Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

eroina

Domanda: ciao, vorrei capire i postumi di chi ha assunto eroina per anni (meno di 10 presuppongo) e ha intrapreso un persorso in comunità, quindi senza ausilio di farmaci.

Risposta:

 se ci spieghi cosa intendi per postumi, forse riusciamo a darti una risposta

Domanda: Ciao , io sono a Londra e ho bisogno di metadone , non sono iscritto al sert ...ci sono ricaduto con l eroina e sto fumando 1 o 2 buste al giorno , il problema è che l 8 aprile devo dare le mie urine , 2 mesi fa i carab mi hann trovato 1gr di eroina

Dove posso recarmi a Londra per richiedere il metadone ?? La mia è una scimmia piccola , xo non voglio togliermela a secco perché sono più che sicuro che perderei il lavoro , mi basterebbe prendere metadone x 5 6 giorni x rimettermi apposto , non so davvero come fare , potete darmi un aiuto ????? Qualche centro di recupero tipo sert qui a Londra ?!!

Risposta:

qua trovi le info che stai cercando

www.indro-online.de/travel.htm

Domanda: IL SUBXONE PERSO IN QUANTITA DI 16M FA PIU MALE AL FEGATO DEL METADONE?

PAZIENTE CON EPATITECB SONO PASSATO DA POCO 10GIORNI AL SUBUXONE VENIVO DA 30 ANNI DI METADONE MAI DOSAGGI ALTI MAX 40 MI STO TROVANDO MALECON LA TESTA CON DEPRESSIONE E ATTACCHI DI PANICO PAURE DI MORIRE ECC E ADESSO STO PENSANDO DI RITORNARE INDIETRO A LIVELLI MOLTO MINIMI DI METADONE TIPO 5 DI CONCENTRATO COSA NE PENSATE ?

Risposta:

 Non so se questo tuo malessere deriva dalla buprenorfina. E’ strano. Forse si sono combinate più cose insieme. E' importante che lo valuti con il tuo medico. Comunque il passaggio da buprenorfina è possibile, senza problemi

Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: Se cortesemente è possibile usufruire di questo servizio pubblico.....

come nel dovere degli operatori presenti, richiederei, gradita la risposta, se è possibile ammalarsi di epatite C se la sostanza viene bollita per iniezione o anche bruciata per essere fumata. Ringraziando, porgo i miei cordiali saluti

Risposta:

 ricevendo e ricambiando i cordiali saluti, cogliamo l'occasione per rispondere cortesemente da questo servizio pubblico.

La bollitura non garantisce assolutamente la sterilità. Fumare eroina comporta una percentuale di rischio decisamente minore di contrarre l’epatite C rispetto alla pratica iniettiva 

Domanda: Mi sono bucato da una parte e mi brucia da un'altra

Salve egregi dottori oggi mi sono fatto eroina sulla pancia, su una vena superficiale non in una profonda come quella del linguine, Il Fatto sta che subito dopo aver fatto ho sentito un bruciore al fianco del ginocchio sinistro, tirandomi giù i pantaloni vidi un rossore è un piccolo rigonfiamento con conseguente fastidio. Morale della favola vorrei sapere come mai mi è capitato questo aspetto una risposta saluti

Risposta:

 Una relazione di causa/effetto tra le due cose non sembra esserci. È più probabile che ci sia una coincidenza temporale tra le due cose.

 

Domanda: Scalare metadone: potrei avere un vostro parere?

Buongiorno. Sono una tossicodipendente da eroina 16 anni. Ne ho 32, quindi ho trascorso metà della mia vita a iniettarmi/fumare eroina, il tutto contornato da altre sostanze quali cocaina, alcol, benzodiazepine etc. Assumo metadone tramite ser.t. da circa 8 anni, con una media del dosaggio di circa 60 mg/die fino a 3 anni fa. Negli ultimi 3 anni ho smesso con tutte le altre sostanze, tranne che con le iniezioni di eroina e metadone al ser.t.. Inoltre ho diminuito molto la dose quotidiana di metadone, sempre negli ultimi 3 anni, giungendo a circa 30 mg/die. Uso il "circa" perchè usando anche eroina, nei giorni successivi dall'ultima dose dovevo assumere più metadone del solito (circa 40), per poi ristabilizzarmi nuovamente a 30mg/die, almeno fino a che rimanevo pulita da eroina, poi, usando un'altra volta, aumentavo nuovamente la dose di metadone a 40 mg/die per pochi giorni, scalandolo poi a 30mg/die.. ..e il ciclo si ripeteva. Attualmente: non uso più eroina da 4 mesi (solo metadone) che peraltro sto scalando. Lo scalaggio lo abbiamo studiato bene con il medico del ser.t, ma visti gli esami urine sempre negativi alle sostanze (esame urine: 2 volte a settimana) ho ottenuto un affido più lungo del farmaco, così ho pensato di gestire lo scalaggio a modo mio. Premetto che conosco bene il meccanismo del "voler fare tutto e subito", errore molto comune nei tossicodipendenti eroinomani che intraprendono una terapia a scalare. Ed è proprio perchè ho familiarità con tale meccanismo, che mi sono posta dei range "ml/tempo" sotto i quali non devo scendere, al fine di evitare un risveglio della parte "malata" del cervello, che scova in ogni parte della mente un alibi, una scusante per potersi "permettere" una ricaduta (es: "sto andando forte con la diminuzione del farmaco, credo che un piccolissimo premio me lo merito" oppure "è troppo dura e ci vuole troppo tempo.. quasi quasi provo a scalare con l'eroina"). E ciò che mi fa rendere subito conto di quanto questa sostanza sia "accalappiatrice", è il fatto che di tali scusanti/alibi la mente se ne convince per davvero! Inizia persino a sovreccitarsi, e la spossatezza dovuta allo scalare il metadone scompare quasi del tutto in quegli attimi! Pensate al controllo che l'eroina esercita sulla nostra mente! E' terribile! Quindi avendo la consapevolezza di ciò, riesco a tenere a bada queste fortissime tentazioni, che diventano sempre più forti andando avanti con lo scalare del farmaco, se troppo rapido. Ora, vi scrivo per avere un parere sulla diminuzione del metadone da me intrapresa (ho annotato tutto su un diario): Partendo da 30mg/die sono passata subito a 25; il giorno successivo 24 mg/die, e sono stata ferma 3 giorni; a 23 mg/die per 4 giorni; a 22 mg/die per 3 giorni; a 21 mg/die per 2 giorni; a 20 mg/die per 2 giorni; a 19 mg/die per 2 giorni; a 18 mg/die per 2 giorni; a 17 un giorno; a 16 un giorno (primi sintomi di allarme astinenza, ma gestibili); a 15 per 6 giorni (mi sono dovuta fermare per 6 giorni per sintomi, soprattutto gambe senza riposo, irrequietezza, spossatezza); a 14 per 4 giorni (i sintomi persistono ma più lievi, comunque soprattutto irrequietezza, gambe senza riposo, spossatezza); Ed eccoci arrivati a ieri: mi sveglio coi sintomi diminuiti e decido di passare a 13 mg/die, e anche oggi 13 (sintomi gestibili). Ho voluto scrivere solo i sintomi che più mi hanno fatto soffrire. Brividi e freddo sono gestibili muovendomi in casa o stando in pigiamone e coperta, ma le gambe senza riposo e dolore ai polpacci sono i sintomi ai quali sono maggiormente sensibile. Allora, come mi consigliate di scendere col dosaggio, da 13 quale mi trovo, fino a zero? So che preferite che chieda al ser.t., infatti vi chiedo solo un parere e non un consiglio. Stavolta resisto al dolore fisico perchè sono seriamente motivata, e so bene che parallelamente alla diminuzione del farmaco, cresce il rischio overdose etc etc etc. Io sto scalando liberamente, senza programmi, a seconda di come mi sveglio (sintomi) e anche a seconda di come mi sento (pronta a scalare ancora oppure no). Sono motivatissima: vorrei svegliarmi tutte le mattine LIBERA, senza dover dipendere da questo maledetto metadone! Voglio avere una vita normale, sana,perchè sono laureata e ho dei progetti per il futuro. La droga per fortuna non mi ha danneggiata, ho denti, capelli e pelle sani, mi sottopongo sempre a controlli e visite mediche, mi voglio bene, mi curo, e nonostante sia stata infettata dal virus dell'epatite C, non ho perso la mia bellezza, se non nei mesi in cui ho affrontato la terapia con interferone e ribavirina. Non dò l'idea di una tossicodipendente e questo è un regalo da parte della Vita. La vita è un insieme di emozioni.. e non bastano 100 anni per provarle tutte. io voglio vivere più a lungo possibile, in modo sano, lo voglio davvero. Ancora però la mia mente combatte con le tentazioni, specialmente ieri sera.. ma ho resistito, pensando a quando arriverò a zero col metadone e sarò finalmente LIBERA (fisicamente). Una volta che sarò libera da queste catene, sarò io a decidere e non più l'eroina, che mi teneva incatenata. Per evitare ricadute ho anche chiesto l'aiuto di uno psicologo al ser.t.: ho iniziato ieri, e devo dire che non vedo l'ora di fare la prossima seduta. Vi chiedo: avendo letto quanto ho raccontato, essendo a 13 mg/die di metadone, e continuando a scendere a seconda di come mi sento alla 24°ora dall'ultima assunzione (sono molto precisa per queste cose), una volta giunta a 5 mg/die poi si può scalare fino a zero? Perchè al sert mi dissero che da 5 a zero mi avrebbero solo aiutata con dei farmaci che avrebbero alleviato i sintomi astinenziali.. ma scusate,non si può ridurre la dose fino a zero? prendendo metadone non concentrato per me dovrebbe essere facile.. insomma, perchè arrivati a 5, non si può arrivare a prendere 1 mg/die? non fa effetto per 24 ore? delucidatemi.. e vi prego, scrivetemi tanto e in tanti, perchè non parlo mai con nessuno di questa parte della mia vita e vorrei conoscere i vostri pareri. Grazie davvero per la pazienza di avermi letta fino a qui. mi rendo conto di aver scritto molto. buona giornata e buona festa delle donne alle donne che stanno leggendo :-)

Risposta:

 Cara lettrice, ho letto tutte le tue parole.

Innanzi tutto rispondo alla tua domanda "farmacologica": il metadone si può tranquillamente scalare fino a 1 mg e, volendo, anche di più. Non capisco perchè al sert hanno detto che non si può. Non solo. Abbandonarlo a 5 mg, secondo me, non è consigliabile perchè i sintomi astinenziali possono essere di una certa entità e non vedo quindi alcun vantaggio in questa scelta.
Tu chiedi un parere sul modo di proseguire la tua disintossicazione. Dalle tue parole mi sembra che tu abbia una chiara coscienza di cosa sia e di quanto possa essere potente la dipendenza psichica all'eroina. D'altra parte in questo periodo ti senti molto motivata a raggiungere il tuo obiettivo di libertà. Questa tua forte motivazione certamente ti aiuta, ma non può darci la garanzia del risultato. In particolare del risultato a medio e lungo termine. Quindi cosa posso dirti? Certamente di stare attenta agli allarmi della dipendenza psichica ed eventualmente di tornare prudentemente indietro. Rispetto al ritmo dello scalaggio, in generale, posso dirti che è molto, molto più veloce di quelli che io ho sempre consigliato ai miei pazienti. Quindi anche il proseguire con un ritmo del genere non mi sembra prudente. Fammi sapere.
Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: L'epatite C si può trasmettere fumando l'eroina o iniettandola dopo bollitura?

In entrambi i casi con oggetti sterili e monouso.

Risposta:

 La bollitura non garantisce assolutamente la sterilità. Fumare eroina comporta una percentuale di rischio decisamente minore di contrarre l’epatite C rispetto alla pratica iniettiva

 
Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: TRASPORTARE METADONE IN AEREO

Ciao a tutti. Avevo una domanda molto importante da porre: il 23 marzo devo partire con la mia ragazza per Parigi, solo che sono in cura presso il sert. Staremo via 5 giorni, quindi dovrò farmi rilasciare l'affido. Come faccio a trasportarlo in aereo? Viaggiamo solo con bagaglio a mano. Prendo 40 al giorno, quindi in tutto devo trasportare 160. Ho letto in giro che basta presentare il foglio di affido del sert..però sapendo che in bagaglio a mano non si possono trasportare più di 100 ml di liquidi, ho paura che mi facciano storie.. Se me lo nascondo addosso? Per favore rispondete al più presto, soprattutto quelli che hanno viaggiato con metadone, fatemi sapere ! A.

Risposta:

 puoi metterlo nel bagaglio in stiva, ma soprattutto portarti dietro la regolare prescrizione del ser.t. (meglio se tradotto anche in francese o in inglese). 

Domanda: Cos'è l'antaxone? Come funziona? Ci sono dei casi in cui ha funzionato? è vero che per prenderlo deve firmare anche un genitore o comunque una persona vicino che si prenda la responsabilità? aiutatemi a chiarirmi le idee sono una ragazza che ha avuto

la sfortuna di diventare tossicodipendente quindi....per favore se potete, datemi una risposta :)

Risposta:

Il farmaco si chiama naltrexone. E' un antagonista degli oppiacei.Si usa nella dipendenza da eroina. Esso si lega ai recettori dell'eroina e quindi se questa viene usata non fa effetto. Questo serve a scoraggiare la persona dipendente dall'uso di eroina.

Questo effetto però dura solo fino a quando il farmaco viene assunto. Se la terapia viene interrotta tutto torna come prima. I risultati dell'uso non sono stati molto brillanti. Oltre tutto c'è pericolo di overdose perchè una persona con una forte dipendenza potrebbe interrompere il trattamento ed in questo caso, essendo la sua tolleranza agli oppiacei azzerata, il pericolo di overdose è molto alto.
Non ci sono particolari obblighi procedurali per usarlo. La persona deve dare il suo consenso informato come per qualsiasi altra terapia.

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: Fumare l'eroina può sempre portare al contagio di epatite C?

Intendo fumarla con le proprie cose, senza condivisione. Infine, l'eroina iniettata con attrezzi sterili dopo bollitura può sempre trasmettere epatite?Grazie

Risposta:

 Attenzione:La bollitura non garantisce assolutamente la sterilità. Fumare eroina comporta una percentuale di rischio decisamente minore di contrarre l’epatite C rispetto alla pratica iniettiva

Laura Calviani medico sostanze.info

Condividi contenuti