Back to top

Esami tossicologici positivi durante colloqui di lavoro presso RFI

problemi legali

In data 17 Ottobre ho svolto delle visite mediche per idoneità alla mansione di macchinista tramite l'unità sanitaria territoriale di Verona (Gruppo ferrovie dello stato italiano) per conto di un'agenzia di trasporto doganale su binari che niente ha a che fare con Trenitalia e affini. Test riflessi, elettrocardiogramma, psicologico, uditivo, oculistico, tutti superati tranne ovviamente esame tossicologico del sangue e delle urine al quale, come immaginavo dati i miei recenti trascorsi, sono risultato positivo ai cannabinoidi. Finito il giro di visite vengo convocato nel ufficio di quello che presumo sia il medico a capo del centro che mi riferisce l'esito della visita e mi comunica che a seguito di quando riscontrato dai test, dovranno notificare i risultati agli uffici della Motorizzazione civile che, entro pochi mesi, mi convocherà e provvederà ad effettuare ulteriori analisi del capello ed eventualmente procedere alla sospensione del documento di guida. Dopo avergli fornito i dati della mia patente mi congedo incredulo. Sottolineo che tutto ciò si è svolto durante il processo di PRE-ASSUNZIONE per cui senza obblighi nei confronti di alcuna azienda o ente, ma solo per verificare l'idoneità fisica al ruolo. Ho ricevuto l'esito della visita poche settimane dopo, l'1 Novembre tramite un certificato consegnatomi in busta chiusa dall'azienda per la quale ho svolto gli esami. Viene riferito la non idoneità alla mansione e fra le annotazioni, sotto la voce "Conclusioni Diagnostiche" viene specificato "Recente uso di sostanze stupefacenti". Ad oggi sono passati circa 5 mesi dal esito degli esami e dalla notifica alla azienda di non idoneità. 5 mesi che non tocco alcuna sostanza psicotropa per paura di una visita a sorpresa della polizia municipale o chessò io. Ad oggi non ho ancora ricevuto nè lettere nè chiamate da alcun ente o prefettura, il che non fa che alimentare le mie già forti perplessità su quanto detto dal medico. A questo punto vi chiedo possono davvero procedere in questi termini? Davvero tutto ciò può compromettere la validità del mio documento di guida? Se sì, quanto ancora dovrò aspettare prima di ricevere una notifica dagli uffici specializzati? A me sinceramente pare assurdo che per un colloquio di lavoro non superato io debba correre un tale rischio. Vorrei se possibile avere delle delucidazioni al riguardo.
Mi spiace essermi dilungato ma ci tenevo ad essere il più esaustivo possibile dato che è da tempo che la cosa mi preoccupa. Grazie.

Risposta 

E' lecito eseguire visite pre-assunzione, se la mansione a cui sarà adibito è una di quelle considerate a rischio.

Dato che sei stato segnalato un uso di stupefacenti, la prefettura ha l'obbligo di chiamarti a norma della legge 309/90; la patente verrà sospesa però solo in caso di recidiva. Per quanto riguarda l'idoneità alla mansione dovrai seguire l'iter proposto.

Commenti

Aggiungi un nuovo commento