Back to top

non è un paese per vecchi

Messico. Storie di guerra alla droga: testa mozzata in caserma. Gli Usa mandano denaro
La testa di un uomo, con un coltello in bocca, infilata dentro un secchio: e' la scena che hanno trovato davanti alla propria caserma i soldati di una delle sedi militari della citta' di Chihuahua, nord del Messico.
Lo hanno reso noto fonti locali, precisando che gli autori del macabro gesto hanno anche lasciato, davanti alla caserma, delle dichiarazioni scritte, che hanno definito 'narco-messaggini' e il cui contenuto non e' stato divulgato dalle forze della sicurezza.
Quello di Chihuahua, rilevano i media, e' un altro episodio della violenza provocata nel paese dallo scontro tra le diverse bande di narcotrafficanti.
Secondo dati resi noti oggi dalla stampa, negli ultimi 11 mesi le persone uccise in omicidi vincolati al narcotraffico sono 5.031. 'E' la cifra piu' alta mai raggiunta da quando il nostro giornale ha iniziato a contare le morti violente', ha affermato il quotidiano El Universal.
'Invece di calare, la violenza sta aumentando, visto che - conclude il quotidiano - 'per passare da 4 mila a 5 mila giorni sono 'bastati' appena 42 giorni'. 
 
E gli Stati Uniti si schierano a fianco del Messico nella lotta contro i cartelli della droga. Il governo americano ha accordato la prima parte di un pacchetto di aiuti da 400 milioni di dollari per finanziare le operazioni della polizia e dell'esercito messicani contro il narcotraffico.
L'ambasciatore americano in Messico Tony Garza ha spiegato che l'operazione "Merida" consentirà alle due nazioni di collaborare nelle lotta alla droga, scambiandosi informazioni in tempo reale sulle attività dei cartelli.
La concessione della prima parte dei finanziamenti, 197 milioni di dollari, si è svolta con una cerimonia a Città del Messico. Il resto degli aiuti sarà accordato nel corso del prossimo anno.
L'iniziativa degli Stati Uniti arriva quando il Messico è scosso da un'ondata di violenza legata al traffico di droga. Solo quest'anno sono morte 4.000 persone in scontri tra narcotrafficanti, con incidenti anche oltre il confine con gli Stati Uniti.
 
ADUC droghe

Aggiungi un nuovo commento