Back to top

Bimbo beve metadone e muore. Aveva un anno, arrestati i genitori

La Repubblica 30 ottobre 08

VITERBO - E' morto a un anno bevendo il metadone abbandonato in casa dai genitori. Nel Viterbese i carabinieri hanno arrestato una giovane coppia di tossicodipendenti; a casa i carabinieri hanno trovato sparse un po' ovunque, dosi di hashish e siringhe usate oltre ad una piccola serra per la coltivazione di canapa indiana.

Stavano dormendo i genitori quando il piccolo si è sentito male. Molto probabilmente ha bevuto del metadone da una delle bottiglie sparse per terra. "Più tardi lo squillo di un cellulare ci ha svegliati", ha detto la mamma in lacrime. "Sono andata a gardare in culla e l'ho trovato con le manine e i piedini freddissimi. Lo abbiamo avvolto in un accappatoio e l'abbiamo subito portato in ospedale". Ma al punto di primo soccorso di Ronciglione il bambino è arrivato morto.

Secondo i medici il decesso è avvenuto a causa di "ingestione di sostanze stupefacenti", ma in attesa dell'autopsia, i genitori sono stati arrestati per detenzione di sostanze stupefacenti.

L'uomo ha 35 anni, è in cura al Sert di Ronciglione e ha precedenti specifici legati allo spaccio. Il metadone gli era stato prescritto per tentare una terapia disintossicante. Anche la sua compagna, che ha 25 anni, è nota alle forze dell'ordine. Dividevano un monolocale fuori Sutri, a Fontevivola, "uno stanzone dove regnava sporcizia e una grande confusione", ha detto il capitano dei carabinieri che ha arrestato i genitori del bambino. Nell'appartamento c'erano diversi flaconi di metadone incustoditi, alcuni pieni altri vuoti; undici piantine di marijuana; semi di cannabis e una vera e propria serra artigianale destinata alla coltivazione di

 

Commenti

Aggiungi un nuovo commento