Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

eroina

Domanda: ho bevuto una modica quantita' di metadone venerdi alle 19.30 penso 0,3 ml. domani, martedi, alle 12 devo fare gli esami delle urine al sert. E' piu probabile che ne trovino tracce oppure no? Per me è importante saperlo perche' sto affrontando un

percorso dove la fiducia è essenziale! sembra una contraddizione e probabilmente lo è ma ho taciuto questa bevuta al mio dottore\psicologo e se dovessi essere sbugiardato la situazione si complicherebbe molto (per me). grazie

Risposta:

 è probabile che vengano trovate tracce

Domanda: È vero che l'astinenza da buprenorfina sia meno spiacevole di quella da metadone? Ho letto testimonianze molto negative eppure il mio medico mi aveva spiegato che la buprenorfina e' preferibile anche per la minore dipendenza che provoca, ...

In quanto non riguarda i recettori MU, per cui sono presenti solo i sintomi fisici e non il pessimismo cosmico quello vero che Leopardi gli fa una pippa. Io però vorrei sapere, 1) se è vero, innanzitutto, e 2) ok, ho meno sintomi, ma i 2mg di buprenorfina a quanto metadone corrispondono? Grazie

Risposta:

 Non è sempre vero che l’astinenza da buprenorfina sia meno spiacevole o prolungata sebbene da un punto di vista teorico-farmacodinamico la buprenorfina dovrebbe dare meno sintomi durante la sospensione. 

Non esiste una correlazione precisa tra buprenorfina e metadone e quindi non è possibile dire esattamente a quanto possano corrispondere 2mg: la buprenorfina essendo un agonista parziale non arriva a stimolare completamente i recettori oppioidi ed è dotata del cosiddetto “effetto ceiling” ; la stimolazione massimale corrisponde a circa 60mg di metadone. Due milligrammi pertanto sono una dose bassa e possono essere equiparati a una bassa dose di metadone. (valutabile tra i 5-15mg ?).
Giovanni Tavanti medico sostanze.info

Domanda: Ciao sto cercando di uscire dal "tunnel" e la mia domanda è: la crisi di astinenza è "cumulativa"? cioe' mi spiego: se mi son fatto 48 ore di astinenza teoricamente i sintomi dopo il terzo gg dovrebbero via via scemare..ma se dopo le 48 ore bevo del

metadone (molto poco direi 0,3 ml) si riazzera il "conto alla rovescia" dei 3\5 giorni di crisi astinenziale? oppure i 2 giorni (abbastanza duri!) che mi sono fatto il mio organismo li "tiene in conto"?..aggiungo per completezza che sono sempre stato un consumatore modesto,piu o meno mezzo grammo di brown ogni 2 giorni. p.s. ho chiesto aiuto alla mia famiglia e dopo giorni di immensa vergogna DEVO dar ragione a quanti dicono che farsi aiutare (anche solo psicologicamente) da qualcuno è fondamentale.

Risposta:

 Provo a spiegarti. Si tratta di una questione "quantitativa". Se dopo due giorni di astinenza si usa di nuovo un oppiaceo il processo di diminuzione della tolleranza torna indietro. Però non è detto che torni indietro del tutto. Dipende, per l'appunto dalla quantità. E con quantità intendo non solo la dose assunta, ma anche il numero di volte che viene assunta. Tre milligrammi di metadone sono una dose piccola. Si può supporre che il processo torni indietro ma non del tutto. Spero di essere stato chiaro. Riguardo alla necessità di farsi aiutare, sono d'accordo.

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info 

Domanda: VORREI SAPERE SE IL METADONE VIENE DATO A CHI FUMA CANNABIS O VIENE DATO A CHI FUMA ALTRE DROGHE PIU PESANTI

CANNABIS

Risposta:

 viene somministrato solo a chi è dipendente da eroina

Domanda: Perchè non inserite il metadone tra le sostanze tossiche, come eroina, alcool, amfetamine e psicofarmaci?

Risposta:

 appena qualcuno di noi diventa Ministro della Salute....per adesso tocca aspettare.

Domanda: Il mio compagno fa uso di eroina da circa sette anni,

da tre settimane ha iniziato terapia con subutex, la mia domanda è se è possibile che tutto ciò possa davvero influire talmente tanto sulla libido visto che lui non prova desiderio sessuale. Grazie

Risposta:

 La situazione generale potrebbe certamente influire sulla libido. Sia l'uso di sostanze prima che il presunto allontanamento adesso. Aspetta che la situazione si normalizzi con la terapia che ha appena iniziato

Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: 30 ml di metadone concentrato dopo 90 giorni risulta all esame capello?

Salve, ho preso 30 ml di metadone concentrato i giorni precedenti il 10 di giugno e settembre ho l'esame del capello. È possibile che risulto positivo? Grazie

Risposta:

 E' possibile

Domanda: Buongiorno, sono in terapia da qualche anno con subutex (alternativamente ho preso anche la variante suboxone)

Prima ho usato per altri 10 anni metadone, negli ultimi 5 anni di buprenorfina non ho mai più usato eroina e così credo che siano maturi i tempi per scalare. Ma qui sorge il problema: la dose minima di subutex/subuxone e' di 2mg, un dosaggio secondo me assolutamente impossibile da interrompere senza ulteriore scalaggio, e il temgesic compresse da 0.4 mg non è più in commercio. Quindi non so come fare. Credo che interrompere in modo brusco sia una tortura inutile, non posso permettermi (per ragioni di lavoro) un lungo periodo in una clinica, ho letto che le ospedalizzazioni di 10 giorni non servono affatto a risolvere il problema dalla testimonianza di un ottimo commentatore che ha scritto della sua esperienza su questo sito, già in passato avevo visto come dopo 17 giorni in clinica per disintossicarmi da 20 ml di metadone (che pure ha emivita più breve) non ero uscito in condizioni accettabili ed ho dovuto tornare ad assumere metadone (pur senza ricadute ho trovato la maniera di farmelo riprescrivere). Io credo che la cosa migliore sarebbe uno scalare lunghissimo da 2 a 0,2 mg prima della sospensione, e già so che sarà comunque una sfida molto dura per me rinunciare all'ultimissima minuscola dose senza patire comunque sintomi astinenziali e soprattutto PAWS, sarà difficile continuare a lavorare sia prima sia dopo, ma purtroppo questo programma risulta ad oggi inattuabile per varie ragioni: secondo il mio medico questo e' un falso problema, basterebbe fare una fase con 2 mg a giorni alterni prima di sospendere perché la astinenza sia leggera, dato che la buprenorfina avrebbe questo grosso vantaggio rispetto al metadone (ma io ho letto sufficienti testimonianze per sapere che non è così!). Aveva accettato di accondiscendere alle mie preoccupazioni prescrivendomi il temgesic però proprio quel mese esso veniva tolto dal commercio (ok, resta la fiala per iniezioni, ma non posso andare avanti mesi iniettandomi temgesic, proprio io che non mi sono mai iniettato eroina, dato che la sniffavo...). L'idea di procurarmi un bisturi, una bilancia di precisione e dividere una compressa di subutex da 2 mg tutte le mattine per i prossimi 12 o magari 18mesi (non ho fretta, vorrei soffrire il meno possibile) non mi suonerebbe neppure così inaccettabile ma il mio medico (ed anche un mio amico) mi ha informato che il principio attivo non è detto che sia egualmente distribuito in tutte le porzioni della compressa (il mio amico ha fatto un paragone con le pasticche di ecstasy: a volte dividendo le in due metà uno di noi due sentiva l'effetto e l'altro no.... Eh si avete indovinato, ho usato anche l'estasy, veramente farei prima a dire cosa non ho usato :-) quindi lo scalare fatto facendo la vivisezione quotidiana del subutex non sarebbe agevole come usare compresse di buprenorfina a basso dosaggio, anche perché sono compresse piccoline e tozze, mica facile dividere in 2 o peggio in 4 parti uguali. Avendo questa situazione mi ero ormai rassegnato a portarmi la buprenorfina nella tomba finché ho trovato su internet che esiste la buprenorfina Mylan generics nel dosaggio che era del temgesic, ne parlerò la prossima settimana al mio medico, ma desideravo, se possibile, conoscere intanto un secondo parere dai vostri ottimi medici. Grazie mille, saluti cordiali un papà di 2 bimbi che non sa come fare per terminare il proprio percorso con i derivati dell'oppio.

Risposta:

 Sono del tutto d'accordo con te sul fatto che il distacco da 2 mg a 0 (anche con un periodo di assunzione  a giorni alterni) è un po' troppo brusco. L'ipotesi di dividere la pasticca in più parti invece, secondo me, può essere valida. Il problema della diversa distribuzione del farmaco è, in tutta sincerità, poco importante. Anche se così fosse, lo scopo di ridurre la tolleranza sarebbe lo stesso raggiunto. Qualcuno consiglia anche, verso la fine, di inghiottire la pasticca per ridurre ulteriormente la dose effettivamente assunta. Con tutti questi accorgimenti la PAWS dovrebbe essere assente o perfettamente sopportabile. Ho verificato sulla Gazzetta Ufficiale che la buprenorfina Mylan Generics è approvata anche al dosaggio di 0.4 mg per la terapia della dipendenza da oppiacei e quindi può essere una buona alternativa. 

Un saluto a te dalla redazione.
Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: devo fare il test antidroga sono positivo al metadone posso lavorare come autista ce

Risposta:

dipende dalla Commissione, per alcune il metadone è un farmaco e quindi si può guidare nel periodo della cura, per altre è una sostanza stupefacente in tabella ministeriale e quindi non conciliabile con il mantenimento della patente

Domanda: esame tossicologico dopo incidente ,ho bisognondi aiuto

il 27 aprile ho fatto una decina di tiri tra cannabis e marja tramite spinello e anche il 4 maggio ,poi non ho piu fatto nulla, il 2 giugno ho fatto un incidente in moto,poco prima ho bevuto una birra ed ho preso reactine per l allergia,i carabinieri mi hanno fatto fare l esame tossicologico premettendo che mi e stata iniettata morfina 2 volte dal 118,da un primo esame di screening risulta negativo morfina,alcool ma risultano positivi oppiacei,siccome è passato un mese dall ultima canna è possibile o è un mix tra farmaci,birra e morfina? ora aspetto l esame di conferma,cosa devo aspettarmi?

Risposta:

Se ti hanno iniettato morfina, è normale che gli oppiacei vengano positivi.

Condividi contenuti