Back to top

Cancellazione dal database FO art 75

problemi legali

Salve e complimenti per il lavoro che svolgete. Volevo sapere se una volta archiviato l art 75 (prima volta in possesso di cannabis) e proceduto con la cancellazione dal database rimane sempre qualcosa a mio nome? Se in caso dopo la cancellazione vengo fermato in auto comparirà l art 75? Oppure se volessi fare un concorso notarile rimarrei lo stesso "macchiato"? In generale con la cancellazione è come se non avessi mai avuto un art 75? Grazie anticipatamente

Risposta 

una volta cancellato dal database delle forze dell'ordine, non rimane nessuna segnalazione

Commenti

Re: Cancellazione dal database FO art 75

Quella è la buona condotta : una recente sentenza del cds ha stabilito che un singolo uso risalente nel tempo di droga non inificia le qualita' morali quindi sia per un concorso in magistratura che notarile non dovresti avere problemi .dico dovresti perchè magari possono non accettartelo proprio per quello ! Stara' a te e al tuo avvocato tramite mille ricorsi e migliaia di euro ribaltare la situazione .
Anche con la cancellazione dal ced il tuo nome ci sara' sempre .. non sara' piu visibile "a terminale" dalla pattuglia che ti ferma per strada ma visibile alla p.a .
Dunque si . Risultera' solo a personale con alti livello di accesso ma risultera' -

Re: Cancellazione dal database FO art 75

l'archiviazione avviene dopo la - positiva - conclusione della procedura amministrativa in Prefettura.
La segnalazione ex art.75 risulta inserita nello sdi, dal quale è possibile chiederne la cancellazione telefonando al call center (06/46542160).

Re: Cancellazione dal database FO art 75

Certo rimane a vita (altrimenti come sarebbe possibile in un eventuale ulteriore infrazione stabilire se si tratti della prima o di una recidiva?)
La cancellazione è possibile ma rimane comunque come ti è stato detto visibile a personale della p-a : questo per verificare i tuoi requisiti qualora ti venga in mente di prendere un porto d'armi ad uso sportivo ; ribadisco che anche con la cancellazione il fatto rimane eccome (non sara' visibile ad un controllo a terminale della stradale ad es)

Re: Cancellazione dal database FO art 75

Infatti molti concorsi per la magistratura vengono respinti per quel motivo : tra persone senza precedenti di polizia e persone CON ovviamente si prediligerà sempre chi non ne ha ! Personalmente ritengo la cancellazione inutile dato che comunque la pubblica amministrazione ne sara' sempre a conoscenza : è peraltro evidente che non si possa "cancellare" del tutto , sarebbe troppo comodo

Re: Cancellazione dal database FO art 75

caro lettore comprendiamo l'afflato salvifico e moralizzante che ti spinge da diverse settimane a rispondere sul sito a domande relative all'art.75 (ripetendo - ahinoi - sempre le stesse cose), ma, come da noi richiesto, evitando sempre e comunque di citare le fonti legislative e giuridiche a supporto delle tue affermazioni.
Riportiamo quindi di seguito uno stralcio dell'intervista fatta da sostanze.info al Nucleo Investigativo dell'Arma dei Carabinieri di Firenze, dove si parla ampiamente e dettagliatamente di questo argomento.
Dopodichè se non supporti le tue affermazioni come richiesto, saremo costretti a rimuovere le tue risposte.
"BANCA DATI
Che cos’è la Banca Dati del sistema interforze e che tipologia di dati raccoglie?
La Banca Dati del sistema interforze fornisce il supporto informatico per l’attività delle Forze di Polizia ed assicura la classificazione, l’analisi e la valutazione delle informazioni e dei dati significativi sia per la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, che per la prevenzione e la repressione dei reati.
La nuova Banca Dati SDI (il cui acronimo significa Sistema Di Indagine) che è andata a sostituire il vecchio CED (Centro Elaborazione Dati), permette di esplorare anche banche dati esterne collegate, consentendo l’accesso ad una massa considerevole di informazioni.
Le informazioni e i dati raccolti fanno riferimento a notizie risultanti: da documenti conservati dalla Pubblica Amministrazione o da enti pubblici; da sentenze o provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria; da atti concernenti l’istruzione penale o da indagini di polizia.
La persona, sul cui conto sono stati raccolti dati, può rivolgersi al Garante per la protezione dei dati personali (www.garanteprivacy.it) per proporre eventuali reclami o ricorsi (ex art.141 D. Lgs. 196/2003), nel caso in cui ritenga sussistere violazioni della disciplina in materia di trattamento dei dati personali.
Chi riceve una segnalazione per detenzione per uso personale di sostanze stupefacenti, in futuro potrà avere problemi con concorsi lavorativi in ambito pubblico? Ovvero: si possono svolgere i concorsi per entrare a far parte del corpo dei Vigili del Fuoco (o Esercito o Forze di Polizia o Magistratura), anche se in passato si è stati segnalati per l’art.75?
I provvedimenti adottati ai sensi dell’art.75 DPR 309/90 (c.d. segnalazione) non risulteranno sui certificati penali, essendo esclusivamente di natura amministrativa. La segnalazione può essere usata quindi solo ai fini del procedimento amministrativo in corso, non avendo ripercussioni dirette rispetto al lavoro o alla partecipazione a concorsi pubblici.
D’altro canto, con particolare riferimento alla seconda parte della domanda, debbono essere necessariamente distinti dalla generalità dei concorsi pubblici quelli riferiti a Forze Armate, Forze di Polizia e Magistratura. Per questi è richiesto infatti il requisito essenziale della moralità e condotta incensurabile (art.26 Legge n.53/1989).
Ferma quindi la possibilità comunque di partecipazione a qualsiasi concorso pubblico, l’Amministrazione avrà cura di valutare la presenza o meno del requisito relativo alla condotta incensurabile. Tale valutazione, appartenente a una sfera di giudizio
ampiamente discrezionale da parte dell’Amministrazione, pur supportata da elementi di fatto concreti, dovrà senz’altro fare riferimento alla particolarità e delicatezza delle funzioni che il candidato andrà a svolgere ove risultasse vincitore di concorso. Quanto appena detto alla luce delle recenti sentenze da parte della giustizia amministrativa intervenuta in merito (vds. ad esempio la sentenza nr.3929, datata 4 Luglio 2012, della IV Sezione del Consiglio di Stato).
E’ possibile chiedere la cancellazione della segnalazione ex art.75 e se sì, dopo quanto tempo e con quali modalità?
I dati acquisiti sono suscettibili di cancellazione ai sensi dell’art.10, comma 5°, della Legge 121/81, solo quando siano erronei o illegittimamente raccolti.
I provvedimenti adottati ai sensi dell’art.75 DPR 309/90 vanno inseriti in Banca Dati solo dopo che sono stati emessi i relativi decreti del Prefetto. I dati relativi alla c.d. segnalazione, nell’ambito dell’instaurato e quindi definito procedimento amministrativo, una volta inseriti nella Banca Dati non vengono più cancellati. Gli stessi transitano in una sottocartella, diventando fruibili, ai fini investigativi, soltanto a personale in possesso di elevati livelli di accesso.
Quando l’interessato abbia provveduto ad adempiere alle prescrizioni o ai divieti irrogati nell’ambito del procedimento amministrativo di cui all’art.75 DPR 309/90 (divieto di espatrio; divieto di conseguire il porto d’armi e di detenere armi, munizioni ed esplosivi; divieto di conseguire la patente di guida), le relative segnalazioni saranno revocate, affinchè non restino ingiustificatamente all’interno della Banca Dati.
RILASCIO PORTO D’ARMI
Con una segnalazione per detenzione di sostanze stupefacenti è possibile poter prendere il porto d’armi?
Chiunque sia sottoposto al procedimento amministrativo scaturente dall’art.75 DPR 309/90 potrà subire anche la sanzione amministrativa relativa alla sospensione della licenza di porto d’armi o del divieto di conseguirla per un periodo non inferiore ad un mese e non superiore ad un anno. E’ il Prefetto che, valutata l’entità dell’episodio, determina la durata della misura.
In relazione alla possibilità di poter ottenere – ex novo – il porto d’armi, in presenza di una c.d. segnalazione ex art.75, assume comunque valenza l’aspetto discrezionale di cui gode l’Autorità Amministrativa (Prefetto/Questore) circa il diniego dell’autorizzazione. L’art.43 del R.D. nr.773/31 cita, infatti, tra l’altro: “La licenza può essere ricusata ai ...omissis... e a chi non può provare la sua buona condotta o non dà affidamento di non abusare delle armi”.
L’ampia sfera di discrezionalità di cui gode in materia la Pubblica Amministrazione, espressa in un giudizio sintetico–valutativo relativo al complesso della condotta di vita dell’interessato ed alla valutazione prognostica circa l’affidamento che questi darà in futuro sul corretto uso delle armi, ha rilevanza in ordine al preponderante interesse da tutelare, ovvero la salvaguardia dell’ordine e della sicurezza pubblica.
In caso di sanzione con sospensione del porto d’armi, si può successivamente riprenderlo?
Vale quanto già detto nella risposta precedente, relativamente al rilascio ex novo del porto d’armi.
Rimane fermo, infatti, l’ampio potere discrezionale del Prefetto o del Questore, relativo alla valutazione prognostica sull’affidabilità circa un corretto uso delle armi in possesso dell’interessato."

Re: Cancellazione dal database FO art 75

Grazie redazione
Lo faccio perché anche io in passato ho ricevuto la contestazione del 75 e cerco nel mio piccolo , anche se talvolta non in maniera completa, di dare un contributo. Non mi sono messo a cercare i riferimenti normativi causa poco tempo a disposizione , vi ringrazio per la precisazione sicuramente utile a molti e anche per la pazienza l'impegno e la costanza che usate nei confronti degli utenti di questo spazio .

Salve a tutti, in merito a

Salve a tutti, in merito a ciò vorrei esporre quanto mi è accaduto: l altro giorno sono andata a rinnovare la carta d'identità è non ho potuto farla perché mi risultava un femro amministrativo risalente al 2013 che sarebbe dovuto durare un solo mese di conseguenza a una sezione amministrativa per uso personale di sostanze..per fortuna in questi 8 anni non ho mai preso un aereo altrimenti avrei fatto una gran bella figuraccia. Detto ciò se il fermo nel lontano 2013 durava solo un mese e se dopo 5 anni in ogni caso decade in automatico perché ancora mi risulta? Bisogna far domanda alla questura di competenza per chiedere la cancellazione? 

ma la cancellazione di che

ma la cancellazione di che cosa?? Scusami L’IGNORANZA  nn riesco a capire cosa c’entra il rinnovo con la sanzione , in più come hai scritto sono passati 8 anni .. se ti posso dare un consiglio chiami tu in prefettura .. 

Praticamente nel 2013 mi

Praticamente nel 2013 mi sospesero la carta d'identità quindi non era valida per l espatrio e quando sono andata a rifarla una settimana fa risultava ancora. Dunque sono in attesa per avere la cancellazione di una cosa che sarebbe dovuta durare solo un mese nel 2013 è per questo sono senza documento d'identità. L'ho scoperto perché il documento mi scadeva l'anno quest'anno, per fortuna non ho viaggiato fuori dall'Italia. Proverò a chiamare in questura allora.

Salve, ho anche io un art.75

Salve, ho anche io un art.75 ricevuto nel 2015, vorrei richiedere il visto per un viaggio a NEW YORK ( si deve fare una procedura online chiamata ESTA), tra le varie richieste c'è anche quella se ho violato la legge per possesso o uso di droghe illegali.

Voi sapete quale procedura seguire per evitare che mi sia negato il visto?

Aggiungi un nuovo commento