Back to top

per farla finita con "Alcol e droghe"

 (fonte: moksha.splinder.com)

 

 

Alcol e droghe?Nei mezzi di comunicazione e di espressione comune si sente sempre parlare di "alcol e droga". Perché esiste una distinzione tra l'alcol e tutte le altre droghe? Cosa rende così speciale l'alcol?L'alcol è la droga inebriante più comunemente utilizzata nel mondo. Circa l'80% dei nordamericani utilizzano una qualche forma di alcol in modo regolare. Ma la maggior parte delle persone non vuole essere bollata come "consumatore di droga" a causa della demonizzazione dei tossicodipendenti operata dalla propaganda antidroga.Se bevi alcolici sei in realtà un consumatore di droga. L'alcol è una buona droga che permette di trascorrere bei momenti, ma non possiamo dimenticarci che è una droga come tutte le altre.Coloro che sono favorevoli alla separazione dell'alcol dalle altre droghe vi diranno che la maggior parte delle persone che usano alcol lo fanno in modo responsabile o in modo "sociale". Questo è vero, ma l'alcol non è l'unica droga che viene utilizzata in modo responsabile. La stragrande maggioranza dell'uso di cannabis è fatto in modo responsabile. Lo stesso vale per la maggior parte delle droghe illecite tra cui cocaina, eroina, ecstasy, LSD e molte altre. L'uso irresponsabile è semplicemente non sostenibile per un lungo periodo di tempo.L'alcol non solo è una droga, ma è una droga pesante. Può creare dipendenza ed è potenzialmente letale. L'alcol può causare anomalie cellulari, ipertensione, danni agli organi e cancro. Anche un uso moderato di alcol porta alla compromissione della funzione motoria, ad un comportamento avventato, ad una cattiva articolazione della parola.Dosi più elevate possono portare a vomito, perdita di coscienza e morte.E' incredibilmente facile raggiungere un'overdose di alcol, visto che la quantità di alcool che può uccidere non è molto più alta di quella assunta durante le bevute ricreative.Sei considerato legalmente ubriaco con una concentrazione di alcol nel sangue (BAC) di .08 in molti paesi, mentre un tasso alcolemico di .37 può uccidere.Una dose potenzialmente letale è equivalente a 7 bevande in un'ora per una femmina di 100 libbre o 12 bevande in un'ora per i maschi di 140 libbre.Gli studi dimostrano che l'alcol pone un rischio più elevato per la società di molte droghe illegali (link 1 , link2).Questa tabella riassume l'ipocrisia sull'alcol. Colloca le varie droghe in base alla quantità di droga che viene assunta per ottenere l'effetto psicoattivo e la dose letale, dalla meno pericolosa (canapa) alla più pericolosa (eroina):L'alcol (etanolo C2H5OH) è una sostanza chimica. Viene utilizzato anche nella preparazione di solventi, come additivo per la benzina e nei termometri. L'alcol è una "droga chimica" come lo possono essere le metanfetamine o l'LSD.L'alcol produce i suoi effetti attraverso l'interazione con i neurotrasmettitori del cervello proprio come ogni altra droga. L'acido gamma-aminobutirrico (GABA) è un neurotrasmettitore inibitorio che viene utilizzato in tutto il cervello, e l'alcol aumenta l'effetto inibitorio del GABA. L'alcol contemporaneamente blocca i recettori del glutammato, che è un neurotrasmettitore eccitatorio. L'effetto combinato dell'alcol inibisce numerose attività all'interno del cervello, influenzando la risposta comportamentale. L'alcol stimola anche il centro di ricompensa del cervello (nucleus accumbens) che può portare alla dipendenza.Il segno distintivo della droghe pesanti è la dipendenza. E l'alcol non delude nemmeno in questo senso. Ci sono circa 16 milioni alcolisti negli Stati Uniti e 1,5 milioni in Canada. Oltre il 43% dei nordamericani hanno avuto episodi di alcolismo nelle loro famiglie. Il corpo e il cervello di un alcolista diventano dipendenti dalla droga. Senza un drink, un alcolizzato può manifestare sintomi di astinenza come ansia, irritabilità, nausea e tremori. In casi gravi crisi epilettiche.Studi scientifici hanno dimostrato che gli effetti d'astinenza dell'alcol sono peggiori di quelli di astinenza da eroina.L'alcol provoca anche tolleranza, per cui un alcolizzato avrà bisogno di sempre più alcol per ottenere gli stessi effetti.La diffusione e l'accettazione sociale dell'alcol ne fanno una delle dipendenze più diffuse e costose per la società.L'alcol è chiaramente una droga pesante, di quelle che i media cercano continuamente di demonizzare.Si adatta perfettamente ai criteri del diritto statunitense per essere inserito nella tabella 1 delle sostanze controllate. Provoca dipendenza, è potenzialmente letale, ha un elevato potenziale di abuso e non ha nessun valore medico.La cannabis è attualmente nella scheda 1, anche se non si adatta a nessuno dei criteri stabiliti (non provoca dipendenza nè altri problemi di salute, è fisicamente impossibile raggiungere l'overdose da cannabis e si è dimostrata efficace nel trattamento dei sintomi di numerose patologie).La cocaina è invece nella scheda 2 perché ha un potenziale medico come anestetico. Pare che i legislatori statunitensi considerino un anestetico usato raramente come più meritevole di una droga non tossica come la cannabis che si è dimostrata utile per numerosi impieghi medici.Allora, perché l'alcol è separata dalle altre droghe? La risposta è semplice, il denaro.Gli americani spendono più di 90 miliardi di dollari in alcol ogni anno. Si tratta di una industria di massa con grandi società e grandi gruppi di pressione. Ogni anno l'industria dei liquori spende quasi 2 miliardi di dollari di pubblicità per incoraggiare il consumo di bevande alcoliche. Ogni anno, un giovane medio negli Stati Uniti è inondato con più di 1.000 spot pubblicitari sull'alcol.Il suo consumo è talmente diffuso da passare addirittura inosservato.Basta guardare cosa è successo a Michael Phelps. Probabilmente il più grande atleta olimpico della storia, finito in un polverone mediatico per aver fumato un bong di canapa. Bottiglie di champagne sono presenti in tutti i tipi di sport dal Super Bowl alla Formula 1, i vincitori sono spesso fotografati con le bottiglie di alcol, ma un tiro di bong fa perdere sponsor importanti.

 

Commenti

Aggiungi un nuovo commento