Back to top

USA: abuso di farmaci, arriva un piano di governo

 

 Dronet - Gli Stati Uniti preparano un piano d’azione per contrastare la diffusione di farmaci che richiedono una prescrizione medica ma che vengono assunti per scopo non medico.
È l’iniziativa elaborata dall’attuale amministrazione americana per fermare un fenomeno preoccupante negli Stati Uniti al quale hanno deciso di porre rimedio attraverso un sistema che limiti l’accesso incontrollato a questi prodotti.
Secondo il Sondaggio Nazionale sull’abuso di sostanze negli Stati Uniti circa un terzo delle persone dai 12 anni in su che hanno fatto uso di droghe nel 2009 ha cominciato assumendo farmaci senza prescrizione medica. Lo stesso studio indica che circa il 70% delle persone che hanno assunto farmaci per un uso non medico li hanno ottenuti da amici o parenti oppure tramite Internet. La ricerca Monitoring the Future, uno dei sondaggi più ampi condotti negli Stati Uniti supportato dal NIDA (National Institute for Drug Abuse), indica i farmaci come la seconda categoria di sostanze più abusate in America dopo la marijuana.
Le tipologie di farmaci abusati sono diverse: dagli ansiolitici, agli antidepressivi, ai sedativi ai barbiturici. Ma quelli che preoccupano maggiormente sono i farmaci a base di oppiacei. Confrontando i milligrammi consumati per persona negli Stati Uniti si vede che, tra il ’97 e il 2007, sono cresciuti del 402% passando da 74 a 369 milligrammi, mentre il totale delle prescrizioni mediche è passato da 174 milioni del 2000 a 257 milioni nel 2009.
Il piano di prevenzione per i farmaci con prescrizione elaborato dal governo rientra nella Piano Nazionale di Controllo della Droga e copre 4 macroaree. La formazione, per aumentare la conoscenza del problema da parte degli operatori di settore; il monitoraggio, per capire come avviene l’acquisto dei prodotti senza l’autorizzazione medica; l’approntamento di programmi che aiutino i consumatori a limitare l’abuso di farmaci ed infine la messa a punto di norme più severe per frenare il mercato delle false prescrizioni e il traffico di farmaci.

Aggiungi un nuovo commento