su Newsfood.com

I risultati del proibizionismo

Fuoriluogo.it

 

Statistiche 2009 sul consumo di sostanze in Europa:


OPPIACEI: Italia 0.79% – Portogallo 0.43% – Paesi Bassi 0.31 – Rep. Ceca 0.13%
COCAINA: Italia 2.2% - Portogallo 0.6% – Paesi Bassi 0.6% – Rep. Ceca 0.2%
CANNABIS: Italia 14.6% – Rep. Ceca 9.3% – Paesi Bassi 5.4% – Portogallo 3.6%
AMFETAMINE: Rep. Ceca 0.7% – Italia 0.6% – Paesi Bassi 0.3% – Portogallo 0.2%
ECSTASY: Rep. Ceca 3.5% – Paesi Bassi 1.2% – Italia 0.7% – Portogallo 0.4%

In Olanda, e più recentemente in Portogallo e in Repubblica Ceca, vi sono politiche di tolleranza/legalizzazione del consumo di sostanze stupefacenti, in particolare leggere.

I dati UNODC, riletti da medicina moksha, via Carmagnola Sativa (FB).

Cocaina: l’identikit del consumatore tipo

(Tantasalute.it)Una vera e propria fotografia di quello che è il cocainomane tipo, un identikit tracciato dall’Osservatorio epidemiologico metropolitano dipendenze patologiche dell’Ausl e dalla Federazione italiana comunita’ terapeutiche nel corso del Convegno ‘Moda, merce, marginalita’, malattia: i paradigmi delle dipendenze’.

 

Secondo questa “fotografia” ci riferiamo ad un soggetto di sesso maschile di età compresa fra 35 e 40 anni che ha un reddito medio alto e pari scolarità di norma professionista o artigiano. Il quadro che ne è derivato non è soltanto a fini statistici, semmai volto a delineare l’ambiente che incide sul tossicodipendente e constatare come sia cambiato l’universo droga, almeno per questo tipo di droghe e il relativo consumo.

 
Una prospettiva, ha spiegato Raimondo Maria Pavarin, direttore dell’osservatorio, ‘e’ quella di uscire dalla vecchia prevenzione eroinocentrica’. Perche’ il fenomeno e’ molto variegato: un consumatore su quattro - ha raccontato - fa uso di cocaina, ma anche di altre droghe, per fini prestazionali. ‘Per rendere di piu’ nel lavoro, nello studio, nel sesso. Sottovalutando le conseguenze: i comportamenti alla guida, ad esempio o i problemi cardiocircolatori’.

 
E a proposito di ambiente circostante si è visto che il consumatore di cocaina di norma assume droga otto volte su dieci con altri consumatori, tre volte e mezzo invece assume la sostanza durante il corso della settimana ed inoltre, Il 17% spende per la droga meno del 10% del proprio stipendio, il 12% piu’ del 90%. In aumento, poi, quelle persone che passano, per risparmiare, dalla cocaina all’eroina.


Dipendenze e cervello. Studio del Dpa

(Aduc Droghe) Uno studio per spiegare il comportamento delle persone tossicodipendenti nell'assunzione delle droghe e per osservare gli effetti delle sostanze stupefacenti sul cervello. E' 'Brainsearch', un progetto attivato dal Dipartimento Politiche Antidroga (DPA) e avviato presso comunita' terapeutiche e Ser.T., che utilizza la tecnica del neuroimaging. "Lo studio e l'approfondimento di queste tematiche da parte degli operatori dei dipartimenti delle dipendenze e delle comunita' - si legge in una nota del DPA - consentira' a questi ultimi di acquisire informazioni importantissime sui meccanismi fisiopatologici della tossicodipendenza e realizzare, quindi, percorsi diagnostici mirati e piu' efficaci". Il progetto di ricerca si articola in due fasi: la definizione e lo studio delle aree del cervello coinvolte nell'attivazione del desiderio (craving) e nel controllo volontario di quest'ultimo (resisting); l'osservazione e quantificazione dei cambiamenti morfo-strutturali, metabolici e vascolari del cervello degli assuntori di sostanze. Un approfondimento di tali aspetti, orientato alle neuroscienze, puo' essere dunque d'aiuto agli operatori sanitari nel loto quotidiano rapporto con i pazienti, osserva il DPA. "Sapere cosa succede durante lo scatenamento del carving e quali funzioni cerebrali vengano coinvolte e danneggiate - prosegue la nota - aumenta il grado di autocoscienza del paziente e del terapeuta", permettendo "una piu' corretta ed efficace gestione del problema".

Sfefano Cucchi: le ferite sugli occhi sono state inferte

Stefano Cucchi è stato probabilmente picchiato in carcere. Negli atti del processo appena resi noti non si parla infatti di “lesioni spontanee” in merito alle echimosi sugli occhi del ragazzo, bensì di “ferite inferte”.

 

Newnotizie.it

Condividi contenuti