Back to top

Dolore testicolo dopo aver fumato marijuana

Voto 
+
-200
-

Ciao a tutti, volevo condividere con voi i miei ultimi mesi da fumatore prima di essere costretto a smettere definitivamente.

Premetto che non sono un troll, sto solo cercando una soluzione, oppure qualcuno che abbia avuto la mia stessa esperienza.

Tutto cominciò circa all'inizio di agosto, dopo avere fumato una canna cominciai ad avvertire un dolore severo nel testicolo di sinistra, subito preso dal panico andai al pronto soccorso e dopo circa 3 ore di attesa venne il mio turno, mi controllarono sia manualmente che con l'ecografo, ma a mio stupore non trovarono nulla.

Dopo circa 2 giorni che prendevo antidolorifici, decisi di fumare un'altro joint e indovinate? Finii di nuovo al pronto soccorso con lo stesso identico dolore e dopo la visita non trovando ancora.

Così preso dal panico presi appuntamento con il medico di famiglia che mi indirizzò verso un urologo, il giondo dopo andai dall' urologo e dopo appena 1 minuto di controllo trovo subito la causa del mio dolore e mi diagnosticò l'epidimite (una infiammazione dell' epididimo di sinitra), mi diede un antibiotico x 10 gg e dopo la fine del ciclo degli antibiotici avrei dovuto prendere per ancora una settimana antinfiammatori ad esigenza.

Finalmente finii di prendere le medicine e come festeggiare se non fumando un joint?

La cosa più sbagliata che avessi potuto fare, subito dopo aver fumato mi tornarono i sintomi il doppio più forte.

Ancora non pensavo che l'erba mi facesse tornare il dolore ma pensai invece che fosse solamente una coincidenza. Ma oggi, a quasi 4 mesi dall'accaduto cercando su internet finalmente ho trovato un forum dove molte persone hanno avuto la mia stessa esperienza, vi linko il sito : https://www.rollitup.org/t/marijuana...organs.420927/

Vi consiglio di leggerlo anche se non avete avuto problemi del genere, l'epidimite e' una malattia che potrebbe capitare a chiunque e sfortunatamente e' capitata a me e adesso non posso neanche più fumarmi le mie canne.

Ormai non tocco una canna da 2 mesi, e non posso nemmeno stare in compagnia di amici che fumano in casa loro visto che ho scoperto che anche il passivo mi crea fastidio.

Ancora oggi mi chiedo se potrò mai fumare ancora senza provare dolore, so che può sembrare una grandissima stronzata ma purtroppo è una cosa vera.

Se qualcuno sapesse qualcosa in merito sarei molto grato se potesse rispondere al post, grazie.

Commenti

Sicuro che non è varicocele?

Sicuro che non è varicocele? (che prende più spesso a sx).

Il varicocele, un grumetto di vene nel testicolo, può essere asintomatico, oppure dare dei problemi. Ed essendo vene, possono essere influenzate da cambiamenti di pressione nella circolazione (cosa che la marijuana fa).

Ciao, no nessun varicocele

Ciao, no nessun varicocele anche se all'inizio dei dolori avevo pensato lo stesso. Sono stato visitato dall'urologo che ha smentito, in più ho fatto una rm per sicurezza, dove hanno rilevato una minima cisti all'epididimo di sinistra circa 3mm e un minimo idrocele al destro 5 mm circa

Non voglio dire che sei

Non voglio dire che sei fortunato, non azzardo tanto, ma a me qualchevolta fanno male entrambe a turno anche non fumando.

Nelle fasi acute ho fatto raggi,  varie ecografie e visita urologica senza trovare niente, insomma va' a periodi.

E comunque nell' articolo che hai postato si parla di ABUSO prolungato e non di fumare una canna ogni tanto.

Non esiste nessuna

Non esiste nessuna correlazione medica tra l'uso di Cannabis e il tuo dolore al testicolo, andrei a ricercare le cause psicosomatiche che inducono tale dolore, cause patologiche, cause strutturali, una sana dieta, un apporto di liquidi giornaliero adeguato, eviterei alcool in questi casi è deleterio e non solo in questi casi, e tante coccole se mi posso permettere. Buona vita.

In primis ti posso dire che

In primis ti posso dire che invece esistono correlazioni tra cannabis e l'aumentare dell'infiammazione dell'epididimite con conseguente aumento del dolore, oltre a questo l'unica mia possibilità di poter ritornare a fumare e aspettare che i sintomi siano spariti al 100% e mantenere uno stile di vita sano, almeno spero. 

Questa è una risposta di un

Questa è una risposta di un medico di medicitalia,

Gentile lettore,

cannabis a parte, la sua è una situazione clinica molto particolare e, a suo modo complessa; quindi solo una visita medica specialistica in diretta rappresenta lo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e poi eventualmente, quando è possibile, anche una prospettiva terapeutica corretta e si ricordi che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Aggiungi un nuovo commento