Back to top

Come uscire dalla dipendenza da Benzodiazepine

effetti delle sostanze
informazioni sui servizi sociali e di recupero

Mi chiamo Giorgio ho 66 anni, da piu’ di 30 usavo abitualmente Benzodiazepine per problemi d’ansia (EN gocce)

Cinque anni fa (2016) quando prendevo EN gocce (9 gocce la mattina e 9 la sera) da un giorno all’altro non mi facevano nessun effetto seguite dopo poco tempo da crisi di astinenza e disturbi psicosomatici.

Il medico di base mi ha detto di aumentare la dose ma senza nessun effetto, allora mi ha prescritto il Tavor 1mg in compresse orosolubili due volte al giorno.

Ho cominciato a prenderle a luglio (2016) e facevano il loro effetto, l’anno scorso a luglio (2020) ho deciso di provare a scalare gradualmente, mezza compressa (0,5mg) ogni 8 ore.

Sono stati mesi duri, ma mi ero un po’ stabilizzato con questa dose anche se non stavo benissimo, peccato che sia durato poco perché ad inizio anno (2021) e ricominciata l’assuefazione e relativa crisi di astinenza.

Ormai non so piu’ cosa fare perché ogni giorno è sempre peggio, ho tantissimi sintomi come instabilità a camminare, respiro corto, tinnito, insensibilità al braccio e gamba sinistra, caldo estremo, fastidio ai rumori e alla musica………e poi mi fermo qui perché l’elenco è lungo e ogni giorno si aggiungono di nuovi.

Una settimana fa ho fatto un consulto on line con uno psicologo che ritenevo molto professionale, alla fine mi ha dato per dismettere le benzodiazepine il Trittico 75mg 2terzi di compressa la sera prima di coricarmi e Lexotan 20 gocce mattina e sera.

Il Lexotan non mi fa nessun effetto (dopo aver chiesto perché, mi ha detto di prendere 15 gocce mattina e sera perché dopo stavo meglio……) e il Trittico dopo 3 giorni mi ha costretto a mollarlo perché mi faceva piombare nell’inferno.

Non so se ce la faccio più a continuare così’ perché vivo ormai solo per vivere chiuso quasi sempre in casa e se nessuno mi aiuta non so dove potrei arrivare.

Grazie.

 

 

 

Risposta 

non sappiamo da dove ci stai scrivendo ma ti consigliamo questa clinica, è a Verona ed è l'unico ospedale che potrebbe essere in grado di darti un aiuto con un programma di disintossicazione adeguato

https://www.medicinadipendenze.it/chi-siamo/

Commenti

Buona sera,vi scrivo dal

Buona sera,vi scrivo dal Friuli,avevo già scritto a Verona una mail 2 anni fa e mi hanno risposto che loro accettano solo i casi più gravi perché le mie dosi sono basse e in poche parole le benzodiazepine me le devo scalare da me.

C’e anche qui in regione nell’ospedale di San Daniele del Friuli la fotocopia dei trattamenti che fanno a Verona,ho scritto una mail spiegando la situazione è gentilmente a Gennaio di quest’anno mi ha chiamato il primario del reparto spiegandomi che non mi possono ricoverare perché uso dosi ancora basse e di rivolgermi al Sert del mio comprensorio.

Ecco la situazione è questa.

Ciao,

Ciao,

sei l'esempio perfetto di come NON comportarsi in caso di problemi con farmaci da prescrizione e da abuso.

-Inizi a scalarli da solo senza colsulto col tuo medico curante ( che te le ha prescritte per anni).

-Fai un consulto online per chiedere come agire, per  giunta con la figura professionale sbagliata ( l'ambito farmacologico è di competenza dello psichiatra, non dello psicologo), che non si sa bene come ti avrà consigliato dei farmaci ( visto che non può prescriverli), ed è deontologicamente sbagliato farlo senza visitare il paziente di persona.

- Ti sei fatto prescrivere ed hai assunto questi farmaci senza chiedere consulto al medico che ti ha fatto le ricette.

- Continui a cercare aiuto online invece di rivolgerti di persona ad uno specialista.

 

Perdona la divagazione, comunque le uniche cose giuste che puoi fare adesso sono: o rivolgerti al SerD della tua città (scelta preferibile a mio avviso), oppure andare da uno psichiatra e chiedere consulto a lui.

un saluto

Fai conto che sono altri

Fai conto che sono altri tossici in modalità dottore di dio dei poveri a risponderti, sembra dall'alto dei cieli a leggere così ma invece è uno dei tanti con problemi di dipendenza cronica. parlano tutti come non avessero fatto le stesse cose, non so perché comunicano come un dottore frustrato cacciato dall'albo. A volte basta essere vicino a qualcuno, soprattutto dato che ripeti di essere solo. E invece le risposte sono bullet points di gente che frequenta medici da così tanto che ormai ne è diventata il minime ma in tutti i modi peggiori. Servizi in Fvg fanno schifo in apparenza no, ma fidati fa cagare. Mi dispiace tanto, so cosa vuol dire chiedere e non ricevere aiuto, non trovare nessuno che si prenda in carico la situazione.ti auguro di trovare ciò che stai cercando e di rifiorire come meriti, mi dispiace non poter dire di più. 

Si davvero ascolta i consigli

Si davvero ascolta i consigli di anonimo ...fai conto che le varie dipendenze stanno diventando un brande bissinnes..e c'è molto gente /consulenti carlatani e falsi profeti ..senza scrupoli ..che con il consiglio sbagliato possono peggiorare la tua situazione delicata (pensa te k io provando a Chiedere informazioni a una di quelle tante terapie k trovi x prime su Google ,dopo che aveva capito che non ero il giusto pollo da spennare ,a smesso perfino di rispondere ...sé ci sembra una cosa normale ??).....affidati magari a più opinioni di dottori del sert e cerca di ascoltare il tuo corpo come reagisce ....forza e coraggio 

Hai provato a rivolgerti ad

Hai provato a rivolgerti ad uno psichiatra, innanzi tutto?

Da dosaggi cosi bassi si può uscire scalando, ma devi passare ad una benzodiazepina a lunga emivita.

Basta andare da un bravo psichiatra o al SerT, e avrai tutto l'aiuto che ti serve.

Non si tratta di non esserti vicino, si tratta che devi essere tu a rivolgerti a uno specialista (come ti avevo già scritto quasi 1 mese fa).

Ciao

Aggiungi un nuovo commento