Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

La Cassazione: è reato commercializzare i derivati della cannabis light

  è reato commercializzare i derivati della cannabis light  

 (ansa) bit.ly/2QxuU2y

   ROMA - La Cassazione ha decretato che commercializzare i prodotti derivati dalla cannabis light è un reato. La decisione, che travolge un settore in piena espansione, è stata presa oggi dalle sezioni unite penali presiedute dal presidente aggiunto Domenico Carcano.
 
Per la Cassazione, dunque, la legge non consente la vendita o la cessione a qualunque titolo dei prodotti "derivati dalla coltivazione della cannabis" come l'olio, le foglie, le inflorescenze e la resina. "Integrano il reato" previsto dal Testo unico sulle droghe (articolo 73, commi 1 e 4, dpr 309/1990) infatti, "le condotte di cessione, di vendita, e, in genere, la commercializzazione al pubblico, a qualsiasi titolo, dei prodotti derivati dalla coltivazione della cannabis sativa L, salvo che tali prodotti siano in concreto privi di efficacia drogante".

Nessun voto ancora

Commenti

Il mondo va in una direzione, e naturalmente noi andiamo dalla parte opposta..

Bisogna leggere bene la sentenza e le motivazioni. Verosimilmente la Suprema Corte avrà rilevato delle incongruenze nelle norme e rinviera' la questione al Legislatore.
É il Parlamento che deve dipanare la matassa e decidere.