Back to top

“In aumento i consumi di cocaina ed eroina, anche per via iniettiva”

FIRENZE – In due mesi, da aprile a maggio, gli operatori hanno censito 463 tossicodipendenti, per il 64 per cento certi, ovvero sorpresi a fare uso di stupefacenti; 210 quelli tra i 18 e i 25 anni, 8 i minorenni. Sono questi i numeri dell’avvio del progetto “Outsider” portato avanti a Prato, città sempre più nota nel panorama di spaccio e consumo di sostanze psicotrope. Da gennaio a giugno, la città toscana ha contato 76 casi di overdose, età media 40 anni. Porta al Serraglio, i giardini della Passerella, l’area verde di Ponzaglio, la ciclabile lungo il Bisenzio: sono queste le zone in cui si sono concentrati gli interventi degli operatori di strada di “Outsider”.

 

prosegue su Redattore Sociale www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/489231/In-aumento-i-consumi-di-cocaina-ed-eroina-anche-per-via-iniettiva 

Commenti

Re: “In aumento i consumi di cocaina ed eroina, anche per via...

ma se stiamo tutti co le pezze al **** !! Qualcuno sa se veramente l e. sta calando il prezzo , dato che anche il buon vecchio marco ci informa che siamo ai massimi livelli di produzione? io non ci credo che aumenta il consumo di c anzi può solo diminuire rispetto agli anni scorsi che era alle stelle e comunque dove sto io non la trovi a meno di 70 al grammo

Re: “In aumento i consumi di cocaina ed eroina, anche per via...

Anche qua dai 50 ai 70 al grammetto scarso..però non credo sia prettamente una questione economica,più disagio economico-sociale c'è più degrado si crea.Basti pensare a paesi come il Vietnam,anche nelle zone più misere la prostituzione (ad esempio) è ovunque,e la gente paga sazio.Le persone per evadere,o semplicemente per stare bene 'na volta tanto,fanno l'impossibile.Alla fine uno non vive per lavoro o le quattro mura che si ritrova attorno,ma per sensazioni appaganti e e totalizzanti e se uno si illude che queste possano realmente esistere in una sostanza farà di tutto per averne.Più stai male nella società in cui vivi e di riflesso con te stesso,più ricerchi benessere,e le droghe sono il modo più facile e veloce per ottenerlo.E comunque economicamente parlando una volta dipendente tendi a spacciare,rubare,fottere il prossimo in entrambi i sensi,ti fai la cresta,insomma fai girare roba e denaro in maniere che prima ti avrebbero schifato e che non avresti mai fatto..Per non parlare delle mafio(politiche) che non lasceranno mai andare in crisi questa fetta di introiti.proprio un altro mercato rispetto a quello che viviamo quotidianamente non si può direttamente equiparare PIL-droga.

Re: “In aumento i consumi di cocaina ed eroina, anche per via...

no!! una svolta epocale degna di essere sui libri di storia attenzione:
" invitiamo i lettori a rimanere sull' argomento del post per non dover ,al solito, chiudere la discussione"
quindi questo vuol dire che non vedremo piu tutte quelle pagine che iniziano con una cosa e poi continuano con centinaia(certe volte anche migliaia!!) di commenti e domande diversi da tutti quelli prima a cui voi rispondete sempre??!

Re: “In aumento i consumi di cocaina ed eroina, anche per via...

caro lettore, comprendiamo il bisogno di individuare sempre e comunque un possibile nemico (in questo caso noi) animato da sacro furore censorio, ma forse il problema sta solo nella mancanza di qualche info di dettaglio.
Ci spieghiamo.
"Chiudere la discussione" non significa minimamente tagliare o cancellare decine e decine di commenti e post.
Significa semplicemente che quella discussione viene "congelata", ovvero viene spostata in area DISCUTI (dove se ci fai un salto le ritrovi tutte esattamente come son state scritte dai lettori) e non è possibile aggiungere altri commenti.
L'intervento è reso necessario da quello che con un eufemismo abbiamo definito "non rimanere sull'argomento iniziale". In realtà significa che interveniamo quando la discussione si trasforma in una gara a chi offende meglio e di più l'altro, approfittando dell'anonimato che il sito gli concede.
Tutto qua.
I libri di storia meritano di ospitare ben altro che i commenti della redazione di sostanze.info

Aggiungi un nuovo commento