Back to top

PASSAGGIO AL LEVOMETADONE

10 Luglio, 2020 - 11:38 da Maxbri

Buongiorno volevo chiedere se ha qualche paziente passando dal metadone al levometadone hanno notato degli effetti in negativo come è capitato a me cioè la sera già sento astinenza e la mattina mi alzo presto con una ansia forte e depressione. Grazie. 

Commenti

CIAO,

CIAO,

Tirar Puede Matar replied on 10 Luglio, 2020 - 13:38 

Ciao,

in teoria il levometadone presenta molti vantaggi rispetto al metadone, però nella pratica potrebbe non essere sempre cosi.

Io ti consiglio di parlarne col tuo medico, potrebbe essere necessario alzare un po il dosaggio.

un saluto

Ciao,

Ciao,

purtroppo non è più possibile usare la messaggistica privata. 

Però se vuoi scrivermi qui, se posso aiutarti, lo farò con piacere.

Una settimana ho smesso il

Una settimana ho smesso il subuxone a 6 mg, non è che abbia avuto un astinenza forte solo che negli ultimi giorni i brividi mi danno fastidio, pensavo che dal settimo scendesse un po ma a me non sembra, riesco a dormire, ieri ho utilizzato una piccola dose di un oppioide a corta azione, e ho una busta di kratom, ma come funziona? L'astinenza termina quando il farmaco depositato non c'é piú depositato? Se assumo microdosi di buprenorfina da 0.2

che succede?

Ciao Full!

Ciao Full!

Allora, secondo me il tuo problema è causato dal fatto che hai staccato da troppo alto, io avrei fatto uno scalaggio più lungo, fino ad arrivare a 0,4mg di buprenorfina, e staccare da li.

I sintomi di astinenza, se non assumi altri oppiacei, si può protrarre ancora per diverse settimane, ovviamente andando via via diminuendo. 

L'astinenza non termina purtroppo con lo smaltimento della sostanza dal sangue, dico purtroppo perché sarebbe molto più veloce, ma dura il tempo necessario al tuo corpo per ripristinare il naturale sistema endorfinico, alterato dall'assunzione di oppiacei.

Questo tempo (di recupero o di astinenza) è breve nel caso di dipendenza da oppiacei a breve durata d'azione (5/7 giorni ma molto intensi) e lungo nel caso di oppiacei a lunga durata d'azione (anche fino a diverse settimane, ma più leggera).

Se assumi microdosi di burenorfina adesso andrai a mitigare i sintomi di astinenza, ma allungherai il tempo di completa "guarigione".

La scelta di come agire spetta a te: o non assumi nessun oppiaceo e tieni duro per un po', oppure assumi oppiacei, stai meglio, ma prolunghi questa fase.

Se fossi io nella tua situazione, cercherei di trovare la dose minima di buprenorfina che mi faccia stare bene, e da li ripartirei con uno scalaggio certosino, fino a 0,4-0,2mg.

Non ho i dolori ma brividi

Non ho i dolori ma brividi anche se sono stanco cammino 4 km al giorno, ho azzardato l altra volta fu molto più facile staccando a 0.5, che faccio ormai sono 7 giorni vorrei sollievo però ho già fatto tanta strada. A riposo ho il respiro corto cosa fastidiosissima. 

 

Io ti ho detto come farei io,

Io ti ho detto come farei io, cercherei la dose minima che mi fa stare bene (potrebbe essere anche solo 0,4, o 1 quello dipende dal fisico), e da li partirei con uno scalaggio moooolto lento, fino ad arrivare il più basso possibile.

Allora, riguardo le dosi da 0

Allora, riguardo le dosi da 0,3 , mi chiedi se anche quelle vanno scalate e danno astinenza: per una persona pulita che inizia ad assumerle, e le assume per un periodo breve, no, non vanno scalate e non danno astinenza.

Nel tuo caso però, tu sei già in astinenza, da dosi ben maggiori, dunque assumere microdosi da 0,3 ti calma sicuramente l'astinenza in atto, alleggerendo i sintomi, ma farà si che si protragga per più tempo, rispetto al non assumere nessun oppiaceo.

Spero di essermi fatto capire.

Ps: ti invito poi a

Ps: ti invito poi a considerare un particolare, che non ho citato ma è bene sempre rammentarlo: se è 1 settimana che non assumi buprenorfina, anche se soffri ancora disturbi da astinenza, la tua tolleranza si è sicuramente abbassata molto, il che vuol dire che se dovessi ripartire ad assumere BPN, lo dovresti fare da un dosaggio molto più basso dei 6mg da cui hai staccato. la cosa migliore sarebbe essere seguiti da un medico SerT, o partire da dosaggi molto bassi, ed eventualmente salire, fino a capire quale sia il minimo per stare bene, e da li partire a scalare lentamente.

Ti spiego, io in questo

Ti spiego, io in questo momento non posso andare al sert che sto lontano da Napoli, la dottoressa lo sa che lo volevo togliere e sa che stavo fuori mi ha dato un mese di affido, solo che sto facendo a secco tutto non ho niente, comunque ora mi sento un po meglio, ho fatto un po' di camminata, la mattina invece è dura, e il periodo non è il top per smettere, con questo caldo le mezze stagioni sono le migliori, un saluto ti aggiorno per adesso posso fare a meno dei frammenti, ma il kratom pure prolunga secondo te? Si lega debolmente dicono 

Purtroppo qualunque oppiaceo

Purtroppo qualunque oppiaceo prolunga, chiaramente in proporzione alla "forza",  il kratom molto meno di un'eventuale assunzione di BPN o altri oppiacei forti.

Potrebbero aiutarti in questo momento, se hai possibilità di farteli prescrivere dal tuo medico di base, i cerotti di clonidina,che non sono oppiacei e non prolungano,ma permettono di calmare i sintomi. Naturalmente però dovrà essere lui a valutare se darteli o meno.

Fammi sapere!

Un saluto

Ho letto molto di questa

Ho letto molto di questa clonidina ne parlano tutti bene, una volta ne parlai ad un medico e mi disse che se la prendevo poi dovevo stare a letto perché ti abbassa la pressione

Ma in poche parole cosa ti fa questa clonidina? a titolo puramente informativo

Scusa le mie domande, un saluto

La clonidina è un farmaco

La clonidina è un farmaco contro la pressione alta, che agisce a livello centrale, come agonista dei recettori alfa2 adrenergici. 

Si usa anche nelle crisi d'astinenza da oppiacei perché è in grado di regolare la produzione di catecolamine, la cui disregolazione e sovraproduzione sono la causa principale dei problemi e dei malesseri che si hanno durante l'astinenza, oltre ad avere un effetto depressivo sul SNC che aiuta sempre in questi casi.

Detta in parole povere, è un farmaco che aiuta molto, però va usato con molta attenzione, perché in persone che normalmente non soffrono di pressione alta, può causare abbassamenti della pressione anche importanti. Inoltre da' una grande sonnolenza.

Quindi è corretto quel che ti disse il tuo medico, che facilmente si starà a letto. Diciamo però che dipende anche dalla tua situazione, dal dosaggio, ecc. Una volta erano in commercio le pastiglie, che erano molto meglio in questi casi, perché potevi regolare il dosaggio e prenderne una piccola dose, coi cerotti è un po più difficile microdosare.

Per questo ti dicevo che deve essere il tuo medico, che ti conosce, a decidere se è il caso di prescriverteli o meno,

Un saluto

Carissimo buongiorno,

Carissimo buongiorno, stamattina va un po' meglio, ma comunque tacchino freddo, ieri dalle 4 alle 8 sono uscito e sono stato davvero bene, ma un  farmaco da banco  per i brividi non esiste?

La verità è che mi vergogno di dire questa cosa al mio medico di base.

Un saluto, tu come stai!? 

Da banco ci sono prodotti che

Da banco ci sono prodotti che di sicuro non fanno miracoli, ma possono aiutare. Come lo sciroppo Tachinotte, a base di Paracetamolo, Prometazina e Destrometorfano. Nel caso ti consiglio di assumere i 20ml indicati nella posologia, la sera prima di andare a dormire.

Io è un periodo di tranquillità, diciamo cosi, quindi sto bene!

Grazie ;-)

Aggiungi un nuovo commento