Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Sospensione subutex e dolori

Salve...
racconto brevemente la mia storia (l'essenziale giusto giusto)... per anni ho preso il subutex, fino ad arrivare ad 1mg/die. Alché ho tentato di scalare ma senza successo. Ho quindi avuto la brillante quanto geniale (sono sarcastico) idea di togliermi il sub sfondandomi di ero. l'ho sniffata per mesi senza prendere il sub. Dal 26 agosto non sto prendendo nulla. Sto bene tranne che mi succede che, sopratutto la sera, quando ceno ad un certo punto mentre mangio mi sento come "bloccato" all'altezza dello stomaco. Una sensazione di peso e che non mi fa dormire e spesso mi porta a vomitare più volte e succhi acidi che risalgono dallo stomaco. Le varie analisi che ho fatto dicono che non ho niente. Può essere che i movimenti peristalgici risentano della drastica riduzione di dopamina prodotta dal mio cervello? C'è qualche medicinale da banco che può migliorare la situazione?
Cmq vedrò di parlarne con il mio medico, ma nel frattempo vorrei sapere la vostra...

Commenti

Forza e coraggio . Spero tu ci possa riuscire , daje !!!

12 giorni senza prendere nulla. o quasi... avrò preso w volte 0.3ca di sub e basta. niente stupefacenti.
ma prler i dolori? dispepsia secondaria causata da abuso di oppiacei?

Anche stanotte i soliti fastidi. Ma almeno non ho vomitato!
Sembra migliorare la situazione ma... non devo avere fretta. Diamo il tempo al fisico di equilibrarsi!
Adesso temo il giorno che arriverà lo stipendio... devo resistere alla tentazione...

Buongiorno PI2, mi fa piacere che migliori. Bisogna stringere un po' i denti e avere pazienza.
I soldi..., la tentazione..., magari appoggiarsi a qualcuno fidato che condivida la situazione delicata...
Essere troppo soli in queste cose non aiuta. Vedi tu.

Grazie Placido,
ma come scritto altre volte non ho nessuno.
Vabbè, andrò avanti x questa strada lo stesso...

Con slancio di solidarietà ti dico che, se vuoi, lo stipendio puoi farlo accreditare a me, PI2.
Trattengo solo una modesta commissione del 2% per il servizio di base TAT (Tutela Anti Tentazioni).
E poi un ulteriore 5% su ogni acquisto di prodotti non psicotropi che mi commissionerai per tuo conto e che sarà mia cura fare recapitare all'indirizzo da te indicato (spese di spedizione a tuo carico).
Il mio è un servizio innovativo sul fronte della lotta alla droga e della terapia delle tossicodipendenze.
Sto scherzando naturalmente.
Vedi di conservarli i soldi o di spenderli saggiamente. E continua a volerti bene.
Ciao

Vedi... fare sempre la stessa routine casa-lavoro mi porta a voler provare quel brivido freddo "del movimento", dello sfidare la sorte e nel mostrarsi più intelligente di "loro" nell'imboscare il materiale Dovrò cercare altre fonti adrenaliniche sane, ma qui da me le possibilità son poche.
Grazie cmq x gli auguri. per ora, tutto ok...

Adesso temo il giorno che arriverà lo stipendio
____________
la mia croce n.1
.
IO LA CHIAMO.......SINDROME DELLO STIPENDIO, DAVVERO UN GIORNO MALEDETTO E PERICOLOSSIMO
DA SEMPRE
.
Il limite di quantita' me lo so dare bene, non eccedo mai, ma oggi finisco di lavorare e fino a lunedi' 24 sett non tonero' al lavoro; non posso andare in vacanza per motivi familiari gravi
VEDETE L'ANSIA CHE HO ADDOSSO
DA OGGI POMERIGGIO FINO A DOMENICA 23 SETT INCLUSA......QUI CON NULLA DA FARE
Andro' in palestra........ma troppo tempo libero.....mi fa male, anzi malissimo, e di parole ne ho scritte e lette troppe, so che non servono a nulla, meno che zero
.
Sug

Io non ho tanto il problema col giorno dello stipendio, probabilmente perché avendo partita iva non esiste un vero e proprio "giorno di paga", ma tant'è, non mi condiziona l'avere più o meno soldi da spendere. Non ho mai ecceduto o andato oltre alle mie possibilità economiche, dunque se voglio posso acquistare sempre.
Il mio enorme problema è il tempo libero a casa. Quello si che è problematico.
Finché sei in ferie ok, non ci penso nemmeno, a lavoro idem. Ma cosa si deve fare tutto il giorno a casa ad annoiarsi, se non drogarsi?
Devo lavorarci su.

PS4 con amici di clan e via... io faccio così. ovviamente a loro fottenulla di chi sono e cos afaccio!

Sug ...ti sto aspetto in PV.

Anche oggi (sabato) fatto nulla. ma avessi avuto 60 euro in più in tasca boh... il weekend è sempre tragico.
Lunedì arriva lo stipendio...e li scatta il pensiero malato "una volta cosa fa". la cosa triste è che so essere una cosa stupida ma comunque la si fa. Dipendenza di merda=lotta continua con noi stessi

Eh sì..., nel week end il vuoto si dilata e il tempo rallenta. Sì è più vulnerabili. Però sei a buon punto, PI2. E le cose possono ancora migliorare. Anzi, miglioreranno senz'altro, se tieni botta. Starai sempre meglio, fisicamente e psicologicamente, e certe oscillazioni e richiami si andranno attenuando e diventeranno meno frequenti, soprattutto se vorrai contrastarli.
Poi certo, la ex “scimmia”, al giorno d'oggi craving, qualche colpo di coda può sempre darlo, soprattutto nei primi mesi. A volte a sorpresa.
Mi sembra un'ottima idea, da parte tua, scrivere qui in questo frangente e nel prosieguo. Anche giorno per giorno, come stai facendo. Non credo di essere il solo a guardare con simpatia e solidarietà al tuo percorso.
Programmati altre cose da fare e da pensare.
Continua a riprenderti il tuo cervello.
Ciao e tieni duro

Per me ha ceduto

C'è la mia compagna che il giorno di stipendio non stacca gli occhi dal PC finché non vede comparire la cifra, poi dice. : "Scendo un attimo "

No, Steve... non ho ceduto. Pennichella e poi Playstation. adesso esco che in un paese limitrofo c'è una festa.
Ti dico che probabilmente non l'ho fatto perché non ho soldi e comunque non mi andava. Troppo sbattimento.
Quando crederò, per onestà, ve lo dirò.

Buona vita!

.

Ciao Freestyle,non e' possibile farla affidare ai nonni? Forse ora ritieni che quel posto possa darle delle regole.Mi fa rabbia la dott.B. ,non sentirti sbagliata,non tutti sono professionali,anzi io credo che queste strutture siano "business" senza cuore.
Forse non tutte e tutti,ma in tv ho visto organizzazioni interessate ad arricchirsi e non strutture statali vicino alle famiglie.
Mi auguro tu abbia avuto la fortuna di incontrare l avvocato giusto,tenendo a mente che il primo avvocato in una causa,sei te stessa,e quando l avvocato inizia a consigliarti cose che vanno totalmwnte opposte alle tue.Rifletti.

Neanche la mia cana e' tanto tranquilla,ieri per salutarmi mi stava staccando la mano destra,ce l ho ancora gonfia adesso.E' di una razza irrequieta,d altronde potevo mai salvare un barboncino?
Cosa mi sta succedendo,sono in crisi totale.
Forse dovrei uscire.

Ciao Freestyle, e buona domenica, nei limiti del possibile. Se può confortarti, ti dico che in questi 33 anni di sobrietà i periodi di crisi, anche profonda, non sono mancati neanche a me.
Non più crisi di astinenza, ma di vita. Di motivi ce n'è sempre.
Per la mia esperienza, c'è qualche pausa di bonaccia, ma la regola sono le increspature, il mare agitato e talvolta la tempesta.
Posso ricorrere a qualche luogo comune, come quello secondo cui ciò che non ci uccide ci fortifica. Oppure quello secondo cui non tutto il male viene per nuocere. Che credo sia altrettanto applicabile alla situazione attuale tua e di tua figlia.
Ma sono soltanto banali proverbi e comunque un bel perozzo o una stagnola, come si dice adesso, acquieta tutto.
Ma poi torna tutto amplificato.
A mio modo di vedere, ci sono persone che programmano la propria TD, “galleggiando”, in modo da essere svincolati da tutto e da tutti, come se fosse possibile, pensando o fingendo di pensare che così si può fare il ca...o che si vuole, a buon mercato.
Poi ci sono persone che hanno legami forti o li desiderano, come te e tanti altri. O che comunque non desiderano isolarsi. E allora le strade sono due: o si sceglie di vivere con tutte le crisi che ciò comporta o ci si continua a sballare, ma in questo caso difficilmente si galleggia: si va a fondo e poi si continua a scavare, perché c'è molto di più da narcotizzare.
Ciao
Placido

Non so a te ma a me la tristezza fa isolare,escludendo le droghe.Il frastuono mi da fastidio,rifiuto gli inviti,le occasioni di essere spensierata qualche ora,mi chiudo,come adesso.Senso di inadeguatezza per i problemi che si hanno in corso, per tutto.
Forse da questo scatta la molla per drogarsi.
Adesso potrei scegliere,come in sliding doors di andare a prendermi un pezzo,ho il tempo,l auto,ilcash.Oppure potrei scegliere con le stesse carte da giorcarmi di andarmi a fare un bagno con gli amici,ultimamente ho perso anche la mia amata abbronzatura,neanche il sole sopporto,e lo amo.Sono distesa,per fortuna non ho craving,interesse droga zero.Ma nemmeno interesse piu' per altro come fino a qualche giorno fa.Non dormo neanche piu'.Mentre stavo recuperando tutto,eccolo,il macello.

Cara freestyle non so che dirti se non che capisco il tuo male , sono una mamma anch'io . Forse una casa famiglia ( e dico forse xche non lo so ) forse gli farà bene . Ho visto dei ragazzi cambiare in meglio costretti in altri contesti . Tu in ogni caso X la vita sei sua madre e sei lì con la tua presenza . E ci sarai sempre . Mio figlio è tornato a casa tant'è volte è la mia porta è sempre stata aperta . Ho fatto bene ? Ho fatto male ? Sicuramente ho fatto quel che ho potuto . Mi sarebbe piaciuto dargli la serenità . Non ce l'ho .

Tanto, come. si dice da noi, "come la fai la fai coi figli sbagli sempre". Questo non per giustificarci e non ci esime a cercare di fare il meglio, il massimo e l'impossibile. Non ho figli, ma per la mia unica nipote mi strapperei un braccio, figuriamoci x un figlio

Ragazzi...solo voi potete capirmi e qualcuno che mi sta vicino.Ieri sera sono andata da lei e mi ha sputato in faccia che sono stata una tossica, che devo avere io il rimorso di questo e lo dovro' avere per tutta la vita.
Lei gioca tanto su questo rimorso che io mi porto come un bagaglio pesantissimo da anni, e'una stronza sa dove colpire.
Perche' e' di nuovo uscita e non poteva e le ho detto che per me e' meglio a sto punto che va in casa famiglia,come hai detto te Mon,lo.penso anche io.Anche perche prima o poi cosi andra nel penale.
Il ruolo da vittima non mi e' mai calzato,tantomeno adesso.
Quindi non amo essere compiatita quanto compresa.Spero che questa ass soc se la carica presto e la porta in un centro dove le diano regole,io credo che ancora non l ha fatto perche' al comune mancano i fondi.
Io non riesco a starle troppo vicino fisicamente come vorrei, corro il rischio di prenderla a sberle (quelle che si meriterebbe) o di sembrare debole ai suoi occhi perche' a una certa mi cadono le braccia.
Dovevo creare un mio prototipo ma piu stronzo..e piu' precoce...la legge delcontrapasso, i cicli e ricicli dell esistenza.

Non per metterti in difficoltà ma una domanda vorrei fartela, poi sentiti libera di rispondermi o mandarmi a cagare, non me la prendo. Hai mai provato a chiedere a tua figlia cosa vuole? Darle un aut-aut? Vuoi fare la tossica? ok... vai...
Ed un consiglio :sei stata una tossica, dovresti farne una forza non un punto debole! Quando te lo rinfaccia, urlale contro che ti comporti così proprio perché SAI di che stai parlando, non come quei genitori che agiscono "per sentito dire"!
Buona vita,

E certo che glielo dico ma sai quando parli a vanvera perche' hai di fronte una bimbaminchia ribelle e saccente e soprattutto supportata dalla nonna ignorante...e' come parlare col muro dell ignoranza piu' totale.
Dovrebbero volare solo dei grandi schiaffoni per tutti

Anche mio figlio sebben ho rinunciato tante volte X lui , non l'ho mai lasciato , è ancora oggi apro la porta . Più volte mi ha rinfacciato le sue verità . L'ho messo alla porta , ho parlato fino a consumare le parole, sono stata zitta . ---- hanno le loro verità ... devono crescere . Noi come genitori oltre che cercare di dargli tutto quello che è giusto , altro non possiamo se non essere sempre presenti . E come dice pi2 come fai fai e con i figli si sbaglia sempre . .

Io non avrei dovuto fare un figlio , avrei prima dovuto crescere , maturare , risolvere . E se avessi fatto tutto questo prima , di sicuro avrei scelto di non fare figli .

Fosse così, mon, i figli li faremmo a 70anni!
Purtroppo quando si fanno ci si crede sempre impreparati (e probabilmente è così) ma che ci vuoi fare? In genere ci si prende la responsabilità, si mette i figli al primo posto e si cerca di fare il meglio. Nessuno nasce "imparato", nessuno non commette errori. Siamo semplicemente e complicatamente umani.
Mi sembra che stai facendo del tuo meglio, non hai niente da ricriminarti.

Se 15 anni fa mi prendevo un cane come ho fatto adesso,invece di voler mettere al mondo una creatiura contro tutto e contro tutti ,sarebbe stato molto meglio.

Anche io.E' terribile dirlo,pero' e' cosi'.
Mi sono pentita d averla creata, anche se l ho fatto con tutto l amore.I risvolti sono stati tremendi.
A saperlo non l avrei fatta ma nemmeno morta.

Devo aggiungere che. - lui è stato la mia salvezza .quando l'ho guardato X la prima volta , mi son detta :ok ora basta ., ho una responsabilità verso questa persona .

Vabbè, Freestyle, è normale che rinfacci a te di essere stata tossica...
Più vede che sei vulnerabile e che hai rimorsi, più lo farà. Renditi impermeabile, è difficile, non impossibile. Fingi casomai. Secondo me non le è utile sapere che fa breccia in te.
Adesso questo è l'inizio, il primo impatto. Non ti concentrare sulle scaramucce. Magari ne trae spunto per potenziare le sue tendenze ribelli e oppositive. Tu cerca di raccogliere le forze e mantenerti nel tuo, senza accettare scontri in campo aperto. Dille come la pensi in modo chiaro, fermo, senza alterarti. E basta. D'altronde a questo punto ha altri interlocutori, ben attrezzati, cui rendere conto.
Sarà una gara dura e lunga. Questo è solo il convulso inizio. Disperdere le forze accettando la guerriglia a tutto campo secondo me non serve a nessuno. Casomai lasciala stancare e sprecare munizioni.
Io propenderei per una guerra di posizione. Tattica. Meno emotiva possibile. Anche andando a mare con gli amici, perché no, finché c'è beltempo, che fra un po' è già autunno...

Peccato perché questo thread sta prendendo una piega interessante nonostante l'oggetto dello stesso forse rivolto ad altro.
Comunque... anche oggi fatto "quasi" nulla... una puntina di sub da pillola da 2mg.
I cacchi saranno domani sera che mi arriva lo stipendio.
Dovrò giocare parecchio alla ps4 o tirare un po di arco se il tempo concede

Non è uno stillicidio controproducente prolungare irregolarmente queste minime sortite farmacologiche?
Pensi che ti giovi?
Da domani hai un'alternativa: scrivere prima o scrivere dopo l'eventuale cedimento
In bocca al lupo
Placido.

Può essere. 0.2 è sempre più di 0. Sarà il fattore psicologico, boh
Ne approfitto... se l'emivita di una sostanza è maggiore di 24h ed una persona ne assume sempre la stessa quantità, matematicamente in corpo ne avrà una quantità sempre maggiore! E se la prendi ogni giorno per 10anni quanta ne accumuli? 80kg?
Mi "delucidate"?

Sì, infatti, dopo 10 anni ti trasformi in una gigantesca compressa. Tipo uovo di pasqua.
Non me ne intendo, ma credo proprio che la farmacocinetica non sia il tuo forte, PI2

Il mio era sarcasmo! Proprio perché non si può accumulare all'infinito chiedevo una semplice delucidazione! Mi hanno sempre insegnato che non esistono stupide domande ma stupide risposte si.
Allora, Placido, me lo sai spiegare come funziona? Forsea arrivata ad una certa quantità di "saturazione" il resto. viene espulso? È la cosiddetta quantità "tappo" che mi sembra che per il sub siano 32 (o 24?) mg?

No, io non te lo so spiegare.
Non ho mai avuto interesse per questo genere di argomenti.
Ciao

La cinetica di accumulazione di un farmaco riflette la cinetica di eliminazione, pertanto per evitare il rischio di accumulo i farmaci a lunga emivita vengono somministrati 1 sola volta al giorno e sempre allo stesso orario.
Ciò fa si che l'accumulo nei tessuti sia minimo.

Grazie per la risposta... Però matematicamente non è una serie tendente ad infinito? da pulito prendo 2mg. domani stessa ora ne prendo altri 2mg quindi in corpo ne avrò 3mg. il giorno dopo ne prendo altri 2mg quindi in corpo ne avrò 0.5+1+2=3.5mg... and so on.
Capirete che qualcosa sfugge nel mio ragionamento...
Scusate ma sono curioso di natura!
(mettendo in grafico mi sa che la pendenza della crescita è minima...)

Ok... risolto. Prendendone 2mg si stabilizza al doppio quindi 4mg e non ne viene accumulato altro.
Quindi emivita di 24h il farmaco si accumula x il. doppio. Matematicamente chiaro.

PI2
.
Negli esami che faccio io al Sert per riavere la patente è inclusa anche la buprenorfina nel corso di tutti questi anni ho fatto ogni genere di esperimento e ti posso dire che a 3 giorni dalla sospensione risulta ancora nelle urine mentre al quinto giorno era stata smaltita
.
Sug

.

Upgrade... stipendio preso... terminato il lavoro driiiiitto a casa! "Una volta cosa vuoi che faccia?" Fa... Fa.. basta quella unica volta che ti fermano con 5g addosso e ti aprono il c..o come un cocomero.

Fa piacere leggere questo genere di upgrade che ti auguro di reiterare e di cui mi compiaccio. A parte evitare il c..o come un cocomero, direi che mantenersi sobri ha molti altri vantaggi e può dare molte soddisfazioni.
Purtroppo è facile dimenticarsene, quando si è condizionati da pulsioni e pensieri “divergenti”, tipo quelli da “ultima volta”.
Poi c'è pure la variante “se intanto ho smesso posso anche smettere in seguito, ma intanto festeggio”.
Comunque tutti trabocchetti ai quali è possibile ovviare, volendo.
Ancora in bocca al lupo, PI2
Placido

Ho capito perchè tutti vogliono gli orologi.
Scusate l'ot,va così.
Il tempo può essere un galantuomo ,può restiruire quello che hai perso per strada ,un pò per volta , ti può aiutare.In altri casi invece ti ruba tutto,come la giovinezza,la spensieratezza,l'infanzia,le possibilità che non tornano più.Come me che dieci anni fa portavo per mano la mia bambina all'asilo ,con il suo grembiulino rosa e bianco,con i dentini da latte spezzati davanti,con gli occhietti vispi...io voglio una macchina del tempo che mi riporti indietro di dieci anni esatti.Non per essere più giovane,non me ne frega niente,voglio avere mille rughe in faccia ma voglio tornare in quel momento per non ripercorrere lo stesso percorso e non rifare gli stessi errori.
Come se fossi rimasta bloccata in quello spazio-tempo di dieci anni fa ,in quella foto di lei con il grembiulino rosa,come se da li non riuscissi a scrollarmi , non riesco a scansarmi da questo rimorso.
Gli assistenti sociali e il gran giudice dei minori che mi ritiene invalida come madre mi tengono legati a questa immagine,mentre io saprei bene adesso come distaccarmi avendo la possibilità materiale di mettere a tecere tutte queste persone che si illudono di poter gestire una parte di me che solo io potrei ... tant'è che i loro risultati sono evidenti.I risultati di queste persone...chiamiamolo sistema perchè altro non è ...che non hanno i fondi nemmeno per portare avanti queste loro cause ... i cui risultati sono devastanti per chi li vive ,per la mancanza d'amore che viene subita da tutte le parti ,per la mancanza di controllo ...che il sistema vorrebbe avere...a termini di LEGGE.
E così io indietro nel tempo non posso andare ,solo avanti ,inorridita da quello che ho di fronte...una figlia persa ed anche io persa ...poi parlatemi di giustizia...in un paese dove la giustizia la puoi comprare solo a colpi di mazzette.

Mi dispiace, Freestyle.
Purtroppo il passato non ritorna. Non si può tornare indietro e riprendersi ciò che si è perso.
Però non lo si è perso solo per colpa degli altri. E' una ben magra consolazione questa. Soprattutto quando non si è più ciò che si era prima.
Ma questo forse vale per tutti, tossici e non. Anche io vorrei tanto tornare indietro.
Ma forse, se scrivessi le vicissitudini che ho passato io, non dissimili dalle tue, sarei considerato uno che vuole commisurare tutto a se stesso. E poi è passato tanto tempo e adesso magari riesco a dare l'impressione della persona equilibrata e serena. E forse lo sono, almeno in parte. Ma le cicatrici rimangono e io ne ho. Le tue ferite invece sono fresche e un certo tipo di ferite c'è poco da fare per rimarginarle in fretta. Hanno il loro decorso.
Non mi è mai riuscito di essere consolatorio. E non mi sono mai state utili le persone consolatorie.
Quello che ti posso dire è che le cose possono cambiare. Anche per i fatti loro.
Non siete perse, né tu né tua figlia. Non dipende solo da noi. E neanche solo dal Giudice o dall'Assistente Sociale, né dal “Sistema”.
Noi non controlliamo tutto.
Ci sono tanti paradossi in queste storie. Ma forse quello che conta è solo uno: che a volte le cose iniziano a cambiare proprio quando la nostra impotenza ci appare per quello che è.

Io non voglio essere consolata Placido, vorrei solo che mia figlia fosse una ragazza spensierata e felice,che si vivesse i suoi anni da adolescente al meglio invece di essere in questo tumulto.
Se sapessi lei felice o perlomeno serena questo per me sarebbe tutto.

Non c'è alcun motivo che le precluda di essere serena o di diventarlo.
Alla felicità non ci credo e la spensieratezza non mi convince, perché credo sia opportuno pensare ad ogni età.
Ma non puoi parlare con l'Assistente Sociale ed eventualmente anche col Giudice, magari in presenza di tua figlia? Possibilmente senza preconcetti per vedere se si può fare qualcosa e magari stabilire un percorso condiviso?

P.S.
Anche io ho figli e la vita non è stata e non è facile neanche per loro, come non lo è per nessuno

Tanto per far capire che non sto solo a frignare su di un sito.
Si, posso parlare soprattutto con un avvocato dei minori.
Stamattina mentre scrivevo ero ai servizi sociali, in genere non ci vado di buon grando perchè la dottoressa B. quando mi vede sottolinea sempre che non valgo niente a livello burocratico,è un anno che quando mi vede dice che non valgo niente,quindi io con lei mantengo un rapporto molto distante (un pò come faccio con gli sbirri ) di tacito consenso ( va bene,hai ragione tu,basta che mi stai a mille metri dal c.) ...però stamattina dovevo proprio parlarle.La fortuna ha voluto che la cara dottoressa B. era molto in ferie e c'era una sua sostituta ,la quale mi ha parlato invece con grande affabilità e umiltà (anche giovane ,niente vampate di calore da menopausa) e quando le ho detto che B. constantemente abbassa il mio già fragile grado di autostima mi ha rinquorato,dicendomi che posso provvedere a contattare un avvocato con il gratuito patrocinio ,facendomi vedere addirittura il sito dove poter prelevare quello migliore per il mio caso.Magari non avrò di nuovo la custodia ma quantomeno il giudice capirà che questa ragazza una madre ce l'ha e che è preoccupata.
Oggi mi guardo il film di Cucchi su Netflix ,tanto per restare in tema degli abusi di potere nei propri ruoli di pubblici ufficiali,oggi sono out da tutto,preferisco stare spenta,la rabbia che ho dentro è tanta.
Se una donna che è un pubblico ufficiale agli occhi della legge continua a dirti che non vali niente ... fa leva semplicemente sul tuo basso grado di autostima che ogni giorno cerchi di coltivare ,perchè già basso...perchè già c hai combattuto mille volte per toglierti dai casini.Io credo che questa B. sia una donna cattiva di indole,finta perbenista e consapevole del suo ruolo e che poco bene apporti ai casi che le vengono commissionati ,tant' è che il risultato si vede su mia figlia ...lei vale quanto vale mia figlia ad oggi ,è il suo bellissimo risultato.
Sto per prendermi un avvocato e sto per aprire un nuovo thread riguardo questa storia che meticolosamente aggiornerò contanto anche le ingiustizie subite o le giustizie restituite.

Purtroppo quando finisci sotto le grinfie dello stato non è facile venirne fuori , ci vogliono soldi e solo se hai un super avvocato titolato ne esci indenne .un augurio comunque i figli sono la sola cosa che conta nella vita.

Gia' silvioast .

Ps Placido...la legislazione italiana e' una spina nel fianco...per presentarmi dinanzi un gran Giuri devo essere assistita,non lo decido io con uno schioppo di dita di farlo.

lungi da me il pensiero che tu stia solo frignando, Freestyle.
Ho una certa esperienza della Pubblica Amministrazione, in vari suoi comparti. So che ci lavorano persone “sbrigative” e a volte poco motivate e per nulla simpatiche, né empatiche. Ma anche persone più disponibili e costruttive.
La custodia di tua figlia, in senso burocratico, secondo me non ha grande importanza adesso. Anzi, forse non averla potrebbe metterti al riparo da occasioni di conflitto. Però dici bene, il Giudice deve sapere che questa ragazza una madre che s'interessa ce l'ha e che si da da fare affinché possa intraprendere uno stile di vita positivo.
Leggerò volentieri il tuo nuovo thread sull'argomento.
Anche a me è arrivata un'email di Netflix, riguardo la disponibilità del film su Cucchi. “Sulla mia pelle” si intitola. Lo vedrò presto anch'io.
Ciao

Da vedere il film su Cucchi,assolutamente.
E non lo dobbiamo vedere solo noi che conosciamo bene certe dinamiche...anche e soprattutto i benpensanti malpraticanti.Ammesso che vogliano capire quel che non gli piace.
Le marchette di notte vestiti da coniglietti.

Stamattina mentre scrivevo ero ai servizi sociali, in genere non ci vado di buon grando perchè la dottoressa B. quando mi vede sottolinea sempre che non valgo niente a livello burocratico,è un anno che quando mi vede dice che non valgo niente,quindi io con lei mantengo un rapporto molto distante (un pò come faccio con gli sbirri ) di tacito consenso ( va bene,hai ragione tu,basta che mi stai a mille metri dal c.) ...però stamattina dovevo proprio parlarle.La fortuna ha voluto che la cara dottoressa B. era molto in ferie e c'era una sua sostituta ,la quale mi ha parlato invece con grande affabilità e umiltà (anche giovane ,niente vampate di calore da menopausa) e quando le ho detto che B. constantemente abbassa il mio già fragile grado di autostima mi ha rinquorato,dicendomi che posso provvedere a contattare un avvocato con il gratuito patrocinio ,facendomi vedere addirittura il sito dove poter prelevare quello migliore per il mio caso.Magari non avrò di nuovo la custodia ma quantomeno il giudice capirà che questa ragazza una madre ce l'ha e che è preoccupata.

Se una donna che è un pubblico ufficiale agli occhi della legge continua a dirti che non vali niente ... fa leva semplicemente sul tuo basso grado di autostima che ogni giorno cerchi di coltivare ,perchè già basso...perchè già c hai combattuto mille volte per toglierti dai casini.Io credo che questa B. sia una donna cattiva di indole,finta perbenista e consapevole del suo ruolo e che poco bene apporti ai casi che le vengono commissionati ,tant' è che il risultato si vede su mia figlia ...lei vale quanto vale mia figlia ad oggi ,è il suo bellissimo risultato.
Sto per prendermi un avvocato e sto per aprire un nuovo thread riguardo questa storia che meticolosamente aggiornerò contanto anche le ingiustizie subite o le giustizie restituite.

Aggiornamento: prima cosa è essere onesti con se stessi. Ieri sera ho voluto (per nessuno ci obbliga) farmi. 6 pistone (2.5g) e mi sono letteralmente accappottato. Oggi stavo un po assonato ma nulla di che. Adesso non vedo l'ora di andare a dormire. Nessuna voglia di rifarmi. Ho fatto dal 26/08 all'11/09 pulito. Ricominciamo il conteggio dal 13/09. Ieri la vedo come una battaglia persa;la guerra è ancora in atto. Non sarà una singola battaglia a decretare la sconfitta! Non dico che ho fatto male e che sono un caso irrecuperabile ma neanche ho preso la cosa alla leggera!

Io invece sono andata alla riunione di
Narcotici Anonimi
e sono stato molto bene
oggi pur essendo in ferie non ho sentito nessun bisogno di andare a comprare la cocaina, pur avendo tutta la giornata libera a disposizione, e anche tutta la prossima settimana
.
la riunione di ieri sera è stata terapeutica eravamo in tantissimi, in 24, un numero veramente altro, che dire mi ha fatto bene
Sono stato bene ci tornerò a tutti i mercoledì Adesso che Rinizia la stagione ......diciamo....... lunga......estate finita
.
È fuori di dubbio come comprovato da oltre 50 anni di esperienza che chi frequenta regolarmente settimanalmente o anche più volte alla settimana questo tipo di riunioni riesce abbastanza facilmente a rimanere pulito
.
Sug

Dal 13 fatto nulla nulla nulla. Ma sarà stata la mancanza di sub ma il. 13 mi sono proprio piegato in due! occhio chiusi che non mi succedeva da parecchio!
E con la roba in corpo niente dolori di stomaco, ovviamente...

P.I. tu ti devi mettere in terapia a undosaggio alto.E'inutile fare avanti e indietro,oggi si domani no, ti prendi in giro da solo.
Terapia alta,stabile,presa tutti i giorni allo stesso orario.
Se nonfai cosi non uscirai mai.

Terapia alta,stabile,presa tutti i giorni allo stesso orario.
Se nonfai cosi non uscirai mai.
__________
ciao cara.......
.
gustissimo,mi associo al 101%.....ma sono solo parole che si scrivono o si dicono,
La TD e' una scala che va salita per gradini e ogni gradino va
" MATURATO DENTRO SE STESSI "
.
C'e chi viene a chiedere consigli sul web se
"dopo 7/8 mesi di pulizia potrebbe - o meno- farsi - un paio - di volte - consigli ?????....pareri ???? ditemi di si' - ditemi di no' - mi affido a voi - sconosciuti del Web Td come me.....mi faccio o no per un paio di volte ????? "
.
Ecco, ciascun DIPENDENTE HA IL PROPRIO STANDARD
.
io ho fatto come PI2 per circa 200 volte.....ora le riunioni di
N.A. mi hanno svegliato e come dire
pulito dentro, a livello di subconscio, ho sentito frasi e ......un clima ...............dentro quelle stanze chiuse, ............chiusi dentro solo tra noi
DIPENDENTI
e sentire parlare e parlare a mia volta mia ha.......pulito
Poi saro' sempre un TD fino alla fine della mia vita, ma punto ad essere un TD che non usa piu' Sostanze
Sono gradini - di - consapevolezza - interiore
E vanno saliti uno ad uno, e
.
++++++da soli non ce la si fa ++++++++
.
(oppure ........i casi di TD che ne escono da soli cono infinitesimali)
Ciascuno la propria scala
Ciascuno la propria salita
Buona notte
.
Sugar

Certo ovvio ognuno con i suoi guai.
Ma se uno sta qui a scrivere continuamente che attacca e stacca facendosi pure male,facendosi astinenze inutili e dolorose, deve arrivare qualcun altro che gli dice la verita',che poi venga colta o meno.
Nella td o ci stai dentro o fuori,o bianco e nero,il limbo diventa una tragicommedia personale.Paradiso o Inferno?Scegli.Se ti vuoi drogare fallo bene altrimenti mettiti in terapia seriamente.Io senza sostituitivi e senza nulla nrmmeno piu' una benza se faccio una cazzata oggi la pago una settimana,attualmente e' uno scotto che non mi sento di pagare.E fortunatamente ho la lucidita' ad oggi di essere razionale,ho la dopa dalla mia.Ma me la sono guadagnata duramente !!!

Mah..., personalmente penso di saperne molto poco di PI2. Chissà quanto ne sa lui di se stesso.
In generale mi sembra che si replichi il solito equivoco di fondo: si pensa che superare la tossicodipendenza significhi semplicemente smettere di assumere sostanze. Che sarebbe anche un ottimo inizio. Ma senza altri significativi cambiamenti, si riduce a un ripetitivo Gioco dell'Oca.
Però forse si torna al punto di partenza con qualche esperienza in più, se si vuol tenerne conto.
La dopamina di per sé non mi convince, Freestyle, senza un buon controllo della corteccia prefrontale.
Buona giornata a tutti
Placido

Ambe' io che ne so sulla corteccia prefontale hahah gia' nella mia ignoranza parlare di dopamina o sierotonina e' tanto...
Pero' la mia corteccia prefontale dev essersi allineata con il mondo ultimamente... noto.E per fortuna.
Me lo sono anche guadagnato duramente sto cambiamento.Mica le cose ti cadono dal cielo...

Si, stai tranquilla, si riallinea pure la corteccia prefrontale. Anche la mia.
Poi ogni tanto sbarella anche lei, ci mancherebbe. Ma questo pure nei “normali”.
Ciao

Puoi fare la terapia che vuoi ma se dentro di te non dici basta e non sei stufo di quello che fai non smetterai mai , la terapia è utile , per alcuni fondamentale ma si può smettere pure senza con tanta forza di volontà ma servono obbiettivi ben chiari in mente. Buongiorno a tutti comunque ....e se tutto va bene io sono sulla buona strada.ciao

Ti auguro che tutto vada bene, Silvioast, e che la buona strada si consolidi sempre più.
Ciao

Sono appena stata chiamata dalla B. Tornata dalle ferie.
Tra le righe mi ha detto che sta x mandare mis figlia in una struttura,come gia' pensavo il problema sono I fondi del comune che mancano, percio' sta temporeggiando.
Un dolore profondo, una coltellata nell anima ... io non mi posso piu' permettere neanche di drogarmi.
Mia figlia andra' in una struttura.

Freestyle, penso che al posto tuo anche io avrei vissuto la faccenda come una dolorosissima coltellata interiore.
Dall'esterno ti suggerirei di non considerare che tua figlia sia “mandata in una struttura”, bensì che le si prospetti di recarsi in un luogo dove troverà altre persone. Persone con cui, al tuo posto, proverei prudentemente a inaugurare un buon rapporto.
Io comunque penso che sia competenza della B. comunicare a tua figlia le decisioni e gli avvenimenti in fieri, visto che mi sembra di avere capito che ne è lei la custode e la responsabile legale.
Mi sembra anche di aver capito che ti consulterai con un legale, cosa che ritengo opportuna e saggia.
Ciao

Si ho il pc a formattare,devo prendere coraggio e contattare un legale.
Ho paura che dato la mancanza di fondi la mettano in un posto inappropriato.
Ho paura Placido, paura dell' ignoto.
Non tutte le case famiglia sono gestite bene,soprattutto se I fondi scarseggiano.
Cosi come scarseggia la mia fiducia nelle strutture pubbliche.Soprattutto ad oggi.

Vorrei che fosse solo un brutto incubo.
Alle volte perdo la lucidita',alle volte penso anche alla peggiore delle soluzioni... e' un qualcosa che non riesco a reggere, il malessere di mia figlia.Forse per me e' troppo.

Un legale attento e coscienzioso penso che ti aiuterà a razionalizzare le tue comprensibili paure, Freestyle. Potrà anche chiarire quali sono le prospettive affinché venga preservato il rapporto fra te e tua figlia, eventualmente intercedendo presso il Giudice, rappresentando quella che è la tua condizione attuale piuttosto che trascorsa. (Inutile che io ti dica che verosimilmente avrà molta importanza la tua coerenza con le prerogative che la legge attribuisce a un genitore).
Capisco i tuoi dubbi e timori, ma inutile fasciarsi la testa prima di rompersela. Meglio comunque darsi da fare per quello che ci è consentito. Fare il possibile non è troppo.
A questo link trovi un elenco di Avvocati abilitati al Gratuito Patrocinio, divisi per Provincia.

https://www.avvocatogratis.com/avvocato-gratuito-patrocinio/elenco-avvoc...

Io penso che un'istanza motivata dall'intenzione di mantenere un rapporto costruttivo con la figlia che si avvia alla maggiore età dovrebbe essere ammissibile. Magari potrai consultare più d'un legale per verificare la percorribilità dell'ipotesi.
Ciao

Dai freestyle una bella lista .

Si...c ho una voglia di vedere giudici e avvocati proprio...
Ma pure se me lo paga lo stato o qualcun altro...
Proprio la voglia di fare tutta sta cosa...
Ma lo faccio.Per forza.Grazie mille ragazzi,di cuore.Thank you.

Riusciremo a non arrivare alla casa famiglia.
Oggi si tenta di chiedere alla B. se invece della c.f. un colleggio ( mi viene da ridere...da piccola quando dovevo essere punita mi dicevano che mi spedivano in colleggio...)
privato dove rieducano i ragazzi.
Nel frattempo mi attivo con un avv.

ciao Freestyle2, io ho figli ancora piccoli per essere alle prese con questi problemi di cui ho, come te, il terrore e vorrei pittosto morire pur di ritrovarmi un giorno nella stessa situazione per la quale mi sentirei, visto i trascorsi, irrimediabilmente responsabile come te e del resto come chiunque sia nella stessa situazione

pure permettimi di dire una cosa personale

quando ero un giovinastro tossico e con la testa piena di ovatta e vermi odiavo (o almeno cosi mi pareva all'epoca) mio padre e avevo una bassa considerazione di mia madre .. quest'ultima perchè non mi dava tutti i soldi che continuamente le chiedevo e per riferire al babbo ogni situazione che lei non riusciva a gestire personalmente, mio padre perchè mi assillava e mi opprimeva con la sua presenza ingombrante, per il suo venirmi a cercare in ogni anfratto, in tutte le piazze calde e per interferire e interloquire anche con spacciatori e vecchi (dell'epoca) tossici per chiedere o in taluni casi pretendere informazioni su di me sulle mie frequentazioni su quello che facevo, dove andavo e cosa utilizzavo e quando e quanto ecc. ecc.

una volta ha malmenato uno che mi passava panette di marocchino "a consumo" imponendomi la sera stessa di riportare al tizio tutti i soldi che eventualmente avevo fatto e la roba (si parla di fumo) che mi era rimasta

pure, crescendo, ho capito tante cose e ho rielaborato tutta una serie di situazioni sotto una luce diversa arrivando a considerare i miei genitori in maniera diametralmente opposta a prima e mio padre, decisamente un grande uomo; quando ho capito che quello che faceva lo faceva per il mio bene e per l'amore incondizionato che provava per me, di molto superiore a quello che mostrava ai miei fratelli proprio perchè ero il più debole e il più bisognoso di attenzioni

tua figlia ora ha la testa confusa e piena di rancori dovuti alla sua situazione presente che sicuramente imputa direttamente come conseguente alla tua presente e sopratutto passata ma presto credo e spero ritornerà sui suoi passi e riconsidererà sotto un altra prospettiva sua madre ... te continua a mostrarle tutto l'amore di cui sei capace e non ostante tutto ciò che dica faccia o pensi, continua a tenerti lontana da sostanze e situazioni "tossiche" e vedrai che prima o poi (spero più prima che poi) tornerà da te e insieme proseguirete il cammino forti di esperienze che, davvero come diceva qualcuno, se non uccidono fortificano; te/ve lo auguro con tutto il cuore

Ma sì, magari è la vecchia storia del “ti mando in collegio...!”. D'altronde è più che probabile che anche la B. abbia i suoi problemi di relazione con tua figlia (soprattutto se chiamata a gestirla direttamente, anziché per tuo tramite) e difficoltà economico/istituzionali. Però deve cercare di contenerla, giacché ne ha la responsabilità. E sarebbe anche il caso, mi sembra di capire, che tua figlia trovi dei limiti.
Per cercare il modo più opportuno per aiutarla, possibilmente in sintonia con gli altri attori della vicenda, continuo a pensare che un Avvocato sarebbe un'ottima risorsa. Forse indispensabile, stante la situazione.
Ciao

Sono esausta.Stanotte alle 4 era in piedi a disegnarsi addosso con i miei pennarelli.Primo giorno di scuola mancato,l.assistente sociale ci ha chiamati tutti a rapporto per farci una ramanzina,senza risolvere niente,aveva una bla vampata di calore...
Ho trovato un avvocato,un ragazzo che ha conosciuto.la strada , che segue i casi piu' assurdi,eccolo, niente gratuito patrocinio,ho trovato il mio uomo.
Dovro' accollarmi spese processuali, tossivologici, visite psichiatriche ,lungagini burocratiche...mentre sta figlia si contorce nel nulla del nulla tra le cazzate dei miei e degli assistenti sociali...forse quando riusciro' avra' compiuto 18 anni,che ne so,odio queste cose.
Adesso, in questo momento s' e' persa , non si trova e non risponde a tel come sempre.Mi sono cosi rotta...ma cosi rotta...

Scusa Freestyle, ma a che titolo la B. ti convoca e ti fa ramanzine? Ha pure il tuo affidamento?
Se ha la custodia di tua figlia potrà convocare e “ramanzinare” lei, non te.
O al limite se stessa, se non riesce ad esercitare la custodia in modo costruttivo.
Forse tale questione andrebbe approfondita con l'avvocato.
E' già in corso o “in cantiere” qualche procedimento per cui dovresti accollarti le spese di cui scrivi?
Che tipo di procedimento?

Io non lo so questa cosa sta combinando.Tutto vorrei tranne cercare di capire che testa ha questa che adesso ha l affidamento,certo senza un avvocato continuero' a non capirci nulla.
Il procedimento e' che dovro' essere sottoposta a visite psichiatriche e tossicologici,dimostrare che ho un reddito,una casa,una vita regolare e tutte ste belle rotture di palle qua...mentre il tempo passa a buffo nelle inutili lungagini burocratiche.
Hai presente la mia non voglia...di dimostrare niente a nessuno, figurarsi a loro.

Ha pure il mio affidamento che significa?
A 42 anni posso essere affidata solo.a Gesoo.
Ha l affidamento di mia figlia a quanto pare ...

Non è esattamente così. Anche gli adulti possono essere affidati ai servizi sociali, in relazione alla propria situazione giudiziaria. Ma non credo sia il tuo caso e comunque non sono un legale.

Questa bambina ragazzina vuole tanta attenzione vuole tutta l'attenzione .

Allora, quello che ho capito io, correggimi se sbaglio, è che tua figlia, minorenne, è in affidamento ai Servizi Sociali.
Quindi ci sarà un precedente Provvedimento del Giudice, motivato, che dispone in tal senso. E che sarebbe, secondo me, la prima cosa da leggere con attenzione e da sottoporre all'Avvocato.
Naturalmente non ti chiedo informazioni in pubblico circa la tua situazione giudiziaria personale.
Comunque tu dici che dovrai essere sottoposta a una serie di accertamenti (tossicologici, visite psichiatriche, patrimoniali e vari).
Ma questi accertamenti, dovranno avere luogo all'interno di un procedimento già esistente, o di uno nuovo da intraprendere?
Un procedimento richiede una parte che lo promuova davanti al Giudice per ottenere qualcosa.
Questo, secondo me, devi chiarire attentamente con l'Avvocato.
Intendi promuovere un nuovo procedimento? Per chiedere cosa?
Oppure esiste già un procedimento cui dar seguito? E in tal caso, quali sono i precedenti del procedimento in corso? In che modo potrebbe essere opportuno darvi seguito? E con quali obiettivi?
Capisco che le questioni giudiziarie possano essere snervanti, soprattutto quando si intrecciano con faccende emotive e affettive importanti. Ma bisogna vederci chiaro, molto chiaro, e procedere con estrema attenzione e consapevolezza.
Tieni duro.
Buona giornata
Placido

..scusa Placido, io non sono molto addentro a questioni legali ma immagino che, se hanno tolto la "patria potestà" ora potestà genitoriale ad un genitore per "passarla" agli assistenti sociali anzi ad un assistente sociale questo poi possa poter convocare il suddetto genitore per qualsiasi questione che riguarda il/la minore e anzi ritengo che debba farlo ... in fondo è figlia del genitore e non dell'assistente sociale

per quanto riguarda poi gli accertamenti che vuole far fare al genitore, ripeto non sono addentro a questioni legali, ma a naso direi che, anche senza procedimenti giudiziari in corso, per concederle di passare del tempo con sua figlia l'a.s. di cui sopra possa pretendere dal genitore di dimostrare fattivamente di essere lontana dalle situazioni per cui le hanno tolto la potestà altrimenti potrebbe considerare addirittura dannoso per il/la minore rifrequentare il genitore o anche solo vederlo di tanto in tanto

se poi la nostra amica ha richiesto l'affidamento di sua figlia quelle prove, che si concretizzano in quello che le viene chiesto e che Freestyle2 scrive ... " Il procedimento e' che dovro' essere sottoposta a visite psichiatriche e tossicologici,dimostrare che ho un reddito,una casa,una vita regolare e tutte ste belle rotture di palle qua.. probabilmente sono dovute e obbligatorie

poi c'è sempre il fattore soggettivo ( trovare un assistente sociale brava, preparata che comprende il dolore di una madre e si comporta di conseguenza o trovare una stronza che fa di tutto per umiliarti e metterti i bastoni fra le ruote) che in questo caso può peggiorare o migliorare la situazione che di per se è di molto tesa oltre che di importanza vitale e quindi fare la differenza fra un po di felicità o una grossa disperazione

Freestyle2 l'unica cosa che mi sento di dirti oltre ad esserti vicino moralmente e che devi tener duro e sia pure a malincuore sottostare a quanto ti viene chiesto e per il bene di tua figlia e per dare uno schiaffo morale all'istituzione che ci marchia tossici a vita e quindi incapaci e indegni persino di accudire un figlio

un abbraccio ... epistolare!

Certo Cipuoiscommettere,
ma una cosa è convocare un genitore esautorato dalla potestà per cercare di concordare una strategia educativa condivisa, altro è convocarlo per fare ramanzine che coprono l'incapacità di svolgere il ruolo sostitutivo di custodia che si è avuto assegnato.
Se io fossi l'Avvocato, leggerei con attenzione, parola per parola, virgola per virgola, il provvedimento del Giudice e in base a quello stabilirei il da farsi, in relazione alle Leggi.
Io non ne so molto di affidamento di minori, ma credo che chi esercita la potestà genitoriale vicaria debba avere delle responsabilità importanti e precise, non solo "ramanzinatorie". In primo luogo nei confnronti del minore e solo in secondo luogo nei confronti del genitore che si è chiamati a supplire. Altrimenti non ci sarebbe stato il bisogno di supplenza. Poi il discorso del "recupero" eventuale del genitore naturale, per quanto importante, sarebbe secondario, secondo me. Perchè il fine prioritario non può che essere il benessere del minore.
Ripeto, secondo me, solo un Avvocato bravo, preparato e ben documentato può stabilire, caso per caso, come stanno le cose e quali siano i passi più opportuni.
Io comunque penso che se mi venisse affidato un minore, sarei in primo luogo responsabile di lui e non dei genitori che sono chiamato a sostituire. E qualora avessi difficoltà a gestire il minore, dovrei segnalarlo al Giudice che me lo ha affidato affinchè si trovino altre soluzioni. E penso che in tal caso sarebbe il Giudice a doversi porre il problema del ruolo e dell'eventuale coinvolgimento dei genitori naturali.
Tutto qui.

Io non ne so molto di affidamento di minori, ma credo che chi esercita la potestà genitoriale vicaria debba avere delle responsabilità importanti e precise, non solo "ramanzinatorie".

... certamente ma proprio per questo ho menzionato il fattore soggettivo ... poi c'è sempre il fattore soggettivo ( trovare un assistente sociale brava, preparata che comprende il dolore di una madre e si comporta di conseguenza o trovare una stronza che fa di tutto per umiliarti e metterti i bastoni fra le ruote)

che in un caso del genere può, anzi ritengo faccia la differenza

colgo l'occasione per ribadire tutta la mia vicinanza a Freestyle2 (per quello che può servire) e il più grosso e sentito in bocca al lupo

Poi il discorso del "recupero" eventuale del genitore naturale, per quanto importante, sarebbe secondario, secondo me
________
uhmmmmmmm
nel mondo reale ....non la vedo proprio cosi.......anzi.....all'atto pratico il genitore che vuole ri-acquisire potestà......deve sudare assai
.
ma visto che con Freestyle ci conosciamo personalmente, taccio perché l'argomento è delicato, personale e doloroso
Ci vorrà tempo.......anni
Detto questo non parlerò più di questa questione
Un abbraccio a Free
.
Sugar

Alle 14,30 sono venute a prendersela.Le ass sociali l hanno portata in casa famiglia a mezz ora da qua.
Per la prima volta le ho sentito dire ' voglio stare con mamma,mamma ti amo...' fino ad ora avevo ricevuto solo merda,compresi sputi addosso,perche' sono stata una tossica imperdonabile...diceva...
Sentire mia figlia dire certe cose mi ha riempito il cuore,mi ha fatto capire che forse non ho sbagliato proprio tutto.Anche nella situazione in cui eravamo con le due streghe che se la portavano via,scene da panico,traumi.
Domani ho il primo appuntamento con l avv..

E cmq Placido io non potrei essere affidata ai servizi sociali perche' non ho problemi giudiziari a parte questo e degli art 75 x uso personale che sono amministrativi.
E non ho nemmeno la 104.

Quindi, oltre alle ramanzine indiscriminate, si sono date da fare concretamente per porre un argine alla deriva di tua figlia.
Io penso che se non ci fossero demoni e streghe, non ci sarebbero neanche fate e angeli. Il discrimine certe volte è veramente impercettibile. Tanto da scambiarsi facilmente i ruoli.
Intanto, mi sembra di capire, si è ottenuto che tua figlia manifestasse affetto per te, nonostante le precedenti “incomprensioni”.
Nessuno sbaglia tutto e nessuno fa tutto bene.
Adesso te la devi giocare bene la partita con l'avvocato.
Come ti ho già scritto, a questo punto non credo sia importante la questione della potestà genitoriale. Per la mia esperienza, quando si tratta di “grandi minori”, non è questa la priorità, neanche per i giudici. Piuttosto diventa importante, giustamente, ciò che sarà del minore dopo che compie la maggiore età.
Non so se in sede giudiziaria sarebbe opportuno puntare sulla rivendicazione della potestà genitoriale o sulla condivisione del percorso educativo di tua figlia, nella prospettiva della sua maggiore età. Questo andrà valutato con grande attenzione con l'avvocato, che potrà consigliarti e illustrarti il quadro giuridico, ma che, in definitiva, dovrà rappresentare la tua posizione davanti al Giudice.
Io, se fossi Giudice, apprezzerei una madre che, al di là della rivendicazione della proprie prerogative e disponendosi comunque alla collaborazione, si ponesse il problema del futuro della figlia quando nessuno avrà più potestà genitoriale su di lei.
Bene che tu non abbia pendenze penali. Ma che c'entra la 104? Non è la legge a proposito di portatori di handicap?
Ciao
Placido

La 104 e' la pensione per I matti.Che passano dal Tso agli ass sociali poi prendono pure la pensione.

Ti prendevo in giro.
Tutto qui.

Lunedi o martedi l avv inpugna il fascicolo.Vediamo cosa c e' scritto dentro questo vaso di pandora.
Su una carta che mi e' stata recapitata c e' scritto ...che il pm deve provvedere alla riapertura di un procedimento ex art 330 per verificare le competenze genitoriali ,vista la giovane eta' della minore e la necessita' di una forma di maggior tutela maggiormente pregnante nei suoi confronti.
La B. mi aveva detto di leggere bene questo atto ma ho capito cosa intendeva solo in presenza dell avv...forse ...dopo dieci anni...hanno intenzione di fare una valutazione sulla mia competenza genitoriale,visto che non l hanno mai fatta e nessuno mi ha mai calcolato,mi hanno solo strappato una figlia dalle braccia.
Mia figlia ha avuto la sua prima punizione in istituto; ha prestato il telefono ad una ragazza che non lo puo' usare perche' il giudice non glielo concede ed e' stata punita anche lei,le e' stato tolto il tel fino a lunedi.Chiuse le comunicazioni fino a lunedi, con lei io fortunatamente mi sento su wap ogni secondo.Chissa se questo rigore la fara' riflettere e cambiare,le mie punizioni non sono mai state calcolate perche' correva dai nonni.Sono triste e delusa che mia figlia deve capire le cose in questo modo,io mi sentivo persa quando avevo di fronte questo muro,perche' anche io,per darmi delle regole sono ancora lavori in corso...mi trovavo spaesata,mi sentivo inutile ed inconcludente di fronte a lei, cosa che non micapita con nessuno.Adesso mi scrive che mi ama,mi manda cuori...perche' sa che sono l unica che la puo' tirare fuori di li,perche' sa che ho sempre raggiunto tutti I miei scopi, perche' sta capendo che sono l' unica a cui avrebbe sempre dovuto dare retta e invece mi accannava.
Ed e' vero.

Ciao Freestyle,
me perché non apri un altro thread specifico?
Non prenderla come una ramanzina, Free, ma per essere calcolati bisogna anche darsi da fare per esserlo. Il che significa, in situazioni come la tua, rendersi conto di ciò che accade (e dei perché) e quindi leggere bene le carte. Mi compiaccio del fatto che insieme all'avvocato abbiate iniziato a farlo in modo approfondito.
Comunque una cosa è certa, secondo me. E cioè che a te, indipendentemente dalla “formalità” della potestà genitoriale, non ti potranno estromettere dal percorso di tua figlia. A maggior ragione non avendo tu pendenze penali.
E' chiaro che in ambiti come quello in cui si trova adesso tua figlia si ponga la questione delle regole. Così come è chiaro, nella mia esperienza, che nelle stesse situazioni – come anche tu confermi - sia stata precedentemente una questione affrontata in modo poco coerente. Questo in genere non è colpa di qualcuno in particolare, ma di un contesto in generale, di una “situazione” cui partecipano molti attori, ciascuno con le sue responsabilità.
Adesso la situazione attorno a tua figlia è cambiata sensibilmente.
Sembra che tu sia il suo referente affettivo principale e ciò è molto importante. E mi sembra che sia stato ristabilito. Sicuramente per lei l'impatto con la nuova situazione è duro. Io ti suggerirei di non fungere da elemento “divergente”, da via di fuga, pur nella consapevolezza che tutto a poco a poco andrà ragionato e ben definito. Anche perché quella di tua figlia è comunque una collocazione transitoria, che ha avuto un inizio e che avrà una fine. E soprattutto che intende assolvere una funzione importante nei suoi confronti e a suo vantaggio. Che ciò possa realizzarsi dipende da tanti soggetti coinvolti. Sarà necessario del tempo secondo me. Non so se sia utile che per lei tu rappresenti “l'unica che può tirarla fuori di lì”. Mi sembra un po' strumentale, per quanto emotivamente comprensibile al momento dell'impatto. Io comunque non penso che il problema fondamentale sia se “tirarla fuori di lì” o meno, nell'immediato.
Ciao e buona domenica

Buona Domenica Placido,
Infatti sono l unica che puo' tirarla fuori di li dopo che avra' seguito il suo percorso,non sono sua complice,anzi, sto li come la guida che avrei sempre dovuto essere,anche se tramite chat,va bene lo stesso.
A un carcerato che ti supplica di tirarlo fuori dalle sbarre che gli vuoi dire?
Hai sbagliato,adesso riga dritto e se lo fai io lavoro per te fuori...le regole...lei ne ha bisogno come l aria...di rivalutare me come figura di guida...idem.E mi sembra che questo miracolo stia accadendo...sai quando perdi una cosa...e poi ne capisci il valore? Solo che a me non m ha perso,anzi...e' un percorso come tanti.E' una battaglia da vincere,presto o tardi, quando sara' il momento.Io lavorero' insimbiosi con tutti : avvocato,assistenti sociali,educatori...ridaro' un po di serenita' a questa ragazza.Fosse l ultima cosa che dovro' fare a sto mondo.
Si apriro' un thread.

R

Cara Freestyle,
non farti carico delle colpe di tutti. Sicuramente avrai le tue colpe, come qualunque essere umano sulla terra, ma tua figlia ha le sue.
Se ti avesse dato retta, se si fosse comportata diversamente e mille altri se, non sarebbe dove è ora.
Purtroppo a volte le nostre scelte ci portano nella direzione sbagliata, ma per fortuna si è sempre in tempo per porre rimedio, finché si è in vita.
Un caro saluto

A

Mi dispiace molto.
L'unica cosa da fare adesso,secondo me, è accettare la situazione e guardare il lato positivo di questa brutta vicenda, ovvero il fatto che tutta questa storia vi sta riavvicinando molto.

1