Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Dipendenza da Oppio

Buonasera a tutt*,
Come per molti di voi, è la prima volta che mi ritrovo a scrivere in merito alla situazione che stò attraversando.
ll problema in oggetto riguarda il mio fidanzato... e questo problema stà uccidendo ME.
Sono una donna di 35 anni, da un anno e otto mesi sto' insieme a un ragazzo coetaneo...preciso che non conviviamo insieme, ma la frequentazione è continuativa.
E' stata dura ammettere a mehttps://www.disintossicazione-eroina.it/index.html stessa che lui è un tossico, nello specifico fumatore quotidiano di oppio.
Inizialmente non ho dato peso alla cosa, era l'inizio della storia... serate, discoteca, amici, amore, gioia.......tutto ha avuto al precedenza.
Mi sono trovata anche ad affrontare dei cambiamenti abbastanza pesanti nel lavoro, e quindi ad essere meno presente e consapevole di cosa effettivamente stesse succedendo.
All'inizio affrontavo la cosa andando in bestia, urlandoli contro, minacciandolo....ma senza ottenere risultati...una notte in cui mi svegliai all'improvviso e lo colsi in flagrante a fumare, gli urlai talmente tanto e lo attaccai al collo, che mi persi anche un ceffone.
Sono andata oltre a tutto....illudendomi che un giorno sarebbe cambiato...e la risposta la conoscete già.
Fuma regolarmente oppio tutte le mattine, addirittura se impossibilitato si porta a presso un fornellino da campeggio....
Posso solo farvi immaginare come sono state le ferie tra amici, che tutte le mattine dovevano aspettarlo assieme a me(consapevole e imbarazzata), senza capire che diavolo facesse per cosi tanto tempo..
Giorno dopo giorno ho preso coscienza della cosa, documentandomi in primis su questa cosa più grande di me, per cui io risulto una briciola.
Ho deciso di affrontarlo in modo diverso, senza arrabbiarmi o urlare, ma parlandoli chiaramente.....cercando di farle capire che non sono nemica, che non lo disprezzo, ma che voglio solo aiutarlo.
Ma parliamoci chiaro....non ho risolto nulla.
E' venuto a dormire da me... sapeva perfettamente che la mattina sarebbe stato impossibilitato perché c'era mia madre in casa....aveva il suo dannato zainetto... e quando la mattina mi sono sveglaita e ho potuto infilarci una mano dentro ho sentito nuovamente quel maledetto fornellino.
Sono esausta. Giorno dopo giorno mi sembra di impazzire.
Mi sento una cogliona e mi sento in colpa per non essermene resa conto di quanto sia grave la situazione..non so davvero cosa fare.
Come poterlo aiutare.
Perchè ovviamente il tutto dovrebbe partire da lui...
Stamattina ho contattato un numero verde che aiuta i familiari in forma anonima, consigliando come muoversi e come procedere.
Mi ha detto che è impossibile che lui ne possa uscire, se non con un aiuto esterno.
Io sono disposta a rinchiudermi con lui 24h24 in una casa anche per 7 gg... mettendo a rischio il mio lavoro. MA LO FAREI. Se lui accettasse.
E in questo caso....secondo voi... è fattibile? La mia impresa sarebbe "premiata"?
Preciso che sono una donna che è abituata a lottare.
Sono una guerriera.
Ma in questo caso, questo labirinto avrebbe un'uscita?
Sempre se lui accetti.

Commenti

Si ma la connessione tra fornellino da campeggio e oppio non riesco proprio a trovarla.
Un accendino non va bene?

Non credo sia sufficiente per scaldare la pallina di oppio...usa il fornello da cucina o appunto questo da campeggio!

Il problema piu' grosso sarebbe se dall' oppio dovesse passare all'eroina , in genere il passaggio avviene in questi casi visto che la dopamina gia' gli sara' andata in pappa e l'oppio dopo un po diventa un po' troppo leggero.
Poi dopo gli basterebbe anche l'accendino.

Grazie Sonia... hai un'esperienza diretta?
Come pensi dovrei comportarmi?

ciao,non penso ti vada di leggere la mia storia comunque per farla breve sono passata a 7 anni di uso sporadico di oppio,sai per calmarmi dopo droghe up,allla geniale pensata che fosse la mia droga,ma è merce che costa tanto quindi sec me il tuo raga deve avere un giro in cui smezza le "partite"che scendono dalla rep ceca e spagna e quindi buoni contatti,ci sta dentro insomma.io sono passata all ero perchè piu conveniente ma i danni a livello di astinenza sono gli stessi piu o meno.ad esempio io usavo minimo 1 gr al giorno fumato o mangiato e quando ho smesso l'astinenza è stata poco più òieve da quella d ero.conosco amici anche grandi che non sono mai passati all eroina,mi hanno dato dell idiota,come biasimarli,ad essere passata alla droga piu infame,ma io guarderei il problema da un altro punto di vista:siete la classica coppia lui "droghereccio"tu santa che vuoi redimerlo ma sai cosa ti sto per dire una cosa brutta,queste sono sensazioni talmente di pace interiore che non sono paragonabili nemmeno a volte ad una scopata,è piu facile che la parte sana cada nel tranello che viceversa,di solito solo quando l'altro in questo caso lui si rendesse conto di essere strastufo di dipendere da una sostanza(ok gente non è ero ma non sottovalutatela in un uso quotidianocon quel qualità degli sputapalline oggi poi) mi rivedo con la stagnola alle 7 prima dell uni)e quindi potrebbe volere tagliare con tutto e resettare da 0,forse anche da te che non c'entri,forse emotivamente non lo appaghi quanto sto maledetto oppio e lo sai vero che sarà un periood di merda anche per te,ti troveraia dover subire vaffanculate da ogni polo,e gratitudine 0 forse alla fine,ne vale davvero la pena?vorrei fare tanti bei discorsi sull egoismo e he dovrebbe smettere per te,ma non si smette per nessuno ma per se stessi.scusasami se son stata dura spero di esserti stata d'aiuto :*

Boh Mon io l' oppio non l ho mai usato...ma davvero tutto sto casino x fumarselo? E metterlo sulla stagnola come il cobret non fa prima invece di andare in giro tipo mc ghiver ???
Comunque...sciocchezze a parte...EmmaC ...con l' eroina se leggi qualche thread precedente (il problema e' simile...ma di dimensioni inferiori con l'oppio) in genere si consiglia di lasciar perdere il partner tossicomane , perche' per quanto guerriera tu possa essere cara mia lui al suo zainetto non rinuncera' tanto facilmente...e piu' facilmente invece potrebbe cadere in circoli oppiacei piu' pesanti e meno naturali...cosa puoi fare? Assecondarlo no, obbligarlo a parlare con un operatore del sert forse...ma le imposizioni sui tossicomani hanno effetti opposti e contrari.Forse lo dovresti mollare...dirgli che se non si cura questa addiction in tempo tu farai in tempo ad andare via.
La vera guerriera in questi casi molla la presa aspettando che qualcosa cambi perche' e' consapevole che contro i mulini a vento e' inutile proprio lottare.
Dovrebbe parlare con un operatore del sert lui x vedere il suo grado di intossicazione e se un piccolo supporto puo' aiutarlo a non pensarci piu'.
Ma questo puoi suggerirglielo non imporglielo...gli deve crollare un po di terra sotto ai piedi x capire.
Spero mi sono spiegata...cmq qui puoi leggere di tanti thread aperti da fidanzate disperate e relative risposte,sempre le stesse.Mollalo.Accannalo.
Ciao !!!

Si cara s . Poi ci sono anche altri modi mangiarlo ..berlo.. ma lui ama quel sistema " classico "

Te lo dico sinceremante Rinchiuderti 7 gg con lui "e X giunta mettete a rischio il tuo lavoro " non serve assolutamente a niente . Una perdita di tempo . la guarigione parte esclusivamente dal suo di volere o da eventi più grandi di lui che lo spaventano . E Sonia qui sopra ti ha detto tutto . Mon

L'ho appena sbattuto fuori da casa.
Con tutte le sue cose....
Ennesima domenica con zainetto... a cui non rinuncerà appunto .
Mi sento un po' persa.
Non piango, non ho dubbi sul mio gesto.
Spero solo serva a fargli capire che così non mi avrà al suo fianco.
Grazie ragazze del supporto.
Davvero.

E difficile ma bisogna Prendere delle decisioni e tu il tuo aiuto gliel'avevi offerto . hai fatto bene .se tiene più a te che all oppio , ora tocca a lui . Sono d'accordo che bisogna dare una mano ma ... quando ti viene chiesta .

Mon...hai ragione.
Mi ha scritto un messaggio in cui capisce che io lo faccio per amore e che cambierà in primis per lui, ma anche per le persone che gli stanno accanto.
Non ti nego che una piccola parte di me ci spera...comunque sono decisa nella scelta fatta.
Sono stanca.
Ne ho passato tante...credimi....tante tante.
E questa non mi ci voleva:(
In questa vita delle volte, sembra sempre di stare in salita....che fatica!
Sei stata preziosa.

Ti capisco , la vita è così e a volte la complichiamo ancora di più . Ma tu su questa cosa puoi scegliere xche non É tua . Spero vivamente che lui da questo tuo gesto faccia un passo giusto , diversamente la vita gli si complicherà sempre più . Tu mantieni la tua rotta se lui è interessato sa che c'è posto anche X lui . In bocca al lupo Emmac . Una persona che si droga e che sopratutto questo condiziona la sua vita , non può pretendere e non dovrebbe neppure chiederla una relazione "X complicare la vita di un altro . "

Brava EmmaC mi congratulo con te! In genere le fidanzate reagiscono sempre incazzandosi delle ns risposte ...non capiscono e non vogliono capire il discorso fino in fondo perche' in fondo non gli fa comodo.Il fatto di averlo cacciato di casa e di non assecondarlo piu' incomincera' a farlo ragionare un pochetto...e questo non significa che non lo ami ma forse che lo ami troppo.Amare non significa possedere ... cerca di tenerlo d' occhio comunque e di capire i suoi movimenti anche ad una certa distanza.
Magari riuscira' in un momento di lucidita' a mettere sulla bilancia cosa perde e cosa guadagna...in realta' non guadagna proprio nulla ma perde tutto.
Con l' oppio fa ancora in tempo a tornare indietro.
Sei una ragazza intelligente.
Ciao.

Grazie Sonia.
È durissima ma sono determinata!!!
Non le nego un messaggio o un contatto telefonico, ma penso di essere stata incisiva in questo gesto.
E non tornerò indietro se non quando mi avrà dimostrato con i fatti...e non a parole.
Non ho più tempo da perdere...
Mi ha scritto che capisce il mio comportamento, anche se gli ho spezzato il cuore.
Di mio gli ho detto che ora è tutto nelle sue mani.
Chissà.... vi farò sapere.
Che situazione di m!
Spero davvero di essere stata una svolta per lui... perché si, lo amo e anche troppo, e sono pronta a sacrificarlo questo amore... fino a soffocarlo se necessario:(
Un abbraccio e buona notte...
Grazie.

Si facci sapere cara Emma , e' molto dura questa situazione ma come gia' saprai bisogna essere piu' dure della Vita ...per non soccombere...
L'aiuto potrai darglielo solo nel momento in cui lui sara' pronto e determinato, le parole se le porta via il vento...soprattutto di chi ha problemi con gli oppiacei e te lo posso dire x esperienza diretta ...siamo bravissimi a promettere cose che difficilmente accadranno
..comunque con l' oppio ripeto fa ancora in tempo a fare retromarcia ...
Spero che tornerete insieme ...facci sapere.
Ciao!

Ciao Emmac , mi sono drogato con l'eroina per oltre 10 anni ,leggendo la tua storia , sono tornato indietro nel tempo. Oggi sono sposato , ho due figli, una vita serena ,ho smesso una quindicina di anni fa. Avevo in quell' epoca una ragazza che mi ha amato e sopportato, che ha provato ad aiutarmi in tutti i modi , io avevo in testa solo l'eroina. Quando mi lascio' definitivamente , a me non fece ne caldo e ne freddo, tanto avevo l'eroina. Dopo qualche mese però, iniziai a rendermi conto di cosa era successo ed iniziai inutilmente a cercarla . Dopo alti e bassi , reiniziai a drogarmi ancora di più perché non avevo più nessuno che mi frenava, finché un giorno , quando davvero ero finito, chiesi aiuto ai miei genitori . Mi sono disintossicato 3 volte prima di smettere davvero. Non ti nascondo che ogni tanto ci penso, e che qualche volta ciò provato, fortuna però vuole che oggi in giro eroina vera non c'è ne sta più quindi me passata la voglia. Quello che voglio consigliarti e che se lui non si fa male , non avrà mai voglia di smettere, deve rendersi conto di cosa ha perso , perché potrebbe succedere . Sii dura però nello stesso tempo abbi molta pazienza, perché dagli oppiacei,non si esce da un giorno all'altro. La difficoltà sta nel ritornare nel mondo dei vivi, l astinenza passa in pochi giorni, il problema e dopo. Ricorda , ogni azione che fa da drogato, fatta da lucido,ti fa pensare alla droga e se parte la palla, non si toglie finché non fuma. Fagli un discorso pratico e semplice, senza incazzarti, digli che se ha voglia do drogarsi, non c'è bisogno che ti prende in giro, può farlo davanti a te , perché e meglio che non ti prende in giro. Digli che gli dai una scelta , può fumare tranquillamente, però ogni volta che fuma , un pezzo di te va via, digli che i pezzi di te non sono tanti. Ovviamente questo dopo che l avrai ripreso in casa , non riprenderlo subito, perché adesso deve assaggiare cosa significa non averti più. Cosa importante, lui non deve avere la certezza che non lo lascerai mai,ma deve avere il dubbio . E ripeto, sbaglierà tante volte , però se davvero ci proverà , dopo l astinenza a stare pulito, fai in modo che faccia cose diverse rispetto al solito, uscite , andate a mangiare una pizza , parlagli molto , praticamente ti ho detto quello che avrei voluto avessero fatto con me, ma io non ho avuto questa possibilità, l'ho vista solo andare via mentre soffriva e stava male, poi quando l ho rivista mi sono reso conto che non mi amava più.

Grazie Donjoe per la tua testimonianza!
Parlargli molto è ciò che sto facendo.
Ecco com'è andata...
Si è deciso e ci siamo rinchiusi in casa per 5 gg.
Al suo arrivo mi ha consegnato zainetto e fornellino.
I primi giorni sono stati pesissimi... leggevo nei suoi occhi la perdizione e ho dato tutta me stessa.
Come da manuale tutti i sintomi si sono manifestati ma
In misura lieve( forse perché aveva già calato la quantità nelle settimane scorse).
Adesso i sintomi di astinenza sono passati.
Ci sto riprovando.
Dal tonde vedendo il tuo uomo che vuole il tuo aiuto e me ha bisogno di uscire da questa schiavitù( sue parole) cosa avrei dovuto fare?
È comunque difficile.
Sincera? Non lo so..... non ho la palla di cristallo per sapere se ha capito e ne è uscito, non conviviamo insieme.
Però per la prima volta questo weekend al risveglio non c'era quella necessità.
Il problema ora è il mio.
Come dici te un pezzo di me giorno dopo giorno mi abbandona...
Ho l'ansia perenne, non dormo e mi chiedo se sono innamorata, se dice bugie e se non stia perdendo il mio tempo.
Mi ha sfiancato fisicamente ed emotivamente la settimana insieme.
Mi sento persa e ho sempre
Voglia di piangere.
Una parte di me, coraggiosa e agguerrita mi dice che ho fatto il possibile e ora sta a lui.
L'altra parte egoista mi dice di scappare.
Comunque brutta bestia la dipendenza...
Non l'ho provata in prima persona ma di riflesso, credimi....
Capisco bene la tua ex.
Perché anche amare e stare con una persona è quasi una dipendenza...
E quando la vedi mutare così e sei impotente.... ti senti morire.
Un abbraccio e spero presto di riavere la mia serenità.

Come ti capisco, come ti capisco... il mio ragazzo è in cura al serd e in terapia con il metadone, dopo quasi 30 e dico 30 anni di uso di eroina. Ovviamente non continuativo, altrimenti sarebbe già morto. Ma tra alti e bassi, tra periodi astinenti e periodi di uso smisurato, sono davvero 30.
Nessuno ti può consigliare che fare, a me ne hanno dette di tutti i colori. Amici, psicoterapeuti vari, genitori, suoceri... l'unico aiuto concreto è il serd e il metadone. Fattene una ragione e cerca di non farti mancare di rispetto. Ti mando un abbraccio e fatti forza, qualunque sia la tua decisione, se stargli accanto o se lasciarlo andare. Ciao

ASSOLUTAMENTE SI
non hai bisogno della ragazza quando hai l'eroina (o oppio, che e' piu' leggero, ma pur sempre intossicante)
Finche' il cervello ha "una compulsione", ricerca la calma, ossia l'uso, il
"rito del fornellino"
e' al momento necessario, senno' il suo cervello e' squilibrato ; per riequilibrarsi, appunto, ha bisogno del
RITO FUMARE + LA SOSTANZA FUMATA
La decisione di smettere da parte di un TD puo' venire solo da lui stesso; stargli vicino o aiutarlo si proluga solo l'agonia, e agonia diventa anche la vita di chi ci prova
Io ho deciso di togliermi la terapia del Sert, ma la decisione e' stata mia, e credo che riusciro'
La sostanza che trovo adesso non mi fa nulla, non sento nulla, e poi direi di avere gia' dato sin troppo
.
EMILIAC
credimi, hai fatto bene, una persona sana non puo' stare vicino, vivere con una persona TD
si esplode entrambi........
UN SINCERO IN BOCCA AL LUPO PER LA TUA VITA, VEDRAI CHE TROVERAI UN PO' DI SERENITA'....E LUI DOVRA' FRONTEGGIARE I SUOI PROBLEMI
.
Sugar

Sugar grazie!
Leggi sopra la mia risposta.
Un abbraccio.

EMMMA
bella prova; se non ho capito male questa e' la sua prima Detox, fatta in casa senza farmaci
ovvio, l'oppio da' assuefazione ma e' moltissimo piu'leggero della roba
.
tieni presente che gli oppiacei sono la sostanza delle porte girevoli
Cmq, bella prova lo stesso, nulla toglie a questi 5 gg di sofferenza superati
Ottimo..........ORA VIENE IL VERO DIFFICILE
PROSEGUIRE E NON RICADERE

Rcamiseria...io sono pulita pulita e c ho delle depressioni ...vado giù come un palloncino sgonfio alcune volte.
Le persone giuste attorno a me le allontano pure...ultimamente...il difficile è quando si esce...io ne sono uscita a pezzi mentalmente...voglia di droga no...niente mi sono ripresa gli xanax sennò svalvolo dopo una dura astinenza.
Più vado avanti più mi sento insicura su tutto...
Quanto mi ha potuto segnare questa esperienza?
Quanto durerà...spero non tutta la vita.
Segna dentro, segna forte...lascia sciastrichi...

Voi direte rivolgiti ad uno psicologo se non stai bene...ma io dove sono sono circondata da tanti amici che lavorano nel campo medico, alcuni proprio nelle comunità...loro stanno dietro a tutte le paranoie mi hanno rialzato col cucchiaino da terra mille volte...mi sono stati vicini x fare esami e gastroscopia che avevo paura di fare x non farmi infilare un tubo nell' esofago pensavo di avere un tumore per delle paranoie... ed era una gastrite nervosa ...il lavoro non va come vorrei io ma comunque lavoro...anche se sento di aver perso tanta voglia di fare e migliorarmi...come prima che avevo il sub...Ecco le persone giuste sono quelle che ti prendono x mano e dicono adesso smetti di pensare al passato...smetti di piangere...le paranoie ce le abbiamo tutti...ed io non ho bisogno di nessun psicologo perché meglio delle persone che mi sono capitate non potevo chiedere....
Voglio di nuovo mollare tutto ed andar via...come ho sempre fatto...poi mollerei degli amici con i controcoglioni...la famiglia ritrovata e una serie di cose...ma poi scappare da chi ? Da me stessa? Da chi sono sempre scappata in giro...solo da me...il mio dolore cammina con me dovunque vado...
Ecco l' oppio e gli oppiacei cosa fanno...tappano il dolore e le insicurezze...ed il miglior psicologo del mondo non puo' nulla...se tu stesso non lo fai per te...
Poi quando ne esci le paranoie e le insicurezze sono triplicate...depressioni che per fortuna non mi portano all' autolesionismo...ma spesso ci penso alla morte come soluzione...ma ho paura...non so cosa ci possa essere dopo la vita...
Io vorrei riprendermi da tutto questo sfiaccamento...dai pesi che mi porto dietro...alleggerirmi un po' ...disturbo borderline o trauma ? Si puo' uscire da questo tunnel...cosi' come si esce dalla dipendenza della robba???
Dott Scelfo se lei ha tempo x leggere queste mie righe e se puo' darmi anche una mezza risposta le sarei riconoscente...
Non lo so se tutta la vita devo tenere botta con questa condizione mentale...non e' giusto nei miei confronti...passera'? Mi perdonero'? Mi riprendero' l' autostima che ho smarrito fra una dose e l' altra?
Io sono fiduciosa e propositiva...poi il palloncino va sgonfiandosi alcuni momenti...e cado giu nel baratro...

Ciao,
non voglio darti risposte di carattere psicologico, per quello aspettiamo il dott. Scelfo che ne sa sicuramente di più, ma una cosa posso dirtela: lo xanax da solo se soffri di depressione non è una buona idea, le bdz aumentano e aggravano infatti gli stati depressivi. Dovresti affiancarci un antidepressivo ricaptatore del reuptake della serotonina.
Un saluto.

Si lo so...citalopram...cipralex...gli ssri...
Ma tu sei davvero convinto che una pasticchetta del cavolo puo' fare uscire una persona dal baratro interiore che ha dopo tutto quello che ha passato?
Io non sono convinta...posso anche riprenderli e abolire lo xanax.
Piu' che altro sono convinta che dopo una vita che hai dedicato alle droghe...e con tutti i trascorsi accumulati...il tempo che passa e l' affetto attorno a te potrebbero essere la cura ...il tempo di perdonare te stesso...di cercare di zittire alcuni ricordi...alcune voci che hai dentro...che ogni tanto ti dicono che sei stato davvero una merda...Quando le cose ti segnano nell' anima e non sei superficiale...il problema e' assai assai grosso...Tirar.

ciao SONIA, buon giorno
ma dimmi.......sono diversi mesi che hai staccato BPN e Xnx giusto ??
almeno 9/10 mesi.....tra poco fai il traguardo di 1 anno
.
1 anno di stacco........e' il primo obbiettivo di notevole portata
vedi che non e' da tutti, tu hai fatto da sola, scalando (scusa se mi permetto),
"male e troppo in fretta"
ORA SEI VICINA ALL'ANNO INTERO DI "PULIZIA COMPLETA"
.
devi solo essere orgogliosa di te stessa, credimi, davvero devi darti una medaglia
se cambi modo di pensare e inizi a vedrla sotto questo punto di vista, secondo me recuperi autostima e da li' inizierai a stare meglio
credo, conoscendoti di persona, che tu sia troppo dura con te stessa; hai fatto una cosa davvero.......unica (o quasi unica)
Quando arrivi a 1 anno esatto......ESCI E FESTEGGIA (in modo sano, ovvio)
un abbraccio
Sug

Concordo pienamente con Sug, hai raggiunto dei risultati importanti, e lo hai fatto da sola. Non devi essere cosi dura con te stessa.
Per quel che riguarda la pastiglia, non so se un ssri può colmare il vuoto che hai dentro, ma di sicuro lo xanax da solo può solo peggiorarlo...

Grazie x le vs parole d' incoraggiamento...so che sono sentite...come quelle dei miei attuali amici che gratuitamente mi sopportano...senza volere nulla in cambio.Si lo xanax me lo riprendo solo da tre giorni adesso lo abolisco.Fino a poco fa la ritenevo anche io una vittoria il fatto di essermi tolta il sub...adesso non mi interessa questo traguardo perche' forse riesco ad oggi a guardare solo le cose negative...tutto il macello che ho combinato...oltre gli oppiacei tutta la roba sintetica che ho buttato giu' e le cappellate che ho fatto...di consequenza.Quando togli tutto e non t' interessa piu' nemmeno delle droghe e stai in mezzo a gente regolare...poi fai il confronto di cio' che sei e cio' che saresti potuto essere.Io mi sento constantemente inferiore agli altri x il mio vissuto...nonostante ricevo solo bene ed incoraggiamento.Vorrei scappare lontano lontano...lontano da me...ma da me non mi posso separe.......

Guarda, posso dirti che per esperienza personale, solitamente ha più qualità una persona che ha toccato il fondo ed è risalita, di chi è stato sempre a galla.

Si ma infatti prima mi sentivo stocazzo detto volgarmente perche' ho visto e vissuto cose che i comuni mortali non potrebbero nemmeno immaginare lontanamente...adesso riesco solo a fustigarmi invece...per quello che ho visto e fatto.Forse e' una fase...che devo superare...forse il tempo mi dara' una mano a perdonarmi...tutto questo mi nasce dalle persone regolari e allegre che adesso mi circondano ...nonostante con affetto...io con i confronti adesso ho sempre una sensazione di inferiorita' , paranoie , di non essere all' altezza perche' mi sono fottuta il cervello...mentre invece sono amata,stimata e capita...e' tutto nel fottuto cervello il dramma...comunque uscire da 20 anni di droga di ogni genere non credo sia una passeggiata per nessuno...si hanno sempre dei conti in sospeso belli grossi con i propri demoni da affrontare...

Certo, quel che dici è più che normale. Tieni anche conto che ci può volere molto tempo affinché il cervello si riequilibri completamente dopo anni di maltrattamento, e la depressione è uno dei primi segnali di un equilibrio non ancora raggiunto.
Occorre tener duro, essere positivi e affrontare la vita di petto. A volte aiuta pensare che lo si faccia per i propri cari, piuttosto che per se stessi.

Io non rido mai come loro...le mie risate ed i miei sorrisi sono sforzati ed isterici...le persone "normali" ridono di gusto...io sono brava solo a stare nei miei melodrammi mentali....li ci sto benissimo...
Cmq grazie di tutto...

Forse non abbiamo mai riso con serenità . A volte ci si nasce così o ci si diventa . Ad ogni modo bisogna accettarsi . Ma Non si può pretendere dopo 20 anni di una vita alternativa a questa società che ci si possa sentir integrati come se ci si avesse vissuto giorno X giorno assieme ( se non lo si É fatto ) . Ci vorrà tempo e penso che comunque non basterà tutto il tempo . Un sorriso amaro rimarrà dentro a ricordarci xche si è iniziato . Cara , lo accettiamo quel sorriso amaro sarà la nostra forza . Un abbraccio sincero .

Come al solito cara Mon le tue parole sono dritte e schiette...ho vissuto in questa societa' anche io in sti 20 anni ma a modo mio, secondo i miei canoni distorti, io cmq c ho sempre avuto a che fare con tutti i generi di persona x il mio tipo di vita...ma sempre con la mia visuale anarchica e incazzata, strafottente ed arrogante...per poi risvegliarmi un giorno e capire che invece non viaggio piu' e per fortuna a senso unico...che esiste il rispetto per gli altri ed in primis per se stessi...anche se a dirti la verita' io davvero non arrivo ancora a capire come certi ragazzi si possano divertire stando ore ed ore davanti ad un bar a parlare di cazzate...o a divertirsi facendo un giro in macchina...oppure a mangiare ad un ristorante... me pesa come un piombo pure fare la spesa ed entrare in un supermercato...mi prende il panico per queste normalita'...oppure sorridere per cose di cui non mi frega niente e non mi fanno sorridere nemmeno...sorriso amaro,isterico,non dal cuore...come loro.Forse non mi bastera' una vita...i segni sono evidenti e x questo sprofondo a volte...so che in fondo...io come loro non potro' mai essere anche se sto in mezzo a loro...so che sono duramente segnata...ma so anche che devo reagire.Perdonarmi,apprezzare quello che ho(in questi casi non essere soli e' tanto e' tutto) fare del mio meglio perche' le cose sono andate cosi ormai...e un giorno spero presto...riuscire a sentirmi degna di un confronto con chiunque...anche con la vecchietta che aiuto per attraversare la strada.Perche' cosi' io troppo a lungo temo di non resistere...

Vorrei un giorno poter camminare solo . - ma non "solo "come vado adesso ,- ma solo solo ,senza me stesso . Non ricordo l'autore .

Anche io vado al bar ,incontro il mio giro di conoscenze si beve una cosa si chiacchiera , a volte mi innervosisco " sono intollerante alla superficialità , alla stupidità "succede pure che riesco andare a casa incazzata ,ma poi ci ritorno ognuno ha le proprie fatiche e ognuno da quello che può . Poi mi basta un incontro con un amico/a "vero " uno scambio reale .e amo il mio sorriso amaro .

Ah tu lo ami il tuo sorriso amaro? A me mi sta proprio sui cosiddetti...solo il mare a me riesce a dare un po di calma...tant' e' che estate finita sono qui in fase calante...mi stanno tutti sulle palle pure quelli veri...mi sto sulle palle pure io porcod...
Sto pensando di farmi fare un tso e prendere la pensione d' invalidita' x la pazzia cosi non mi devo nemmeno piu' preoccupare di lavorare...
Ovviamente scherzo...
Che cavolo di vita del cavolo che mi sono scelta...con le manine mie...
Ragazzi se leggete prendete esempio...e abbiate una paura fottuta di fumarvi la prima stagnoletta...bere i beveroni di md...bottiglielle x il crac...lsd...
Il cervello e' uno,l' unico e solo che avrete a disposizione !!!