Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 53066 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.

Archivio delle Domande agli Operatori

Questo è l'archivio di tutte le domande degli utenti a cui gli operatori sociali di sostanze.info hanno risposto. Puoi modificare le opzioni per vedere solo domande e risposte dei tipi che ti interessano, oppure usare il riquadro in alto per fare una ricerca specifica o una nuova domanda.

Domanda: cosa mi succederà ora? Sono stato convocato dai carabinieri

Sono stato convocato poco fa dai carabinieri perche hanno beccato il mio spaccino, e per accordi presi ho dovuto ammettere e dire certe cose, per il maresciallo la cosa e finita li... io non sono stato preso ero solo nei messaggi del tipo... ma ora a me cosa possono fare?? Per quei messaggi rischio la patente?? Era per della ganja e ho preso anche delle grosse quantita e hi dato le mie spiegazioni e per i carabinieri andava bene ci hanno creduto e loro non mi fanno niente... quanto è vero???

Risposta:

Ciao! non essendoti stata sequestrata nessuna sostanza, non si aprirà nei tuoi confronti il procedimento amministrativo previsto dall’art.75 DPR309/90 e che vieta la detenzione per uso personale di sostanze stupefacenti ma, in base alle tue dichiarazioni fatte ai carabinieri, verrai segnalato, ai sensi dell’art. 121 DPR 309/90, al serd competente che ti convocherà per invitarti ad effettuare un programma terapeutico. Trattandosi di un percorso volontario, puoi valutare se effettuarlo oppure no, senza andare incontro a nessuna conseguenza


Domanda: Mi anno fermato con 8 grammi di erba cosa mi succederà di preciso?

Risposta:

 

Ciao! In seguito a questa segnalazione si aprirà nei tuoi confronti il procedimento amministrativo previsto dall’art.75 DPR309/90 (detenzione per uso personale di sostanze stupefacenti) e verrai convocato dalla tua prefettura di residenza per effettuare un colloquio con un assistente sociale. Nel corso del colloquio, essendo la tua prima segnalazione verrà valutato se è possibile chiudere il procedimento con un invito a non fare più uso di sostanze stupefacenti. Altrimenti, verrà stabilita la sanzione da applicarti e che comporta la sospensione, o il divieto a prendere, la patente, il passaporto e/o il porto d’armi per un periodo da uno a tre mesi. Verrai inoltre invitato ad effettuare un programma terapeutico presso il Serd competente e che, in caso di sanzione e se concluso positivamente, ti consentirebbe di chiederne la revoca e, quindi, la restituzione anticipata dei documenti


Domanda: Sono stato trovatp con 1 grammo di crack in tasca mi hanno ritirato la patente e mi hanno fatto l'articolo 75...potreste spiegarmi ora cosa succederà?

Risposta:

 

Ciao! l’art.75 DPR309/90 che vieta la detenzione per uso personale di sostanze stupefacenti, prevede anche il ritiro immediato della patente per trenta giorni se, al momento dell’accertamento la persona che detiene una sostanza ha anche la disponibilità di un veicolo. Quindi, trascorsi i trenta giorni, puoi andare a riprendere la patente presso la tua prefettura di residenza dove si aprirà un procedimento amministrativo e dove, successivamente, verrai convocato, per effettuare un colloquio con un assistente sociale. Nel corso del colloquio, se è la tua prima segnalazione verrà valutato se è possibile chiudere il procedimento con un invito a non fare più uso di sostanze stupefacenti. Altrimenti, verrà stabilita la sanzione da applicarti e che comporta la sospensione, o il divieto a prendere, la patente, il passaporto e/o il porto d’armi per un periodo da due mesi a un anno. Verrai inoltre invitato ad effettuare un programma terapeutico volontario che, se concluso, ti consentirebbe di ottenere la revoca della sanzione e, quindi, la restituzione anticipata dei documenti sospesi


Domanda: Mi hanno fermato dopo 11 anni x possesso di hashish x la seconda volta m hanno tolto la patente x un mese e Sn andato dallo psicologo e mi ha detto che devo andare al Sert a fare le analisi delle urine sapete quando mi potrebbero chiamare? E le tempi

Risposta:

 

Ciao! ogni città ha tempi e modalità diversi per cui non possiamo darti una risposta certa; puoi comunque Metterti direttamente in contatto con il serd per iniziare il programma


Domanda: Buprenorfina Endovena

Buongiorno gent.le Redazione, ho un dubbio che in realtà è una pura curiosità: la Buprenorfina assunta oralmente, sappiamo che agisce da agonista parziale,andando a legarsi al recettore con alta affinità ma parzialmente e dunque causando astinenza in soggetti con alta tolleranza agli oppiacei. Però sento di persone, con alta tolleranza agli oppiacei, che si iniettano buprenorfina e non vanno in astinenza, ma anzi ne hanno un effetto euforizzante. Come mai accade questo? La via di somministrazione può cambiare la farmacodinamica della Buprenorfina? Ripeto che la domanda ha puro scopo di conoscenza personale, non ho nessuna intenzione di iniettare alcunché. Saluti e auguri per le prossime festività. T.P.M.

Risposta:

 Caro TPM, la risposta è no. Anche iniettata la buprenorfina ha gli effetti agonisti/antagonisti che ha se assunta per via sublinguale.

Gioacchino Scelfo, medico sostanze.info


Domanda: Camminare sul filo del rasoio attaccata ad una bottiglia di crack

Sono una 32enne che cammina sul filo del rasoio. Buona famiglia, una situazione serena, eppure ho sempre fatto uso di sostanze anche se saltuariamente. Tre anni fa, dopo un periodo di sobrietà, sono ricascata a fumare crack e da due anni ormai lo faccio spessissimo, mai superati i 15 gg senza fumare. Mento in continuazione, agli altri, a me stessa. Sono arrivata a fare cose ridicole, pesanti, ad umiliare me stessa e devastare la mia autostima. Per poi sentirmi onnipotente quando sto fatta e non mi faccio mai beccare. Sto buttando all’aria le opportunità che mi ha dato la vita, ancora non tutto è perduto ma sento che andare avanti così non potrà durare a lungo. Mi sento incredibilmente sola con la mia schiavitù e ho paura che se chiedessi aiuto perderei tutto ciò che ho gelosamente tenuto a distanza dalla mia dipendenza. Tuttavia allo stesso tempo so che vivere una vita scissa in due non mi porterà molto avanti. Inoltre quando mi drogo ho amplificate paranoie di ipocondria che forse una fondatezza la hanno. Non so dove sbattere la testa, mi sveglio la mattina e il mio primo pensiero va al crack. Vado a dormire e il mio ultimo pensiero va al crack. Non ho più una vita autentica e pensare che sono un’ipocrita mi annienta.

Risposta:

Cara lettrice, ho letto le tue parole così cariche di dolore. Quello che ti sta succedendo è, purtroppo, la "normale" conseguenza dell'uso del crack. Continuando le cose non potrenno che peggiorare. Scusa la mia franchezza. Da quello che scrivi sembra evidente che da sola non puoi farcela. Chiedere aiuto è inevitabile. Capis o le tue resistenze a farlo ma, credimi, è l'unico modo.

Gioacchino Scelfo, medico sostanze.info

 

Domanda: Dolore gambe persistente stop metadone

Salve, ho usato eroina per circa 11 anni fumandola a periodi alterni con pause in mezzo anche di un paio di anni, decidendo di affrontare fisicamente/mentalmente l astinenza ogni volta che ho smesso. Da fine ottobre ho deciso una volta per tutte di smettere definitivamente di farne uso e mi sono rivolta al Sert per superare l astinenza avendo un trasloco da fare e un cambio di vita totale sostanzialmente per farcela fisicamente a fare tutto essendo da sola. Ho preso regolarmente la terapia partendo da 20 mg e fino ad un mese fa ero arrivata a scalare fino a 8mg in accordo con il medico di riferimento. A causa di un avvenimento poco piacevole (che non riguarda in nessun modo l assunzione di eventuali sostanze) ho deliberatamente smesso di assumere la terapia e ad oggi sono 25 gg che non tocco più nulla. Superata la prima fase di delirio mentale, l insonnia persiste, sudorazione pure ma ciò che mi tormenta costantemente e motivo per cui vi scrivo, è il continuo"fastidio/tormento/indolenzimento"alle gambe ,dalla vita in giù è una tortura quotidiana che si accentua in maniera esponenziale quando vado a dormire,e nonostante lunghe camminate stretching , assunzione di magnesio e potassio ,sto diventando scema per capire come almeno attenuare questo tormento continuo che non mi dà pace soprattutto di notte e mi costringe a rigirarmi nel letto per ore e ore svegliandomi anche nel sonno profondo per cambiare posizione. Non voglio assumere farmaci ne psicofarmaci ne nulla come ho fatto altre volte per riuscire a dormire,mi limito a prendere melatonina e bustine di magnesio e potassio. Avete qualche consiglio da darmi per attenuare questo problema?nelle astinenze passate ricordo si il dolore alle gambe ma avendo una capacità di recupero abbastanza veloce fisicamente parlando dato anche dalla mia forza di volontà di tenermi impegnata e non pensarci,si risolveva il tutto abbastanza rapidamente. Non so se è perché cmq ho sicuramente anni in più sulle spalle e di conseguenza non sono più "fresca" come qualche anno fa ma non ho pace e non avendo mai preso metadone in passato ho bisogno di capire se è normale che nonostante un basso dosaggio e l assunzione della terapia per tempo così limitato , ci sia questo effetto collaterale persistente.inoltre faccio un lavoro dove devo stare in piedi per molte e soprattutto sono in costante movimento per le medesime ore e ci sono giorni in cui faccio talmente tanta fatica anche solo a scendere o salire 4 gradini che per finire il mio turno Devo per forza rimanere almeno 2/3ore in più perché sono molto lenta e affaticata. Avete qualche rimedio/terapia tipo non so l acqua termale da consigliarmi,l assunzione di vitamine specifiche per aiutarmi nell' affrontare questo disagio quasi invalidante? PS. So benissimo che smettere di prendere la terapia dall' oggi al domani non è da protocollo ne vada bene ma l' ho scelto con ponderata decisione e non voglio più tornare indietro ma solo guardare avanti. Grazie del tempo dedicatomi.

Risposta:

Cara lettrice, non discuto la tua scelta di abbandonare la terapia in maniera brusca. Certamente hai avuto i tuoi buoni motivi. Tuttavia questo ha certamente contribuito a provocarti i problemi attuali. Vitamine, potassio e magnesio non servono. Potresti assumere dei farmaci ma questo non vuoi farlo. Non ti resta, purtroppo, che aspettare. Di questo puoi essere certa: se non torni ad assumere alcun oppiaceo certamente a poco a poco tutto passerà. Ti prego si scusarmi se sono così franco, ma dalle tue parole mi sembra molto evidente che tu abbia analizzato a fondo e con intelligenza la situazione, e sia in grado di ricevere una risposta franca.

Gioacchino Scelfo, medico sostanze.info

Domanda: L eroina ha fregato anche me

L'eroina ha fregato anche me. Uso circa regolarmente da 5 eroina tutti i giorni via nasale. 1g o 1, 5g, eroina di strada da 20 euro. Quindi bassa purezza. Prima di ciò usavo solo suboxone sniffato circa 1 o 2 righe al giorno in quantità modiche per coprire una leggera dipendenza da oppiacei. Ora voglio scegliere. Siccome prossima settimana inizio un altro lavoro ho 1 settimana. Vorrei sapere se è sensato tentare la sofferenza del astinenza a freddo diciamo, smettendo di botto e soffrire per 4 giorni. (sempre siano 4 con 1.5g al giorno di ero via nasale) oppure se iscrivermi al sert. La situazione è grave? Considerando che non mi sono mai bucato e la tiro soltanto di naso. 4 giorni per i dolori fisici bastano? Se vado al sert di mia volontà mi toccano la patente? Avrei tanto bisogno di parlare con qualcuno esperto, che sia un medico o anche un eroinomane che mi voglia dare una mano. Accetto le opinioni di entrambi poiché entrambi mi possono dire molto, uno dal punto di vista medico e uno dal punto di vista personale. Volevo sapere se 1.5g al giorno sniffati (di roba abbastanza di merda) sono ancora salvabile senza patire l inferno.. Altra cosa.. Ho preferito iniziare a tirare roba perché avevo la sensazione che essere schiavi del sub sia peggio.. Il metadone non lo voglio neanche nominare..

Risposta:

La quantità di eroina che assumi dovrebbe provocarti un'astinenza di grado medio. Io però sono contrario alle disintossicazioni brusche perchè sono le più a rischio di ricaduta. Più prudente rivolgersi al medico del sert. Gli oppiacei creano tutti dipendenza sia fisica che psichica. Passare dalla buprenorfina all'eroina, come vedi, non ti è servito.

Gioacchino Scelfo, medico sostanze.info


Domanda: Perché la dipendenza da oppiacei, condiziona così tanto il fisico? Che processo si svolge? Perché iniziano a tirare i muscoli tantissimo?

Risposta:

 Gli oppiacei sono sostanze sedative. L'astinenza da essi provoca un'eccitazione del sistema nervoso centrale. Le contratture muscolari sono dovute a questo.


Domanda: Salve sono un ragazzo di 28 anni, ed uso metadone da 9 anni. Fino a 7-giorni fa ero a 50mg cioè 10ml. Ora ho scalato rapidamente a 20mg cioè 4ml. Siccome scalando così drasticamente, ho cominciato ad avere astinenza non forte ma fastidiosa. Parlando

col medico del sert, per ridurre i dolori mi ha dato neurontin 3 volte al giorno e trittico 1 volta al giorno, la sera prima di andare a letto. Vorrei un parere di uno specialista. Grazie

Risposta:

 Il mio parere è che non capisco perchè scalare il metadone velocemente per poi dover aggiungere altri farmaci. Sarebbe più corretto ridurre il dosaggio più lentamente. Riguardo ai farmaci che ti ha prescritto, penso in via generale (visto anche che non ti conosco) che vadano bene.

Gioacchino Scelfo, medico sostanze.info
Condividi contenuti