Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 26831 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Type the characters you see in this picture. (verifica con audio)
Inserisci il testo che vedi nell'immagine qui sopra. Se non riesci a leggerli, invia il modulo e una nuova immagine sarà generata. È indifferente a maiuscole e minuscole.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.
Mostra: tutti i tipi | articoli | esperienze | siti segnalati | immagini | videoOrdina per: data | punteggio

L'MDMA (ecstasy) è un composto chimico che fa parte del gruppo delle metamfetamine. Solitamente si presenta in pasticche o in polvere, cristalli, conosciute col nome di ecstasy: il colore, il nome, la forma non danno alcuna certezza della loro composizione né del loro effetto.

Effetti e meccanismi d’azione:

Gli effetti possono variare da persona a persona  e risentono molto dell’ambiente in cui la sostanza viene assunta. In genere si ha un’alterazione dell’umore, rimozione delle barriere emotive e comunicative, facilità di parola, alterazione della percezione del tempo. Sotto l’effetto di mdma si può ballare per ore senza avvertire né fame né stanchezza.

 

L'assunzione di mdma può determinare:...

L’MDMA, meglio conosciuta come ecstasy, è una droga sintetica prodotta nei laboratori tedeschi della Merck nel 1912 e brevettata come farmaco anoressizzante due anni più tardi.  Per lungo tempo questa sostanza è stata studiata, utilizzata e somministrata per differenti motivi.

Durante gli anni '70 negli Stati Uniti viene introdotta in psicoterapia, in considerazione delle proprietà attribuite a questa molecola di abbattere le barriere fra medico e paziente e di favorire fiducia e confidenza. La sostanza...

L'MDMA viene assunta con scopi esplicitamente ricreativi, e assume significato in contesti ricreazionali particolari come la discoteca, le feste e i rave. Questa suo caratteristico essere una sostanza “da serata” la rende assai meno diffusa rispetto ad altre sostanze illegali e di quanto farebbe supporre il clamore mediatico che la accompagna ogni volta che esce dai luoghi “nascosti” che le sono propri.

Tra la popolazione italiana compresa tra i 15 e i 54 anni solo il 3% ha fatto uso di stimolanti*, mentre l’1% ne aveva fatto uso nell’ultimo mese...

I più votati, ecstasy

Classifica LANCET sui danni delle droghe (la tabella tradotta è tratta Focus)

Classifica LANCET sui danni delle droghe (la tabella tradotta è tratta Focus)
Punteggio: 4.1 (231 voti)

Libro su giovani e sostanze

 

   A proposito del tema giovani e sostanze, segnalo l'uscita di questo libro

  Vanni Santoni, Gli interessi in comune, Feltrinelli

(qui l'indirizzo Ibs http://www.ibs.it/code/9788807017629/santoni-vanni/interessi-comune.html)

  Riporto anche una recensione dal blog   http://insipienzaastrale.blogspot.com

Gente che si droga. Ragazzi, anzi, ragazzi che si drogano. Parecchio. Ragazzi della provincia di Firenze (d’Italia?) che, dal novantacinque al 2006, più o meno, si drogano. Se non si drogano scompaiono. Se non si drogano non succede nulla. Se non si drogano non sta insieme niente.
Non è che vogliono buttare la vita nel cesso, è che proprio non sanno che farci.
Aprire con un manifesto deridendolo per tutto il romanzo (un romanzo pure generazionale nel suo non cercare di esserlo). Volendo tracciare una linea che va da Tondelli, passa per le scritture giovanili dei primi anni novanta… no, non si può fare. Allora Yates (Richard). Quella fermezza che non concede troppo ai localismi (e, nonostante l’oggetto, ai provincialismi) senza diventare pesantezza. Leggerezza.
Malinconia a pacchi. 

ilpaura

Punteggio: 4.8 (17 voti)

La mia esperienza e le problematiche che ho riscontrate.Mi date un parere?Specie la redazione?

Ciao,sono un ragazzo di 20 anni fumatore di haschisc e marijuana dai 15.
Da quando fumo,ho avuto degli alti e dei bassi,verso i 16 anni fumavo quasi tutto il giorno e bevevo molto spesso anche di giorno,ora bevo solo il fine settimana e fumo ogni sera,minimo 1g di fumo.
Il mio problema è che non riesco a controllarmi.
Per fumare ho sempre fatto di tutto,l'ho sempre messo davanti tutto,solo sballarmi,evadere.
L'estate scorsa,una sera non avendo niente da fare e da fumare,ero molto nervoso e incazzato(stato che spunta spesso se nn fumo da due giorni)e mi sono calato del tavor con del vino.
A quanto pare già da fatto devo averlo preso due volte per un totale di 5 pillole e mi sn risvegliato all'ospedale in rianimazione.
Appena sveglio,ho realizzato quello che è successo anche se mi sentivo un'altra persona.
Questa sensazione è durata tt il giorno.La sera stessa ho fumato e bevuto cm un pazzo.
Per i tre giorni a venire ho vissuto tutto cm da un' altra dimensione,non mi riconoscevo piu,mentalmente intendo,e la realtà mi appariva una cosa sfuggente e poco utile che io tra l'altro,vivevo da fuori il corpo(nn trovo altre parole per descriverlo)
Pian piano mi sn svegliato e nn ho piu preso uno psicofarmaco.
Due domeniche fa,invece ho preso per la prima volta mdma e mi è sembrato piacevole e meno forte di come immaginavo..sl il giorno dopo ho avuto lievissimi tremori e stato di eccitazione..cmq abbastanza tranquillo e gestibile..
Il mio problema è che faccio una vita dissoluta,mangio poco e male,dormo a ritmi miei e cn difficoltà...ho sbalzi d'umore.
Capita che mi svegli alle 16:00 e vada a lavorare per poi uscire in giro tutta la notte e tornare alle 7:00 senza aver mangiato nulla.
Aggiungo che vorrei smettere di fumare per vedere cosa si prova,finora ci sn riuscito solo un mese,un mese su 5 anni.
Mi sono lasciato cn la ragazza cn cui stavo da tre anni ed è stato uno schock forte ma superato,da piu piccolo (16-17)ho partecipato a festini di orge e "fusione"cn lei e la sua famiglia lo ha saputo e mii ha quasi ucciso.
Lei era ovviamente consenziente ma ha trasformato un po' la versione a suo vantaggio...e l'intera cosa ha gravato ancora di piu sul mio equilibrio..
Non ho certezze,qualcuno da amare e da circa un anno ho difficoltà ad intrattenere rapporti sociali cn le donne..(non ne ho mai avuti,anzi sn sempre stato vivace e ben accolto da quasi tutti)
Ora,che ne pensate?che consigli mi date?Qualcuno ha un esperienza di vita analoga?

Punteggio: 3.6 (17 voti)

La Repubblica Ceca legalizza il possesso di droghe

Le tabelle predisposte dal governo ceco entreranno in vigore a partire dal 1° gennaio 2010 e permetteranno il possesso per uso personale di: 5 piante di marjuana, 15 gr di marjuana, 5 gr di hashish, 2 gr di cocaina/eroina/pervitina, 5 francobolli di LSD e 40 funghetti allucinogeni.Il gabinetto ha iniziato a discutere anche della quantità consentita per uso personale di droghe sintetiche, ma questa discussione è stata rinviata di due settimane. Se il governo approva la proposta del ministero, tra due settimane, sarà consentito possedere anche quattro pillole di ecstasy.

Punteggio: 4.8 (12 voti)

Praga, la nuova Amsterdam

tratto da http://moksha.splinder.com/post/23877137/praga-amsterdam-of-the-east

Un migliaio di chilometri a est di Amsterdam un'altra capitale europea comincia a guadagnare credito tra i turisti della cannabis: Praga. Dal primo gennaio 2010, nella Rep. Ceca sono infatti in vigore limiti massimi per il consumo personale di sostanze stupefacenti in alcuni casi tre volte superiori alle quantità consentite in Olanda. E' divenuto legale il possesso di 15 gr di marjuana, 5 gr di hashish, 2 gr di amfetamine e metamfetamine, 1,5 gr di eroina, 1 gr di cocaina, 5 piante di coca, 4 pastiglie di mdma, 5 francobolli di LSD, 5 cactus peyote e 40 funghetti allucinogeni. E' tollerata generalmente la coltivazione di massimo cinque piante di cannabis, anche se in questo caso a volte si può incorrere in una multa di 15.000 corone (circa 600 euro). Mentre in caso di coltivazioni superiori a 5 piante si rischia la prigione. E' legale anche l'uso per strada e anche in molti locali pubblici (soprattutto pub). Rimane vietato, e quindi punibile, lo spaccio. La nozione di consumo personale, sia pur con molti paletti, era già stata introdotta in Rep. Ceca nel 1992, e l'utilizzo della cannabis è diffuso in ogni strato sociale. Non a caso secondo i più recenti dati dell'EMCCDA, l'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze, un ceco su dieci, in linea con italiani e spagnoli, ha fatto uso di marijuana almeno una volta nel corso del 2008. Mentre tra quelli di età compresa tra 18 e 24 anni, la percentuale triplica (38%) catapultando il paese in cima alla classifica europea. Non c'è una vera e propria criminalità organizzata che gestisce il business della canapa. La cannabis arriva da piccoli growers e giri di amicizie. L'erba può costare anche 10 euro al grammo. L'hashish è quasi introvabile. Nei Cannabis Social Club 1 grammo di cannabis costa invece circa 2 euro. Alcuni headshop possono essere un buon canale di approvigionamento.

Punteggio: 4.2 (12 voti)

Guerra a Scientology

Punteggio: 3.5 (11 voti)

Mdma si o no?

Ho 18 anni ed é da un paio di mesi che sono in contatto con persone che ne fanno uso almeno una volta ogni due mesi, io prima di conoscerli avevo un'altra percezione di questa sostanza visto che la scuola e le assocciazioni contro la droga mi avevano influenzato con i loro racconti. Il mio ragazzo, vorrebbe farmela provare e dice cge sarebbe un'esperienza fantastica! Dopo mesi di titubanza e litigate, mi sono decisa... voglio prendere uno 0.1 e se mi sento a mio agio un'altro 0.1 (sono alta 1.60 e peso 50kg) il mio ragazzo dice che non la sentirei che non ha senso che dopo tutti i mesi di paura voglia prenderla proprio ora! Visto l'importanza dell'mdma per lui (anche se non e fa uso massiccio). Lui vorrebbe mi prendessi uno 0.2 Ora come ora parlando di queste cose con le mie amiche non mi capiscono e dicono di lasciar stare ma io voglio provare a modo mio anche perché penso di non riuscire a sentirla bene e di conseguenza stare male, anche perché ognuno ha il suo limite... che mi consigliate di fare? Faccio di testa mia o ascolto il mio ragazzo??

Punteggio: 4 (10 voti)

Le balle di giovanardi sul consumo di droga in Italia

il rapporto dell'Osservatorio europeo droghe del 2010 mostra l'ennesimo fallimento della legge fini-giovanardi:Prevalenza del consumo di cannabis nella popolazione generale: sintesi dei datiPaesi con la prevalenza più alta 15-64 anni Ultimo annoRepubblica ceca (15,2 %)Italia (14,3 %)Spagna (10,1 %)Francia (8,6 %)Prevalenza del consumo di cocaina nella popolazione generale: sintesi dei datiPaesi con la prevalenza più alta 15-64 anni Ultimo annoSpagna (3,1 %)Regno Unito (3,0 %)Italia (2,1 %)Irlanda (1,7 %)per gli oppiacei non è riportata la tabellail dipartimento politiche antidroga ha pensato bene di pubblicare su youtube questo video trionfale di giovanardi...e se gli fate notare che il senatore sta facendo solo disinformazione, il commento viene rimosso

Punteggio: 4.9 (9 voti)

incredibile

Oggi il "Corriere della Sera", in merito alla ragazza "uccisa dall'ecstasy" (evento di per sé impossibile da un punto di vista farmacologico, quindi probabilmente bisognerebbe dire "uccisa da una congestione scatenata dall'ecstasy" oppure "uccisa dalla sostanza di taglio") citava come "oltre 500" i morti da droghe sintetiche, quando invece sono i morti totali (causati al 90% da eroina e al 7-8% da cocaina).

Come al solito i giornali si buttano sulla storia delle "droghe sintetiche" per fare notizia, facendo vera e propria disinformazione: si agita uno spauracchio che non esiste distogliendo l'attenzione dalle droghe che stanno invadendo il mercato (e uccidono davvero): eroina e cocaina. Semplice idiozia o disegno preciso?

Punteggio: 4.9 (9 voti)

E' nato Narcoleaks, un sito per monitorare i sequestri di droga

Il progetto, pubblicato in quattro lingue, nasce da un’idea di un gruppo di giornalisti e ricercatori italiani in collaborazione con l’agenzia di stampa Redattore Sociale. Lo scopo è di archiviare e analizzare i dati sul narcotraffico

GUARDA NARCOLEAKS

Quotidiano.net - Roma, 28 gennaio 2011 - Come scoprire quanto pesa realmente il traffico internazionale di stupefacenti sull’economia mondiale? O si può fantasticare su segreti internazionali, o seguire catalogare la traccia delle prove, delle evidenze, archiviarle e poi analizzare i dati raccolti per avere uno sguardo d’insieme. Con questo obiettivo nasce Narcoleaks (http://www.narcoleaks.org/), un progetto che intende monitorare quotidianamente i sequestri mondiali di cocaina riportati dalle testate giornalistiche internazionali.

Il progetto, pubblicato in quattro lingue, nasce da un’idea di un gruppo di giornalisti e ricercatori italiani in collaborazione con l’agenzia di stampa Redattore Sociale, con la direzione scientifica di Sandro Donati, autore di diverse ricerche sulla produzione e sui traffici di cocaina per l’associazione Libera.

In diverse occasioni, infatti, i dati ufficiali sulla produzione di cocaina sono stati criticati perche’ lontani da quella che potrebbe essere la realta’. Gia’ nel 2007 l’associazione Libera ha dimostrato incongruenze tra i propri dati e quelli delle stime ufficiali delle Nazioni unite e degli Stati uniti.

L’obiettivo di Narcoleaks e’ avviare un monitoraggio costante sul fenomeno del traffico di cocaina e offrire lungo il corso dell’anno analisi e spunti di riflessione su tutto quello che riguarda il narcotraffico.

Qual e’ il significato dei dati pubblicati da Narcoleaks? Il principale dato riportato dal sito web (vedi lancio successivo) e’ il peso totale della cocaina sequestrata alla data riportata.

Il dato viene calcolato sommando i quantitativi sequestrati ogni giorno e resi pubblici dagli organi di stampa internazionali. Il dato indicato sul sito si riferisce a quantitativi di cocaina di elevata purezza. Altro dato importante e’ la proiezione del totale sequestrato per il 2011 calcolata sul trend di sequestri registrati dallo studio di Sandro Donati del 2009 per l’associazione Libera, tenendo conto dell’andamento generale dei sequestri lungo il corso dell’anno e delle possibili correzioni apportate dai dati ufficiali. I due dati sui sequestri sono poi confrontati con le stime della produzione secondo il Dipartimento di Stato americano e l’Unodc, ufficio delle Nazioni unite deputato al monitoraggio dei traffici di droga.

Perche’ il monitoraggio si limita soltanto alla cocaina? Le ragioni di questa scelta sono dettate dal fatto che il traffico di cocaina rappresenta ancora uno dei piu’ proficui gettiti di contante per l’economia illegale, molto al di la’ dei dati ufficiali, nonostante la concorrenza delle droghe sintetiche e il ritorno sul mercato dell’eroina.

Perche’ Narcoleaks archivia soltanto le notizie sui sequestri? Il dato dei sequestri ha un’importanza straordinaria. Sia perche’ rappresenta l’unico parametro ‘reale’, poiche’ quello relativo alla produzione e’ ricavato da stime calcolate per mezzo di rilevazioni satellitari delle piantagioni di coca, sia perche’ costituisce un termometro dell’economia criminale.

Come avviene il monitoraggio? Viene effettuato su oltre 100 fonti che riguardano soprattutto l’America Latina dove avviene il maggior numero di sequestri di notevoli quantita’ di cocaina pura. Tali fonti permettono di ‘intercettare’ notizie che rappresentano indicativamente piu’ del 90% dei sequestri che di cui si ha notizia in tutto il mondo. Infine, per verificare in corso d’opera l’attendibilita’ dei dati raccolti, gli stessi vengono confrontati con le statistiche parziali che diversi paesi pubblicano periodicamente nel corso dell’anno.

Perche’ il dato dei sequestri e’ cosi’ importante? Perche’ fa capire immediatamente che nella stima ufficiale sulla produzione mondiale di cocaina c’e’ qualcosa che non funziona. È stato gia’ dimostrato in passato e la proiezione dei sequestri fornisce una stima che supera paradossalmente quella della produzione di cocaina calcolata dagli Stati uniti, mentre sfiora quella delle Nazioni unite. Tale dato dimostra come la produzione di cocaina a livello mondiale sia pericolosamente sottostimata dalla comunita’ internazionale.

Chi finanzia Narcoleaks? Non c’e’ alcun finanziamento alla base del progetto. Tutte le persone coinvolte lo sono a titolo gratuito. La collaborazione con l’agenzia di stampa Redattore Sociale nasce da una comunanza di vedute e da un costante lavoro d’inchiesta svolto negli ultimi anni sul tema da parte di alcuni giornalisti della testata. (www.redattoresociale.it).

Punteggio: 4.6 (9 voti)

la mia esperienza nel mondo delle droghe

Ciao a tutti sono Francesco ho 28 anni e sono di Cagliari.A13anni ho iniziato con le canne a 14 con cocaina ed exstasy poi anfetamine e ketamina.Mi son piaciute molto ed ho iniziato a farne uso sempre piu spesso.La coca da una volta al mese sono arrivato a tutte le ore della giornata.All’inizio la sniffavo poi la fumavo come krack o free base che è molto più potente.Nn mi bastavano i soldi e sono arrivato a spacciarla.Ho esagerato e in tre giorni ne ho fatto 100 grammi.Sono stato male ed ho avuto un intossicazione, avevo manie di persecuzione, paranoie varie e allucinazioni.Da li ho deciso di smettere.Sono rimasto 8 mesi pulito e poi nn ce la facevo più e ho deciso di partire a Brescia.Ho provato l'eroina e me ne sono innamorato.A Brescia convivevo con la mia ragazza e ci facevamo insieme.All'inizio la fumata e poi tirata( io me la sarò iniettata 5volte )nn non ho mai esagerato al massimo 2.5 grammi al giorno.All inizio ogni tanto poi tutti i giorni.Io per stare bene appena mi alzavo dovevo farmi una striscia.Questo e durato 5 anni dopo per uscirne abbiamo deciso di trasferirci al paese della mia ragazza a Salerno.Prendevo metadone anche a Brescia ma solo 20 e sniffavo sopra.A Salerno ho iniziato con60 poi sono passato a 100.Nn usavo più niente e stavo benissimo.Mi chiamano a Brescia per lavoro e iniziai a stare male.Paranoie depressione e inizia a curare con psicofarmaci 30gocce di tavor 2 volte al giorno e arrivai a 200 in poco tempo.Tentai il suicidio con 5 boccette di tavor e rivotril mi spaventai e chiamai l'ambulanza.Lavanda gastrica e stavo bene.Mi chiamò la mia ex e le dissi tutto.Lei chiamò mio padre e mi venne a prendere per portarmi a Cagliari.Devo dire che gia a Brescia mi erano incominciate delle brutte crisi psicotiche strane.A Cagliari tentai il suicidio mi stavo x buttare dalla finestra mi salvò mio padre con mia mamma e mia sorella.Mi ricoverarono in psichiatria per 10 giorni e m’iniziarono a somministrare molti farmaci.Mio padre mi disse se volevo provare la comunità era la mia unica speranza e andai.Ero un vegetale prendevo decine di psicofarmaci.Per umore ansia sonno depressione e crisi psicotiche.Le crisi non passavano le avevo spesso.Comunque dopo un anno stavo meglio anche pur avendo queste crisi ma più leggere.Ho fatto 2 anni di comunità e sono uscito 7mesi fa.Ho lavorato fin da subito alle poste.ora ho ancora le crisi ma non un giorno sì e uno no ma ogni 30giorni e molto più leggere.Ero 3anni senza toccare droghe e la settimana scorsa ho deciso di prendermi una busta di robba.me la sono tirata.avevo anche deciso di farne uso ogni 3 /4mesi ma ho capito che non riuscirei e arriverei ad usarne come prima.Quindi ho deciso di non usare più.ho paura ma devo riuscirci.questa e la mia storia faccio un in bocca al lupo a chi vuole smettere.un saluto a tutti

Punteggio: 4 (9 voti)

Alexander Shulgin sulle droghe

LA FILOSOFIA DIETRO LA SCRITTURA DI PIHKAL

(tratto dall'introduzione di PiHKAL, di Alexander Shulgin, scopritore del 2-CB e di altri composti e farmaci, e principale studioso mondiale dell'MDMA. Tradotta dal blog Pihkal Italia)

LA FILOSOFIA DIETRO LA SCRITTURA DI PIHKAL(tratto dall'introduzione di PiHKAL, di Alexander Shulgin, scopritore del 2-CB e di altri composti e farmaci, e principale studioso mondiale dell'MDMA. Tradotta dal blog Pihkal Italia)Sono un farmacologo ed un chimico. Ho speso la maggior parte della mia investigazione in età adulta sull'azione delle droghe, come sono state scoperte, cosa sono, cosa fanno, come possono essere d'aiuto - o dannose. Ma il mio interesse è posto in qualche modo al di fuori della farmacologia convenzionale, nell'area che ho trovato più appagante e affascinante, quella delle droghe psichedeliche. Gli psichedelici possono essere definiti come composti che non danno luogo a dipendenza fisica, e che alterano temporaneamente lo stato di coscienza di qualcuno.
L'opinione prevalente in questo paese è che ci siano droghe che hanno uno stato legale e sono relativamente sicure o che perlomeno hanno un rischio accettabile, mentre altre droghe siano illegali e non hanno nessun posto legittimo nella nostra società. Nonostante questa opinione sia ampiamente condivisa e vigorosamente sostenuta io credo, in tutta onestà, che sia falsa. È un tentativo di dipingere le cose bianche o nere quando, in questo campo, come nella maggior parte della vita, la verità è una sfumatura di grigio.
Lasciatemi spiegare il perché di questa posizione.Ogni droga, legale o illegale, ha un vantaggio. Ogni droga presenta dei rischi. E ogni droga può essere abusata. In definitiva, credo che stia ad ognuno di noi mettere su una bilancia il vantaggio rispetto al rischio e decidere quale pesi di più. I vantaggi hanno un ampio spettro. Possono includere cose come curare malattie, lenire il dolore fisico o emotivo, intossicazioni e rilassamento. Certe droghe - quelle conosciute come psichedeliche - permettono un aumento nell'introspezione personale ed un'espansione degli orizzonti mentali ed emotivi.
Anche i rischi sono svariati, spaziando da danni fisici a disturbi psicologici, dipendenza, e violazione della legge. Così come ci sono differenti vantaggi con persone differenti, ci sono anche rischi differenti. Un adulto deve prendere le proprie decisioni sull'esporsi, o meno, ad una droga specifica, disponibile o bandita dalla legge, misurando il bene ed il male potenziali con il suo proprio criterio. Viene da sé che l'essere ben informati gioca un ruolo indispensabile. La mia filosofia può essere distillata in quattro parole: sii informato, poi scegli.
Personalmente ho deciso che alcune droghe avessero un'importanza sufficiente a farmi accettare i rischi. Altre, non le ho trovate abbastanza benefiche. Ad esempio, io uso una quantità moderata di alcool, in genere sotto forma di vino e - al momento - i test sulle funzioni vitali del mio fegato sono completamente normali. Non fumo tabacco. Prima sì, con una certa frequenza, ma poi ho abbandonato. Non è stato il rischio per la salute a farmi vacillare, ma il fatto di esserne diventato completamente dipendente. Quello era, nella mia visione, un prezzo inaccettabilmente alto.
Ogni decisione del genere è mia, basata su ciò che so di una droga e cosa so di me stesso.
Tra le droghe che sono al momento illegali, ho deciso di non usare marijuana, sentendo che quest'intossicazione da fattanza e l'alterazione benigna della coscienza non compensano adeguatamente la fastidiosa sensazione di star perdendo tempo... leggi tutto su http://pihkal-ita.blogspot.com/2010/11/introduzione.html

Punteggio: 5 (8 voti)