Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 53138 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: un mio amico, fa delle dormite enormi, spesso salta il lavoro perchè dorme... è possibile che sia il riflesso di uso di coca?

Risposta:

Non possiamo che rispondere che la tua ipotesi è molto valida. Alla fine dell’effetto eccitatorio (breve) della cocaina, infatti, c’è una fase cosiddetta di down (o crash nei casi nei casi di maggiore intensità) in cui la persona che ha fatto uso di cocaina può essere di umore molto basso ed essere in uno stato di grande sonnolenza. Non è però solo questa l’ipotesi che può essere fatta. Infatti è possibile che il tuo amico usi altri tipi di sostanze che potrebbero fargli fare queste dormite “enormi”: ad esempio sostanze sedative.
Naturalmente non sarebbe corretto attribuire necessariamente un dormire “eccessivo” all’uso di una sostanza: però, quando una persona, a causa del sonno, non va a lavorare, secondo noi, c’è da preoccuparsi.

Domanda: sto cercando di aiutare il mio rag.che da 7anni sniffa,ho quasi xso la speranza,lo fa tutti i dì,non vuole che io lo aiuti,AIUTO

Risposta:

Voler bene a qualcuno che si sta rovinando la vita è terribile.
Voler bene a qualcuno che ci fa del male, direttamente o indirettamente, è terribile.
Per questo il tuo grido d'aiuto è molto comprensibile ed è il dramma di molti familiari o compagne di consumatori di sostanze.
Purtroppo non possiamo scegliere scientificamente a chi ci conviene voler bene e neanche possiamo costringere le persone a vivere la loro vita come piacerebbe a noi.
Ma quando ci si trova in questa situazione è bene riuscire a valutare i rischi, e capire fino a che punto si è disposti a soffrire e a farsi del male per amore.
La descrizione che tu fai della situazione del tuo ragazzo ci sembra piuttosto grave.
Lui usa cocaina da 7 anni che è un periodo decisamente lungo. Usa cocaina ogni giorno: questo fa pensare ad una dipendenza già stabilizzata. Non vuole farsi aiutare: questo fa ancora pensare ad una dipendenza stabilizzata ma, forse, anche al fatto che sia in una fase di dipendenza in cui non vede (o non vuole vedere) gli aspetti negativi del suo comportamento. Naturalmente non possiamo fare una diagnosi on line e quindi tutte queste non sono che delle ipotesi.
Torniamo a te. Stare con un tossicodipendente significa vivere di riflesso una situazione di dipendenza, vissuta dall'altra parte della medaglia: così come lui non può fare a meno della cocaina tu non puoi fare a meno di allontanarlo dalla cocaina e di essere preoccupata per la cocaina.
L'aiuto di cui hai bisogno è capire come potergli stare vicina senza essere trascinata nel vortice.Per "trascinata nel vortice" non s'intende soltanto il rischio che tu inizi a sniffare insieme a lui, ma anche altri rischi più subdoli, come:
a.. perdere a tua volta il senso del limite, ad es. "forse domani lo capirà", "smetterà prima o poi", "se me lo rifà un'altra volta, basta", e perderti in un'attesa infinita di un cambiamento
b.. pensare che sia anche colpa tua, che tu non sia abbastanza brava da convincerlo, oppure abbastanza importante per lui da farlo smettere
c.. perdere i tuoi obiettivi, le cose a cui tieni, rimandandole senza scadenze
Ecco, il modo migliore di aiutarlo, e di aiutare te stessa, è non cadere in queste trappole, che si incastrano perfettamente con le sue, e fanno sì che la situazione non si modifichi.
Ovvero:cerca di capire qual è il limite che sei disposta a sopportare di un comportamento che ti fa soffrire;
non fartene una colpa perché chi è dipendente da una sostanza non può vederti per come veramente sei;
non sacrificare gli altri ambiti della tua vita (amici, lavoro, studio, interessi) per lui perché questo toglierebbe forze sia a te che
probabilmente a lui.

Domanda: dopo quanto tempo qualsiasi analisi non trova piu nel nostro corpo la cocaina?

Risposta:

Nelle urine la cocaina è presente per alcuni giorni dall’assunzione: diciamo 2-3. Dalla nostra esperienza ci siamo fatti l’idea che in realtà possa ritrovarsi anche fino a 5 giorni.
La ricerca nel capello rileva la cocaina per molto più tempo. Tutto dipende dalla lunghezza del capello. Il capello cresce di circa 1,5 cm al mese: il calcolo è presto fatto. Se ad esempio il capello esaminato è lungo 10 cm, si può risalire nel tempo di circa 6 mesi.

Domanda: Come capire se una persona fa uso di cocaina?

Risposta:

La risposta è piuttosto complessa in quanto le situazioni alle quali ci si può trovare di fronte sono molto diverse. Cerchiamo di fare un po’ d’ordine.
L’uso di cocaina purtroppo è in grande diffusione e sta provocando grossi danni. Naturalmente l’intensità dell’uso varia molto da utilizzatore a utilizzatore.
Ma può anche variare molto nello stesso utilizzatore nel corso del tempo. Anche gli effetti possono variare anche in considerazione della comparsa di tossicità cronica (psicosi, deliri, allucinazioni). Sotto l’effetto della cocaina (che dura molto poco: circa 30-40 minuti) la persona può apparire euforica, allegra, logorroica oppure agitata, delirante, in certi casi anche violenta. Dopo la fine dell’effetto in genere colui che ha usato cocaina può apparire in uno stato di torpore, di umore molto nero, con movimenti lenti, voce “impastata”. Non si tratta sempre di situazioni molto significative: in altre parole una persona può essere euforica, allegra e logorroica anche se non ha usato cocaina o altre sostanze stupefacenti. La conseguenza è che non si può essere sempre certi di come stanno le cose.
La conoscenza profonda della persona aiuta molto.
Infatti alcune persone capiscono immediatamente se chi è loro molto vicino (figlio, partner, amico…) ha fatto uso o no di cocaina. Ma questo non succede spesso.
In conclusione, nella maggior parte dei casi in cui chi usa cocaina vuol tenerlo nascosto, l’unica cosa che può svelare la realtà sono gli esami tossicologici.

Domanda: cosè l'ICE? è simile alla cocaina, ma + potente?

Risposta:

Sostanza appartenente alle droghe di sintesi chimica, l'ice più che il ghiaccio, ricorda, per il suo aspetto a piccoli cristalli, il sale grosso da cucina.
Sciolta in bevande analcoliche, o talvolta fumata in pipe come il crack, questa sostanza tende ad alzare al massimo i livelli di attenzione e abbassa i freni inibitori.
In compenso sembra avere effetti sull'organismo che possono diventare devastanti.
E' la cosiddetta droga da videogame, visto che sembra essere utilizzata in particolare in queste situazioni a causa del suo effetto.

Domanda: la coca è una drgoa pesante?

Risposta:

Per rispondere potremmo cominciare col dare la definizione di droga in generale:
una droga è una sostanza che deve avere, fondamentalmente, le seguenti 4 caratteristiche:
- essere psicoattiva, cioè agire sul cervello
- provocare dipendenza
- essere tossica
- provocare tolleranza (cioè assuefazione)
Ora proviamo ad analizzare la cocaina in base a queste caratteristiche.
La psicoattività della cocaina è certamente intensa: pensiamo alle forti sensazioni di eccitazione e di potenza, o al possibile sviluppo di aggressività. Ma pensiamo anche al forte abbassamento dell’umore alla fine dell’effetto.
La cocaina è in grado di dare una dipendenza psichica estremamente intensa: certi cocainomani arrivano a spendere delle cifre molto elevate, molto più elevate di quelle che in genere possono raggiungere gli eroinomani, e superiori forse anche a quanto riescono a spendere in giocatori d’azzardo patologici.
La cocaina è estremamente tossica in particolare sul sistema cardiovascolare (e, di conseguenza a questo, su qualsiasi organo) e sul cervello (possibilità di sviluppo di psicosi vere e proprie).
Anche l’assuefazione è importante.
Ci sembra evidente che la risposta alla tua domanda non può essere che positiva: la cocaina è una droga (molto) pesante.

Domanda: Una mia amica deve fare le analisi al sangue e alle urine e ha sniffato cocaina l'ultima volta 3 sett fa.Si vede qualcosa?

Risposta:

Non ci risulta chiaro il senso della tua domanda: se sono normali analisi, non vengono ricercate sostanze stupefacenti. Se invece si tratta di analisi "mirate", ti rispondiamo pubblicando nuovamente una risposta già data a una domanda analoga.

Nelle urine la cocaina è presente per alcuni giorni dall’assunzione: diciamo 2-3. Dalla nostra esperienza ci siamo fatti l’idea che in realtà possa ritrovarsi anche fino a 5 giorni.
La ricerca nel capello rileva la cocaina per molto più tempo. Tutto dipende dalla lunghezza del capello. Il capello cresce di circa 1,5 cm al mese: il calcolo è presto fatto. Se ad esempio il capello esaminato è lungo 10 cm, si può risalire nel tempo di circa 6 mesi.

Domanda: un mio amico fuma la coca: è vero che è molto pericoloso?

Risposta:

La cocaina è una droga molto pericolosa.
Puoi leggere le schede in proposito che trovi sul sito.
La cocaina viene usata con varie vie di somministrazione.
Ogni via di somministrazione influisce sull’azione in quanto provoca una diversa velocità di raggiungimento del sangue e quindi del cervello.
Maggiore è la velocità, maggiori sono i pericoli. Da vari punti di vista.
In particolare maggiore è il pericolo di overdose, maggiore è la velocità di inizio della dipendenza, più intensa è la psicoattività.
La cocaina fumata ha un assorbimento più veloce della cocaina sniffata.
In conclusione: la cocaina è una droga molto pericolosa ed il fumarla la rende ancora più pericolosa.

Altre informazioni le puoi trovare nelle risposte date ad altri utenti, cercando nell’archivio delle Domande agli Operatori, inserendo la parola “cocaina”.
In particolare le risposte alle domande:

· La cocaina rende cattivi?
· Quali sono i danni cerebrali provocati dalla cocaina?
· Da un overdose da eroina si è salvati con un narcon giusto?e se l'overdose è di coca?
· Un mio amico dopo aver sniffato cocaina è svenuto: cosa può essere successo? (dopo si è ripreso, dopo circa 10 minuti)

Domanda: non tiravo di coca da un mese,ci sono ricaduto l'altro giorno a una festino.posso smettere da solo?come?farmaci?grazie

Risposta:

Non è possibile dare una risposta completa alla tua domanda perché non abbiamo elementi sufficienti.
Ma tentiamo lo stesso.
Hai detto che non tiravi cocaina da un mese prima dell’ultimo uso, ma non ci hai detto cosa era avvenuto fino a un mese fa. Diversa è la situazione se, ad esempio, fino ad allora avevi tirato da molto tempo e in modo continuo o se avevi tirato solo sporadicamente e da poco tempo.
Naturalmente tra questi due estremi ci possono essere una enorme varietà di situazioni.
In un caso come il primo, comunque possiamo rispondere che smettere potrebbe essere anche molto difficile. In una situazione come è la seconda invece la cosa potrebbe anche essere semplice e potresti farcela da solo.
A patto che ne tu sia veramente convinto.
Dalle tue parole abbiamo la sensazione che la “ricaduta” dopo un mese ti stia preoccupando e ti abbia dato fastidio.
Non ci hai però detto cosa ti dà la cocaina e perché hai deciso di usarla un mese fa e nelle occasioni precedenti. Sarebbe molto importante sapere questo per dirti di più.
In generale possiamo dirti che non esistono farmaci in grado di ridurre il desiderio della cocaina, al contrario di quanto avviene per l’eroina.
Se veramente pensi di non usarla più puoi provare da solo e vedere cosa succede.
Se le cose non dovessero andare bene (cioè se nonostante quello che ti sei ripromesso di ritrovi ad usarla anche se poche volte) allora dovresti chiedere aiuto a qualcuno. Potresti provare all’inizio con una persona di tua fiducia che sia in grado ed abbia la volontà di aiutarti. Se le cose non andassero bene neanche in questo caso potresti rivolgerti al servizio per le tossicodipendenze.

Domanda: in cosa consiste "la cura x disintossicazione da cocaina basata su sedazione"??

Risposta:

Non eravamo a conoscenza di questo fatto di cronaca.
Né abbiamo trovato altre notizie oltre quella della sentenza.
Esistono tanti studi per la ricerca di sistemi di cura della dipendenza da cocaina.
Quello che sappiamo di certo è che, allo stato attuale, non esiste nessuna cura farmacologica capace di curare, o almeno diminuire il craving per la cocaina.
Dalle scarne informazioni che si posso desumere dall'articolo, il fatto che sia coinvolto un medico anestesista ci fa pensare ad un’altra tecnica (che è stata in voga alcuni anni fa e che è presto stata abbandonata in quanto si è rivelata inefficace) che però serviva alla disintossicazione dall’eroina. Tale tecnica venne definita UROD (disintossicazione ultrarapida da oppiacei) e consisteva nel far trascorrere al paziente sotto l’effetto dell’anestesia generale una sindrome d’astinenza ottenuta farmacologicamente con la somministrazione di un antagonista degli oppiacei.
Ma la dipendenza fisica da cocaina (ammesso che esista) ha caratteristiche esattamente contrarie a quella da oppiacei e, cioè, è essa stessa una situazione di forte sedazione (o, più precisamente, depressione) quindi non si capisce perché e come verrebbe curata con la “sedazione”.
Ancora più incredibile sarebbe la tecnica se venisse usata (o fosse stata usata) per la cura della dipendenza psichica dalla cocaina: come abbiamo già detto al momento non esiste nessun farmaco con questo potere.
Se troveremo altre notizie sull'argomento saremo ben felici di pubblicarle.

Condividi contenuti