Back to top

Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Buongiorno a tutt@. 

Commenti

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Ti dico solo che, in astinenza di eroina, non hai la forza manco di respirare altro che sparlare. l'eroina non agisce sulla psiche. quello lo fa la cocaina. A me sembra che si stia facendo di speedball, ovvero eroina e cocaina.
L'asti da ero, avendola provata (purtroppo) comporta sudorazioni, caldo-freddo, insonnia, dolori ovunque, diarrea, spossatezza ed in genere dopo 4 giorni ci si comincia a riprendere. A me sembra che il tuo tipo o sta usando sostanze strane o si è fottuto il cervello. L'asti da coca invece da paranoia, violenza, sbalzi d'umore, visioni, etc

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Si, a questo punto penso tu abbia ragione. I primi giorni infatti era vero stesse in astinenza, perché aveva questi sintomi, non parlava, stava male insomma, ma poi ha sicuramente ricominciato. Il punto è che mi fa sentire colpevole. E non riesco a farmi scivolare le sue parole di dosso, so soltanto che non ho retto più.

Grazie :)

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Noi TD abbiamo la capacità di fare leva sui sensi di colpa di chi ci vuole aiutare per otterne un tornaconto. Insieme alle menzogne sono le classiche armi di distruzione di un TD. Un consiglio:fatti forza ed allontanatene altrimenti rischi che ti rovini la vita. E te lo dice un td.

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

il suo problema non è l'eroina, quella è uno dei tanti problemi che ha ma non il peggiore quindi figurati come è messo.
il problema principale è che è una merda, una persona che fa schifo. il fatto che sia in astinenza non c'entra nulla con il fatto di picchiarti e insultarti.
se leggi post precedenti vedi come si consiglia a tutte le crocerossine di lasciar stare i loro amori tossicodopendenti, perchè tanto amano la roba più della propria donna e non si può salvare chi non vuole essere salvato. qua invece questa cosa è superflua: eroina o no è la persona infima che è. non riuscirai mai a farlo smettere e se anche fosse continuerà a essere violento.
mi chiedo perchè tu sia qui: cosa vuoi sentirti dire che lui poverino va aiutato? cioè mi pare evidente che non sia una persona che merita aiuto, non lo vuole e non ti vuole minimanete bene, ti sfrutta e basta.

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Si, il problema sono io che ho sempre teso a giustificarlo perché non era lucido, pensando che non fosse quella tipologia di persona. Tra l'altro ha sempre teso a sminuire le sue parole o le sue azioni, facendo passare me per la pazza rabbiosa. E' un grande manipolatore. Credo che anch'io, a questo punto, abbia bisogno di una terapia per uscirne perché mi lascio davvero condizionare dai suoi giudizi, anche inconsciamente mi condiziona la giornata - e la vita in generale - da troppo tempo ormai. Il punto è che mi è sembrato che lo stessi abbandonando a se stesso ma, attualmente, so che non posso aiutare nessuno.

Grazie.

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

si non dubito che per te sia terribile, è una situazione pesantissima sa sopportare. hai cercato di aiutare una persona che ti ha mentito e ti ha fatto passare di tutto.
la prima cosa da fare però è davvero essere convinta che ti devi allontanare da lui, perchè ripeto: non è una brava persona di base; tossico non vuol dire per forza cattiva persona e viceversa.
sarà doloroso allontanarlo anche perchè sapendo che in passato hai ceduto nel farlo tornare proverà a convincerti ancora che sei tu che lo tratti male. non sarà facile, fatti aiutare da amici sa hai problemi seri (se inizi ad avere paura di reazioni violente), fai la terapia che senti di fare perchè immagino soltanto quanto possa stare male.
a proposito: io sono un povero tossico bisognoso di affetto...se proprio non puoi fare a meno di aiutare qualche td io almeno ti tratto bene! scherzo dai
ciao tanti auguri!

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Mi sono ritrovato con diverse compagne ma mai mi sarei permesso di offenderne (figuriamoci toccarle) qualcuna prendendomela con loro ma casomai al contrario mi sentivo in colpa per la mia condizione e quello che nonostante cio' mi davano, nei miei momenti peggiori se potevo per quanto possibile cercavo di sparire dalla loro vita fin quando stavo meglio.

Per dire che concordo con quanto ti e' gia' stato detto, qui le sostanze centrano solo fino ad un certo punto.

Ho conosciuto anche tossici violenti con le loro compagne ma solo quelli le cui compagne glielo permettevano.

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Forse non c'entra nulla questo mio ultimo post però mi sento di dire che entrambi gli estremismi ("poverino, si comporta così perché si droga!" e "è solo uno schifo di drogato") non vanno bene. sono contro gli estremismi. nel caso specifico, credo che il problema del tizio non sia la droga. si comporterebbe nella stessa maniera (magari meno accentuata) anche se dipendente da alcool o non dipendente da sostanze. il suo problema va cercato in altri ambiti...

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Sono d'accordo con chi dice non è la dipendenza che lo rende così , è così di suo . Uno stronzo .ne approfitta di te ,fa leva sui tuoi sentimenti X farti sentire in colpa !!! Ma che uomo è? Non ha nulla dell uomo . E sicuramente non ti vuole bene , figuriamoci amarti ! Devi capire xche ti sei fatta coinvolgere , devi capire xche credi di amare una persona così Che cosa rispecchia di te che devi capire ?

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Si, mi sono innamorata dell'idea che mi sono fatta di lui, che non si è dimostrato affatto la persona che credevo rappresentasse. Non mi ha mai dato nulla se non sofferenza e paranoie, scarsa autostima e isolamento. Non mi ha mai completata, ho davvero dato troppo a una persona che non mi ha dato quasi nulla ma ha solo assorbito tutte le mie energie. Che tristezza.

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

A volte noi vogliamo vedere quello che vogliamo . E non riusciamo ad essere obbiettivi . Crediamoci che la persona che abbiamo davanti senta il tuo stesso sentire . Poi un gg ti svegli e dici come ho fatto. ? Però in questo caso questo uomo ( se si può definire tale ) ne ha pure approfittato . Tu cara anonimia 90 devi girare all largo da questo genere di persone non hai le armi X poterti difendere . Cerca una persona sana X crescere nel modo giusto , uno che ti incentiva a crescere non uno.no ti vuole massacrare toglierti fiducia , annientarti . Queste cose non hanno niente a che fare con l amore . Buona vita

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Ci si innamora di una persona , secondo me " se non sei uno/a che guarda solo la fisicità "o lo status , a parte la chimica. secondo me xche questa persona stimola in noi un qualche cosa di nuovo che non conosciamo e vogliamo capire , X il nostro evolversi continuo . La persona che hai davanti è diversa da te e questo ti incuriosisce, stimola la conversazione , vuoi il suo bene e l altro vuole il tuo bene . E cosa c'è di più bello di avere una persona che si muove in questo senso con te ?

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

La cosa migliore che tu possa fare, per te, è lasciarlo perdere il prima possibile.
Se avesse veramente voluto curarsi, sarebbe andato al SerT, o avrebbe perlomeno iniziato un percorso psicologico/ Narcotici Anonimi.
Dopo 1 settimana di astinenza torni (più o meno) in forma.
La verità nuda e cruda è che lui non ha mai smesso, e tu hai una dipendenza affettiva da lui.
Per lui tu non puoi fare niente, ma per te stessa si.

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Cosa vuoi fare?
Ti devi solo curare, che vuoi fare di più.
Questa storia è pura follia, tutto è soggiogato dalla pazzia pura.
Curare il proprio cervello da un bravo psicologo ecco è l unica cosa che puoi realmente fare.
Oppure andarti a fare i gruppi di codipendenti anonimi sarebbe meglio, ma pure uno psichiatra va bene.
Basta che inizi tu un percorso al più presto per aiutarti.

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

mi chiedo perchè tu sia qui: cosa vuoi sentirti dire che lui poverino va aiutato? cioè mi pare evidente che non sia una persona che merita aiuto, non lo vuole e non ti vuole minimanete bene, ti sfrutta e basta.
___________________
LA COSA CHE MI LASCIA BASITO IN QUESTE RAGAZZE (DONNE), E' CHE SENTONO IL BISOGNO DI ESTERNARE CON DEI PERFETTI ESTRANEI una situazione cosi'......ASSURDA
.
e Voi, pensate ce dopo - aver - letto - noi - il - problema - si - risolvera' ?
non so che dire davanti a queste persone sane, che entrano in queste spirali
...
anzi un'idea ce l'ho ma la tengo per me
(per educazione in fondo siamo nel virtuale, il reale e' tutt'altra cosa.......ovvio)
Davvero il Web e' diventato la valvola di sfogo per troppe persone che cercano qui, soluzioni a problemi personali enormi
e sara' sempre peggio
Sugar

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Non sto cercando qui la soluzione ai miei problemi, ma soltanto un punto di vista da chi magari ha vissuto la dipendenza in prima persona. Il tutto è dettato dal senso di colpa scaturito in me in seguito a suoi atteggiamenti manipolatori. Tutto qui. La mia decisione l'ho già presa e, sinceramente, mi sento libera e liberata e non ho alcuna intenzione di tornare indietro.
Un pò di leggerezza ehhh caro @sugar magnolia

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Guarda che la prima ad essere aiutata è lei non lui... Lui è il classico manipolatore perverso tossico ma lei ha dei livelli di crocerossinagine elevatissimi per essersi fatta calpestare in questo modo...
L' autostima calpestata fino allo strenuo, qua come donna c è da ricostruire tutto il mondo, da ripartire da zero.
E anche quanto prima possibile.
Leggendo questa storia si toccano picchi di follia da ambedue le parti quasi inconcepibili.
E questi sono i casi estremi che nel peggiore dei casi possono finire anche nei telegiornali
Perché sono situazioni folli che possono trascinarsi al limite.
Violenza psicologica, verbale, autocommiserazione, Manipolazione, controllo, violenza fisica, pazzia(non si scherza con la violenza fisica...)
Ma lo avete letto bene il post?

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

non so che dire davanti a queste persone sane, che entrano in queste spirali
______
Queste persone non sono affatto sane nonostante non usano droghe, sono comunque DIPENDENTI con atteggiamenti ossessivo_compulsivi che entrano in queste spirali semplicemente perché già ne fanno parte.
Una persona sana ed integra si cerca un partner sano ed integro,non un tossico.
Sarà la solita colpa del solito padre alcolizzato, ormai mi sono resa conto che è un quasi punto fermo questo.
Alcune persone dipendenti che non usano droghe possono essere anche molto peggio di quelli che usano.
Prendi questi schemi legati alle sostanze e buttali.
In una stanza di dieci persone, almeno sei di esse dipendono da qualcosa, quelle libere sono poche e rare.

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Il web dovrebbe essere uno spunto, un ausilio per approcciare inizialmente un determinato problema, per prenderne atto, non credo o almeno mi piace pensare che non sia certo la panacea per tutti i mali.
Per es. quando mi sono dovuto operare ho visto un filmato sul web su come si svolgeva l' operazione non e' che il web mi ha operato di suo.
Facevo uso di sostanze leggendo questo forum adesso invece non mi faccio ma non e' che non mi faccio piu' perche' ho letto questo forum ma casomai ne ho tratto spunti, spunti utili che tuttora condivido con chi mi aiuta materialmente nel fare quel passo in piu'.

C'e' forse chi prende per oro colato, attenendosi alle relazioni interpersonali, tutto quello che passa il web?
Forse allora li il problema non e' tanto il web in se' ma l'uso soggettivo che qualcuno puo' farne.

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Credo che se una persona scriva e chieda nel web , cerchi chiarezza con se stessa . Altre visioni , si confronta con i suoi di pensieri e quelli di altri . La ragazza in questione cercava conferma sul fatto che non ha sbagliato a cacciarlo è questa conferma l'ha avuta scrivendo qui da dei tossici mondo che sembra non le appartiene e quindi non conosce . Le sue risposte le ha avute e mi sembra accettate e pure ringraziato . Quindi xche infierire ulteriormente puntandogli il dito . ? Starà a lei prendere decisioni su se stessa . Nella. Ita si impara sbagliando .

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Starà a lei prendere decisioni su se stessa . Nella. Ita si impara sbagliando .
_________________
d'accordissimo; se si ha qualcosa da dire, la si pu'o'dire (esprimere, soprattutto quando si scrive), in molti, ma molti, modi differenti
la scelta delle parole ha il suo peso; on scordiamoci mai che stiamo "condividendo" tra
ESTRANEI...............sparare diagnosi, io andrei un pochino piu' cauto
la stoia in sé non e' bella ma bisognerebbe viverci a fianco per avere il quadro reale della cosa tenuto ANCHE conto dei 2 caratteri differenti
_____________
ANONYMOUS
prendi la decisione che riterrai piu' opportuna (questo e' persino scontato da dirsi), e pensa a te stessa IN PRIMIS
Sugar

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Scrivo sempre cose che non piacciono questo è il problema al di là della diagnosi, ma noi dipendenti siamo tutti uguali al di là della personalità.
C è poco da diagnosticare.
La dipendenza ha le stesse regole per tutti.
Certo che per chi usa ancora è non è in corso intensivo
ovviamente l accettazione della realtà è dura ed
Improponibile.
A tempo debito tutto ti verrà fuori luminoso.
Forse non ti piace sapere il fatto che se una donna che te reputi sana si è avvicinata a te in realtà tanto sana non è e non perché usa droghe o non le usa.
Uguale a quelli che si avvicinano a me, nessuno di loro è una persona realmente sana dici tu... Io dico libera.
Le persone sane scelgono solo persone sane non noi dipendenti.
Lo so non piace ma è proprio così.
Puoi pure strapparti i capelli
o battere i pugni sul banchetto
Perdi tempo
È così.

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Ciao Anonymus90.
Sono una ex TD. Lo sono stata per 30 anni, ora non tocco Eroina né Cocaina dal 2005.
Purtroppo, come ha detto già qualcun altro, non credo che l'eroina sia il suo problema primario. Certo è un problema, ma un uomo che ti tratta così non merita niente, credimi.

Le prese in giro a chi "amavo" (si fa per dire) le facevo anch'io pur di farmi, ma le mani addosso e gli insulti...direi anche no.
Meriti e puoi trovare di meglio, e se non ce la fai fatti aiutare.
Ti auguro di cuore di farcela.
Ciao amica, un abbraccio

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Cos'è successo a questo thread? Sparito il post principale, potati vari ultimi commenti.
Si era scatenato un flame? Il post originale è stato cancellato dalla redazione, oppure è una decisione dell'autrice originale?

<><><><><>

Da quanto ho capito leggendo i commenti a spizzichi e bocconi, l'autrice del post sta con un tossicodipendente che usa le mani e insulta.
Mi accodo al consiglio degli altri utenti, che consigliano di lasciarlo, e in più vorrei consigliarti anch'io, anonymous90, di avviare un percorso terapeutico. Non lo dico con leggerezza: non sto qua a consigliare lo psicologo a tutti quelli che dicono di avere un disagio. Lo dico perché dietro la cosiddetta "sindrome della crocerossina" (come viene volgarmente definita) si nasconde un problema molto serio: il desiderio di occuparsi dei casini degli altri per evitare di affrontare i propri. La voglia di "salvare" l'altro è una distrazione: molto spesso, infatti, la "crocerossina" di turno, se riesce a salvare il partner in difficoltà, poco dopo lo lascia, perché questo non ha più bisogno d'aiuto.
Anzi, a volte le crocerossine, inconsciamente, cercano di sabotare i tentativi di recupero del partner, perché hanno bisogno di un soggetto da accudire. Con questo non voglio dire che lui non ha responsabilità: anzi, come ho detto all'inizio, ti consiglio di prendere la tua strada e cancellarlo dalla tua vita, perché un soggetto del genere va evitato come la peste. Anche perché tu non puoi "salvarlo": pare brutto da dire, ma ci si salva da soli. SerT, psicoterapeuti, e compagnia bella, sono dei validi aiuti, ma se una persona non vuole mettercisi, tutto l'aiuto e l'amore del mondo non servono a nulla.
<><><><><>
Perché quindi ti consiglio un aiuto psicoterapeutico? Perché (e questa è solo una mia ipotesi, bada bene) se veramente sei portata a cercare fidanzati coi casini che hanno bisogno di essere salvati, prima o poi rischi di incontrarne uno che ti farà male in modo irreversibile. Rischi di rimbalzare senza accorgertene da un soggetto-limite all'altro, correndo il rischio che uno di questi faccia la cazzata grossa.
<><><><><>
(P.s. ovviamente, tutto quanto ho descritto avviene a livello inconscio. Nessuno prende deliberatamente la decisione di stare con un fidanzato che usa le mani o manca di rispetto. Però certe dinamiche inconsce vanno sradicate il prima possibile, per evitare che ci portino alla rovina definitiva).

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Io lo avevo letto attentamente il thread prima che lo cancellasse.
In realtà non era violento solo lui nella descrizione ma anche lei, lui spigneva ed istigava alla violenza e lei rispondeva (o viceversa)
Non è solo il fattore crocerossina. Io ci aggiungerei anche un po' di insano masochismo.
Tra le righe si leggeva che a lei piaceva il fatto di riattivare meccanismi violenti in lui così come piaceva riportarlo a casa per entrare nel mood guerra.
Perciò le ho suggerito di curarsi in fretta.
Perciò ha cancellato il thread.
Bastava leggerlo con molta attenzione.
Tanto se ne cercherà altri uguali a lui se non peggio finché non si cura.
Lei mentre posta i suoi cuoricini e risponde solo ai post di chi le dice "brava, brava ce la farai..."
È un treno che... alla lunga
Si schiantera' su un muro...

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Grazie per le spiegazioni, Free: ho visto questa thread quando il post principale era già stato cancellato, e ho ricostruito a grandi linee la storia dai commenti.
La situazione che mi hai descritto non mi stupisce: certe volte (a volte senza accorgersene, altre volte sì) le crocerossine incoraggiano certi comportamenti dei loro partner violenti. Certe volte è perché vengono da famiglie violente e quello è l'unico modo che conoscono per esprimere affetto, altre volte perché (come dicevo nel commento) le crocerossine VOGLIONO che il partner rimanga irrecuperabile per aver qualcuno di cui "occuparsi".
Il problema è che le crocerossine sono delle bombe a tempo: si occupano dei casini altrui per non badare ai propri, ma i propri casini non si possono ignorare per sempre. Prima o poi salteranno fuori e pretenderanno l'attenzione, e per più tempo li si è ignorati, peggio sarà quando saltano fuori.
Concordo con te per quanto riguarda il consiglio di farsi curare: nelle sue condizioni attuali, è un pericolo sia per se stessa che per gli altri.
<><><><><>
"Tanto se ne cercherà altri uguali a lui se non peggio finché non si cura."
Se è fortunata... se non lo è, la storia potrebbe finire in modo molto peggiore.
<><><><><>
Il fatto che postasse cuoricini e rispondesse solo a quelli che la incoraggiavano è proprio il tipico atteggiamento da sindrome da crocerossina: dare attenzione solo a chi dà corda alla sua "narrativa". Quelli che fanno commenti un po' più critici e che cercano di capire cosa c'è dietro veramente, vengono ignorati, come lei ignora i suoi problemi.

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Guarda in un post che ho scritto sopra ho proprio scritto che questo è uno di quei casi in cui si può finire anche al telegiornale.
E non perché la crocerossina ha salvato il suo malato.
Ma perché entrambe sono finiti per accoltellarsi nel delirio a due sensi invertiti. Storie di delirio senza via di uscita.
Lo schianto se non si fa un bagno di umiltà
prima o poi è inevitabile.
La violenza intrinseca di pensieri ed atti è pronta ad esplodere in qualsiasi momento.

Re: Relazione con un tossicodipendente da eroina.

Lisander , io non la vedo così drastica , lei aveva preso la decisione giusta "lasciarlo" se avesse la sindrome da crocerossina, non l'avrebbe lasciato ma si struggerebbe girando sempre attorno a questo malato . A me sembra chiaro che cercava solo una conferma alla sua decisione di averlo lasciato alle spalle e di aver fatto quello che poteva . Poi resasi conto l'impossibilità ha chiuso . E buonanotte ai suonatori .

Aggiungi un nuovo commento