Back to top

ALCOOL: PEGGIO DI DROGA? PER ESPERTI ITALIANI E' ASSURDITA'

http://crmblog.blogs.com/crm_blog/images/bicchiere.jpg(AGI) - Campobasso, 11 nov. - Le conclusioni di uno studio di David Nutt, ex capo della commissione governativa inglese sulle droghe, secondo il quale, l'alcol sembra essere molto piu' dannoso di qualsiasi droga in circolazione, non convincono gli esperti italiani. "Un'assurdita' - e' il commento corale allo studio pubblicato su The Lancet - non c'e' nessun riferimento alle dosi. Considerare l'alcol peggio dell'eroina rappresenterebbe uno choc da cui e' difficile riprendersi, ma lo e' ancora di piu' - spiega una nota dell'Universita' Cattolica del Sacro Cuore - centro ricerche Formazione ad Alta Tecnologia nelle Scienze Biomediche di Campobasso - resistere alla tentazione di sbatterlo in prima pagina, sapendo di avere in mano una vera e propria bomba ad orologeria. Le vittime in questo caso sono le migliaia di persone che al risveglio si sono sentite dare del tossicodipendente. Si',perche' se l'alcol e' peggio dell'eroina o del crack vuol dire che chi lo consuma abitualmente e' a conti fatti un tossicomane. Secondo Giovanni de Gaetano, direttore dei Laboratori di Ricerca dell'Universita', "apprendere dai media che i due bicchieri di vino o la birretta che uno si concede serenamente in famiglia o con gli amici gli costeranno una dipendenza che paghera' e fara' pagare a caro prezzo non e' certo una bella notizia. Ma purtroppo e' in questi termini che l'opinione di David Nutt sta arrivando nelle case della gente e sulle scrivanie degli addetti ai lavori. La classificazione delle sostanze 'pericolose' e' stata fatta tenendo conto soltanto dei danni potenziali derivanti da ogni sostanza. E' come se classificassimo i farmaci antitumorali solo sulla base dei loro effetti collaterali, senza tener conto dei loro effetti benefici. E' da notare poi - aggiunge de Gaetano - che lo scopo dichiarato dell'esercizio di Nutt e colleghi e' stato quello di valutare i danni causati dal cattivo uso (misuse) di sostanze farmacologiche (drugs). In medicina le valutazioni si fanno sempre sul rapporto benefici/rischi, mai sugli uni o gli altri separatamente"."Il controverso neuropsicofarmacologo inglese - spiega la nota- parla senza filtri e probabilmente senza preoccuparsi troppo delle conseguenze delle sue affermazioni. Il suo, nonostante sia stato ospitato sulle gloriose colonne di The Lancet, non e' propriamente uno studio scientifico sugli effetti dell'alcol, bensi' un rimpasto sociologico di informazioni. In pratica, l'ex esponente della commissione scientifica indipendente sulle droghe ha attribuito un punteggio a ciascun elemento potenzialmente dannoso per la salute e per la societa'. Nel calderone sono finiti indistintamente, tabacco, droghe di ogni ordine e grado, alcol, acido idrossi-butirrico e funghi. Ma l'alcol di cui parla Nutt e' lontano anni luce da quello che la scienza considera un valido aiuto per la salute". Per Fulvio Ursini, professore Ordinario di Biochimica all'Universita' di Padova, "L'alcolismo e' cosa ben diversa dal bere moderatamente un bicchiere di vino ai pasti o sorseggiare una birra in compagnia. E' come dire che bere l'acqua fa male considerando il numero di annegati per poi giungere alla conclusione che l'acqua andrebbe bandita. O analogamente considerare le automobili piu' pericolose delle armi da fuoco perche' causano piu' decessi. Ignorare, come fa Nutt, il ruolo della dose e la numerosita' del campione significa letteralmente 'dare i numeri. Stupisce che una seria rivista scientifica abbia offerto le sue pagine a uno studio simile". Francesco Orlandi, professore ordinario di Gastroenterologia nell'Universita' degli Studi di Ancona, riprende una riflessione di Curtis Ellison, professore alla Harvard University di Boston: "Nella nostra societa' l'uso degli automezzi provoca perdite umane molto superiori all'uso delle armi da fuoco, ma non si puo' mettere nel piatto della stessa bilancia la vettura di famiglia ed un mitra costruito per uccidere. Il comitato inglese ha commesso un grossolano errore di metodo, indicato come"floating denominator problem" nella nomenclatura epidemiologica e traducibile nel popolaresco ma efficace "confondere le mele con le pere". Demonizzare l'oggetto e' facile ma deviante, ed e' socialmente pericoloso perche' una considerazione sbagliata getta discredito su dieci raccomandazioni giuste. La promozione della temperanza e' la vera sfida per i nostri ragazzi, circondati da continui stimoli a comportamenti compulsivi, dalle calorie alla musica assordante fino all'happy hour e alle notti bianche". "L'alcol, bevuto moderatamente, si e' rivelato un ottimo alleato per la salute delle persone, mostrando effetti benefici sul fronte cardiovascolare non solo in termini di prevenzione primaria, ma anche dopo un evento cardiovascolare" spiega ancora de Gaetano. "Ci siamo a lungo interrogati se fosse il caso di suggerire ai colleghi clinici di avvisare i loro pazienti cardiovascolari circa le proprieta' benefiche del bere moderato- concludono i tre scienziati italiani - Siamo ancora di questa opinione. Ma a giudicare dai tempi che corrono, rischiamo di finire tra gli spacciatori di droga ".

Commenti

altro che controverso Nutt

Capisco che Nutt non dia troppo importanza (almeno così sembra) alla quantità o alla dose necessaria perchè l'alcool diventi pericoloso, ma le affermazioni di insigni professori italiani a discredito di tale ricerca, scontando l'atavico vizio del pregiudizio dietrologico, sottovalutano il dramma di milioni di persone alcolizzate, e che forse nemmeno sanno di esserlo; una buona volta si potrebbe porre l'attenzione sulle devastanti ricadute sociali di tale fenomeno? sono aumentati o no negli ultimi anni i consumatori abituali? E poi perchè non guardiamo allo svuotamento delle città, alla continua sparizione di spazi pubblici, sociali, collettivi, che non siano i soliti bar con i videopoker e una cantina ben fornita...luoghi ormai asettici, luoghi dove l'unica cosa che accomuna gli avventori è la pinta in mano...Le città, le piazze svaniscono, le persone si rinchiudono in casa o in quei centri commerciali così poco aggregativi...vivo in un paese di 25000 abitanti nel vicentino..beh, nel perimetro del centro storico, piccolo e stretto, vi sono trenta bar e il passatempo preferito (perchè l'unico..sic) dai giovani il venerdì o sabato sera è passarne uno alla volta, mezzora di qua, poi un' ora di là, e così via...vogliamo renderci conto che viviamo in un'emergenza di marginalità, esclusione, di abbandono degli adolescenti, di totale indifferenza dei Comuni (sempre pronti a firmare ordinanze vessative e discriminatorie, a volte deliranti) e dello Stato (solo repressione) nella formazione-prevenzione del cittadino, lasciato in balia di sè stesso in una società invasa di messaggi subliminali che incoraggiano l'utilizzo di droghe, compreso l'alcool (checchè se ne dica l'alcool è pericolosissimo se preso a dosi continue e giornaliere con ripercussioni psico-fisiche anche più gravi di altre droghe(come sosteneva Nutt) ad esempio sul fegato o sull'intestino), in una società individualista, morbosamente ossessionata dal culto della tv , dell'immagine, del successo, dove la scuola pubblica viene insultata e depauperata, dove l'estrazione sociale diventa nuovamente l'unco fattore di mobilità sociale (v. le parentopoli vergognose di ministeri, università, aziende pubbliche) mentre abbandoniamo i giovani precari, ce ne fottiamo del loro futuro...tanto, se si sentiranno soli e insofferenti, potranno sempre sfogarsi in qualche bar, dove annegare le proprie sofferenze..
E' questa la società di oggi, smarrita e confusa, priva di ideali che non siano la bellezza o il denaro, dove il civismo e la solidarietà lasciano spazio ad ottuse campagne repressive e demagogiche, in una desolante mancanza di responsabilità da parte di chi detiene il pubblico potere...non dobbiamo dimenticarlo.

Aggiungi un nuovo commento