Back to top

Novità

Religione della droga

Hirst

Che le sostanze stupefacenti siano spesso protagoniste della religiosità umana è ben noto: Noi, da bravi occidentali, ci distinguiamo sia nella consueta tendenza feticista ad identificare il mezzo con la meta che nell' abilità nel cercare "il trucco", o per meglio dire la carne e la sostanza pratica della spiritualità. Proprio non riusciamo a glissare sulle "COSE", insomma. Lo mette ben in evidenza Damien Hirst col suo ultimo lavoro.

Il Governo del presidente Cristina Fernandez de Kirchner ha comunicato che proporra' un cambiamento legislativo, per cui il consumatore di alcune droghe non sara' piu' considerato delinquente. Finora, sul piano teorico, l'Argentina ha praticato la tolleranza zero nei confronti della droga.

STUPEFACENTE YEMEN

Almeno metà della popolazione è dipendente da una droga, il qat. Che all'inizio stimola il desiderio sessuale e dà un senso di benessere. Ma alla lunga provoca impotenza o, peggio, il cancro. Nonostante gli allarmi, uomini e donne masticano questa erba. Che fa prosperare una perversa economia (...)

Per leggere tutto l'articolo: http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Stupefacente-Yemen/1993987&ref=hpsp

 

 

coca in crescita

Nel 2010 il numero di consumatori di cocaina in Italia potrebbe aumentare del 40% rispetto al 2007. E' la stima di Roberto Mollica, responsabile dell'Osservatorio dipartimento dipendenze patologiche della Asl Citta' di Milano, interventuto al convegno "L'altra faccia della coca" organizzato dall'Universita' Cattolica.

Secondo la stessa previsione i consumatori della polvere bianca saranno compresi tra 800mila e 1,1 milioni di persone, pari al 3% della popolazione italiana tra i 15 e i 54 anni.