Back to top

Jean-Loup Amselle, PSICOTROPICI La febbre dell’ayahuasca nella foresta amazzonica

+
-209
-

Come si spiega l‘attuale mania nei confronti dello sciamanesimo? Cosa spinge sempre più occidentali a intraprendere un viaggio iniziatico nell‘Amazzonia peruviana per assumere l‘ayahuasca (famigerata sostanza psicotropa cantata dalla Beat Generation)? Prova a rispondere Jean-Loup Amselle, tra i più importanti antropologi contemporanei, in questa originalissima indagine sulla filiera dello sciamanesimo come fatto culturale, economico e politico. Il turismo di massa ha trasformato lo sciamano in un professionista degli affari, un imprenditore in grado di unire i valori esoterici degli eredi della new age con il sapere dei guaritori dell‘Amazzonia. L‘ayahuasca sarebbe quindi a tutti gli effetti una religione d‘Occidente, un’ambigua tecnica di addomesticamento degli individui

.Jean-Loup Amselle, direttore di studi all’École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi (Ehess), è autore di numerose pubblicazioni, tra cui, tradotte in italiano: Logiche meticce (1999), Connessioni (2001), L’arte africana contemporanea (2007). Per Meltemi ha pubblicato: Il distacco dall’Occidente (2009), Il museo in scena (2017), Islam africani (2018) e ha curato, con Elikia M’Bokolo, L’invenzione dell’etnia (2017).

Aggiungi un nuovo commento