Back to top

Se la mia ragazza si droga e io no

Salve a tutti, ho 32 anni e da qualche mese frequento una ragazza un anno più piccola. Non ho mai avuto una relazione così perfetta, davvero, la sposerei domani, ma c'è una cosa che un po' mi turba, ovvero il fatto che sporadicamente, quando va per club una o due volte al mese coi suoi amici storici, fa uso di cocaina. 

Io non sono contro le droghe senza se e senza ma, ma non ne ho mai usate se non qualche spinello con gli amici ai tempi dell'università, ma davvero roba di 4-5 volte nella vita. Anche perché di fatto non ho mai frequentato gente che si drogasse. La mia ragazza invece ha degli amici bravi e simpatici, ma che hanno la tradizione di farsi qualcosa quando vanno a ballare techno un paio di volte al mese. Sono dei ragazzi fantastici, di cuore, di buona famiglia, diversi bocconiani, con ottimi lavori e le facce pulite e frequentarli è davvero un piacere. E anche la mia ragazza non disdegna la cosa, l'hanno introdotta loro anni fa. Io al momento, per motivi di lavoro, non posso andare mai nei club e quindi non ho mai avuto modo di affrontare dal vivo la situazione, però lei per trasparenza me ne ha parlato fin dall'inizio.

Non so bene cosa fare. Mi piacerebbe che smettesse per non preoccuparmi, per non aver bisogno di ragionarci su. Ma la verità è che lei si droga da anni, poco e senza conseguenze, si sa controllare, quando la vedo poche ore dopo le feste è in condizioni perfette e se non me lo avesse mai detto non avrei mai capito nulla. E lei stessa mi ha detto che quando i suoi amici le hanno rivelato la cosa anche lei è rimasta spiazzata perché non si era mai resa conto della cosa. Non ha dipendenza, non crea casini, insomma, credo di aver fatto più casino io bevendo una bottiglia di vino che non lei.

Cosa mi suggerite di fare? Io vorrei che smettesse, a volte mi viene la voglia di provare solo per poter sapere cosa dire, cosa fare in certe circostanze, per capire se devo preoccuparmi oppure no. Però so anche che lei ha un eccellente self management della situazione e magari alla fine smetterà e basta a forza di frequentare me

Commenti

Re: Se la mia ragazza si droga e io no

Ciao Nomoney,
ho letto con interesse il tuo scritto, che esula abbastanza dalla “letteratura” corrente a proposito di coppie tossiche o semi-tossiche.
Lo stereotipo che più spesso riscontro è quello del maschietto “fattone” e della femminuccia “crocerossina”, nelle sue molte varianti ed evoluzioni. Ma qui ci troviamo di fronte a una configurazione diversa e molto meno frequente. Nonché, allo stato attuale, tutt'altro che pregiudicata.
Cosa dirti?
Dal mio punto di vista, la sensazione che residua dalla lettura del tuo scritto è quella della “passeggiata sul filo del rasoio”.
La questione del self-management e del consumo occasionale è difficile da valutare. E' molto difficile prevedere come può evolvere. Lo è quando si conoscono le persone, figuriamoci quando non le si conoscono, così come io non conosco te, né la ragazza di cui scrivi.
Sicuramente la cocaina non è acqua fresca, neanche solo un paio di volte al mese.
Io ho smesso di usarla, insieme ad altre sostanze, oltre trent'anni fa. Alcuni miei amici e conoscenti che facevano uso prevalente di cocaina (e non di oppiacei o solo secondariamente e raramente) e la cui descrizione "socio-economica-culturale" è più o meno sovrapponibile a quella che tu hai fatto degli amici della tua ragazza, hanno smesso anche loro nel tempo, anche senza particolari problemi. Altri invece hanno proseguito, alternando periodi più assidui e problematici ad altri meno intensi. Altri ancora si sono persi del tutto.
Di coloro che hanno proseguito direi che comunque ne hanno avuto un impatto non indifferente (e non migliorativo) sulla personalità. E credo anche nel fisico.
Io penso che la tua posizione nei confronti della ragazza che ami non sia facile. Non penso che prendere di getto posizioni drastiche possa avere molta utilità, né senso.
D'altronde, se tu ti accodassi a lei nell'uso (anche una sola volta, che difficilmente rimarrebbe isolata e che comunque segnerebbe da questo punto di vista la vostra relazione) sono portato a pensare che si incrementerebbero le probabilità di evoluzione negativa.
Io penso che le sostanze siano un grande banco di prova per i sentimenti delle persone, verso se stesse e verso gli altri.
Se i sentimenti prevalenti riguardano queste (le persone) e sono fra queste condivisi, prima o poi le sostanze decadono.
Se viceversa l'amore prevalente è per le sostanze, prima o poi quello fra le persone decade o si rivela distruttivo anziché costruttivo.
Quanto ad affrontare l'argomento all'interno di una relazione, le parole, i modi e i toni per pronunciarle e i gesti adatti vengono fuori al momento opportuno. E' possibile e auspicabile che ci si intenda, ma non è scontato.
Le sostanze, secondo me, sono solo cartine al tornasole.
In bocca al lupo
Placido

Re: Se la mia ragazza si droga e io no

dico la mia
Se hai triovato una persona con la quale stai bene, e fa un uso moderato, senza fare casini, e questo va avanti da anni, SIGNIFICA CHE SI SA CONTROLLARE
.
TINETELA STRETTA E LASCIALA FARE LE SUE 2 SERATE AL MESE
trovare una persona perfetta e onesta fin dal principio, non-e'-facile
Io dico, TINETELA STRETTA, E SE NON FA E NON HA MAI FATTO CASINI, significa che usa la cocaina di naso, e per uscire......con uso moderato
-
"quando la vedo poche ore dopo le feste è in condizioni perfette e se non me lo avesse mai detto non avrei mai capito nulla "
.
trovarne di gente cosi'
Sugar

Re: Se la mia ragazza si droga e io no

secondo me sei a rischio pure tu. chi l ha detto che la ragazza non è dipendente e che puo' smettere quando le pare? io ho l esempio di mio fratello oggi 46enne,insospettabile x 20 anni.appena ha avuto grande disponibilità di soldi grazie a un eredità non è stato piu' insospettabile..ma è andato completam fuori di testa bruciandosi tutti i soldi e sviluppando psicosi legate alla cocaina. peggiorare è un attimo e trascinarti pure a te nella merda idem.

Re: Se la mia ragazza si droga e io no

assolutamente d'accordo con rosa blu
fai molta attenzione... io mi ci sono trovata dentro proprio a causa del mio ex ragazzo
inizialmente mi disse che ne aveva fatto uso solo in passato e durante qualche festa
mesi dopo si è rivelato per ciò che è.. E che quelle poche volte non erano poi così poche.. e ha trascinato anche me.. io sto ancora lottando per smettere
...È una brutta sostanza e ti segna molto a livello caratteriale e psicologico.

Re: Se la mia ragazza si droga e io no

Sono abbastanza tranquillo ora come ora, ma sono preoccupato proprio perché non vorrei sottovalutare il problema da persona che con la coca non ha mai avuto niente a che fare.

Finché non crea problemi alla sua vita lavorativa, sociale o alla salute cosa devo dirle? Di fatto è sempre stata impeccabile e si droga da anni. Forse le ho creato più problemi io qualche sera in cui ci siamo sbronzati dovendo lavorare il giorno dopo che non i suoi amici con le droghe che tipicamente usano il venerdì o il sabato sera.

Però ugualmente, vorrei tanto che smettesse... non lo so...

Re: Se la mia ragazza si droga e io no

Sai qual é il problema in queste situazioni, Nomoney? Che in una certa fase magari in teoria sarebbe anche vero che si potrebbe smettere. Ma di fatto poi anche il "posso smettere quando voglio" può diventare una specie di lasciapassare per continuare. Oppure si può smettere veramente. Comunque una cosa sono i fatti, altra le (pie) intenzioni...

Re: Se la mia ragazza si droga e io no

Vi faccio un esempio pratico, sabato io lavoravo la notte e lei aveva già fissato da tempo una serata in un club con gli amici e di sicuro essendo la classica serata techno avrebbero usato qualcosa. Se fosse particolarmente dipendente dalla cosa sarebbe andata, eppure ha preferito dare buca agli amici e alla fine è rimasta a casa prima con me e poi da sola... cioè, mi sembra un comportamento di una che non ha alcun tipo di dipendenza. Ma da persona totalmente inesperta di queste cose vi chiedo se è solo una mia idea ottimistica oppure se è veramente come dico io.

Re: Se la mia ragazza si droga e io no

Capisco il tuo ottimismo e lo ritengo fondato, considerato il comportamento che descrivi. Né io sono pessimista. Ma bisogna vedere come evolve. Io non ho capacità di precognizione e quindi non so quale sarà il prosieguo. Quindi ti ripeto: nei miei quasi 40 anni di esperienza ho visto situazioni come quella che ti sta a cuore risolversi senza strascichi. Altre rimanere problematiche a fasi alterne. Altre precipitare a picco, a volte anche dopo molto tempo.
Io naturalmente mi auguro, per lei e per te, che la cosa non prenda brutte pieghe.
In ogni caso credo sia una questione da affrontare senza preventiva drammatizzazione, ma anche con attenzione.
Da come scrivi mi dai l'impressione di una persona abbastanza serena, ma neanche “leggera”.
Placido

Aggiungi un nuovo commento