Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

eroina

Domanda: Buonasera...vorrei sapere per favore se andando al servizio per una disintossicazione da eroina viene avvisata la mia compagna e convivente e se vengono presi provvedimenti per mio figlio che ha solo un anno.

Non vorrei convolgerli in questo mio calvario o per lo meno non da subito,magari con calma dopo essermi disintossicato per non ricadere di nuovo.Loro sono felici stanno bene e non vorrei rovinare quest'equilibrio....

Risposta:

 il servizio non avverte nessuno, solo tu puoi autorizzare gli operatori a informare i tuoi familiari sull'andamento del programma

Domanda: L'Epatite C sopravvive con la bollitura?

Se la polvere è infetta

Risposta:

Il virus dell'epatite C è un virus molto resistente e quindi non si ha alcuna garanzia che
sia più presente anche dopo la bollitura.

Domanda: Eroina e depressione

Salve, ho conosciuto gli oppiacei da circa due anni: un anno circa di eroina e uno di suboxone in terapia. Dalle prime volte, nonostante gli effetti positivi, è come se avessi sviluppato una sorta di depressione, apatia, mancanza di interesse, mi sono chiusa in me stessa e trovo pesante persino interagire col prossimo. Nonostante ora sia più stabile(e non usi eroina da mesi e mesi), ho ancora questi crolli di umore. Vorrei capire se la cosa dipende dalla presenza, ormai costante, di oppiacei nel mio corpo e nella mia mente. E' questo dubbio che mi spinge a provare disintossicazioni veloci dal suboxone, nella speranza di tornare "quella di un tempo". Inutile dire che questi tentativi sono falliti, dopo pochi giorni (però zero ricadute). Vorrei anche sapere quali sono gli effetti di un'assunzione prolungata di suboxone, se ha effetti collaterali o nuoce alla salute a lungo andare (ormai lo assumo da un anno, anche se dosi basse, sono a meno di 1mg al giorno dopo l'ultimo scalaggio). A parte la dipendenza fisica, ma quella... ormai c'era. Datemi un consiglio, non ce la faccio più, mi manca la persona che ero, così piena di vita ed energia, voglia di conoscere, viaggiare... adesso ho 25 anni e passo le giornate a dormire, ho perso 10 kg e per miracolo riesco a studiare, ma a volte nemmeno mi alzerei dal letto e non nego che ho persino pensato al suicidio.

Risposta:

 Dalla situazione che descrivi, indipendentemente dall'origine dello stato depressivo che probabilmente è misto, credo proprio che sia necessaria una terapia farmacologica specifica antidepressiva ed eventualmente un lieve rialzo della posologia di buprenorfina che manterrei stabile almeno fino a quando non stai bene

Laura Calviani medico sostanze.info

Domanda: fumare l'ero sotto effetto di antibiotici può essere preoccupante? l'antibiotico si chiama clavulin

Risposta:

 non ci risultano effetti collaterali dovuti alla contemporanea assunzione delle due sostanze, se non i comuni effetti negativi dovuti alla singola assunzione di eroina

Domanda: mi riferisco alla domanda che ho fatto ieri sui tempi di disintossicazione...se uso 0.3 di eroina al giorno da due anni piu o meno in media quanto tempo ci vuole per disintossicarmi?capisco che e'individuale ma secondo voi in un mese potrei riuscire ?

In un mese potrei riuscire o sicuramente ce ne vogliono almeno 2 di mesi o 5 un anno o non so...e'possibile in un mese o sicuramente no?...Grazie...capisco che la mia domanda e' un po generica ma una media di tempo?

Risposta:

un mese può anche essere sufficiente. Forse possono esserne necessari due. Ma il problema è sempre e solo quello che accade dopo, a livello psicologico. Ovvero la voglia di tornare a farti rimane anche se sei disontossicato e non fai qualcosa per essere aiutato a non ricominciare. Cosa che può eserti garantita solo all'interno di un percorso in una struttura come il ser.d.

Domanda: scalare da 2mg a zero com'è!?

ragazzi ho scalato in 20 giorni da 20 mg a 2 mg di subo,ho sofferto un po ,ma oltra quelli mi facevo anche 2 g ero giorno e vi giuro che toglierli in 20 giorni scalando è stato piu che sopportabile,piu di quando mi facevo.L'unica cosa che conta è la motivazione e la voglia il resto è secondario.Ma quando avevate l influenza avevate la pillola magica!?Penso proprio di no,quindi tenete duro e via,passera presto.Vi rendete conto del premio alla fine!?!?!?!La liberta e cosa c e di piu importante!?Sono ad un passo,mi mancano gli ultimi 2 mg di subo e poi è finita...scalero a 1 per 5 giorni e poi via!!!!

Risposta:

 ok, auguri. Ma hai sbagliato invio: noi siamo quelli che li prescrivono i farmaci, non quelli che cercano di interrompere le cure

Domanda: come faccio a togliere 10 di metadone

Risposta:

Rispondo a te come ho già risposto a moltissimi altri lettori, Sospendere un trattamento con metadone è una cosa delicata e non è detto che sia utile farlo, anzi, al contrario, potrebbe essere, per certe persone e certe situazioni, da evitare.
E' opportuno che ne parli con il tuo medico sert.

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Domanda: Quali sono gli effetti psicoattivi dell'oppio ???

Risposta:

 L’oppio si ottiene incidendo le capsule non ancora mature del papavero sonnifero e lasciando essiccare al sole la resina che ne fuoriesce. L'oppio grezzo contiene circa 20 tipi di alcaloidi, composti organici azotati dotati di elevata azione farmacologica a livello del sistema nervoso. L'alcaloide principale dell'oppio è la morfina che costituisce la base da cui si sintetizza uno degli stupefacenti più potenti e pericolosi: l'eroina.

L’oppio e i suoi derivati sono dei potenti analgesici, le proprietà euforizzanti ed anestetizzanti procurano un senso di rilassamento, distacco dalle proprie emozioni ed indifferenza rispetto a qualsiasi percezione negativa.
Il motivo per cui il mercato nero smercia eroina e non morfina è il fatto che l’eroina ha una maggiore velocità nel raggiungere il sistema nervoso centrale rispetto alla morfina. Una volta raggiunto il cervello viene molto rapidamente ritrasformata in morfina che è, alla fine, la sostanza che agisce sul cervello. Per semplificare: viene preferita l’eroina perché la maggiore velocità d’azione aumenta l’effetto gratificante. Naturalmente la maggiore velocità d’azione provoca tutta un’altra serie di conseguenze. Innanzi tutto aumenta la tossicità acuta (per tossicità acuta si intende la tossicità per ogni singola somministrazione) con aumento del pericolo di overdose. Un’altra conseguenza è una maggiore velocità di inizio della dipendenza sia fisica che psichica.
In sintesi: l’eroina è più pericolosa dell’oppio perché la velocità di raggiungimento del cervello è maggiore. Un altro discorso va fatto per quanto riguarda la via di somministrazione. L’oppio viene fumato. L’eroina viene assunta per vie diverse: viene iniettata endovena, viene fumata, viene sniffata. La velocità di assorbimento e, quindi, d’azione decresce dalla via endovenosa allo sniffo e con essa la tossicità acuta. Per quanto riguarda il fumo, sia di oppio che di eroina, dobbiamo tenere in considerazione tutte le ben note problematiche legate all’introduzione nei polmoni di sostanze prodotto di combustione che possono risultare irritanti o anche cancerogene. Un discorso a parte va fatto per quanto riguarda la dipendenza. Una maggiore velocità di azione ne aumenta la velocità di instaurazione (con evidente maggiore pericolosità dell’eroina). Ma c’e un rovescio della medaglia che insegna l’esperienza dei Sert: la presa di coscienza della propria dipendenza, e delle problematiche che ne conseguono, è meno forte in una persona che fuma una sostanza rispetto a chi se la inietta. Questo anche in conseguenza della comune immagine sociale per cui il tossicodipendente è colui che “si buca".
Oppio:
Tossicità acuta: minore
Tossicità cronica: variabile legata anche ai prodotti della combustione
Dipendenza fisica: compare dopo
Dipendenza psichica: più subdola molto intensa
Eroina:
Tossicità acuta: maggiore specialmente se usata per via endovenosa
Tossicità cronica: variabile legata anche alla via di assunzione, al taglio, ecc
Dipendenza fisica: compare prima
Dipendenza psichica: meno subdola molto intensa

Domanda: Buona sera,uso eroina da due anni,vorrei sapere per favore in quanto dempo piu o meno riuscirei a disintossicarmi con le cure del sert?Grazie.

Risposta:

 dipende dal livello di intossicazione, da quanta ne usi e da quanto tempo la stai usando ecc. Ogni disintossicazione è un percorso individuale.

Domanda: Crisi

Il mio compagno sta da circa 1 mese in cura al Sert x eroina. Al momento prende 40 di metadone e dalle analisi sembrerebbe che non stia consumando. Io sto cercando di aiutarlo con continui colloqui con i suoi medici e psicologi. Ho chiesto al mio compagno un cambiamento radicale, di smettere con tutte le sostanze e con tutte le vecchie cattive compagnie. Lui oltre a fare uso di eroina endovena da 16 anni ha anche una importante dipendenza dai cannabinoidi. Io gli ho chiesto di smettere con entrambe le cose. Lui sembrava aver accettato ma le analisi e lui stesso confermano che continua a farsi le canne anche se in maniera sporadica. Cioè se incontra un amico che si sta facendo una canna e gli offre un tiro lui non dice di no. Ora.....secondo lui io dovrei accontentarmi di quello che sta facendo e non essere così ingrata da non apprezzare i suoi sforzi per una canna o due a settimana. Io non è che non apprezzi i suoi sforzi ma sono convinta che seguendo la stessa strada arriverà sempre allo stesso punto...che se non cambia radicalmente modo di pensare e agire tornerà a infognarsi con tutto è dico questo perché l'ho già visto succedere più volte. Secondo lui invece le due cose sono totalmente separate e anzi in contrasto perché la maggior parte delle persone che si fanno di eroina non si fanno le canne. Io però credo che, da sfruttare l'occasione quando capita e cercare il modo di creare quell'occasione il passo sia fin troppo breve e da li ricominceranno gli acquisti, la frequentazione della solita cerchia e allora tornerà anche l'eroina. Vi chiedo se secondo voi sbaglio a pretendere questo allontanamento radicale che secondo lui lo deprime al punto da rischiare di mandare tutto a monte? Ha ragione lui e io sto pretendendo troppo, dovrei chiudere un occhio ed essere contenta che comunque non si sta facendo? Anche se io sono convinta di star guardando un film di cui conosco già il finale ? Vorrei il vostro parere....

Risposta:

Il tuo ragionamento è corretto. Il rischio di tornare all'uso di eroina dovrebbe essere maggiore se non si fa un cambiamento radicale sia rispetto al collegare la propria vita all'uso di sostanze sia rispetto alle frequentazioni sociali. Ho scritto però il condizionale (dovrebbe) perchè a questa regola ci sono le eccezioni.
Ci sono persone che sospendono l'assunzione di eroina pur assumendo ancora cannabis. Ma c'è un altro fattore importante in tutto questo. Lui usa eroina da 16 anni. Un uso così prolungato rende difficile un allontanamento definitivo da essa

Gioacchino Scelfo medico sostanze.info

Condividi contenuti