Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

cocaina

Domanda: E' possibile 'segnalare' una persona a qualcuno per obbligarla o invogliarla a smettere di fare uso di droghe?

Buongiorno a tutti, oltre a farvi i più miei sentiti complimenti per il servizio fantastico che fate vorrei porvi un breve quesito. C'è una persona a me molto cara che purtroppo da molti anni fa uso di cocaina e cannabis, ma ovviamente quel che più mi preoccupa è la prima. Non so se ne sia dipendente o meno, ma poco mi importa, ha promesso a tanta gente che avrebbe smesso ma questo non è mai successo. Le conseguenze sono quelle che tutti conosciamo, e soprattutto mi preoccupa la sua salute e le sue continue bugie. La sua famiglia non ne può più, i suoi amici pure.. Sono dell'idea che sia una di quelle persone che potrebbe andare avanti decine di anni così, a farsi la sua serata ogni tanto senza che nessuno mai la potrà fermare, ma causando invisibili problemi più o meno gravi a lei e alle persone che le stanno vicino. Vi giuro che sono davvero disperato, non c'è nessun modo per farle cambiare idea ma questa cosa l'ha già modificata nel profondo e a lungo andare non le potrà che causare danni sempre più gravi. Io sono dell'idea che persone come queste non verranno mai 'prese' e potranno continuare con questa merda anche per sempre. So che il consumo di sostanze stupefacenti non è reato e che ognuno è libero di fare cio' che vuole. Ma io mi chiedo esisteranno degli strumenti dei modi per aiutare una persona come questa? L'unica cosa che le potrà succedere è essere fermata dalla polizia e per qualche motivo obbligata a sostenere l'esame del capello o di qualcos'altro, con relativo ritiro della patente. Nella mia ignoranza credo che se una persona non ha obblighi lavorativi di sostenere esami per le sostanze ed è un po' furba può tranquillamente drogarsi per tutta la vita rovinando la sua esistenza e quella delle persone a lei accanto. Condividete questo pensiero? SOLO UN RITIRO PATENTE PUO' OBBLIGARE QUALCUNO A NON DROGARSI. E' vero o no? Ma quando mai capiterà di essere fermato, con te alla guida e proprio quella sera in cui non sei sano? Che probabilità ci sono? Non prendiamoci per il culo, non succederà mai. Questa persona non cambierà mai da sola anche perchè apparentemente questo stile di vita non è dannoso, non ci sono più i tossici di una volta ma la cocaina è qualcosa di davvero più bastardo. Ho cercato un po' e ho visto anche che il sert in un caso specifico cje non so quale ti manda a casa una lettera dove ti invita (ma non ti obbliga) a presentarti per un periodo di recupero. Quindi vi chiedo, come posso aiutare questa persona? In ordine sparso proposte più o me o stupide -segnalarla alla polizia e farle ritirare la patente? -segnalarla al sert e invitarla a fare un periodo di recupero? -obbligarla a sostenere esame del capello? -... Vi prego, esiste un modo? Grazie mille

Risposta:

 tralasciando alcune imprecisioni (non si smette di usare sostanze se si vieni fermati per infrazione all'art.187 del Codice della Strada, basta rinunciare alla patente o astenersi poco prima delle analisi, cosa che con la cocaina è abbastanza fattibile) e che non ci risulta che i sert abbiano mai mandato lettere di alcun tipo a potenziali pazienti per invitarli a fare un programma (anche se temporaneo), la risposta è sconsolatamente negativa.

Non esiste niente in grado di arrestare l'evoluzione di una tossicodipendenza se non l'imbattersi in un problema altro (soldi finiti, arresto in fragranza mentre si acquista, perdita del lavoro, presenza di figli minori, patologie correlate, allontanamento dal nucleo familiare) tale da interrompere - anche se momentaneamente - la spirale perversa creata dal consumo.

E sperare in quel momento che la persona sia in grado di fermarsi e accettare una  disintossicazione prima e una cura di mantenimento dopo.

Domanda: buongiorno, vorrei sapere se è possibile farcela da soli e uscire dall'uso di cocaina.

Una persona che conosco dice di essere intenzionata a non fare più uso dopo tanti anni di assunzione. I cambiamenti positivi dalla sua decisione avvenuta circa un mese fa sono stati molti e concreti (stile di vita regolare, disponibilità economica, maggiore serenità e assolutamente migliore gestione delle emozioni e delle relazioni). Mi chiedo: è possibile uscirne per sempre senza un aiuto qualificato e solo con la propria forza di volontà? Le persone cambiano davvero? Grazie.

Risposta:

 sicuri sicuri che i cambiamenti oltre che visivamente testabili siano anche reali? qualcuno gli ha chiesto un prelievo urinario o altro tipo di accertamento sulla sostanza? qualcuno si occupa della gestione economica (oltre che relazionale) che non sia lui?

Le persone possono cambiare, e ci mancherebbe altro, sono le promesse che son difficili da mantenere...

Domanda: il 31 12 2013 ho fatto uso di cocaina 0.7 nel capello me la trovano gli ho lunghhi 13cm

Risposta:

 dipenda dalla lunghezza del prelievo

Domanda: se io faccio uso di cocaina oggi 30 aprile e' possibile che il 6 maggio ,facendo l'esame risulti positivo?

Risposta:

 teoricamente no, ma visto il breve intervallo fra cinque (massimo periodo di latenza della sostanza nell'organismo) e sei giorni, ci può stare anche un positivo

Domanda: ho fatto uso di cocaina giovedì (1gr) oggi pomeriggio ho gli esami dell'urina al lavoro, sono a rischio?

Risposta:

 la sostanza resta rintracciabile dai due ai cinque giorni

Domanda: sabato 19 aprile ho usato cocaina...ad agosto ho l'esame del capello...cosa devo fare affinchè non la trovino?se vado con i capelli di 3-4 cm come dice il prelievo... la trovano?considerando che ora li ho almeno di 8-9 cm?e 4 mesi saranno puliti....

Risposta:

 su 4 cm trovano i consumi degli ultimi 5 mesi

Domanda: se io ho fatto uso di cocaina il 27 maggio è devo fare gli analisi il 7 maggio sè non faccio piu uso risulta?

Risposta:

 no.

Domanda: Salve ho fatto uso di cocaina l'ultima volta venerdì scorso, dopo vari weekend che ho abusato. Ho gli esami ad ottobre. In testa sono pelato e farò il prelievo dal pube per essere tranquillo quando mi conviene rasarlo per averlo pulito?

Risposta:

 dopo un mese dall'ultimo utilizzo

Domanda: Buonasera.

Mi è stata ritirata la patente nel 2011 art. 75. Ormai ho già fatto il test del capello, lo dovrò ripetere ecc.. Ma mi chiedevo, durante il fermo la polizia, in borghese, non miha fatto aanalisi per l'accertamento che in quel momento io fossi fatta. Mi è stata solo sequestrata la sostanza in questione, quella volta si trattava di cocaina, sono stata condotta in questura con ulteriore perquisizione e basta. Cioè, so che ora mai è trascorso tanto tempo, ma.la richiesta d'esame del capello se io mi fossi trovata un buon avvocato poteva essere revocata? Con un ricorso? Che ne so.. Alla fine non c'è un documento, analisi che testimonino che io quel giorno ero drogata al volante, tra l'altro con macchina ferma e motore spento, non sulla strada. La polizia sequestrandomi quelle buste ha dato per scontato che io fossi tossicodipendente e che quindi fossi sporca dalgiorno prima . ma possono farlo senza fare analisi? Possono richiedere il test del capello solo con il sequestro della sostanza? Senza una documentazione che confermi che in quel momento io ero di fuori? Se trovassi un avvocato ora ci sarebbe qualche modo per fare ricorso o loro hanno agito nel pieno della legge oppure è semplicemente passato troppo.tempo per fare qualcosa ? Grazie

Risposta:

 non lo scrivi, ma ipotizziamo che gli accertamenti sulle sostanze tu li stia facendo presso una Commisisone Medica Locale e che ci sia arrivata non inviata direttamente dalla Prefettura per quell'art.75, ma per la segnalazione che la Prefettura ha fatto alla Motorizzazione dopo il fermo con la sostanza.

Quindi - se è così - non stai facendo gli esami perchè guidavi sotto effetto di sostanze, ma perchè in quanto consumatrice di sostanze, deve essere verificato dalla motorizzazione se sussistono gli estremi per mantenerti la patente.

Domanda: perchè dopo un pò di endovenose di cocaina non riesco più a trovare le vene.

Risposta:

 E' la conseguenza inevitabile dell'iniezione di cocaina. Essa infatti per vari motivi (infezioni locali, effetto vasocostrittore della cocaina, tossicità delle sostanze del taglio.....) danneggia le vene che quindi tendono a chiudersi. All'inizio temporaneamente e in seguito definitivamente.

Condividi contenuti