Back to top

Quindici euro e fai l’alcol tour. Sbronza libera nei pub del centro

Firenze - L’OBIETTIVO della serata è «strisciare». Trascinarsi di locale in locale, barcollando con tanto alcol in corpo, fino a non stare più in piedi. E’ l’obiettivo dei ragazzi stranieri che venerdì sera si sono ritrovati in piazza Duomo con lo zaino carico di birra e vino e con quindici euro in mano, pronti a comprare il biglietto d’ingresso per partecipare allo speciale trekking alcolico. 
Sono le 22.15, il branco a poco a poco aumenta. I pr della serata intanto danno le dritte: «Il tour costa 15 euro e comprende bevute illimitate in quattro locali del centro storico». Sono le 22.30, è ora di andare: il gruppo è di circa 150 ragazzi, rigorosamente stranieri e in prevalenza americani, la maggior parte arrivati da pochi giorni in città, dopo la pausa estiva, per ricominciare i corsi. Le guide incassano i 15 euro e danno un braccialetto colorato in cambio: è il lasciapassare che dà diritto alle bevute illimitate. Tradotto: mostri il braccio e prendi da bere no stop senza sborsare un centesimo. Zero regole, vodka a volontà e sballo assicurato. Solo una l’indicazione: non sono ammessi italiani.
 

INSOMMA, mentre Palazzo Vecchio e forze dell’ordine sono a lavoro per mettere nero su bianco i dettagli del nuovo accordo che dovrebbe mettere un freno alle scorribande disordinate della banda della notte, Firenze aggiunge l’ennesimo affluente al fiume della sua deriva. Un affluente che prende il nome di alcol tour, una sorta di surf etilico, organizzato da pr senza scrupoli, che sta diventando una sorta di moda. 

La Nazione già nei mesi scorsi ha raccontato in prima persona la maratona alcolica: posto e orario di ritrovo sono rimasti pressocchè gli stessi, il prezzo anche, le modalità di invito, invece, sono cambiate. Se le volte scorse le ‘guide’ promuovevano la speciale maratona tramite flier, volantini distribuiti nei pressi delle scuole americane, con tutte le indicazioni e il numero di telefono per prenotare, oggi l’invito corre tramite sms o Facebook. Un modo per raggiungere direttamente gli stranieri senza correre il rischio che ‘curiosi’ vengano a sapere dell’appuntamento. A Firenze, ci raccontano alcuni partecipanti, ci sono delle agenzie che si preoccupano di organizzare visite turistiche e anche alcoliche. Persone senza scrupoli che non esitano ad accettare nel gruppo minorenni o ad abbandonare in strada i più ubriachi che non stanno più in piedi e non ce la fanno a proseguire il giro. 

Le fermate del tour alcolico fiorentino sono quattro: la prima è in zona, non molto lontana dal posto dell’appuntamento. Al bancone si mostra il braccialetto e si ritira uno shottino, che appena finisce si restituisce per averne un altro pieno e così via. Tutto giù in un colpo. In pochi minuti se ne possono ingoiare anche più di otto, insieme a cocktail fruttati o vino rosso. Il menù alcolico della serata è pressocchè lo stesso negli altri due locali del tour mentre l’ultima tappa è in una discoteca. Qui funziona così: ingresso gratuito ma quello che bevi paghi. Anche se in pochi ce la fanno ad arrivare all’ultimo stop della nottata: tante ragazze sono crollate in terra, altre si sono trascinate fino ai portoni di casa, scortate dai playboy di turno. «Stamane alcune studentesse dormivano sui gradini del nostro portone» racconta una residente. Tutte e quattro avevano al polso lo stesso braccialetto. 

di Rossella Conte, La Nazione www.lanazione.it/firenze/quindici-euro-e-fai-l-alcol-tour-sbronza-libera-nei-pub-del-centro-1.163507

Commenti

Aggiungi un nuovo commento