Informazioni, esperienze e notizie sulle sostanze psicoattive. Pubblica anche tu.

Sublimazione,Voluttà,Libido,Nevrosi,isteria e... Dipendenze. :::Freud.

Buongiorno ooo

Oh mio Dio ! Si parla di Sesso in un sito di Tossicodipendenza ? Ma che tabù...oh mio Dio ...Scabrosissimo...certe cose non si dicono !!! Heheheh ...xd.

Certo (xd) è un argomento assai scabbroso quello della voluttà o più popolarmente detto desiderio sessuale.Certo scabbrosissimo in un sito che tratta di tossicodipendenza ,dove gli utenti sono incentrati a volte sull'uso smodato di sostanze,di come recepirle e ,talvolta,di come poterle sostituire alla normalità per poter rientrare nei canoni di una Vita regolare.

Freud mi sta aprendo il mondo della conoscenza di alcuni dettagli che sembrano tali ed ,invece,non lo sono affatto.Anzi,grazie Placido di avermelo suggerito, il mondo è alla portata di click.

Sarebbe scabbrosissimo pensare che noi siamo stati da piccoli  ,tutti indistintamente, dei piccoli ragazzini perversi polimorfi ,già dai primi mesi di vita noi piccoli neonati abbiamo  delle chiare e precise pulsioni sessuali...ed invece Freud installa proprio questa idea asserendo che nel primo anno di Vita un bambino portando alla bocca ogni oggetto che trova  poi pensa che tutto il mondo appartenga a lui o alla sua bocca,il bambino ha il suo primo impatto con il mondo,con la sua sessualità sprigionata dal contatto labbra ed esterno ,e se l'adulto (madre o padre? ) hanno un contatto con la bocca rivolto al mondo troppo marcato il bambino  avrà in futuro un'inclinazione al vittimismo, regredira' verso uno stato di dipendenza e/o svilupperà pratiche oralmente dipendenti(tabagismoalcolismologorrea o manifesterà una forte dipendenza dal cibo) costituendosi una personalità sarcastica o pungente ....

E questo è solo il primo anno di Vita che lega un bambino alle disfunzionalità sottili dei propri genitori ,che lega un bambino alla sua sessualità mal vissuta e che lega un bambino già nei suoi  primi anni di Vita alle sue future probabili dipendenze e discordanze.

Esistono altri stadi della Vita di un bambino che secondo Sig legano noi futuri dipendenti ma ancora bambini a tutto il mondo di dipendenze e voluttà e/o repressioni sessuali future... ma se proprio siete interessati fatevi un giro di click su Wikipedia alla voce "Fasi dello sviluppo Sessuale secondo Freud " ...altrimenti restate pure nell oscurià della non-conoscenza,nei tabù associati ad una struttura mentale bigotta e chiusa piena di tabu e nella paura,sostanzialmente ,di sapere e capire tutte queste belle disfunzionalità da dove arrivano ...

Arrendendovi all'idea che ce l avete e basta le disfunzionalità ,perchè un Dio crudele ve le ha inviate perchè siete sue Vittime ,o perchè sono le droghe che sono cattivone.

L'infanzia getta le basi ,ciò che arriva da li getta le basi di tutta una Vita,è una catena che ognuno di noi può spezzare abbattendo ogni nuro strutturale che è stato creato dalla società : di sessualità in un sito come questo di tossicodipendenza  non si parla quasi mai ,viene totalmente schiacciata dai tabu e non viene quasi mai messa in discussione mentre costituisce un perno essenziale per la dissociazione del sè e le future disfunzionalità di ciascuno di noi.

Questo perno incredibile ,di cui noi facciamo tabu (e "oh mio Dio il sesso ,no se ne parli qui in un sito di tossici allora non sei tossica ...ma sei una puttana !!!") cioè la pulsione sessuale è quanto dai primi mesi di vita tramite semplici gesti ci è stato insegnato e se questo insegnamento involontariamente disfunzionale non è andato ben maturando da noi durante l infanzia sfocia poi  in repressione,rabbia,isterismi,nevrosi,depressioni,mancanze,e tutte cose belle che poi in una fase adulta ci spianeranno la strada alle variopinte dipendenze da droghe,da legami,da alcol ,da cibo,etc.

SUBLIMAZIONE (WIkipedia:Freud)

«la pulsione sessuale mette enormi quantità di forze a disposizione del lavoro di incivilimento e ciò a causa della sua particolare qualità assai spiccata di spostare la sua meta senza nessuna essenziale diminuzione dell'intensità. Chiamiamo facoltà di sublimazione questa proprietà di scambiare la meta originaria sessuale con un'altra, non più sessuale ma psichicamente affine alla prima».

Provare per credere perchè quando usate sostanze il cric non vuole fare carte oppure funziona in modo del tutto sbagliato ,perchè quando usate sostanze c è un blocco totale delle emozioni e delle pulsioni sessuali che inconsciamente vi reprime e vi riconduce all'uso ancora più smodato per la repressione ,perchè il cane che si morde la coda non smette mai di girare attorno a se stesso,come il topo che gira nella sua ruota nella gabbia,non smette mai di girare.Finchè la catena non si spezza,girerà sempre,attorcigliandosi continuamente su se stesso.

Finchè un attenta analisi di Coscienza vi riporterà alla ragione delle vostre origini,da ciò da cui tutto parte e prende forma ,non è un caso che siete tossici ,non c è da abbattere la tossicodipendenza ,c è da abbattere una serie di muri e di strutture che ognuno porta con se come un bagaglio prezioso ed invece è solo un fardello inutile e faticoso.

Io no ,non ci sono arrivata con la psicoterapia e neanche con le ricerche che sto facendo da qualche mese ,io alla libertà ci sono arrivata solo e soltando con i gruppi di auto_aiuto che dopo 42 anni mi hanno finalmente ridato la Vita e la Consapevolezza.

I gruppi di auto_aiuto sono gratuiti ,esistono quasi in ogni città ed ogni persona di questo sito ed oltre può avere l'occasione che ho avuto io.

Commenti

Trovo del tutto pertinente il richiamo alla sessualità come problematica inerente alla TD.
Penso sia inutile nascondersi dietro un dito: l'uso e abuso di particolari sostanze attiene alla ricerca del piacere, al godimento.
E mi sembra anche appropriato il ricorso al concetto di sublimazione, come facoltà psichica grazie alla quale determinate energie possono essere messe al servizio della civiltà, anziché sfociare nell'auto (ed etero) distruttività.
Buona giornata a tutti
Placido

> (…) Provare per credere perchè quando usate sostanze il cric non vuole fare carte oppure funziona in modo del tutto sbagliato…(…)
.
Immagino che questa non sai farina del sacco di Freud, ma soprattutto spero di non aver equivocato il senso.
Sarebbe come minimo imbarazzante.
Ma se cosi non fosse, se il cric fosse davvero cio' che penso, non mi ci ritrovo e non certo per eccesso di autostima o difesa maschilista a prescindere (Beh, magari solo un po', che male c'e') ma semplicemente per amore di verita' , per esperienza personale.
Dopo ognuno fara' storia a se, di certo non vado in giro a chiedere a nessuno se il loro cric funziona o meno sotto effetto di sostanze ma il mio perlomeno funziona non solo meglio ma proprio alla stragrande.
Inoltre non posso neanche sapere ne immaginarmi ne tantomeno interessarmi di che partners uno abbia avuto la sorte di trovarsi in dote.
Non e' apologia all' uso di sostanze ma un semplice dato di fatto.
Magari all' ultimo stadio di una dipendenza allora forse potrei anche essere d' accordo.
Scusatemi se ho estrapolato solo un pezzetto da una intera discussione certamente piu' interessante di cio' che in fondo da altri potrebbe essere considerato come un dettaglio.

Grazie per i commenti,
E per il coraggio di aver risposto onestamente.
Non è facile un argomento del genere, visto che va a toccare e un po' mettere il dito nella piaga nell intimità di ciascuno.
Non è facile osservare la realtà da un punto di vista più profondo, è scottante e si preferisce aggirare, però è fonte di estrema repressione che se fosse snocciolata potrebbe aiutare seriamente.
Io sono un osservatrice e scutratrice attenta, vedo la maggior parte dei miei amici puliti da tutto, anche da una birra, con le emozioni ed i sentimenti trabboccanti e vedo anche me stessa pulita da tutto, con queste stesse emozioni trabboccanti.
Mi sembra che quanto più i disagi di infanzia siano stati marcati, più sarà grande l energia sessuale che rimane da esplorare una volta rimasti puliti ed in balia delle vere emozioni.

Alcuni questa energia la trasmutano in pratiche sessuali davvero non socialmente consone, come il sadomasochismo, altri, come quello di cui sarei erroneamente innamorata, si perde in mille relazioni inutili, utilizzando tutte le donne come bambole da usare e buttare, altri sono veri e propri sex_addict... . Altri hanno le mogli, altri si contengono... ma questo potere che rimane con la lucidità totale, per chi lo ha più aggressivo, noto che ha bisogno di trovare modi e mezzi per esprimersi, per esplodere nel modo in cui ciascuno è proteso.
Io mi metto tra quelli che si reprimono, fondamentalmente mi sono sempre repressa, sono rimasta tra le righe della pseudo_normalita' tutta la Vita, cercando solo in maniera malata ossessivo compulsiva di tenere legati a me i miei fidanzati , ma più in là non mi sono spinta. Tantomeno adesso lo faccio, mi limito ad avere mille desideri repressi nelle emozioni che sento sparate a mille, ho paura di calpestarmi, la sessualità non l ho mai vissuta bene.
E non voglio fare la maestrina, ognuno di noi tossici pensa e si illude di non avere problemi con questa energia, eppure, è tutto connesso ad essa.
È il problema latente e primario.
Ed io non posso non notarlo, facendo la somma di tutta la Vita, delle reazioni di chi osservo, e soprattutto di ciò che sento.

In linea di massima sono d'accordo, riguardo al fatto che l'energia sessuale “indisciplinata” giochi un ruolo importante e spesso misconosciuto nella vicenda tossicomanica.
Ma penso che vi sia anche un altro versante, forse ancora più trascurato.
Quello dell'aggressività.
Io penso che anche sotto questo profilo vi siano dei problemi per le persone tossicodipendenti. Forse anche l'aggressività, anziché rimossa o repressa, potrebbe essere sublimata e così arrecare meno danni a se stessi e ad altri.
Freud ha vissuto in un'altra epoca, nel corso della quale la sessualità non era così “alla luce del giorno” come oggi. Forse oggi è l'aggressività che tende a rimanere per lo più nell'ombra.
E forse Eros e Thanatos non sono poi del tutto estranei l'uno all'altro.
Buona giornata
Placido

Certo,
Infatti nel titolo ho parlato di isteria, nevrosi e dipendenze,ovviamente aggressività inclusa, quella caratteristica che è stata sempre insita in me e che sto sciogliendo grazie alle condivisioni.
I nervi mi saltano ancora ma sono molto più controllati, adesso riesco a percepire quando qualcosa mi turba e fermarmi in tempo e riflettere.
Prima no, come tanti miei amici di Na, chi girava con coltelli di notte, (anche donne) a chi bastavano le mani, io ho ancora la mazza da baseball nel portaombrelli.
Uno di noi ha addirittura incendiato una chiesa in passato, ogni volta che lo condivide si ride come se non ci fosse un domani...
Anche l aggressività è l altra facciata della medaglia, questa medaglia ha tantissime facciate, geometricamente non dovrebbe neanche avere la forma di una medaglia per le troppe facciate...
Da complottista ho sempre questo mio presentimento un po' drastico... Che in fondo se ad oggi si vuole prediligere Eros e mascherare Thanatos, il gioco dei ruoli è studiato a puntino...
Se non siete in grado di essere degli oggetti sessualit validi allora reprimetevi e infuriatevi... contorcetevi... drogatevi !!!
La verità è su Facebook, su Instagram, nella TV...
Non certo dentro di voi, dove il vostro se' è totalmente soggiogato...
Vabbè questi discorsi sfuggono, poi mi chiamano psicopatica, lasciamo perdere...

Io la sessualità la sublimo e l ho sempre sublimata tramite l'arte e questo, molto probabilmente, mi ha seriamente salvato.
Buone H24