Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Domande agli Operatori

Cerca nell'archivio di 52741 risposte, o fai una nuova domanda, anche in forma anonima.

Scrivi una domanda e clicca su Invia (max. 250 caratteri).
  • Un nostro Operatore autorizzato (vedi chi siamo) risponderà presto alla tua domanda.
  • Il tempo di risposta potrebbe variare a seconda della difficoltà del quesito.
  • La domanda sarà nascosta a tutti finché non verrà pubblicata assieme alla risposta.
  • Una volta pubblicata, la risposta sarà leggibile a tutti nell'archivio. Se preferisci una risposta privata, usa il modulo di contatto.
Facoltativo: inserisci il tuo indirizzo email se vuoi ricevere un avviso quando verrà pubblicata la risposta.
Annulla
Cliccando su Invia autorizzi il trattamento dei tuoi dati personali solo ed esclusivamente per rendere possibile questo servizio, secondo la policy del sito. Tali dati sono strettamente confidenziali e non saranno divulgati in alcun modo.
Mostra: tutti i tipi | articoli | esperienze | siti segnalati | immagini | videoOrdina per: data | punteggio

Generalmente la cocaina si trova sotto forma di polvere bianca, cristallina e inodore, dal sapore amaro. Non è mai pura, è sempre tagliata con altre sostanze: una dose presenta mediamente non più del 50-60% di cocaina, per cui gli effetti e la tossicità (sempre maggiore nelle droghe spacciate) variano a seconda delle sostanze di taglio. Vista la facilità di tagliare una semplice polvere bianca, esistono report di casi in cui la presenza effettiva di cocaina non andava oltre il 10%.

Gli effetti della cocaina sono molto soggettivi, variano secondo la purezza della dose, dallo stato psico-fisico della persona e dal contesto. Sono condizionati inoltre dalla modalità di assunzione, dalla velocità d’assorbimento della sostanza. La cocaina, agendo come stimolante del Sistema Nervoso Centrale, determina principalmente un aumento della lucidità mentale, una riduzione della sensazione di fatica, una diminuzione dell’appetito ed ha spesso un’azione complessiva di tipo euforizzante. Sensazione di benessere, aumento di sicurezza e di fiducia...

I metodi di datazione applicati su reperti archeologici scoperti nelle Ande centrali, testimoniano come l'uomo abbia cominciato a masticare le foglie di coca, da cui si estrae la cocaina, in epoche precedenti al 2500 a.C. La pianta della coca ha avuto un'importanza enorme per tutte le civiltà andine. Ciò è testimoniato dal fatto che essa era protagonista principale di tutti i moltissimi miti d'origine con i quali si raccontavano le vicende leggendarie della fondazione delle varie civiltà andine. La coca costituiva inoltre la pianta per...

La cocaina sta conoscendo una peculiare quanto rapida diffusione. Nel nostro paese rispetto al 2001, secondo le stime del Ministero*, il numero di coloro che ne hanno fatto uso nell’ultimo anno è raddoppiato, raggiungendo il 6,7% della popolazione, con la concentrazione più elevata nella fascia 25-34 anni di età. Il fare uso di cocaina ha perso un po’ di quell’alone distintivo che ne faceva un esclusivo divertissment d’elite, una sostanza da ricchi, penetrando nella vita di migliaia di persone, in fasce di popolazione spesso non “...

Novità cocaina

...

Ciao, ti risponderemo a breve in "Domande agli operatori", e a quel punto la tua domanda sarà visibile.

Grazie, la redazione

Semplicemente io...

Tutto è cominciato 6 anni fa. 6 anni fa ho smesso di studiare. Ho smesso di studiare perchè per me è sempre stato troppo essere uguale agli altri.Ho una sorella che eccelle in tutto, a quei tempi parlavamo di studio. Così se lei prendeva a destra, io giravo a sinistra in modo da restare il più lontano possibile.Smettere di studiare, significava estraniarmi da tutto ciò che di buono avrei potuto iniziare a fare, a partire da lì.I miei genitori sono persone d'oro,non ci hanno mai fatto mancare niente, ma io li ho sempre costretti con i miei comportamenti a prediligere mia sorella. A me questo recava un forte disagio, che cercavo di sopprimere.Comunque non mi lasciai andare, intrapresi un percorso di formazione che mi presentò al mondo della ristorazione. Da lì iniziarono i miei problemi, conobbi persone   poco raccomandabili e mai più ebbi l'opportunità di vivere la mia giovane età. Il lavoro mi portava a stare sempre in giro e conoscere sempre persone nuove, solo adesso mi accorgo di quanta gentaccia gira in quegli ambienti.Ben presto conobbi l'erba e le droghe pesanti: mi aiutavano a farmi sentire chi non ero ancora, un'adulta spavalda, ma solo una droga mi è rimasta nel cuore: la cocaina.tutto procedeva, la vita scorreva senza essere vissuta, ciò che più importava era avere la droga.Senza cadevo nel più profondo baratro con ossessioni fino a farmi credere che ci fosse qualcuno che mi perseguitava, ero un mostro.La droga era tutto, ma in sottofondo si presentava un'altra cosa che molto presto diventò un altro nemico contro il quale combattere:l'alcool.Nulla bastava mai, tutto era insufficiente.Il mio unico interesse era essere fuori dalle righe e non mi importava più di niente neanche di me stessa, tanto che gli uomini che incontravo sulla mia strada erano solo un'oggetto, ne volevo sempre di più ed il sesso più le sostanze erano il binomio perfetto.Ma non tutti erano degni di essere chiamati uomini. Solo a 18 anni fui vittima di uno stupro. Mi prometteva il mondo, ma non gli importava niente di me. Mi tese una trappola e mi costrinse a fare cose che forse fortunatamente ho rimosso.Fu il primo colpo grosso, ma asciugate le lacrime la vita era sempre la stessa, forse peggio.Dopo poco tempo conobbi Marco* (nome di fantasia) il mio primo vero grande amore.Era alto, bello e due occhi profondi come l'oceano. Mi sono sempre chiesta cosa lo avesse fatto cadere nella mia trama, sembrava impossibile. Mi faceva sentire viva, come fino ad allora solo le droghe avevano fatto.Finalmente il capitolo bello nella mia vita! stavo così bene che le droghe quasi non servivano più, le usavo molto meno. Ma come ogni cosa bella, finì dopo due anni e mezzo.Finì perchè era diventata un'ossessione questa storia era nato qualcosa di maledettamente malato. Mi lasciò con duemila scuse, ma la verità è che aveva un'altra, continuò a sfruttarmi solo per sesso fino a che non ebbe la certezza dall'altra ragazza. Ma tralasciando il modo viscido in cui aveva deciso di agire, non era più la persona che avevo conosciuto quando gli chiesi se avrebbe voluto tenere il figlio che il nostro amore finito ci aveva donato.Non ne volle sapere niente, forse per proteggere la sua nuova storia, così la scelta spettò a me, la più semplice per quel momento. Affrontai tutto da sola. Ed oggi lo porto ancora dentro come un dolore che mai andrà via. La mia vita doveva continuare, comunque, riniziai a lavorare andando ancora più lontano e le droghe in un attimo tornarono ad appoggiarmi più presenti di prima.La mia vita si poteva racchiudere in poche parole: cocaina, alcool, lavoro e sesso occasionale.Nel brutto sembrava che tutto stesse seguendo un euquilibrio, solo prima che Riccardo* morì per un overdose di cocaina, un mio caro amico, che viveva proprio come me. Diceva che non gli importava morire, e che non avrebbe voluto, se non fosse stato tutto così complicato da sistemare.Mi fece riflettere per un giorno, ma tutto iniziava a perdere di significato, tutto questo dolore...Ma perchè la vita si accaniva così su di me?Non l'ho mai capito..Non troppo tempo fa, ho avuto un'altra brutta esperienza con un uomo che mi ha messo le mani addosso, per rabbia sua personale, ma stavolta non mi sono fatta sottomettere dalle droghe o dall'alcool, tutto il dolore l'ho trasformato in rabbia e forza.Solo per un attimo ho pensato "ma chi melo fa fare di perdere?" è bastato quell'attimo per portarmi diretta al serd, è bastato ascoltarmi solo per quell'attimo.Adesso sono in cura al serd da 3 mesi ma pulita pulita solo da 34 giorni, La vita va bene, è tutto tranne che semplice.Ho smesso per un attimo di lavorare e sono tornata a casa, da mamma e papà.. Ovviamente prendo le mie medicine come il litio perchè mi è stata diagnosticato un disturbo di personalità.Non posso cambiare quello che ho fatto, e probabilmente ne pagherò le conseguenze per sempre, ma posso ripartire da adesso.Faccio volontariato alla pubblica assistenza e mi fa riflettere tanto.Vedo persone, ragazzi, che non si meriterebbero proprio di stare nella situazione in cui stanno, eppure devono starci e ne gioiscono lo stesso della vita che gli è stata concessa.Volevo dire che anche io ho pensato a togliermi la vita, ma volevo anche dire che il suicidio è un atto di egoismo, e non si tenta il suicidio solo con gesti estremi come impiccagione ecc, ogni singola dose di droga è un tentato suicidio.Non meritiamo questo, siamo stati creati per vivere su un equilibrio del quale siamo stati dotati, non serve cercare il plus.Siamo noi stessi, imperfetti ma perfetti allo stesso tempo. Siamo un po' meno egoisti e più coraggiosi.Tutte le volte che uno di noi cerca di togliersi la vita, c'è qualcun'altro che sta molto peggio e la vive comunque così come ce l'ha.Impariamo dagli errori, ed apprezziamo il cielo azzurro, il sole caldissimo d'estate, e i fiori in primavera.   Non ho nessuna domanda, il mio è un invito. E.

stop droghe

ma secondo voi a che eta (in media) bisogna mettere la testa a posto per nn finire vegetali o schiattare? parlo di metadone e cocaina.

stop droghe

ma secondo voi a che eta (in media) bisogna mettere la testa a posto per nn finire vegetali o schiattare? parlo di metadone e cocaina.

esperti cocaina

ho assunto cocaina in 2 occasione circa due righe da 100 mg l una.

morale? accelerazione cardiaca pupilla dilatata ma nessun altro effetto piacevole che dovrebbe provocare questa sostanza. ero normale come sempre ad eccezione delle due cose che ho detto. Ma come è possibile???sento dire che la coca è potentissima rischio dipendenza carving ecc ecc invece a me nulla di tutto questo. cosa puo essere?

Esame del capello

Salve,
Cerco delle risposte!! Sono un po’ in ansia perché mi hanno chiesto di fare l’esame del capello su sostanze stupefacenti e farmaci!! Ho assunto cocaina la fine di novembre 2018 e a dicembre ho ricevuto una lettera dove mi chiedevano l’esame del capello per una lunghezza di 5 cm!! La sera prima che mi arrivasse la lettera ho assunto anche il lexotan. Dopo la lettera mi sono completamente rasato i peli delle gambe e delle braccia, ora vi chiedo se è meglio dare i peli degli arti o della testa perché non mi piace farmi crescere i capelli ma se proprio devo farò crescere una ciocca!!! L’esame devo farlo non prima di aprile io ho fatto un appuntamento per giugno dite che risulterò positivo? E poi un altra domanda, se prendono i peli degli arti come fanno a calcolare solo gli ultimi sei mesi ?

Aiuto!!

Salve, vorrei avere una informazione.
Io sono una consumatrice SPORADICA di cocaina. Da ormai due anni. Non sono assidua. A volte capita che usi un grammo, e poi ne acquisto uno dopo mesi cioè quando c’è occasione. Insomma si potrebbe dire che in se non ho alcuna “dipendenza.”
Il problema è che ho l’aspetto tipo della cocainomane, colorito pallido, magrezza eccessiva.. Cerchi neri sotto agli occhi, anche dei brufoli in faccia che prima della droga non ho mai avuto. Inoltre ho perso anche tre denti. Vorrei sapere come è possibile? Che io consumando un grammo ogni tanto (tiro e basta, non fumo.) sia stato possibile tutto ció?

Cerco commissione medica che richieda solo urine ai tossicologici

Sapete quale commissione medica locale vuole solo le urine e non il capello per i tossicologici della patente? A me avevano detto in Piemonte ma non so dove di preciso, voi sapete qualche città ancora “arretrata” in questo campo?!
Grazie!!

Test del capello

Salve a tutti. Ho fatto 7 mesi d astinenza fino a 2 giorni fa e tra due mesi ho l esame del capello. Ho assunto quasi 1 gr di cocaina, tra 2 mesi risutero positivo al test?

Informazione

Il 9 gennaio comuncio gli esami dell urina.. Se non uso la cocaina da adesso risulto positivo?

La cocaina e il genere maschile e femminile

 Perchè le donne sentono di più gli effetti della cocaina rispetto ai maschi ?

Proprio in questi giorni, 3 agosto 2017, Nida (National Institute on Drug Abuse) ha pubblicato sul suo sito una serie di lavori relativi alle differenze di genere; in particolare gli studi riportano della maggiore sensibilità delle donne, rispetto ai maschi, agli effetti gratificanti, euforici e motivazionali delle sostanze stimolanti come la cocaina.

E’ l’estradiolo, ormone femminile, il responsabile di tale maggiore risposta e ciò a seguito di una sua specifica azione (attivazione) su 2 gruppi di recettori neuronali: gli mGluR5 (recettori per il glutammato) e i recettori CB1 dei cannabinoidi.
Il complessivo processo non è perfettamente conosciuto ma la ricerca pare suggerire che l’iniziale attivazione da parte della cocaina dei recettori mGluR5 presenti nel nucleo accumbens causi in successione il rilascio di più endocannabinoidi* in questo sistema della gratificazione o di ricompensa cerebrale.

* sono i cannabinoidi che il nostro organismo produce normalmente ( es. l’anandamide o il 2-arachidonoilglicerolo) in un completo sistema presente nel nostro organismo che prevede tutte le tappe metaboliche e funzionali come un qualsiasi altro sistema recettoriale e neurotrasmettitoriale.
Questa è la ragione per cui le donne sentono gli effetti piacevoli della cocaina e degli stimolanti molto più intensamente rispetto agli uomini ed in più ne divengono dipendenti molto più rapida-mente.
Montefrancesco IN SOSTANZA - www.insostanza.it/domanda/le-droghe-e-il-genere-maschile-e-femminile/

Condividi contenuti