Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

eroina

Domanda: subotex salve, da agosto 2014 ho sospeso 3 @nni e mezzo di terapia

Diciamo ,fino a dicembre ho avuto gli strascichi dell'astinenza,poi pian piano sempre meglio ma ad oggi ho ancora problemi sessuali, eccessiva sensibilità ,classica dell'astinenza da oppiacei e non accenna a migliorare, sarà che non faccio sesso tutti i giorni come prima di iniziare la terapia, non so. avete dei consigli!? Sto pensando di riprendere la terapia come stabilizzante dell'umore dato che sono un soggetto ansioso e non ho mai trovato giovamento negli ansiolitici, solo con la buprenorfina. datemi un consiglio ... qualche utente può raccontarmi la sua esperienza, spero non succeda solo a me....

Risposta:

 Caro lettore, avevo risposto alla tua precedente domanda. Dalle tue parole mi era sembrato di capire che preferivi non ritrovarti di nuovo in trattamento con un oppiaceo e ti avevo proposto altre vie per risolvere il problema. Tuttavia puoi provare a parlare con il tuo medico sert della tua idea. 

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: Sono a 3 (0.6) è il metadone concentrato e melo devo prendere con la siringa ecco da quando lo prendo così, sto malissimo non riesco a dormire.. riuscirò ad arrivare a 0 finalmente? mancano 3 settimane... starò tanto male?

Risposta:

 Per essere sicuro del dosaggio (dato il volume molto basso) ti consiglio di aspirare nella siringa anche dell' acqua ed agitarla prima di bere. 

Magari i tuoi disturbi dipendono da un errore di assunzione. 
Se non fosse così ti consiglio di riparlare con il tuo medico sert e vedere con lui se può essere opportuno un aumento del dosaggio ed una diversa modalità di riduzione successiva.
Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: sto male sono incinta e in astinenza da suboxone

Salve prendevo giornalmente 8mg di suboxone in pillola. Appena ho scoperto di essere incinta subito non ho preso più pillole. Adesso sono esattamente 5 giorni che sento l'astinenza, non dormo ho un po di dolori e mi sento sempre senza energie e senza forza, giù di morale . Quando starò meglio e inizierò a vivermi la gravidanza al meglio? Che posso fare per stare bene? Ammetto di essere troppo tentata di prendere la pillola e stare benissimo, mi viene da piangere se penso che una stupida pillola mi farà sentire benissimo mentalmente soprattutto psicologicamente, non so come fare. So che causa dipendenza al bambino e se la togliessi nei mesi avanti della gravidanza causerei il distacco della placenta. Vi prego aiutatemi

Risposta:

 Devi rivolgerti subito al Sert e riprendere la terapia. L’astinenza per il feto è più dannosa e potenzialmente pericolosa della terapia. Puoi assumere sia buprenorfina che metadone che non provocano danni al feto.

Aggiungo inoltre che non è assolutamente vero il distacco della placenta causato dalla buprenorfina: che te l'ha detto?. Prendi la pillola e vivi serenamente la gravidanza: è il regalo migliore che puoi fare al tuo bambino. Alla nascita eventuali piccole astinenze con un dosaggio così basso sono in genere di lieve entità e assolutamente controllabili

Laura Calviani medico sostanze.info

 
 

Domanda: facendo le analisi delle urine cioè la ricerca degli oppioidi si rileva anche il subuxone?

Risposta:

 no

Domanda: Ciao non so che fare mi sono fatto un fuori vena nella gamba con del metadone

Metadone molteni sono passati 6 giorni sempre con febbre alta non ho detto niente a nessuno adesso o tutta la gamba che mi fa male. Oggi ho preso del antibiotico ché avevo clavomed cosa devo fare aiutatemi grazie

Risposta:

 Devi assolutamente farti visitare al più presto da un medico, spiegandogli esattamente cosa è successo. Il dolore a tutta la gamba può essere segno di un'infezione dei tessuti ma anche di una vena (flebite, tromboflebite). Questi richiedono una terapia immediata.

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: astinenza prolungata da benzodiazepine, ci sono rimasto sotto?

ho preso benzodiazepine e alcol per quasi un anno in grosse quantità (soprattutto zolpidem), poi ho deciso di interrompere bruscamente. dopo circa 3 giorni di astinenza acuta mi sono ripreso ma solo in parte, nel senso che mi sento ancora "rallentato" (sono passati 10 giorni ormai!), come se non fossi più lo stesso: sempre stanco ma incapace di fare un sonno ristoratore, memoria e capacità di concentrazione molto compromesse, cardiopalmi e vampate di calore improvvisi, continuo a mangiare, formicolii e scosse elettriche quando tocco qualcosa, apatia senza essere francamente depresso. ho letto che questa condizione può durare dai 2 mesi fino ai 2 anni, o addirittura persistere per sempre. ma è vero? voi che ne pensate, sono spacciato?

Risposta:

 No, non sei spacciato. I sintomi passeranno con certezza. Però devo aggiungere una cosa importante. Il modo con cui hai affrontato la disintossicazione è pericoloso. Hai corso il pericolo di avere delle convulsioni. Ti consiglierei di farti visitare subito da un medico esperto il quale potrebbe consigliarti una terapia in grado di scongiurare del tutto questo pericolo.

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: Passare da 12 mg di suboxone a 8 mg?

Salve, vorrei pareri di esperti in merito alla mia domanda in attesa di parlarne con il mio medico non appena lo vedrò . Assumo 12 mg di suboxone e vorrei scalarlo per cercare di smetterla il prima possibile . Dite che è fattibile passare da 12 mg a 8mg direttamente o è uno scalaggio troppo forte? Grazie !

Risposta:

Potrebbe essere un pò eccessivo. In genere si diminuisce 2 mg per volta, ma tutto dipende da come ti senti e dalla tua situazione clinica
Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: Come mai esiste suboxone sotto forma di pastiglie vere e proprie esagonali e anche suboxone sotto forma di "tavolette" chiamate film? Quali sono più efficaci?

Risposta:

 In teoria non ci dovrebbe essere nessuna differenza di effetto.

Domanda: mi faccio il metadone in vena...non ce la faccio a toglierlo.....sto impazzendo

Risposta:

Se non ce la fai, penso che l'unica cosa da fare sia riferirlo al tuo medico sert ed assumere tutti i giorni il metadone al sert

 

Domanda: EPATITE C E TERAPIE FARMACOLOGICHE.CHIARIMENTI!

'come capita spesso per chi ha usato eroina , si è beccato l'epatite c , io sono uno di quelli , qualche hanno fa ho fatto la cura con interferone e rivabirina per un anno , è fortunatamento sono riuscito a portare la virologia a zero , e facendo controlli ogni hanno il mio virus se ne sta li a dormire , tranquillo , tanto io non bevo , anche quando il sert mi ha fatto le a nalisi hanno trovato tutto molto bene , ma io vorrei sapere se allungo il metadone e qualche benzodiazepine se potrebbe risvegliare questo mostro che vive in me? grazie' rispondi risposta a "EPATITE C" del 06.03.11 8 Marzo, 2011 - 09:31 da la redazione Il metadone e le benzodiazepine creano questo pericolo. Il pericolo principale nella tua situazione è l’alcool. Fai bene a non berne assolutamente. HO RIPORTATO la domanda del ragazzo,a cui non mi avete più risposto quindi la pongo qua.Bello come lui chiede precisazioni riguardo a meta e benzo e voi sboglionate in una frase,passando direttamente all'astemia.Con me per piacere evitate e se potete fornitemi le info dettagliate riguardo alla negativizzazione ed eventuali farmaci.Non mi interessa ne il bere.ne la dieta. Vorrei solo capire bene come funziona l'eventuale negativizzazione del virus..so cosa devo fare e non fare ora che ce l'ho e il suo decorso mi è chiaro.Invece non mi sono ben chiare le dinamiche 'post terapie'.Rimane il virus 'dormiente'?Perchè si può risvegliare con benzo e metadone e con altri farmaci no?Se uno prende che ne so un'aspirina al giorno non è uguale?Perchè allora invece di aiutarmi a finire la terapia metadonica prima di iniziare il duplo (sono in F1,non c'è urgenza) mi consigliano addirittura di rialzarla perchè 'l'interferone causa depressione è meglio prevenirla che curarla'?E mi dicono di curarla col meta,manco con un ricaptatore della serotonina,toh.Perchè porco cane,dopo mille appuntamenti con l'epatologa che mi ha macellato le palle a suon di 'non bere,non farti,non mangiare fritto' non è venuto fuori manco una volta che anche le terapie farmacologiche erano eventuali fonti di pericolo?Perchè la classe medica si ostina a non darci tutte le informazioni di cui abbiamo DIRITTO,pensando di essere nel giusto a tralasciare pur di farci aderire agli schemi di sta società di mierda e alla terapia?Perchè siete i primi a dire 'non ci sono differenze tra pazienti e pazienti tossici' e poi ci trattate come dei bambini cerebrolesi che non sono nelle condizioni di poter avere tutte le informazioni del caso per poi scegliere autonomamente?Voi medici ci trattate diversamente da qualsiasi altro paziente,come ci si può aspettare che non lo faccia la società?Magari per voi sarebbe meglio morire vecchi pieni di problemi fisici fino al collo causati da una terapia ventennale (di cui non eravate a conoscenza che vi fotteva completamente l'organismo),altri preferirebbero morire con un ago in vena a quel punto e se permettete è una libera scelta di ognuno.

Risposta:

 Certo che è una libera scelta, ci mancherebbe... quindi non comprendo il tono. Proverò però a essere più chiara possibile anche se credo tu sia già in possesso delle informazioni che servono.

Se hai la viremia negativa significa che I farmaci hanno funzionato e il virus al momento non si replica e non fa danno. Non so a che stadio è il tuo fegato, ovviamente, e se prima della terapia aveva già subito un danno parziale, come è probabile, è opportuno non appesantirlo con alcol che agisce come tossico direttamente sul fegato e farmaci. Su quest'ultimo punto ovviamente va fatto un distinguo. Alcuni farmaci hanno un impatto maggiore sul fegato e altri meno. Tra quelli ad impatto maggiore ci sono I FANS ( come aspirina, diclofenac, nimesulide ecc..) ed altri.
Il che non vuol dire che non si possono mai usare in assoluto ma che vanno usati con cautela e sopratutto se c'è un reale bisogno e non è possibile sostituirli con altri. 
Il metadone e la buprenorfina sono tra quelli a minor impatto sul fegato e se si ritiene che siano utili per impedire le ricadute nell'uso di sostanze ( oppiacei, cocaina ecc) ,che sono sicuramente molto più tossiche per il fegato, non solo si possono ma vanno utilizzati. Il risveglio del virus dell'epatite C non dipende da metadone o buprenorfina ma piuttosto ad aumentate probabilità - con le  ricadute - nell'uso di sostanze con relativi tossici che si portano dietro: l' uso di alcol, la ripresa di una vita malsana e con  una certa quota di “fattore  che inizia con c e finisce con o”. 
Lo so che si vorrebbe avere indicazioni precise e inconfutabili, ma in medicina si tratta spesso di probabilità sulla base delle conoscenze che si hanno al momento.
Laura Calviani medico sostanze.info
Condividi contenuti