Back to top

Domande sulle vene "bruciate"

consigli medici
effetti delle sostanze

A forza di iniettarsi droga le vene spariscono, e se è vero che a volte dopo un certo periodo di tempo tornano, altre volte invece sembrano sparire nel nulla, anche dopo moltissimo tempo. Quelle non tornano più? Se così è, cosa succede, che fine fanno? Quali sono gli effetti di questo mancato funzionamento delle vene?
Poi volevo sapere se l'aspetto gonfio delle mani, dove non ci sono più vene, e che dunque risultano brutte e gonfie, col tempo, senza usare sostanze, potrebbero migliorare?
In ultimo, le vene che spariscono visibilmente non tornano più visibili?

Grazie per le risposte.

Risposta 

In genere dopo un certo tempo, se non vengono ancora maltrattate, tendono a ricomparire. In un’altra risposta di oggi ho dato la spiegazione: si tratta di una irritazione cronica che tende ad ostruirle. Non se ne sono andate, ma semplicemente il fatto che non siano più percorse dal sangue fa si che non si vedano e non si sentano al tatto. Il gonfiore alle mani purtroppo è una cosa fastidiosa e brutta a vedersi. Si tratta della conseguenza del malfunzionamento delle vene. A poco a poco tende in genere a migliorare e poi a scomparire.

Commenti

Re: Domande sulle vene "bruciate"

Posso dirti l'idea che mi sono fatta io,da osservatrice.
I tossicodipendenti "storici" sono quelli che in quanto a vene stanno messi meglio.e vien da dire:com'è possibile si fa da vent'anni e ha ancora vene io che invece ne ho 20 di anni non ne ho più.Secondo me è tutta la merda che c'è dentro ora il problema,tutte quelle sostanze da taglio che non si sa da dove arrivano.le rovinano così tanto da farle "seccare" e quindi sparire.in questo momento dovresti capire che il tuo corpo t sta dando un segnale di allarme:tanto positivo non può essere,se le vene esistono vuol dire che servono.certo non sei ancora in una situazione di pericolo stando a quello che dici ma è meglio fermarsi ora prima che sia troppo tardi no? è quello che ho fatto anch'io.quando ho visto che ormai ne avevo rovinate tante da un giorno all'altro ho smesso di farmi.se continui non avendo vene "buone" andrai incontro a tanti fuorivena e quindi ascessi varii.e scusa se sarò un po' macabra dicendo questo ma voglio far rifletere...una mia conoscente non avendo più vene nelle braccia ha iniziato a farsi in posti più pericolosi,ora forse le amputeranno una gamba.RIFLETTI.
Detto questo spero smetterai anche tu :) Ciao
Lady E.

Re: Domande sulle vene "bruciate"

Ciao,
chiaramente no, il funzionamento delle vene non è uguale a chi non fa uso, infatti le mani gonfie sono sintomo proprio del fatto che le tue vene non funzionano come dovrebbero.
Ha perfettamente ragione Lady E., la maggior causa di occlusione delle vene è il taglio, se ci si iniettasse roba pura, impiegherebbero anni a sparire.

La soluzione? Assumila per altre vie, che sono indubbiamente meno appaganti, ma anche molto meno rischiose, vista la qualità della roba: fumala.

Ciao

Re: Domande sulle vene "bruciate"

Avete ragione, io ho visto più gente rovinata a livello venoso e di gonfiore negli ultimi anni che nei tossici storici con 30 anni di eroina sulle spalle.
Il problema è il taglio, ma la stessa roba credo sia più sporca ed infetta.
Io ho smesso con le spade proprio in concomitanza dell'introduzione in grande stile della roba bianca di Napoli, ed iniziai a tirarla ( parliamo di tanti anni fa). Mi successe infatti una bruttissima esperienza con un ago che credo tocco qualche nervo e rimasi paralizzato per ore, indeciso se andare o no all'ospedale !
Poi vedo amici che in due tre anni sono distrutti; basta una goccia fuori vena e si fa prima un gonfiore poi un maleodorante pus; ad uno sul polpaccio l'iniezione ha scavato dentro, lui ha bucato con un ago da 5 l'accesso ed ha cominciato ad uscire a fontanella pus biancastro, uno spettacolo, non finiva più, poi ha fatto ancora pressione ed è venuto fuori l'incredibile. Il bello è che ora si è rimarginato il tutto ma sembra come se gli manchi una pala da tennis di carne, incredibile.
Le mani poi...quelle restano gonfie per anni altro che cazzi, è un processo ben preciso che mi ha spiegato nei dettagli il mio medico, ma davvero non è un bel vedere.
Questo è....un saluto

Ad maiora

io premetto che il io

io premetto che il io problemaprincipale è sempre stato la cocaina ed ho avuto problei anche io di ascessi che facendo pressione ho fatto uscire l'impossibile dopo aver bucato con aghi poi  mi si vedevano i tendini perchè la ferita si allargava e mettevo pelle sintetica due volte al giorno dopo aver pulito e premuto facvendo uscire coaguli, pus biancastro e nn dico altro. poi rimane solo cicatrice e pezzi di carne mancanti.tutto per fuori vena dovuti al tuo stesso problema . ora mi faccio molto meno di cocaina ma purtroppo mi inietto sostante che in poche iiezioni nfa scomparire com pletamente le vene, senza dire quali. tutte cose sintetiche.presto credo che provvederò a una comunità ancora e a cliniche. per mia esperienza, alcune vene tornano se non le tocchi piu per un bel po di tempo. altre si sono copletamente ostruite e sono gia 4/5 anni che sono sparite completamente.sto provando delle pomate come essaven gel subito dopo le iniezioni piu due volte al giorno nelle parti ferite o dove spero torni a circolare il sangue ma miracoli non accadono purtroppo.aiuta ma la meglio è non toccare piu e fare sport. pompare sangue per far si che riprenda a circolare pian piano anche dove non circola più. sempre mcon speranza .

un incubo senza fine 

Ciao,

Ciao,

purtroppo le pomate servono a nulla, e non esistono farmaci che facciano miracoli. L'unica soluzione è non farsi.

Ti auguro tu riesca a smettere.

Un saluto

Aggiungi un nuovo commento