Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

problemi sul lavoro/a scuola

Domanda: NEL CASO DI POSITIVITA ALLE URINE DELL' ESAME TOSSICOLOGICO CE RISCHI DELLA PERDITA DEL LAVORO

Risposta:

Se la positività è rilevata al primo accertamento, si viene sospesi dalle mansioni a rischio, spostati ad altra mansione ed invitati ad effettuare un test di secondo livello.
Se si è positivi anche a questo secondo livello scatta la sospensione dal lavoro e l'invio presso un Servizio per le tossicodipendenze fino al termine di un programma terapeutico.

Domanda: vorrei sapere qual è il problemi se al lunedì dovessi guidare il muletto dopo che al sabato mi son fumato una cannetta!?io mi sento lucidissimo dopo aver fatto un giusto riposo notturno!non è giusta sta legge!non c'è più privacy x noi poveri operai!!!

Risposta:

Non è un problema di lucidità o di tempo intercorso fra l'ultima assunzione di sostanza ed il momento in cui si lavora.
L’effetto delle sostanze non si esaurisce con il tempo di effetto “acuto” ma permane anche a distanza di tempo; quindi può essere indagato anche dopo diversi giorni. Gli esami mettono in evidenza un comportamento di assunzione di sostanze, che è vietato in lavoratori che svolgono determinate mansioni a rischio.

Domanda: assunzione ospedaliera

devo essere assunto in una struttura ospedaliera privata come infermiere nella regione veneto, negli esami che devo fare oltre ai classici ematici come emocromo, VES, bilirubina e cose varie mi chiedono un "esame urine", non è specificato di che tipologia, secondo voi è un'esame standard o c'è la ricerca di droghe? nel caso volessero fare la ricerca di droghe non dovrebberlo dirlo al diretto interessato (cioè io) e fargli firmare almeno un consenso? visto che sono un fumatore abituale di hasish (1/2 die) so benissimo i tempi di permanenza e nel caso ahimè non ho speranze......la provetta (tappo bianco)me l'hanno consegnata a me quindi penso che non faccino la ricerca di droghe.... avrei smesso per tempo ma l'ho saputo oggi e mi hanno detto per martedì prox ed è impossibile che abbia le urine pulite. aspetto vostre notizie!

Risposta:

Gli accertamenti sui consumi di sostanze stupefacenti da parte dei lavoratori, sono richiesti ed applicati solo a quei lavoratori che hanno mansioni a rischio.
Quindi se il tuo lavoro non rientra in quella categoria non possono esserti richiesti accertamenti in quel senso.
Il concetto di privacy o di consenso informato non si applica a questa tipologia di accertamenti ed anzi la modalità “a sorpresa” è esplicitamente formulata dalla legge che li richiede.
Puoi però richiedere (questo si è un tuo diritto) la finalità delle analisi che ti sono state richieste.

Domanda: Psicofarmaci relazione tra controlli tossicologici per mulettisti e sospensione della patente di guida

Buongiorno, vorrei porvi il seguente quesito: esistono delle relazioni tra l'eventuale positività agli esami tossicologici effettuati per mansioni lavorative a rischio (nello specifico mulettista) e la sospensione della normale patente di guida ad esempio patente A o B? E nel caso in cui la mansione a rischio sia la guida su strada di un mezzo per cui necessita la patente C, in caso di positività accertata dagli esami per mansioni lavorative  a rischio si hanno ripercussioni anche sulla patente B o A possedute dalla stessa persona? Grazie

Risposta:

Non esiste alcuna relazione fra i controlli sui lavoratori con mansioni a rischio verso terzi e gli accertamenti per guida sotto effetto di sostanze o bevande alcoliche. Quindi in caso di positività ai primi, non viene sospesa o tolta la patente.

Se invece la positività viene riscontrata in un lavoratore che utilizza la patente per il suo lavoro (come ci chiedi) il lavoratore, come prevede la legge, viene tolto dalla mansione pericolosa e spostato ad altra mansione non pericolosa per tutto il periodo degli accertamenti di primo e di secondo livello. Quindi non è che gli viene sospesa la patente, ma non effettua più un lavoro per il cui svolgimento è necessario guidare.

Domanda: esistono delle relazioni tra l'eventuale positività agli esami tossicologici effettuati per mansioni lavorative a rischio (nello specifico mulettista) e la sospensione della normale patente di guida A o B?

Risposta:

Assolutamente no.
Si tratta di due provvedimenti completamente diversi e che non hanno alcuna influenza l'uno sull'altro.

Domanda: cocaina

Salve tra qualche giorno devo fare il test di droga e alcol per il lavoro ,ho assunto cocaina 8 giorni fa , ho comprato un test drug detector ed e' risultato negativo volevo sapere se hai controlli posso risultare positivo

Risposta:

Di solito i drug test acquistati in farmacia sono attendibili in quanto utilizzano lo stesso tipo di test (immunoenzimatico) che usano i laboratori nel primo livello.

Domanda: ciao,lunedi dovro fare una visita medica per il lavoro(gommista),volevo sapere se possibile,se per questa categoria di lavoratori sono presenti anche le analisi delle urine o è il datore di lavoro a richiederle??

Risposta:

Non esistono accertamenti o prelievi delle urine al di fuori di un determinato articolo di legge.
Ovvero se le tue attività lavorative rientrano nell'elenco di quelle cosiddette a rischio verso sé e verso terzi, scatta la richiesta del datore di lavoro al medico competente (e quindi al lavoratore) di effettuare gli accertamenti per verificare se il lavoratore usi o meno sostanze stupefacenti.

Domanda: una domanda molto veloce. Lavoro part time in un azio

Lavoro da anni in un azienda part time come autista (merci pericolose). Da sempre sporadicamente (una volta ogni due settimane) mi faccio qualche tiro di cannabis, ma ho sempre fatto l'analisi delle urine e del sangue e sono sempre risultato negativo. Domanda. Non avevano fatto il test del thc? se così fosse, ora è sicuro al 100% che te lo fanno se ti hanno prelevato sangue e urine? sono molto preoccupato perchè ho fatto i prelievi combinazione qualche giorno dopo che ho fatto qualche tiro. che sfiga cazzo che sfiga. Manco lo facessi sempre o abbia mai comprato un minimo di niente cazzo. Vi ringrazio per una risposta

Risposta:

Almeno una volta l'anno i test di accertamento dello Stato di tossicodipendenza nei lavoratori cosiddetti "a rischio" devono essere richiesti ed effettuati dal dipendente.
La legge in materia è molto chiara.

Domanda: test urine

Buongiorno sono un ragazzo di 29 anni e assumo droga leggera da circa 12 anni quotidianamente ed in grandi quantità (4 grammi al giorno). Sono un bravissimo venditore ed ho bisogno della mia patente! Vivo in una grande casa molto areata, ma dove altri 2 componenti fumano anch'essi quotidianamente. Detto ciò, mi sottopongo agli esami delle urine presso il Sert e dopo essermi astenuto per 10 giorni sono risultato positivo, anche avendo assunto una bottiglia intera di soluzione schoom (dicono sia una delle soluzioni ). Vorrei sapere quando devo ancora astenermi prima di sottopormi di nuovo al test? Esistono medicinali che non nuocono alla salute che potrei acquistare per abbreviare i tempi? Ringraziandovi anticipatamente vi saluto.

Risposta:

Data la tua “cronicità” nei consumi di THC, un periodo piuttosto elevato: almeno trenta giorni. Ma potrebbero non bastare, visto quanto ci scrivono molti lettori che hanno avuto positività anche oltre i trenta giorni.
Non esiste alcun rimedio farmacologico o naturale in grado di accelrare il normale smaltimento del THC dall'organismo.
E l'inutilità della soluzione Schoum te lo ha dimostrato.

Domanda: salve,dovrei fare delle visite mediche per assunzione lavoro...sono previste anche le tossicologiche?ho fatto domanda come aiutoelettricista.Grazie

Risposta:

No, se le tue mansioni non rientrano nell'elenco previsto dal Dls sugli “Accertamenti su lavoratori addetti a mansioni rischiose per se e per altri” che puoi scaricare e leggere a questo indirizzo http://www.sostanze.info/documenti

Se invece rientrano nell'elenco si.

Condividi contenuti