Back to top

Novità

Sono 11,2 milioni i fumatori in Italia, 6,5 milioni di uomini e 4,7 milioni di donne. Un esercito in calo dell'1,5% nel 2008 rispetto all'anno precedente. A rilevarlo e' un'indagine dell'istituto di ricerche statistiche Doxa che, su incarico dell'Istituto superiore di sanita' e in collaborazione con l'Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, ha misurato la prevalenza dei fumatori sulla popolazione dai 15 anni in su'.

if (n==1)
document.write(' ');
document.write('');

document.write(' ');'Ammonta
a quasi 44 miliardi di euro il giro d'affari della 'Ndrangheta stimato
dall'Eurispes per il 2007. Un fatturato fuorilegge pari al 2,9% del
Prodotto interno lordo italiano attestato, per l'anno in esame, a 1.535
miliardi di euro'. Ad affermarlo il Presidente dell'Eurispes, ,
in occasione della presentazione del 'Dossier 'ndrangheta 2008'
realizzato dall'Eurispes. 'Un dato che risulta ancora piu' evidente ed
allarmante se messo a confronto con il Pil di alcuni paesi europei: il
giro d'affari prodotto dalla 'Ndrangheta Holding e' equivalente alla
somma della ricchezza nazionale prodotta da Estonia (13,2 miliardi di
euro) e Slovenia (30,4 miliardi di euro). Il settore piu' remunerativo
si conferma quello del traffico di droga che determinerebbe introiti
per 27.240 milioni di euro pari a oltre il 62 per cento del totale dei
profitti illeciti. L'abbiamo definita 'Holding' perche' la 'Ndrangheta
sembra, piu' di tutte le altre organizzazioni criminali, agire in
termini di business: come una societa' che detiene la maggioranza delle
azioni di tante altre aziende satelliti, le 'ndrine, la foraggiano e ne
compongono la complessa struttura reticolare. E, paradossalmente,
proprio attraverso questa capacita' di fare rete, essa sopravvive e si
estende ramificandosi, correndo sul filo delle opportunita' offerte dal
mondo globalizzato'.    

'Ammonta a quasi 44 miliardi di euro il giro d'affari della 'Ndrangheta stimato dall'Eurispes per il 2007. Un fatturato fuorilegge pari al 2,9% del Prodotto interno lordo italiano attestato, per l'anno in esame, a 1.535 miliardi di euro'. Ad affermarlo il Presidente dell'Eurispes, Gian Maria Fara, in occasione della presentazione del 'Dossier 'ndrangheta 2008' realizzato dall'Eurispes. 'Un dato che risulta ancora piu' evidente ed allarmante se messo a confronto con il Pil di alcuni paesi europei: il giro d'affari prodotto dalla 'Ndrangheta Holding e' equivalente alla somma della ricchezza nazionale prodotta da Estonia (13,2 miliardi di euro) e Slovenia (30,4 miliardi di euro). Il settore piu' remunerativo si conferma quello del traffico di droga che determinerebbe introiti per 27.240 milioni di euro pari a oltre il 62 per cento del totale dei profitti illeciti. L'abbiamo definita 'Holding' perche' la 'Ndrangheta sembra, piu' di tutte le altre organizzazioni criminali, agire in termini di business: come una societa' che detiene la maggioranza delle azioni di tante altre aziende satelliti, le 'ndrine, la foraggiano e ne compongono la complessa struttura reticolare. E, paradossalmente, proprio attraverso questa capacita' di fare rete, essa sopravvive e si estende ramificandosi, correndo sul filo delle opportunita' offerte dal mondo globalizzato'. 

Contributo alla definizione di nuove droghe

BOLLETTINO PER LE FARMACODIPENDENZE E L'ALCOOLISMO ANNO XXIV 2001, no. 2:

Contributo alla definizione di nuove droghe
Silvio Geninatti *, Filippo Bellavia **, Giovanna Chieppa ***
* Psicologo, Master in Metodologie Epidemiologiche, Sert ASL 4 -Torino, Via Ghedini, 6. Tel. 0112402371,
fax 0112485273, e-mail:silgeni@yahoo.it
** Psicologo, Psicoterapeuta, Consulente Sert ASL 4 - Torino
*** Farmacista, Consulente Sert ASL 4 - Torino

'Canne' e depressione, scoperto un legame

ROMA - Il 25% degli adolescenti con depressione ha fatto uso di marijuana durante l'ultimo anno, rispetto al 12% dei teen-ager non depressi, secondo un rapporto della Casa Bianca reso noto da WebMD Medical News. Da tempo è nota, in ambito medico-scientifico, la relazione tra alcool, droga e malattie mentali, dovuta in parte al fatto che le persone in situazione di disagio psichico tendono a "curarsi " con sostanze stupefacenti, ma in questo caso viene messa in risalto la possibilità che la marijuana possa peggiorare i sintomi della depressione negli adolescenti.